Coppa America: una Vinotinto da favola sfida l’Argentina di Messi

Pubblicato il 18 giugno 2016 da redazione

venezuela_6

Fioravante De Simone

CARACAS – “Se non hai fiducia in te stesso, potrai sempre trovare il modo di non vincere” disse una volta l’atleta statunitense Carl Lewis.

Durante la prima fase della Coppa America Centenaria, la Vinotinto ha dimostrato di avere fiducia in sè stessa e di non temere nessuno. La nazionale allenata da Rafael Dudamel ha chiuso la prima fase con 7 punti di 9 possibili: due vittorie contro Giamaica ed Uruguay, entrambe per 1-0 ed un pari 1-1 con il Messico. Nelle altre due occasioni (2007 e 2011) in cui il Venezuela si é qualificato ai quarti lo aveva fatto con 5 punti.

Per mettere piú in risalto il lavoro svolto dalla Vinotinto in questa edizione del torneo continentale abbiamo fatto una piccola ricerca: tra le edizioni del 1967 e 2004, i criollos avevano un bilancio di 1 vittoria, 7 pareggi e 37 ko con 29 reti segnate e 149 subite. Nel 2007 la svolta, dal torneo realizzato in casa fino ad oggi il bottino é meno negativo: 6 successi, 6 pareggi e 4 sconfitte con 14 reti segnate e 17 subite.

Quell’unica vittoria, in quel periodo di oscurantismo sportivo era stata ottenuta nel ’67, allora i venezuelani superaro per 3-0 la Bolivia grazie alle reti dell’italo-venezuelano Scovino (59’), Santana (67’) e Ravelo (84’).

Per festeggiare la seconda vittoria i tifosi della vinotinto hanno dovuto attendere 40 anni: successo per 2-0 a San Cristóbal contro il Perú, a siglare le reti sono stati l’italo-venezuelano Alejandro Cichero (48’) e Daniel Arismendi (79’). Dopo questa edizione, le gioie ed i festeggiamenti sono stati piú frequenti.

In questa edizione, che celebra il centenario della manifestazione continentale, i tifosi sono contenti non solo per il pass nei quarti, ma anche per la metamorfosi che ha subito in così poco tempo questa nazionale.

Infatti, sembra che questa vinotinto targata Dudamel sia la brutta copia di quella vista fino a pochi mesi fa nelle qualificazioni. Durante la fase a gironi il Venezuela non é mai stato in svantaggio ed ha sempre segnato le sue tre reti durante la prima frazione di gioco: Martínez al 16’ contro la Giamaica, Rondón al 36’ contro l’Uruguay e Velázquez al 10’ contro il Messico.

Il reparto arretrato é stato una garanzia, iniziando dal portiere Dany Hernández che ha mantenuto la sua porta inviolata per ben 260 minuti e tutte le volte che é stato necesario ha saputo rispondere con i suoi riflessi felini. I suoi compagni di reparto Rosales, González, Vizcarrondo, Velázquez e l’ex Parma Feltsher non hanno lasciato spazi agli avversari.

Uno dei pochi nei in questa nazionale é il poco possesso palla che in alcune fasi delle gare disputate ha creato alcuni problemi alla squadra.

Il selezionatore della Vinotinto ha utilizzato 17 dei 23 convocati, non hanno ancora fatto il loro esordio Juan Pablo Añor, Yangel Herrera, Carlos ‘Mono’ Suarez, Mikael Villanueva ed i portieri Wilker Farinez e José Contreras.

Sulla strada della vinotinto adesso c’é la nazionale di Messi, appuntamento fissato per oggi nel Gilette Stadium di Boston. In 13 gare disputate contro l’albiceleste il bilancio é il seguente: 1 vittoria per il Venezuela e 12 ko. Con 5 reti per la vinotinto e 45 subite.

L’unica rete venezuelana é stata segna durante le qualificazioni per il mondiale Brasile 2014: l’11 ottobre del 2011 una zuccata di Amorebieta permise di ottenere la prima ed unica storica vittoria contro l’albiceleste.

Il Venezuela cercherá di prendere esempio da quella gara per emulare la storica gesta. Nello stadio di Boston é arrivata anche l’unica vittoria contro il Brasile, quella fu una gara amichevole. Sará forse un presaggio, in questa favola chiamata vinotinto? Stasera lo scopriremo.

Ultima ora

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

21:38Pop.Vicenza: nuovo interrogatorio Zonin, 5 ore davanti Pm

(ANSA) - VICENZA, 24 MAR - E' durato fino al primo pomeriggio il nuovo interrogatorio di Gianni Zonin, l'ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, indagato per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza. Zonin, che era già stato sentito una prima volta mercoledì scorso, è rimasto per oltre cinque ore davanti ai pubblici ministeri Gianni Pipeschi e Luigi Salvadori, che conducono l'inchiesta sul tracollo dell'istituto di credito berico. L'ex presidente, da quanto si è appreso, ha risposto a tutte le domande di merito fatte dai magistrati e non dovrebbero essere previsti altri interrogatori. I Pm non avrebbero mosso a Zonin nuove contestazioni, e l'ex presidente avrebbe sostanzialmente ribadito la sua estraneità alle vicende di natura penale al centro delle indagini coordinate dalla procura vicentina.

Archivio Ultima ora