Tangenti: sanità lombarda, danno erariale 4 milioni euro

(ANSA) – MILANO, 23 GIU – La Procura della Corte dei Conti della Regione Lombardia ha eseguito a tutela dell’Erario numerosi sequestri conservativi su beni immobili, conti correnti e altri crediti nei confronti di pubblici funzionari di aziende sanitarie lombarde. Ne dà notizia la Procura stessa, spiegando che le misure cautelari sono state disposte nell’ambito del procedimento di responsabilità erariale conseguente a un ipotizzato e ingente danno patrimoniale alla sanità pubblica – circa quattro milioni di euro – scaturente dalla violazione della disciplina degli appalti pubblici nell’affidamento a privati del servizio di odontoiatria. Il tutto si riferisce all’inchiesta per presunte tangenti connesse ad appalti odontoiatrici nella sanità lombarda. L’inchiesta vede Fabio Rizzi, l’ex consigliere regionale leghista ed estensore della riforma della sanità lombarda, accusato di aver pilotato una serie di gare d’appalto nel settore dell’odontoiatria.

Condividi: