Tensione sull’Italicum, in Senato prima scossa al governo

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

L'aula del Senato

L’aula del Senato

ROMA. – Arriva come prevedibile da un centro in tempesta la prima scossa post-Comunali al governo. E arriva al Senato, terra di numeri risicati e di maggioranze composite. Casus belli è un emendamento FI al ddl terrorismo sul quale governo e maggioranza danno parere contrario: ma, complice il voto di Ala con l’opposizione, la spaccatura di Ap e alcune assenze nel Pd, l’esecutivo va sotto.

“Nessun messaggio politico”, si affrettano a spiegare centristi e verdiniani. Ma l’episodio è lo specchio innegabile delle forti tensioni in Ap e delle fibrillazioni di Ala in un contesto dove nei confronti del premier Matteo Renzi sale il pressing degli alleati centristi – e anche del Pd – per una modifica dell’Italicum.

L’emendamento FI che aumenta le pene per atti di terrorismo nucleare viene quindi approvato con 102 sì, 92 no e 4 astenuti. Quindici su 31 i senatori Ap assenti mentre in 9 votano contro il governo. E contro il governo vota anche Ala.

“Una scelta basata su aspetti tecnici” sottolinea Ciro Falanga replicando all’azzurro Renato Brunetta che parla di “primo pizzino di Verdini”. Nulla di premeditato, insistono in Ala osservando tuttavia come quanto accaduto mostri che il gruppo, complice anche una manciata di assenze in Aula, sia indispensabile.

Diverse le dinamiche in Ap. Si fa via via più larga la spaccatura tra chi, stanco di quello che viene percepito come “ruolo residuale”, vorrebbe uscire dal governo (in direzione centrodestra) ben prima del referendum e chi invece assicura lealtà a Renzi fino ad ottobre. La settimana prossima una riunione dei senatori con Alfano farà il punto e il rischio di una resa dei conti è altissimo.

Su un tema, tuttavia, tutti i centristi concordano: l’Italicum va modificato prevedendo, innanzitutto, che il premio di maggioranza vada alla coalizione e non alla lista. E l’obiettivo di arrivare al premio di coalizione – conditio sine qua non per un’alleanza con Renzi che non si riduca ad una corsa al listone – sfiora un po’ tutti i partiti, da Fi a Sc, che con Enrico Zanetti sottolinea: “Modificando la legge elettorale, si toglierebbero alibi al No al referendum di una parte di elettorato moderato”.

Il punto è quello dell’opportunità politica di un dietrofront di tale portata. Anche per questo nel Pd finora c’era stata sempre una ferrea chiusura. Ma, nei giorni del Post-Comunali arrivano anche tra i Dem le prime aperture. “Va fatta una riflessione. Noi abbiamo pensato l’Italicum in un momento diverso. Credo che Renzi farà una riflessione seria”, sottolinea Emanuele Fiano, capogruppo Dem in commissioni Affari Costituzionali.

E se la minoranza riunita al Nazareno ribadisce che l’Italicum va cambiato la tentazione di una modifica della legge elettorale – sulla quale pende, ad ottobre, il giudizio della Consulta – si fa spazio anche nella maggioranza interna che, peraltro, interpreta l’incidente al Senato come un chiaro segnale di Verdini.

Ma non tutti i senatori Pd erano in Aula. In 6-7, sembrerebbe, hanno lasciato l’Assemblea al momento del voto e se c’è chi punta il dito sulla minoranza c’è anche chi osserva come le assenze siano state trasversali e abbiano coinvolto anche esponenti della maggioranza. Segno dell’improvviso ribollire delle correnti interne ai piedi del Nazareno.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

13:44Maltempo: Regione Marche diffida l’Enel

(ANSA) - ANCONA, 24 GEN - ''Presenteremo una diffida alla procura della repubblica per interruzione di pubblico servizio da parte dell'Enel. Sono ancora 150 le utenze interrotte nell'Ascolano. La situazione non è più sostenibile. La popolazione è allo stremo delle forze dopo giorni e giorni senza corrente elettrica e riscaldamento. A nulla sono valsi i ripetuti appelli rivolti all'Enel per risolvere il problema''. Lo afferma l'assessore alla Protezione civile delle Marche Angelo Sciapichetti, che segue costantemente la situazione dell'emergenza neve, aggravata dalle ultime scosse sismiche.

