Le divisioni nel Senato evitano la stretta sulle armi

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

stop-armi

Flavia Romani

NEW YORK – Indignazione, ira e tanta frustrazione. Questo il clima che si respira nella Casa Bianca dopo l’ennesimo muro contro muro tra repubblicani e democratici nel Senato. Al centro del dibattito vi erano ben quattro progetti di legge – due repubblicani e due democratici – per porre controlli più stringenti non al possesso di armi da fuoco ma alla loro vendita indiscriminata. Dopo ore di discussione, uno dopo l’altro i disegni di legge sono stati bocciati.

L’ira del presidente Obama è stata espressa, con energia e senza mezzi termini, da JoshEarnest, portavoce della Casa Bianca, in diretta Tv.

– Abbiamo assistito ad una vergognosa dimostrazione di vigliaccheria – ha commentato Earnest.

Il capo dello Stato non vorrebbe abbandonare la Casa Bianca senza prima aver lasciato in eredità agli americani una legge che permetta di controllare la vendita di armi e, quindi, evitare altri eccidi a mano di terroristi o di persone con squilibri mentali. Ma pare ormai inevitabile che, dopo otto anni e due mandati, resterà al prossimo presidente la responsabilità di confrontarsi, come ha fatto lui stesso specialmente negli ultimi mesi, con la “National Riffle Association”, la potente lobby delle armi negli Stati Uniti.

Capitol Hill ha avuto l’occasione di cambiare il rapporto dell’America con le armi e di fare storia. Ma in ballo ci sono interessi troppo forti e quindi dall’altra parte non ha trovato quel pizzico di comprensione e tolleranza che avrebbero fatto la differenza. Al contrario, i senatori si sono affrontati a muso d’uro annullandosi a vicenda. In Parlamento si vive una situazione di stallo dalla quale pare non si riesca a uscire.

L’approvazione di una Legge che regolasse la vendita delle armi da fuoco, stando all’opinione pubblica, era un provvedimento urgente, reso necessario dalla recentissima strage di Orlando che, con le sue 49 vittime innocenti, è considerata la sparatoria più sanguinosa degli “States”.

L’“impasse” nel Congresso ha permesso alla “National Riffle Association” di alzare la propria voce per ammonire i politici, in particolare i democratici, e ribaltare opportunamente le accuse seguendo il giochetto di Trump.

“Gli alleati del presidente Obama – ha affermato la NRA – hanno dimostrato di essere più interessati ai giochi politici che ad affrontare la mancata capacità di tenere gli americani al sicuro dalla minaccia dell’Islam”.

Se da un lato il Parlamento mostra tutta la sua debolezza e incapacità di affrontare serenamente un dibattito importante, come quello sull’eccesso di armi nelle case degli americani, dall’altro il dibattito politico che coinvolge i candidati alla presidenza ha abbandonato definitivamente i limiti delle primarie.

Hillary Clinton, dopo l’estenuante campagna delle primarie, ha attaccato il Tycoon newyorchese sostenendo che è come la Brexit, se non peggio.

– Dovesse diventare presidente – ha detto l’ex First Lady – scatenerà il panico globale, riporterà l’economia in recessione e provocherà il default.

L’ex Segretario di Stato approfitta l’apparente momento di debolezza del magnate del mattone per attaccare frontalmente, soprattutto nell’ambito economico. Infatti, senza mezzi termini definisce Trump un pericolo per gli Stati Uniti la cui economia, sostiene, Obama è riuscito a risollevare dal baratro.

Per Clinton, una presidenza di Trump negli States equivarrebbe al disastro che provocherebbe una Brexit. L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, secondo la candidata democratica, avrebbe effetti devastanti su tutti i paesi tanto da mettere in allarme le principali piazze finanziarie del mondo, e lo stesso vale per una possibile presidenza di Trump che costituirebbe, a parere di Hillary, una minaccia per il mondo.

Trump, dal canto suo, noncurante di quanto afferma la sua opponente, si è recato in Gran Bretagna per inaugurare un esclusivo resort nella località di Ayrshire, acquistato nel 2014 per 51 milioni di dollari e ora completamente ristrutturato.
Trump non si è mai espresso esplicitamente sull’argomento ma, in alcune occasioni, ha sostenuto che per il Regno Unito l’uscita dall’Unione potrebbe essere la miglior soluzione.

Ultima ora

22:36Calcio: Spalletti, Inter non è quella che ha perso sabato

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - "Stiamo vicini ai nostri calciatori perché non sono quelli che hanno perso 3-1, ma che hanno fatto 40 punti in 17 partite e bisogna rendergli onore": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, a Inter Tv, durante la cena di Natale del club nerazzurro. "I tifosi sono una seconda squadra - continua - ne fanno parte, sono dietro le quinte e ci accompagnano. Ci hanno applaudito anche dopo la sconfitta e ci aiutano a diventare più forti. Io ho solo due vizi, calcio e famiglia, chiamiamoli amori più che vizi. L'hashtag di stasera? Speriamo sia Natale senza tregua di serenità, abbracci e divertimento. Cerchiamo di stare più vicini possibile a questi colori, so da dove siamo partiti e cosa ci siamo portati dietro, arrivano anche le difficoltà, dobbiamo attraversarle per completare il nostro percorso verso gli obiettivi".

