Coppa America: una Vinotinto da favola sfida l’Argentina di Messi

Pubblicato il 18 giugno 2016 da redazione

venezuela_6

Fioravante De Simone

CARACAS – “Se non hai fiducia in te stesso, potrai sempre trovare il modo di non vincere” disse una volta l’atleta statunitense Carl Lewis.

Durante la prima fase della Coppa America Centenaria, la Vinotinto ha dimostrato di avere fiducia in sè stessa e di non temere nessuno. La nazionale allenata da Rafael Dudamel ha chiuso la prima fase con 7 punti di 9 possibili: due vittorie contro Giamaica ed Uruguay, entrambe per 1-0 ed un pari 1-1 con il Messico. Nelle altre due occasioni (2007 e 2011) in cui il Venezuela si é qualificato ai quarti lo aveva fatto con 5 punti.

Per mettere piú in risalto il lavoro svolto dalla Vinotinto in questa edizione del torneo continentale abbiamo fatto una piccola ricerca: tra le edizioni del 1967 e 2004, i criollos avevano un bilancio di 1 vittoria, 7 pareggi e 37 ko con 29 reti segnate e 149 subite. Nel 2007 la svolta, dal torneo realizzato in casa fino ad oggi il bottino é meno negativo: 6 successi, 6 pareggi e 4 sconfitte con 14 reti segnate e 17 subite.

Quell’unica vittoria, in quel periodo di oscurantismo sportivo era stata ottenuta nel ’67, allora i venezuelani superaro per 3-0 la Bolivia grazie alle reti dell’italo-venezuelano Scovino (59’), Santana (67’) e Ravelo (84’).

Per festeggiare la seconda vittoria i tifosi della vinotinto hanno dovuto attendere 40 anni: successo per 2-0 a San Cristóbal contro il Perú, a siglare le reti sono stati l’italo-venezuelano Alejandro Cichero (48’) e Daniel Arismendi (79’). Dopo questa edizione, le gioie ed i festeggiamenti sono stati piú frequenti.

In questa edizione, che celebra il centenario della manifestazione continentale, i tifosi sono contenti non solo per il pass nei quarti, ma anche per la metamorfosi che ha subito in così poco tempo questa nazionale.

Infatti, sembra che questa vinotinto targata Dudamel sia la brutta copia di quella vista fino a pochi mesi fa nelle qualificazioni. Durante la fase a gironi il Venezuela non é mai stato in svantaggio ed ha sempre segnato le sue tre reti durante la prima frazione di gioco: Martínez al 16’ contro la Giamaica, Rondón al 36’ contro l’Uruguay e Velázquez al 10’ contro il Messico.

Il reparto arretrato é stato una garanzia, iniziando dal portiere Dany Hernández che ha mantenuto la sua porta inviolata per ben 260 minuti e tutte le volte che é stato necesario ha saputo rispondere con i suoi riflessi felini. I suoi compagni di reparto Rosales, González, Vizcarrondo, Velázquez e l’ex Parma Feltsher non hanno lasciato spazi agli avversari.

Uno dei pochi nei in questa nazionale é il poco possesso palla che in alcune fasi delle gare disputate ha creato alcuni problemi alla squadra.

Il selezionatore della Vinotinto ha utilizzato 17 dei 23 convocati, non hanno ancora fatto il loro esordio Juan Pablo Añor, Yangel Herrera, Carlos ‘Mono’ Suarez, Mikael Villanueva ed i portieri Wilker Farinez e José Contreras.

Sulla strada della vinotinto adesso c’é la nazionale di Messi, appuntamento fissato per oggi nel Gilette Stadium di Boston. In 13 gare disputate contro l’albiceleste il bilancio é il seguente: 1 vittoria per il Venezuela e 12 ko. Con 5 reti per la vinotinto e 45 subite.

L’unica rete venezuelana é stata segna durante le qualificazioni per il mondiale Brasile 2014: l’11 ottobre del 2011 una zuccata di Amorebieta permise di ottenere la prima ed unica storica vittoria contro l’albiceleste.

Il Venezuela cercherá di prendere esempio da quella gara per emulare la storica gesta. Nello stadio di Boston é arrivata anche l’unica vittoria contro il Brasile, quella fu una gara amichevole. Sará forse un presaggio, in questa favola chiamata vinotinto? Stasera lo scopriremo.

Ultima ora

13:01Migranti: “dateci cibo migliore”,200 protestano nel padovano

(ANSA) - PADOVA, 25 MAG - Nuova protesta, che è durata poco più di un'ora, dei profughi ospiti al centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova). Intorno alle 8 di oggi circa 200 migranti di origine africana ospitati nel centro di accoglienza allestito nell'ex caserma di San Siro sono scesi nella piazza principale del paese, davanti al Municipio per chiedere una qualità maggiore del cibo e un incremento delle attività del centro di accoglienza. La protesta si è conclusa intorno alle 9,30. L'ultima manifestazione a Bagnoli risale alla fine dello scorso gennaio quanto un cinquantina di richiedenti asilo bengalesi aveva manifestato stamane, davanti al centro di accoglienza bloccando l'ingresso e l'uscita dal campo per una trentina di minuti.

13:00Manchester: May, livello allerta resta critico

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Il livello dell'allerta anti-terrorismo resta "critico". Lo ha detto la premier britannica Theresa May parlando a Downing Street. Il primo ministro ha invitato i britannici a rimanere "vigili" contro la minaccia di nuovi attacchi.

12:56Nave Usa in mar Cinese meridionale, Pechino protesta

(ANSA) - PECHINO, 25 MAG - Il cacciatorpediniere Uss Dewey ha navigato entro le 12 miglia di una delle isole artificiali realizzate dalla Cina nelle Spratly, nelle acque contese del mar Cinese meridionale, nella prima operazione sulla "libertà di navigazione" della presidenza Trump. La Cina ha inviato due fregate che hanno "messo in guardia e allontanato" la Dewey dopo l'ingresso nelle acque territoriali "senza permesso", ha affermato il portavoce del ministero della Difesa. "Abbiamo presentato un grave reclamo alla parte americana", ha aggiunto.

12:55Renzi, noi fatto bene su musei, sbagliato non cambiare i Tar

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Il fatto che il Tar del Lazio annulli la nostra decisione merita il rispetto istituzionale che si deve alla giustizia amministrativa ma conferma - una volta di più - che non possiamo più essere una repubblica fondata sul cavillo e sul ricorso". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi. "Non abbiamo sbagliato perché abbiamo provato a cambiare i musei: abbiamo sbagliato perché non abbiamo provato a cambiare i TAR". Lo dice Matteo Renzi su facebook.

12:54Manchester: minuto silenzio in Gb

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Un minuto di silenzio per le vittime della strage di Manchester è stato rispettato in tutto il Regno Unito alle 11 locali (le 12 in Italia). Nel centro della città inglese colpita dall'attacco terroristico centinaia di persone si sono riunite ad Albert Square, diventato uno dei luoghi simbolo della risposta della comunità alla tragedia.

12:52Calcio: al via assemblea Lega Serie A su diritti tv

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - E' cominciata l'assemblea della Lega Serie A, che affronterà fra l'altro il bando di vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sono presenti tutti i venti club, oltre alla Spal, invitata come uditrice assieme all'altra società neopromossa dalla Serie B, il Verona. All'ordine del giorno ci sono anche le 'attività promozionali della Lega Serie A in Italia e all'estero', fra cui c'è la proposta al regista premio Oscar Paolo Sorrentino di realizzare delle produzioni video che esaltino la bellezza del nostro calcio, da utilizzare per commercializzare i diritti tv internazionali. Alle 13, sempre nel palazzo milanese di via Rosellini, è in programma l'assemblea della Lega B, chiamata a eleggere il nuovo presidente, con il dubbio che per la terza volta di fila manchi il numero legale, in questa occasione per una mossa del fronte legato a Claudio Lotito.

12:49Calcio: Zeman, pulizia fatta con Calciopoli non basta

(ANSA) - CHIETI, 25 MAG - "Con Calciopoli si è fatta della pulizia, ma non basta. Il sistema lo fanno quelli che stanno dentro, e sarebbe importante per questo cambiare chi rovina il sistema. Diversi anni fa feci delle denunce e non mi fu vicino nessuno". Così Zdenek Zeman al seminario "I giovani per la legalità nello sport", organizzato presso l'Università 'D'Annunzio' di Chieti. Il tecnico del Pescara ha spiegato agli studenti il motivo per cui decise di denunciare le cose che secondo lui nel mondo del calcio non andavano: "Mi fu chiesto in una conferenza stampa cosa non andasse e dissi che se comandavano le farmacie non andava bene. Dissi, e ripeto oggi, che bisogna difendere i valori sani del calcio. Siamo noi però che dobbiamo dare l'esempio per primi in campo".

Archivio Ultima ora