La sinistra Dem invoca modifiche dell’Italicum, ma il M5s dice no

Pubblicato il 21 giugno 2016 da redazione

New Turin's Mayor, Chiara Appendino of the anti-establishment Five Star Movement (Movimento Cinque Stelle, M5S) political party celebrates her victory with supporters in Turin, Italy, 20 June 2016.  EPA/ALESSANDRO DI MARCO

New Turin’s Mayor, Chiara Appendino of the anti-establishment Five Star Movement (Movimento Cinque Stelle, M5S) political party celebrates her victory with supporters in Turin, Italy, 20 June 2016. EPA/ALESSANDRO DI MARCO

ROMA. – La vittoria di M5s in 19 dei 20 ballottaggi in cui è arrivato in queste amministrative, evoca nel Pd, specie nella minoranza, il fantasma di un risultato analogo anche in una futura elezione politica con l’Italicum, il che spinge diversi parlamentari a proporre un ritocco.

Una ipotesi respinta dal vicesegretario Dem Lorenzo Guerini, a cui fa riscontro la netta indisponibilità di M5s a parlare di questo tema. Il che rende plausibile che il dossier rimanga in freezer almeno sin dopo il referendum costituzionale di ottobre.

Esponenti Pd di diverso orientamento rispetto a Renzi, hanno invitato il segretario-premier a metter mano all’Italicum. “Una riflessione” è stata chiesta da Piero Fassino, che è parte della maggioranza interna, e Pierluigi Bersani ha chiesto a Renzi di annunciare una modifica della legge elettorale addirittura prima del referendum di ottobre.

L’idea è quella di spostare il premio di maggioranza dal partito alla coalizione, per riaprire un dialogo con SI e con i partiti centristi della coalizione, come Sc. Ma questo comporta un cambio di linea politica e non solo di norma elettorale, passando dal partito a “vocazione maggioritaria”, presente nello stesso Statuto del Pd, al buon vecchio centrosinistra, con un Pd baricentro di una coalizione che abbia alla sua sinistra e al centro altri partiti.

Un cambiamento che implica almeno un passaggio congressuale. Non a caso il vicesegretario Lorenzo Guerini ha risposto negativamente alla richiesta di aprire il dossier Italicum: “questa è una legge elettorale che funziona perchè garantisce governabilità e ai cittadini di scegliere”, ha spiegato. Senza contare che affrontare questo tema prima del referendum avrebbe degli effetti imprevedibili. Gli elettori potrebbero intendere il tutto come una smentita anche della riforma costituzionale.

Una modifica la chiedono anche alleati come Scelta Civica o Idv, con Nello Formisano. Pino Pisicchio, presidente del Gruppo Misto ha depositato un ddl che attribuisce il premio alla coalizione e richiede che al ballottaggio, per essere valido, vada a votare il 50% degli elettori, altrimenti si passerebbe al riparto proporzionale dei seggi.

Dalle opposizioni arriva un “niet” all’idea di aprire il confronto. Renato Brunetta è convinto che si debba puntare sul “no” al referendum per affossare anche l’Italicum e Renzi stesso. M5s, spiega Danilo Toninelli, non vuole parlare di temi “politicisti” ma dei problemi concreti che interessano di più i cittadini.

M5s, poi, ha scoperto che l’Italicum gli darebbe chance di vittoria, vista la sua capacità di calamitare i voti, al ballottaggio, degli elettori di centrodestra in chiave “anti-Renzi”.

Infine Roberto Calderoli indica un altro percorso: a suo giudizio la Corte costituzionale dichiarerà l’Italicum incostituzionale (il premio del 55% al solo partito vincente sarebbe “sproporzionato”) e a quel punto il Parlamento dovrebbe rimettervi mano.

Insomma la legge elettorale sembra una suggestione destinata a rimanere nei “pour parler” ma non ad essere affrontata concretamente prima del referendum.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

19:06Egitto: attacco a copti, bilancio ufficiale 28 morti

(ANSA) - IL CAIRO, 26 MAG - Fonti mediche e della sicurezza egiziana riferiscono che il bilancio dell'attacco contro un bus di cristiano-copti oggi a Minya, in Alto Egitto, è di 28 morti, tra cui due bimbi di 2 e 4 anni. I feriti sono 22. Le stesse fonti, che hanno richiesto l'anonimato, temono che il bilancio possa aumentare. Secondo l'ex portavoce della chiesa copta ortodossa, Anaba Ermya i morti sarebbero invece 35, tra cui molti bambini.