22:32Calcio: arbitro Rocchi, bilancio primi mesi Var è positivo

(ANSA) - PAESTUM (SALERNO), 18 DIC - "Il bilancio dei primi mesi con la Var è assolutamente positivo, si sapeva che le polemiche sarebbero arrivate. E' un momento decisivo per il campionato, dunque c'era da aspettarsele. Chiaramente siamo in una fase di rodaggio e il rodaggio prevede sempre qualche piccola difficoltà, che ci servirà per fare esperienza". Così Gianluca Rocchi traccia un bilancio dopo i primi mesi di Var in Italia, parlando a margine della 7/a edizione degli Italian sport awards, in corso a Paestum (Salerno). "Purtroppo le nostre esperienze nascono e passano da alcuni errori - prosegue l'arbitro fiorentino -. Bisogna che si accetti l'errore e chiaramente fare in modo che non si ripeta. L'arbitro rimane l'arbitro ed è quello che prende l'ultima decisione. La Var, secondo me, non deve essere invasiva, ma un supporto fondamentale laddove l'arbitro non arriva, o non vede una cosa o la vede palesemente sbagliata".

21:55Bellomo:ex corsista a pm Bari,altre 4 ragazze vittime

(ANSA) - BARI, 18 DIC - "Sono stata contattata da quattro ragazze che hanno avuto un'esperienza simile in altri anni e in altre città. Mi hanno ringraziata dicendomi che adesso hanno anche loro il coraggio perché sanno di non essere sole". Lo ha detto Rosa Calvi, avvocatessa 28enne di Cerignola (Foggia), al termine dell'audizione in Procura di Bari come persona informata sui fatti nell'ambito dell'indagine per estorsione a carico del consigliere di Stato Francesco Bellomo. Un mese dopo l'inizio delle lezioni, ha raccontato, sarebbe stata scelta fra sette ragazze per ottenere una borsa di studio ma la condizione era la firma del contratto che prevedeva, fra le altre cose, abiti succinti e trucco marcato. Bellomo le avrebbe anche detto di perdere peso, di farsi punturine per le occhiaie e avrebbe tentato di baciarla. "Io vengo prima di tuo fratello" le avrebbe detto quando lei gli disse di voler tornare a casa e per più di un mese lui avrebbe tentato di convincerla, dicendo "che ero una stupida a dire di no".

21:39Calcio: caso Ljajic, respinto il ricorso della Roma

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Collegio di Garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato l'8 novembre 2017 dalla Roma nei confronti della Fiorentina, della Figc e della Lega Serie A, contro la decisione della Corte Federale d'Appello sul caso dell'attaccante Adem Ljajic, ora al Torino, relativo al contratto di cessione dell'attaccante dalla Fiorentina al club giallorosso ed in particolare al pagamento del premio di rendimento. La Roma dovrà quindi pagare un milione di euro (più 5.000 a titolo di spese) in favore della Fiorentina per la corresponsione del "premio di rendimento" allegato al contratto stipulato tra le due società il 28 agosto 2013, nell'ambito dell'accordo di cessione delle prestazioni professionali sportive del calciatore Ljajic.

21:38Sci: Cdm, Olsson vince parallelo gigante di Alta Badia

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 18 DIC - Lo svedese Matt Olsson ha vinto lo slalom gigante parallelo di Coppa del mondo di Alta Badia. Secondo il norvegese Erik Kristoffersen e terzo l'austriaco Marcel Hirscher. Kristoffersen e' passato in testa alla classifica generale di coppa del mondo. Male, ancora una volta in questa disciplina, l'Italia con cinque atleti al via su 32 partecipanti. Manfred Moelgg, Florian Eisath e Riccardo Tonetti sono stati eliminati gia' ai sedicesimi. Roberto Nani e Luca De Aliprandini sono invece stati battuti subito dopo agli ottavi., La prossima gara sara' venerdi' sera: slalom speciale a Madonna di Campiglio.

21:26Calcio: voci dimissioni Gattuso, Milan smentisce

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Nella giornata convulsa in cui è stata annullata la cena fra squadra e dirigenza ed è stato deciso il ritiro a oltranza, si sono diffuse voci, rilanciate dai social e smentite dal club, secondo cui Rino Gattuso, contrariato per l'atteggiamento rilassato dei giocatori dopo la sconfitta di ieri Verona, oggi avrebbe presentato le sue dimissioni, respinte dalla società. Il Milan ha definito questa versione "assolutamente falsa" e via social ha chiarito che Gattuso era a Casa Milan per programmare il lavoro da svolgere in ritiro, che è stato deciso in maniera "condivisa" con la società.

21:16Natale: da Chef stellato pranzo gourmet per detenuti Verona

(ANSA) - VERONA, 18 DIC - Pranzo gourmet firmato dallo chef 'bistellato' Giancarlo Perbellini oggi per i detenuti del carcere di Montorio a Verona. Il cuoco veronese stamane è entrato nella Casa Circondariale per un'iniziativa speciale. Perbellini, a capo di ristorante insignito di due stelle dalla Guida 'rossa', ha cucinato insieme alla sua brigata un pranzo per oltre un centinaio tra detenuti e detenute, familiari e volontari del carcere di Montorio, aderendo al progetto nazionale di solidarietà "L'alt(r)A cucina...per un pranzo d'amore". L'iniziativa porta nelle carceri italiane pranzi stellati preparati da grandi chef e serviti da testimonial del mondo dello spettacolo, offrendo ai detenuti una giornata particolare e diversa. "Abbiamo portato un sorriso al palato dei detenuti - ha dichiarato Perbellini - E' stata un'esperienza irripetibile. La brigata è stata fiera di far gustare la nostra cucina a persone molto meno fortunate di noi".

Archivio Ultima ora