L’altra Italia

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

Ny: foto Luca Marfé

Ny: foto Luca Marfé

Una delle cose che sento ripetere più spesso sulle reti sociali e sui media tradizionali è che l’Italia oggigiorno sarebbe un Paese di immigrati. Addirittura “invaso” secondo alcuni.

Ebbene, non è necessario addentrarsi nel complesso reticolato dei dati Istat per smentire questo assunto. È sufficiente, infatti, vivere in una città come New York, o più in generale gironzolare dentro e fuori dai confini europei, per imbattersi in una moltitudine di italiani “sparpagliati”. Sparpagliati sia nel variegato quadro delle diversità professionali che in una chiave prettamente generazionale.

Tralasciando discorsi di natura storica (leggi alla voce Guerre Mondiali), i numeri dei ventenni e dei trentenni di questo tempo sono comunque altissimi. E la ragione, ahinoi, è grosso modo un denominatore comune per tutti quanti loro: in Italia mancano le opportunità che altri Paesi sembrano essere ancora in grado di offrire. E, per quanto possano emergere nuove realtà dense di fascino e futuro, sto pensando all’Asia in particolare, gli Stati Uniti restano la più grande “fornace” di sogni per i giovani di tutto il mondo.

Venite con me, dunque, attraverso un corridoio immaginario di volti dell’italianità che viceversa immaginari non sono: ragazzi e ragazze che, come si diceva un tempo, hanno preso “armi e bagagli” per inseguire il loro destino lontano da casa. Camerieri, pizzaioli, imprenditori, avvocati, giornalisti e chi più ne ha più ne metta.

Ce n’è davvero per tutti i gusti. Provenienti da ogni angolo del nostro Paese, con i consueti e tristi picchi statistici cui il Sud ci ha già abituati da tempo. Ma con quel talento, quell’intraprendenza, quella caparbietà, quella voglia di farcela che da sempre ci contraddistinguono e che hanno reso “l’altra Italia” (quella che continua ad esistere e crescere altrove) grande, grandissima.

Soprattutto qui. Perché il sogno americano non è mai finito.

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

15:53Calcio: Prandelli ancora un flop, via anche dall’Al Nasr

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - E' finita con un divorzio consensuale l'esperienza di Cesare Prandelli al club calcistico di Dubai Al Nasr, dove era giunto lo scorso maggio. L'annuncio è stato dato dalla stessa società all'indomani dell'eliminazione della squadra negli ottavi di finale della Presidents Cup ad opera del Dibba Al Fujairah. La panchina è stata affidata al serbo Ivan Jovanovic, che torna al club emiratino dopo un'esperienza di tre anni tra il 2013 e il 2013. Prandelli, 60 anni, era reduce da esperienze non brillanti al Galatasaray, che lo ha esonerato dopo pochi mesi nell'autunno 2014, e al Valencia, che l'allenatore ha lasciato a fine dicembre 2016 dimettendosi dopo tre mesi di gestione.

15:47Adozione per figlio coppia aggressioni con acido

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La Cassazione ha confermato l'adottabilità del bambino nato dalla relazione tra Martina Levato e Alexander Boettcher, i due giovani responsabili delle aggressioni all'acido messe a segno a Milano. La Suprema Corte ha respinto anche i ricorsi dei nonni del bambino che si proponevano come adottanti. Martina Levato nel ricorso in Cassazione aveva chiesto di dichiarare illegittima la sentenza con cui la Corte d'Appello di Milano, lo scorso marzo, ha confermato l'adottabilità del piccolo. Nel ricorso i legali scrivevano che a "nessun figlio minore", nemmeno nel caso di Annamaria Franzoni, "è stato riservato il trattamento (discriminatorio e privativo del diritto alla propria identità personale e familiare)" applicato al bimbo partorito nell'agosto 2015 da Martina Levato, l'ex studentessa bocconiana condannata a 20 anni per le aggressioni con l'acido. La difesa della Levato ha fatto sapere che ricorrerà alla Corte europea dei diritti dell'Uomo (Cedu).

