Le divisioni nel Senato evitano la stretta sulle armi

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

stop-armi

Flavia Romani

NEW YORK – Indignazione, ira e tanta frustrazione. Questo il clima che si respira nella Casa Bianca dopo l’ennesimo muro contro muro tra repubblicani e democratici nel Senato. Al centro del dibattito vi erano ben quattro progetti di legge – due repubblicani e due democratici – per porre controlli più stringenti non al possesso di armi da fuoco ma alla loro vendita indiscriminata. Dopo ore di discussione, uno dopo l’altro i disegni di legge sono stati bocciati.

L’ira del presidente Obama è stata espressa, con energia e senza mezzi termini, da JoshEarnest, portavoce della Casa Bianca, in diretta Tv.

– Abbiamo assistito ad una vergognosa dimostrazione di vigliaccheria – ha commentato Earnest.

Il capo dello Stato non vorrebbe abbandonare la Casa Bianca senza prima aver lasciato in eredità agli americani una legge che permetta di controllare la vendita di armi e, quindi, evitare altri eccidi a mano di terroristi o di persone con squilibri mentali. Ma pare ormai inevitabile che, dopo otto anni e due mandati, resterà al prossimo presidente la responsabilità di confrontarsi, come ha fatto lui stesso specialmente negli ultimi mesi, con la “National Riffle Association”, la potente lobby delle armi negli Stati Uniti.

Capitol Hill ha avuto l’occasione di cambiare il rapporto dell’America con le armi e di fare storia. Ma in ballo ci sono interessi troppo forti e quindi dall’altra parte non ha trovato quel pizzico di comprensione e tolleranza che avrebbero fatto la differenza. Al contrario, i senatori si sono affrontati a muso d’uro annullandosi a vicenda. In Parlamento si vive una situazione di stallo dalla quale pare non si riesca a uscire.

L’approvazione di una Legge che regolasse la vendita delle armi da fuoco, stando all’opinione pubblica, era un provvedimento urgente, reso necessario dalla recentissima strage di Orlando che, con le sue 49 vittime innocenti, è considerata la sparatoria più sanguinosa degli “States”.

L’“impasse” nel Congresso ha permesso alla “National Riffle Association” di alzare la propria voce per ammonire i politici, in particolare i democratici, e ribaltare opportunamente le accuse seguendo il giochetto di Trump.

“Gli alleati del presidente Obama – ha affermato la NRA – hanno dimostrato di essere più interessati ai giochi politici che ad affrontare la mancata capacità di tenere gli americani al sicuro dalla minaccia dell’Islam”.

Se da un lato il Parlamento mostra tutta la sua debolezza e incapacità di affrontare serenamente un dibattito importante, come quello sull’eccesso di armi nelle case degli americani, dall’altro il dibattito politico che coinvolge i candidati alla presidenza ha abbandonato definitivamente i limiti delle primarie.

Hillary Clinton, dopo l’estenuante campagna delle primarie, ha attaccato il Tycoon newyorchese sostenendo che è come la Brexit, se non peggio.

– Dovesse diventare presidente – ha detto l’ex First Lady – scatenerà il panico globale, riporterà l’economia in recessione e provocherà il default.

L’ex Segretario di Stato approfitta l’apparente momento di debolezza del magnate del mattone per attaccare frontalmente, soprattutto nell’ambito economico. Infatti, senza mezzi termini definisce Trump un pericolo per gli Stati Uniti la cui economia, sostiene, Obama è riuscito a risollevare dal baratro.

Per Clinton, una presidenza di Trump negli States equivarrebbe al disastro che provocherebbe una Brexit. L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, secondo la candidata democratica, avrebbe effetti devastanti su tutti i paesi tanto da mettere in allarme le principali piazze finanziarie del mondo, e lo stesso vale per una possibile presidenza di Trump che costituirebbe, a parere di Hillary, una minaccia per il mondo.

Trump, dal canto suo, noncurante di quanto afferma la sua opponente, si è recato in Gran Bretagna per inaugurare un esclusivo resort nella località di Ayrshire, acquistato nel 2014 per 51 milioni di dollari e ora completamente ristrutturato.
Trump non si è mai espresso esplicitamente sull’argomento ma, in alcune occasioni, ha sostenuto che per il Regno Unito l’uscita dall’Unione potrebbe essere la miglior soluzione.

Ultima ora

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

Archivio Ultima ora