Coppa America, ecco le magnifiche quattro: Argentina, Cile, Colombia e Stati Uniti

Pubblicato il 19 giugno 2016 da redazione

L'esultanza di Leo Messi abbracciato da Higuain

L’esultanza di Leo Messi abbracciato da Higuain

ROMA. – Previsioni rispettate in Coppa America. L’Argentina e il Cile vanno in semifinale, dopo aver battuto nella notte italiana, con largo margine di gol e di gioco rispettivamente il Venezuela (4-1) e il Messico (7-0). Le due formazioni vanno a completare, insieme con Usa e Colombia già qualificate, il quartetto delle magnifiche quattro che si disputeranno l’edizione del Centenario della Coppa America. In semifinale, a Houston, nella notte fra martedì e mercoledì, se la vedranno Usa e Argentina, mentre la notte successiva a Chicago saranno di fronte Cile e Colombia. Le ultime due partite dei quarti, giocate stanotte, non hanno avuto storia.

L’Argentina ha dominato la sua rivale e si è sbloccato Higuain, autore di una doppietta e di una partita brillantissima, mentre il fenomeno Messi è andato a segno ancora una volta ed ha eguagliato il record di 54 reti, che appartiene a Gabriel Batistuta, di migliore marcatore di sempre con la maglia dell’Albiceleste. La quaterna argentina è stata completata da un gol dell’ex romanista Erik Lamela. Il gol della bandiera per i venezuelani porta la firma di Rondon, il più dinamico dei suoi.

Gli uomini di Martino sono andati in gol quasi subito, all’8′ del primo tempo con il Pipita pronto a raccogliere in acrobazia un suggerimento di Messi. Poi è tutto uno show davanti ai 60mila spettatori del Foxborough stadium, incantanti dalle meraviglie di questa formazione. Il ritorno al gol del bomber napoletano ha poi reso ancora più forte un attacco che già faceva paura. Nulla ha potuto il povero Venezuela, se non inchinarsi di fronte allo strapotere di Messi e soci e limitare i danni e i gol.

Cosa che invece non è riuscita ai messicani, che tornano a casa con il fardello di ben sette gol incassati dal Cile, umiliati proprio nel momento in cui erano e si sentivano più forti. Il Messico degli ultimi mesi che aveva fatto vedere cose bellissime, e incassato pochissimi gol (2 in dieci partite) è apparso irriconoscibile. Ed è stato distrutto da una valanga di reti. Il Cile che era arrivato ai quarti zoppicando, nonostante i tanti talenti di cui dispone, entra in semifinale come un rullo compressore.

L’ex juventino Vidal è stato il regista del trionfo, di gol e tattico, che ha disarticolato la formazione Tricolor, che pure era entrata in campo con molte ambizioni, visti i risultati lusinghieri della fase a gironi. Dei sette gol incassati dal povero Ochoa ben 4 portano la firma dell’ex del Napoli Vargas, due le ha segnate Puch, una Sanchez.

Vidal ha fatto il bello e cattivo tempo. Ma l’eccesso di foga gli ha giocato un brutto scherzo, perchè si è preso una ammonizione e, siccome era diffidato, salterà la semifinale con la Colombia. Per la Roja tornata ai livelli di due anni fa, quando conquistò il titolo, l’assenza dell’ex bianconero sarà un brutto colpo da assorbire.

Ultima ora

16:07Calcio: Zeman, contento che campionato finisca

(ANSA) - PESCARA, 27 MAG - "Sono contento che finisca il campionato anche se in parte è anche un dispiacere non giocare più. Nel prossimo anno dovranno cambiare molte cose. Sono tornato qui a Pescara pensando già al torneo del prossimo anno, sperando di fare qualcosa di positivo anche per i tifosi". Lo ha detto il trainer biancazzurro Zdenek Zeman, presentando l'ultima gara di campionato che il Pescara giocherà domani sera a Firenze. Zeman, proiettato già alla prossima stagione ha poi aggiunto: "Spero che non finiamo il mercato a agosto ma molto prima. Vorrei una squadra che si alleni, lavori e giochi insieme. Ci sono giocatori che ho segnalato. Non siamo una società molto ricca e dobbiamo adeguarci. Non so quanti giocatori di questa rosa possano rimanere. Ero convinto quando sono arrivato che ci si poteva salvare, poi ho capito di aver sbagliato. Come organico non siamo inferiori, ma mentalmente non eravamo all'altezza".