19:03Sri Lanka: 91 morti piogge e alluvioni, appello al mondo

(ANSA) - COLOMBO, 26 MAG - Lo Sri Lanka ha lanciato un appello al mondo perché lo aiuti a far fronte all'emergenza delle piogge torrenziali, che hanno provocato disastrosi alluvioni e smottamenti, con un bilancio ancora provvisorio di almeno 91 morti accertati e 110 dispersi. La richiesta di aiuto è stata lanciata dal ministero degli esteri di Colombo alle Nazioni Unite e alla comunità internazionale. Il governo fa sapere che finora oltre 2.000 persone sono state evacuate dalle loro abitazioni e che le persone colpite, secondo una stima, sono circa 61.000. La popolazione che vive vicino a corsi d'acqua o sotto pendii è stata invitata ad allontanarsi, mentre elicotteri e imbarcazioni della marina cercano persone bloccate dalle acque sui tetti. Particolarmente colpito dalle avversità meteorologiche è il distretto di Ratnapura e la città capoluogo, dove almeno cinque valanghe e lo straripamento del fiume Kalu Ganga hanno costretto migliaia di persone ad abbandonare le loro case.

18:58Iraq: si evacuano i civili dal centro di Mosul

(ANSA) - BAGHDAD, 26 MAG - Le forze governative irachene hanno lanciato un appello alle migliaia di civili ancora intrappolati nel cuore di Mosul perché lascino le loro case e si mettano in salvo attraverso "corridoi sicuri" appositamente istituiti prima dell'assalto finale ai jihadisti dell'Isis ancora trincerati nei quartieri centrali. "Il governo, le forze armate e il comandante in capo, primo ministro Haidar al Abadi, sono responsabili per la vostra sicurezza", afferma in un comunicato il comandante delle operazioni, generale Abdul Amir Yarallah, assicurando che dirigendosi verso i corridoi sicuri che verranno indicati i residenti troveranno ad attenderli "guide, guardie e veicoli che li porteranno in salvo". L'appello è stato rivolto ai residenti dei quartieri di Zinjili, Sehha, Bab Sinjar, Shefaa, Farouk, Ras al Kor, Maydan, Bab al Top e le parti della Città vecchia comprese nel quartiere di Bab Jadid. Secondo il comando delle forze antiterrorismo l'Isis controlla ormai solo il 5% di Mosul ovest.

18:52Milano, Ismail Hosni rivendica la sua fede islamica

(ANSA) - MILANO, 26 MAG - Avrebbe rivendicato la sua fede islamica raccontando che prega ed è praticante, a differenza di quanto aveva riferito al suo legale nei giorni scorsi, Ismail Tommaso Hosni, il 20enne che otto giorni fa ha ferito a coltellate due militari e un agente alla stazione Centrale di Milano. Interrogato dai pm in Procura, il giovane ha continuato a dire di non ricordare gli istanti dell'aggressione e avrebbe risposto con tanti 'non ricordo' e non facendo nomi a domande puntuali sui suoi contatti per la radicalizzazione sul web.

18:44L. elettorale: 417 gli emendamenti in commissione

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Sono 417 gli emendamenti al testo base della legge elettorale presentati in Commissione Affari costituzionali della Camera, sia dai gruppi che dai singoli parlamentari. Gli uffici stanno provvedendo ora a fascicolarli.

18:43Voucher: Orlandiani, ci vuole prudenza, perplessità

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Prudenza e perplessità", a quanto si apprende, sono manifestate in queste ore dalla componente orlandiana del Pd sull'intervento previsto nella "manovrina" per l'introduzione di strumenti di sostituzione dei voucher.

18:43Assolto chirurgo ‘mago trachea’, non manipolò liste attesa

(ANSA) - FIRENZE, 26 MAG - Assolto a Firenze da tutte le accuse - falso, abuso d'ufficio e peculato - il 'mago dei trapianti di trachea' Paolo Macchiarini. Con lui sono stati assolti anche quattro medici e una caposala dalle accuse di falso e abuso d'ufficio. La sentenza oggi pomeriggio. Tutti sono stati assolti perché il fatto non sussiste; inoltre Macchiarini, riguardo alle sole accuse di peculato (due episodi già risolti con l'amministrazione di Careggi in fase di inizio delle indagini) è stato assolto perché il fatto non è previsto dalla legge come reato. Nel processo Macchiarini, per il periodo in cui lavorò all'ospedale di Careggi (2009-2012), era accusato di aver alterato le liste di attesa per favorire suoi pazienti e sveltire interventi chirurgici motivando le modifiche alle liste con ragioni di urgenza.

Archivio Ultima ora