Il Vaticano all’Islam, insieme contro i conflitti e le violenze

Pubblicato il 17 giugno 2016 da redazione

Grand Imam: “Al-Azhar e Vaticano da oggi insieme per salvare l'uomo da guerre distruttive”

Grand Imam: “Al-Azhar e Vaticano da oggi insieme per salvare l’uomo da guerre distruttive”

CITTA’ DEL VATICANO. – Il Vaticano tende la mano all’Islam affinché non ci si volti dall’altra parte di fronte ai conflitti e alle violenze, anche terroristiche, che insanguinano il mondo. E’ il contenuto del, pur equilibrato e prudente, messaggio augurale del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso ai musulmani di tutto il mondo per il mese del Ramadan e la festa conclusiva di ‘Id al-Fitr’.

“Guardando all’umanità di oggi, siamo rattristati nel vedere tante vittime di conflitti e violenze – pensiamo qui in particolare agli anziani, ai bambini e alle donne, specialmente a coloro che sono preda del traffico di esseri umani – e tante persone che soffrono a causa della povertà, della malattia, delle dipendenze, dei disastri naturali e della disoccupazione”, si legge nel testo, diffuso anche in arabo, a firma del cardinale presidente Jean-Louis Tauran e del segretario, monsignor Miguel Angel Ayuso Guixot.

“Noi, cristiani e musulmani, siamo chiamati a fare del nostro meglio nell’imitare Dio. Egli, il Misericordioso, ci chiede di essere misericordiosi e compassionevoli verso gli altri, specialmente verso coloro che si trovano in qualsiasi tipo di bisogno. In ugual modo Egli ci invita a perdonarci reciprocamente”, aggiunge il messaggio.

“Non possiamo chiudere gli occhi di fronte a queste realtà, o voltarci da un’altra parte di fronte a queste sofferenze – dice ancora il dicastero vaticano -. E’ vero che ci sono situazioni spesso molto complesse, la cui soluzione va oltre le nostre capacità. Perciò è vitale che tutti operino insieme per assistere coloro che sono bisognosi, prescindendo dalla loro etnia o dal loro credo religioso”.

Per il Pontificio Consiglio, “è motivo di grande speranza vedere o sentire di musulmani e cristiani che si uniscono per aiutare i bisognosi. Quando uniamo i nostri sforzi, noi obbediamo ad un importante comandamento presente nelle nostre rispettive religioni e diamo dimostrazione della misericordia di Dio, offrendo così una testimonianza più credibile, come individui e come comunità”.

Di particolare significato per le relazioni tra cristiani e musulmani, specie in situazioni di conflitto e come messaggio di distensione, è anche il fatto che oggi tanti cristiani iracheni, su invito del Patriarcato caldeo, si sono uniti per tutta la giornata al digiuno osservato dai loro concittadini musulmani durante il mese sacro del Ramadan.

Lo riferisce l’agenzia vaticana Fides. L’iniziativa, proposta ai propri fedeli e a tutti i cristiani alcuni giorni fa dal Patriarcato caldeo, intende essere un segno di solidarietà con tutti i musulmani, per digiunare e pregare insieme chiedendo il dono della pace e la stabilità del Paese e dell’intera regione mediorientale.

“In questo modo”, ha ribadito il patriarca caldeo di Baghdad Louis Raphael I Sako, “abbiamo solo voluto proporre un gesto cristiano: da cristiani, confidiamo che il digiuno e la preghiera, condivisi anche con gli altri, possono fare miracoli, mentre le armi e gli interventi militari ammazzano soltanto”.

L’iniziativa ha suscitato reazioni che il patriarca definisce “paradossali: da fuori, alcuni dei nostri cristiani che vivono all’estero si sono agitati e ci hanno addirittura criticato. Da tanti musulmani, invece, ho ricevuto attestazioni di commossa gratitudine. Ieri una donna musulmana col velo è venuta in ufficio a ringraziarmi. Continuava a ripetere: vi siamo tutti molto grati, perché siamo tutti iracheni”.

Tramite Caritas Iraq sarà anche offerto un contributo di 50 mila dollari per i profughi di Falluja, mentre “in una parrocchia, offriremo simbolicamente a un gruppo di nostri concittadini musulmani l’Iftar, il pasto di rottura del digiuno”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

14:05Femminicidio: Boldrini, nella società zoccolo duro misoginia

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Nella nostra società esiste uno zoccolo duro di misoginia". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini intervenendo al gala di telefono azzurro. "La battaglia contro la violenza di genere deve andare avanti - ha sottolineato -. Le donne seppur fortissime e battagliere sono i soggetti che pagano il prezzo più alto".