13:39Italicum: presidente Corte Costituzionale chiede ‘brevità’

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Procede l'udienza a Palazzo della Consulta sul giudizio di legittimità costituzionale dell' Italicum. Dopo una breve camera di consiglio, i giudici hanno escluso le istanze di costituzione avanzate dal Codacons e da altri cittadini elettori. La giornata è iniziata con gli interventi dei legali che chiedevano di essere ammessi come parti del giudizio. Interventi punteggiati dalle raccomandazioni del presidente della Corte, Paolo Grossi, che ha suggerito "brevità" e di "attenersi ai ricorsi". La parola è passata ora agli avvocati anti-Italicum. Da Grossi è arrivata la preghiera di concludere per "non esasperare la Corte", infine il rimprovero: "sta abusando della nostra pazienza". Così il presidente della Corte, Grossi, in un acceso scambio con il primo degli avvocati anti-Italicum, Vincenzo Palumbo, ha ammonito anche gli altri legali che si apprestano a prendere la parola. Grossi ha fatto due raccomandazioni: essere sintetici nelle esposizioni delle ragioni di ricorso e non riproporre le stesse argomentazioni.

13:20Sci: gigante San Vigilio con 7 azzurre in 2/a manche

(ANSA) - San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones (Bolzano), 24 gen - Sono ben sette le azzurre classificatesi tra le migliori trenta nella 1/a manche dello slalom gigante di cdm di San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones ed ammesse pertanto alla 2/a decisiva manche alle ore 12,30. Sono Federica Brignone 1/a, Marta Bassino 3/a, Sofia Goggia 7/a, Elena Curtoni 14/a, Francesca Marsaglia 15/a, Manuela Moelgg 17/a e Irene Curtoni 18/a.

13:12Tennis: sarà “derby” svizzero Federer-Wawrinka

ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Derby" svizzero nelle semifinali maschili degli Australian Open di tennis, con la sfida fra Roger Federer e Stanislas Wawrinka, in campo giovedì. "Derby" che va ad aggiungersi a quello nel torneo femminile fra le statunitensi Venus Williams e Coco Vandeweghe. Il numero 17 del mondo e del tabellone ha sconfitto il tedesco Mischa Zverev, n. 50, per 6-1, 7-5, 6-2; Wawrinka, n. 4, ha prevalso sul francese Jo-Wilfried Tsonga, n. 12, per 7-6, 6-4, 6-3. Sarà il 22/o confronto fra i due campioni elvetici, con Federer avanti 18-3.

13:11Terremoto: Cantone e Errani a Palazzo Chigi

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Il presidente dell'Anac Raffaele Cantone è a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Nella sede del governo è giunto anche il commissario per il terremoto Vasco Errani.

13:07Terremoto: Marche, solo 2 stalle in 5 mesi su 370 necessarie

(ANSA) - ANCONA, 24 GEN - A cinque mesi dal sisma sono due le stalle mobili completate sulle 370 necessarie per gli allevatori terremotati delle Marche, ovvero lo 0,5 per cento del totale, mentre mancano ancora 150 moduli fienile, necessari per stoccare il foraggio per gli animali. Lo denuncia la Coldiretti regionale, nel tracciare un bilancio dei danni nelle campagne colpite dal terremoto iniziato il 24 agosto scorso, sulla base dei dati forniti dalla Regione Marche. Ai danni materiali e alla perdita di vite umane si somma ''una vera e propria strage di bestiame in una situazione in cui solo nelle Marche, denuncia la Coldiretti, si contano 600 mucche e 5 mila pecore al freddo nelle neve senza ripari, per i ritardi accumulati, aggravati dal maltempo''. "Davanti ad un disastro annunciato ci muoveremo per individuare le responsabilità e agire di conseguenza insieme ai nostri allevatori''.

13:04Terremoto: ad Arquata centro con fondi consiglieri M5S

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Un centro polifunzionale destinato alla popolazione del Comune di Arquata del Tronto sarà allestita con i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali marchigiani del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi. Lo comunicano i deputati M5S eletti nelle marche Andrea Cecconi, Donatella Agostinelli e Patrizia Terzoni. "Un luogo pubblico destinato a primo ricovero e punto di ritrovo in caso di sisma, a centro culturale e a luogo di ricovero delle opere d'arte che fanno parte di questo nostro territorio. La delibera della giunta del Comune ha appena stabilito che i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi, saranno destinati alla realizzazione di un centro polifunzionale. Ringraziamo i nostri cittadini portavoce per questo gesto di attenzione e solidarietà nei confronti della comunità marchigiana che ha pagato il maggior tributo di sangue al terremoto che ha colpito il centro Italia il 24 agosto scorso", si legge nella nota.(ANSA).

Archivio Ultima ora