16:03Calcio: Sarri, Roma 8 rigori in più statisticamente illogico

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "La Roma ha avuto otto rigori più di noi. Noi e i giallorossi siamo le squadre che giocano più palloni nelle aree avversarie, quindi statisticamente questo dato è incomprensibile". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri rispondendo in conferenza stampa ai cronisti che gli chiedevano se sul terzo posto avessero pesato di più gli infortuni o i 14 rigori fischiati alla Roma. "Alcuni di quei rigori - ha aggiunto Sarri - sono stati ininfluenti, altri invece hanno portato punti. Bisognerebbe vedere episodio per episodio e magari può essere giusto, ma statisticamente mi sembra illogico".

16:03Per sbaglio spara al figlio, gravissimo

(ANSA) - BERGAMO, 27 MAG - Ha sparato accidentalmente al figlio, ferito alla testa e ora in fin di vita, durante una battuta di caccia al tasso. L'episodio questa mattina sulle colline di Villa d'Adda, nel Bergamasco: il genitore, 58 anni, imbracciava una carabina e si trovava da ieri sera in una zona di vigneti con i due figli. All'improvviso gli è partito il colpo, che ha centrato uno dei figli, di 34 anni, alla testa. Immediato l'allarme: sul posto l'elisoccorso del 118, con il quale il giovane è stato trasferito all'ospedale Manzoni di Lecco. Le sue condizioni sono gravi.

15:48Papa a Genova: 3000 in festa al santuario della Guardia

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Circa 3000 giovani festanti hanno accolto Papa Francesco al santuario della Madonna della Guardia sulle alture di Genova. Sono giovani delle parrocchie e dei gruppi scout di tutta la provincia di Genova e hanno marciato per circa 4 km per raggiungere il santuario. Tra loro anche 135 persone che parteciperanno a un pranzo privato col Papa nella sala del Caminetto al santuario. Tra loro rifugiati, tra i quali i nove residenti della casa famiglia 'papa Giovanni' che sorge presso il santuario, una ventina di detenuti e un gruppo di senza tetto assistiti da associazioni di volontari. I ragazzi hanno accolto il Papa con 22 cartelli a comporre la scritta 'ti vogliamo un mare di bene'. Al pranzo anche una bimba di otto mesi, Agnese, con la madre, una migrante. Per la piccola predisposto un seggiolone. Ai giovani il Papa ha parlato creando un neologismo: Ha detto 'Non siate turisti, andate a missionare". E parlando dei migranti ha detto: "L'italia è generosa con loro, altri no".

15:44Calcio: Vecchi, Spalletti è uno dei migliori sulla piazza

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Spalletti ha iniziato benissimo vincendo in C e in B, ha fatto bene ovunque e ha dimostrato chi è anche a Roma: è uno dei migliori sulla piazza". Lo afferma Stefano Vecchi, il tecnico della Primavera dell'Inter promosso in prima squadra fino al termine della stagione per il dopo-Pioli, sposa la scelta del club nerazzurro, ma mette in guardia il suo successore: "Chiunque arriverà, dovrà ridare entusiasmo e certezze a dei giocatori che hanno preso delle bastonate, trasmettendo la cultura del lavoro, fondamentale per i risultati". Vecchi, alla vigilia dell'ultima partita di campionato contro l'Udinese, ammette che alcuni giocatori non meritano di vestire la maglia dell'Inter, ma non fa nomi perché "sono valutazioni che farà il nuovo allenatore". Poi spiega: "Qualcuno si è tirato un po' indietro rispetto ad altri, ma non mi posso lamentare del gruppo per le gare con Sassuolo e Lazio. Joao Mario e Gabigol? Ho condiviso i provvedimenti della società: quanto accaduto a Roma non era mai successo prima".

15:43Calcio: Sarri, sorpasso difficile ma obbligati a provarci

(ANSA) NAPOLI, 26 MAG - "Il sorpasso sulla Roma? Abbiamo l'obbligo di provarci, dobbiamo andare a vincere e poi aspettare. Le possibilità non sono molte ma noi ci proviamo". Lo ha detto Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro la Sampdoria che chiude la stagione del Napoli "Stiamo bene mentalmente e fisicamente - ha detto Sarri - i dati dell'ultima partita sono in linea con migliori dati stagionali e questo raramente succede a fine maggio. Credo che se ci fossero altre cinque-sei partite le nostre chances sarebbero tante".

15:40F1: Monaco, pole Ferrari, prima Raikkonen poi Vettel

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Sarà una prima fila tutta Ferrari quella del Gp di Monaco a Montecarlo. La pole position è stata ottenuta dai finlandese Kimi Raikkonen, il secondo miglior tempo è stato invece quello del tedesco Sebastian Vettel. Terzo tempo, e quindi seconda fila, per il finlandese della Mercedes Valtteri Bottas, quarto l'olandese Max Verstappen su Red Bull.

Archivio Ultima ora