14:04Mafia: Grasso, legalità è forza dei deboli

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAG - "La legalità è la forza dei deboli: per difenderla, cari ragazzi, occorre un impegno comune, ogni giorno, nello studio, nel lavoro e nella vita": lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso questa mattina nel Cenacolo di Santa Croce a Firenze dove ha premiato otto classi delle scuole superiori fiorentine che hanno partecipato ad una iniziativa sulla legalità organizzata dallo Spi-Cgil del Quartiere 1. "Sarete tentati, a volte - ha detto Grasso che da ieri partecipa a Firenze alle iniziative per il 24/o anniversario della strage di via dei Georgofili - dalla tentazione di prendere una scorciatoia, di accettare un compromesso o un indebito favore: dovrete avere il coraggio di mantenere pulita la vostra coscienza, di andare avanti a testa alta e schiena dritta". "Lavoro e legalità - ha concluso il presidente del Senato - sono fondamenta irrinunciabili della vita di una nazione che aspira ad essere prospera e giusta".

14:03L. elettorale: Guerini, intesa sia ampia

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - "Intorno alla legge elettorale c'è la necessità di costruire l'intesa più ampia. Martedì c'è la direzione del partito e decideremo". Così Lorenzo Guerini (Pd) ha risposto sulla trattativa per la nuova legge elettorale a margine di una riunione del Pd lombardo al Pirellone. A chi gli chiedeva se ormai sia segnata la strada per le elezioni anticipate in autunno, il dirigente dem ha risposto: "Intanto iniziamo a fare la legge elettorale, poi è evidente che nel momento in cui la legge elettorale viene approvata tecnicamente è possibile andare al voto. Ma un pezzo alla volta, non mettiamo il carro davanti ai buoi". Quanto al dialogo Renzi-Berlusconi, Guerini ha risposto che sono "sciocchezze" le voci di un accordo in vista del dopo elezioni. "Noi - ha detto - siamo alternativi sia al grillismo sia al centrodestra. Dopodiché da soli la legge elettorale non possiamo farla. Ma quello che accadrà dopo il voto sarà un altro capitolo".

14:01Nuovi insulti su saracinesca sezione Lega Nord a Milano

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - Una frase scritta con lo spray rosa è apparsa stamani sull'ingresso di una sezione della Lega Nord di Milano, in via Carcano. Ignoti hanno scritto: "Merde razziste morirete". La saracinesca della stessa sezione della Lega era stata presa di mira il 9 maggio scorso, una settimana dopo il blitz delle forze dell'ordine in Stazione Centrale. Sulla saracinesca in quel caso fu lasciata la scritta a vernice rossa "Razzisti assassini dovete morire, merde". Sui casi indaga la Digos.

14:01L. elettorale: Boldrini, dia rappresentanza e governabilità

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "È importante che ci sia un' interlocuzione tra i gruppi, cosa che mi sembra ora esserci. Io non entro nel merito della legge ma mi auguro che sia una legge a vantaggio del nostro paese e che sia in grado di soddisfare alcune esigenze. Una legge che abbia tutto dentro: rappresentanza e governabilità. Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini a margine del gala delle ambasciatrici e degli ambasciatori di telefono Rosa. Quanto ai tempi, Boldrini ha detto: "in capigruppo ci siamo presi l'impegno all'unanimità di portarla in Aula e votarla entro giugno. Spero non ci siano ripensamenti su questo, altrimenti si esautora la capigruppo".

13:57Rally: auto fuoristrada travolge pubblico, morto bimbo

(ANSA) - TORINO, 27 MAG - Grave incidente al rally Città di Torino. A Coassolo, all'altezza di una curva, un'auto è uscita di strada e ha travolto alcuni spettatori. Un bambino di 6 anni è morto, i genitori feriti, mentre il fratellino di tre anni è rimasto miracolosamente illeso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Venaria Reale, insieme con le ambulanze del 118 e l'elisoccorso. Secondo una prima ricostruzione, l'auto avrebbe toccato il cordolo di cemento della strada, finendo al di là della linea di sicurezza senza che il pilota potesse fare qualcosa. Per il bambino di 6 anni i soccorsi sono stati inutili. Il rally, secondo quanto appreso, è stato subito sospeso.(ANSA).

13:52L. elettorale: Lotti, possibile incontro gruppi Pd e Fi

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAG - La prossima "sarà una settimana certamente decisiva, il presidente della Repubblica ha chiesto a tutte le forze politiche di fare una legge elettorale, Matteo Renzi e il Pd ci stanno provando e non è facile. Non credo che la prossima settimana l'incontro sarà tra Berlusconi e Renzi, magari lo sarà tra i gruppi parlamentari". Lo ha detto il ministro per lo sport Luca Lotti, a margine di una premiazione organizzata dal comitato toscano dilettanti al centro tecnico di Coverciano a Firenze, parlando con i giornalisti che gli chiedevano se la prossima settimana sarà cruciale per la legge elettorale e per un eventuale incontro Renzi-Berlusconi. "Vediamo che c'è sul tavolo, se Fi fa veramente sul serio e Beppe Grillo cosa dirà", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora