L’altra Italia

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

Ny: foto Luca Marfé

Ny: foto Luca Marfé

Una delle cose che sento ripetere più spesso sulle reti sociali e sui media tradizionali è che l’Italia oggigiorno sarebbe un Paese di immigrati. Addirittura “invaso” secondo alcuni.

Ebbene, non è necessario addentrarsi nel complesso reticolato dei dati Istat per smentire questo assunto. È sufficiente, infatti, vivere in una città come New York, o più in generale gironzolare dentro e fuori dai confini europei, per imbattersi in una moltitudine di italiani “sparpagliati”. Sparpagliati sia nel variegato quadro delle diversità professionali che in una chiave prettamente generazionale.

Tralasciando discorsi di natura storica (leggi alla voce Guerre Mondiali), i numeri dei ventenni e dei trentenni di questo tempo sono comunque altissimi. E la ragione, ahinoi, è grosso modo un denominatore comune per tutti quanti loro: in Italia mancano le opportunità che altri Paesi sembrano essere ancora in grado di offrire. E, per quanto possano emergere nuove realtà dense di fascino e futuro, sto pensando all’Asia in particolare, gli Stati Uniti restano la più grande “fornace” di sogni per i giovani di tutto il mondo.

Venite con me, dunque, attraverso un corridoio immaginario di volti dell’italianità che viceversa immaginari non sono: ragazzi e ragazze che, come si diceva un tempo, hanno preso “armi e bagagli” per inseguire il loro destino lontano da casa. Camerieri, pizzaioli, imprenditori, avvocati, giornalisti e chi più ne ha più ne metta.

Ce n’è davvero per tutti i gusti. Provenienti da ogni angolo del nostro Paese, con i consueti e tristi picchi statistici cui il Sud ci ha già abituati da tempo. Ma con quel talento, quell’intraprendenza, quella caparbietà, quella voglia di farcela che da sempre ci contraddistinguono e che hanno reso “l’altra Italia” (quella che continua ad esistere e crescere altrove) grande, grandissima.

Soprattutto qui. Perché il sogno americano non è mai finito.

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

Archivio Ultima ora