15:31Maroni, Bongiorno? Io e Bossi combattevamo Andreotti

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - "Giulia Bongiorno dice: 'Questa Lega nazionale l'avrebbe approvata anche Andreotti'. È davvero cambiato il mondo: io e Bossi quelli come Andreotti li abbiamo sempre combattuti". Lo ha scritto Roberto Maroni commentando su Twitter le parole della neo-candidata della Lega, Giulia Bongiorno.

15:20Figc: Malagò, Club Italia a Buffon? Perchè no

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Buffon al Club Italia? Mettere un giocatore in quel ruolo sarebbe una cosa logica". Lo ha dichiarato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando l'ipotesi di affidare il Club Italia a Buffon. "Gigi è una persona alla quale farei fare tutto - ha aggiunto il numero uno dello sport italiano parlando della sfida elettorale tra Sibilia, Tommasi e Gravina a margine di un convegno organizzato da Figc e Ussi all'Acqua Acetosa - ma bisogna capire cosa ha deciso di fare da grande. Il 29 gennaio ci saranno le elezioni della Figc: Buffon ha manifestato certe intenzioni per fine stagione, ma c'è anche la possibilità che continui a giocare, una cosa che mi augurerei da suo tifoso personale". "Al momento io osservo attentamente - ha concluso Malagò - sono uno spettatore molto interessato. Chi farà bottino pieno? Mi sembra un parolone, perché per fare bottino pieno servono numeri e consensi importanti, che tra l'altro sarebbero indispensabili in un momento come questo".

15:19C.destra: Udc-Nci, vicini a accordo con alleati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Siamo vicini all'accordo risolvendo positivamente i nodi tra Udc-Noi con l'Italia e gli altri membri della coalizione del centrodestra. Siamo in dirittura d'arrivo". Così in una nota congiunta il presidente Lorenzo Cesa e il capo della formazione politica Raffaele Fitto.

15:13Antagonista denunciò autista Salvini, giudice archivia

(ANSA) - BOLOGNA, 19 GEN - L'8 novembre 2014 l'autista di Matteo Salvini non poteva comportarsi diversamente, a tutela della sua incolumità e delle persone a bordo: quando partì con l'auto, agì per legittima difesa. E' un passaggio del giudice di pace Cristina Piazza che ha archiviato il fascicolo per lesioni nato dalla denuncia di Loris Narda, antagonista del collettivo Hobo che quel giorno contestò il leader della Lega, salendo sul cofano della vettura, all'ingresso di un campo nomadi alla periferia di Bologna. Per l'assalto alla macchina, a cui fu spaccato il lunotto, Narda e altri furono denunciati. Il giudice, accogliendo la richiesta di archiviazione del pm Valter Giovannini, sottolinea che la ricostruzione dei fatti della Procura si è basata su elementi oggettivi, la visione dei filmati, "che non lasciano spazi a interpretazioni diverse". Quando partì "era in essere un'aggressione organizzata" e l'autista, quando si accorse dei manifestanti sull'auto, "non poteva conoscere quale epilogo potesse avere quell'aggressione". (ANSA).

15:07Gentiloni, ruolo cooperazione chiave anche contro terrorismo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire un contesto migliore di futuro anche per quello che riguarda i disagi sociali, i rischi connessi al terrorismo, le cause profonde dei grandi flussi migratori". Lo ha affermato il presidente del Consiglio in occasione della terza riunione del Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo (presenti tra gli altri i ministri Alfano, Galletti, Poletti) che si è tenuta oggi a Palazzo Chigi sottolineando la propria soddisfazione per i "risultati raggiunti dopo l'approvazione della legge del 2014 che ha ristrutturato il nostro sistema della cooperazione". "Non si può avere un ruolo di grande paese in politica estera e di grande player economico nella nostra regione se contemporaneamente non abbiamo la sinergia tra questo lavoro sulla cooperazione e la dimensione politica ed economica della nostra attività".

Archivio Ultima ora