Il Vaticano all’Islam, insieme contro i conflitti e le violenze

Pubblicato il 17 giugno 2016 da redazione

Grand Imam: “Al-Azhar e Vaticano da oggi insieme per salvare l'uomo da guerre distruttive”

Grand Imam: “Al-Azhar e Vaticano da oggi insieme per salvare l’uomo da guerre distruttive”

CITTA’ DEL VATICANO. – Il Vaticano tende la mano all’Islam affinché non ci si volti dall’altra parte di fronte ai conflitti e alle violenze, anche terroristiche, che insanguinano il mondo. E’ il contenuto del, pur equilibrato e prudente, messaggio augurale del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso ai musulmani di tutto il mondo per il mese del Ramadan e la festa conclusiva di ‘Id al-Fitr’.

“Guardando all’umanità di oggi, siamo rattristati nel vedere tante vittime di conflitti e violenze – pensiamo qui in particolare agli anziani, ai bambini e alle donne, specialmente a coloro che sono preda del traffico di esseri umani – e tante persone che soffrono a causa della povertà, della malattia, delle dipendenze, dei disastri naturali e della disoccupazione”, si legge nel testo, diffuso anche in arabo, a firma del cardinale presidente Jean-Louis Tauran e del segretario, monsignor Miguel Angel Ayuso Guixot.

“Noi, cristiani e musulmani, siamo chiamati a fare del nostro meglio nell’imitare Dio. Egli, il Misericordioso, ci chiede di essere misericordiosi e compassionevoli verso gli altri, specialmente verso coloro che si trovano in qualsiasi tipo di bisogno. In ugual modo Egli ci invita a perdonarci reciprocamente”, aggiunge il messaggio.

“Non possiamo chiudere gli occhi di fronte a queste realtà, o voltarci da un’altra parte di fronte a queste sofferenze – dice ancora il dicastero vaticano -. E’ vero che ci sono situazioni spesso molto complesse, la cui soluzione va oltre le nostre capacità. Perciò è vitale che tutti operino insieme per assistere coloro che sono bisognosi, prescindendo dalla loro etnia o dal loro credo religioso”.

Per il Pontificio Consiglio, “è motivo di grande speranza vedere o sentire di musulmani e cristiani che si uniscono per aiutare i bisognosi. Quando uniamo i nostri sforzi, noi obbediamo ad un importante comandamento presente nelle nostre rispettive religioni e diamo dimostrazione della misericordia di Dio, offrendo così una testimonianza più credibile, come individui e come comunità”.

Di particolare significato per le relazioni tra cristiani e musulmani, specie in situazioni di conflitto e come messaggio di distensione, è anche il fatto che oggi tanti cristiani iracheni, su invito del Patriarcato caldeo, si sono uniti per tutta la giornata al digiuno osservato dai loro concittadini musulmani durante il mese sacro del Ramadan.

Lo riferisce l’agenzia vaticana Fides. L’iniziativa, proposta ai propri fedeli e a tutti i cristiani alcuni giorni fa dal Patriarcato caldeo, intende essere un segno di solidarietà con tutti i musulmani, per digiunare e pregare insieme chiedendo il dono della pace e la stabilità del Paese e dell’intera regione mediorientale.

“In questo modo”, ha ribadito il patriarca caldeo di Baghdad Louis Raphael I Sako, “abbiamo solo voluto proporre un gesto cristiano: da cristiani, confidiamo che il digiuno e la preghiera, condivisi anche con gli altri, possono fare miracoli, mentre le armi e gli interventi militari ammazzano soltanto”.

L’iniziativa ha suscitato reazioni che il patriarca definisce “paradossali: da fuori, alcuni dei nostri cristiani che vivono all’estero si sono agitati e ci hanno addirittura criticato. Da tanti musulmani, invece, ho ricevuto attestazioni di commossa gratitudine. Ieri una donna musulmana col velo è venuta in ufficio a ringraziarmi. Continuava a ripetere: vi siamo tutti molto grati, perché siamo tutti iracheni”.

Tramite Caritas Iraq sarà anche offerto un contributo di 50 mila dollari per i profughi di Falluja, mentre “in una parrocchia, offriremo simbolicamente a un gruppo di nostri concittadini musulmani l’Iftar, il pasto di rottura del digiuno”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

15:02Egitto: sventolano bandiera gay, sette arresti

(ANSA) - IL CAIRO, 26 SET - Alcuni giovani sono stati arrestati o identificati in Egitto per aver sventolato la bandiera del movimento omosessuale a un concerto rock. Ad essere arrestata è una "persona responsabile di aver filmato e promosso il concerto su Facebook", mentre identificazioni hanno riguardato "un certo numero di persone che hanno sventolato bandiere Lgbt", scrive l'agenzia Mena citando un' "alta fonte della sicurezza" e riferendosi ai drappi multicolore che simboleggiano i diritti di lesbiche, gay, bisessuali e transgender. "Sono in corso misure per arrestarle", aggiunge l'agenzia. Il sito del quotidiano Al Youm7 precisa che, sulla base di immagini di telecamere di sorveglianza, gli "arresti" hanno colpito "sette omosessuali" che fra l'altro "hanno inneggiato alla depravazione e all'immoralità" a un concerto del gruppo "Mashrou' Leila" alla periferia est della città (New Cairo). In Egitto, paese musulmano al 90%, l'omosessualità è un tabù e, pur non bandita per legge, è perseguita come "depravazione".

14:58Cannabis:Farina,testo deludente,mi dimetto da relatore

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Purtroppo il testo che andrà in Aula sulla Cannabis non risponde alle richieste e alle aspettative su questo tema. Un testo molto distante dalla discussione pubblica di questi anni nel nostro Paese e dalle esperienze concrete ormai diffuse in diversi Stati del mondo. Per queste ragioni ho ritenuto di presentare le dimissioni da relatore. Dimissioni necessarie che rendono più libero me e il gruppo di Sinistra Italiana-Possibile per il confronto in Aula". Lo afferma il deputato di SI-Possibile Daniele Farina, al termine della commissione.

14:58L.elettorale, slitta voto commissione su testo base

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Una questione procedurale sollevata da M5S e da Mdp ha provocato lo slittamento dell'adozione del Rosatellum 2.0 come testo base da parte della commissione Affari Costituzionali della Camera, che sta esaminando la legge elettorale. Si attende ora il responso della presidente Laura Boldrini sul problema sollevato.

14:57Banche: ok Senato a mozione unitaria con 196 sì

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Riceve il via libero unanime dell' Aula del Senato, con 196 sì, la mozione sulle banche proposta dal governo e illustrata all'Assemblea dal sottosegretario Pier Paolo Baretta. Il documento, in cui si parla anche dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici per tutti gli amministratori giudicati responsabili, è stato sottoscritto dai presidenti di tutti i gruppi parlamentari che hanno ritirato le precedenti mozioni presentate.

14:57Vertici M5S, no a mini-direttorio, ormai c’è Di Maio

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Non ci sarà alcun mini-direttorio, il tema non è in agenda e non è stato mai discusso". Così fonti vicine a Davide Casaleggio e dell'entourage di Luigi Di Maio smentiscono "categoricamente" all'ANSA l'ipotesi di un mini-direttorio. "Ora abbiamo un candidato premier che è anche capo della forza politica, il che rende superflua la costituzione di qualsiasi altro organo di guida e indirizzo, compiti assunti in pieno da Di Maio dopo la sua designazione", spiegano le stesse fonti.

14:57Germania: Frauke Petry lascia l’Afd

(ANSA) - BERLINO, 26 SET - Frauke Petry lascia il partito Afd. Lo ha detto a Dresda la ex leader. La Petry ha annunciato di voler rinunciare al ruolo di capogruppo nel Landtag della Sassonia. Ieri Petry, che ha 42 anni, e che è attualmente la portavoce federale del partito insieme a Joerg Meuthen, aveva annunciato a sorpresa di non volere fare parte del gruppo parlamentare del partito che oggi si sta incontrando per la prima volta al Bundestag.

14:55Tim: rinviata a giovedì riunione Comitato golden power

(ANSA) - ROMA, 26 SET - E' stata rinviata a giovedì 28 settembre, la riunione del comitato governativo sulla verifica per l'attivazione del golden power su Tim. L'incontro, che dovrebbe terminare la verifica della posizione di Vivendi, avrebbe dovuto tenersi a Palazzo Chigi nel pomeriggio. E invece, a quanto si apprende, si terrà dopodomani, probabilmente nel pomeriggio.

Archivio Ultima ora