Euro2016: Conte al bivio dentro o fuori, incognita Candreva

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

Italy's players  in action during the Italian national soccer team's training session at Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France , 9 June 2016. Ansa /Daniel Dal Zennaro

Italy’s players in action during the Italian national soccer team’s training session at Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France , 9 June 2016. Ansa /Daniel Dal Zennaro

MONTPELLIER (FRANCIA). – E’ tempo dei verdetti definitivi per l’Europeo di Antonio Conte. Lunedì contro la Spagna l’ottavo di finale è la prima sfida da dentro o fuori, e il commissario tecnico che ha riacceso l’entusiasmo del tifo – anche l’ultimo dato tv parla chiaro: quasi 18 milioni per Italia-Irlanda – ha già annusato l’aria.

“Cosa devo dire della Spagna, se non che è fortissima? Ma si gioca in campo, e se poi dovessimo uscire sono gli altri a dover parlare di delusione o no, mi riferisco a quelli che giudicano…”, la risposta piccata dopo il ko di Lille, di fronte alla prospettiva di un’inversione di rotta dell’opinione comune sulla sua nazionale operaia.

“Non dimentichiamo da dove siamo partiti”: è in questa frase ripetuta come un mantra la sintesi dello stato d’animo di Conte e di tutti i suoi, silenziosi sull’aereo di ritorno in ritiro dalla sconfitta con gli irlandesi.

Il ribaltone dei giudizi, dall’esaltazione delle prime due vittorie ai mugugni per la sconfitta a qualificazione in tasca, fino a un eventuale bocciatura in caso di eliminazione contro gli spagnoli, quello sì sarebbe vissuto come una vera e propria pugnalata: al di là di qualche sporadica rivendicazione, vedi Florenzi, dal ct a Buffon la consapevolezza di un tasso tecnico complessivamente non all’altezza è sempre stata esplicita.

E allora questo in sostanza chiedono, tutti gli azzurri: giudicateci per l’impegno, non per il risultato punto e basta. E non è detto che il risultato sia scontato, ha fatto anche notare ieri il ct azzurro. Alla squadra da schierare lunedì a Parigi Conte sta pensando da tempo.

Esattamente dal fischio finale di Italia-Svezia. L’incognita maggiore è Candreva, dubbio non da poco: il centrocampista è uscito dal campo di Tolosa con un infortunio agli adduttori, ha lavorato a parte fino a ieri quando è tornato a lavorare con una parte del gruppo, quella dei giocatori impegnati nella partita contro l’Irlanda e sottoposti a lavoro di scarico.

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Per lo staff azzurro, l’esterno della Lazio è ancora in dubbio. Conte si è detto fiducioso, ma sa anche di dover cercare alternative. E qui il discorso si complica. Candreva è unico, nel panorama non variegato dei 23 azzurri, per capacità di copertura, corsa e pericolosità sulla fascia.

L’alternativa Bernardeschi non ha dato garanzia di poter sostituire l’infortunato, anche se c’è da fare i conti con la fisicità degli irlandesi. Paradossalmente, la prestazione dell’altro giorno ha indicato questo a Conte: ci sono giocatori in grado di subentrare, ma dal primo minuto le risposte sono meno rassicuranti.

Così Zaza, pur molto dinamico, ha convinto meno che con la Svezia. Le difficoltà di Immobile sono certificate dai richiami continui (in un paio di casi anche con risposte evidentemente non gradite), così come Sturaro ha fatto arrabbiare non poco Conte.

Insigne invece ha risposto alle richieste, confermando di essere carta di riserva per emergenze: deve averlo capito anche lui, a giudicare da qualche nervosismo finale.

L’ossatura dell’Italia antiSpagna è in ogni caso chiara, visti anche i giorni a disposizione dei titolari per prepararsi. Con Buffon e il terzetto difensivo juventino (tutti e tre sotto diffida, come altri sette azzurri: ma questo è un discorso che riguarda un futuro meno prossimo) si torna al centrocampo originale: Parolo e Giaccherini gran corridori al lato di De Rossi, incoronato da Le Monde e da giornalisti e tifosi irlandesi (“davvero non gioca?”, era il ritornello soddisfatto prima del match).

Così anche Pellè-Eder si riprenderanno la maglia. Restano gli esterni: Darmian, De Sciglio e Florenzi sono in lotta per due maglie, se Candreva non dovesse farcela. A tutti loro in ogni caso Conte prima della Spagna tornerà a chiedere di “dare il 110%,” per non aver rimpianti, per passare o uscire senza se o senza ma. Se poi non sarà compreso, Conte avrà che dire.

Ultima ora

22:32Calcio: Lotito, “Keita? Nessuna offerta da Inter e Juve”

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Le offerte arrivate per Keita? Quella del West Ham è pubblica. Le offerte di Juventus e Inter non sono arrivate. Dall'estero sì". Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, commenta così la situazione sulla possibile partenza di Keita, ormai separato in casa con il club biancoceleste. "Io con Keita osservo, faccio l'osservatore. Per Keita sono arrivate diverse offerte importanti. Abbiamo lasciato libero di scegliere il giocatore. La società troverà le soluzioni adeguate", ha aggiunto Lotito parlando dal ritiro di Auronzo di Cadore. Riguardo al rinnovo de giocatore "non ho proposto nulla, non sono un operatore di mercato. Abbiamo tanti ruoli in società, ognuno fa il suo. Il mercato non lo faccio io".

22:19Nuoto: Mondiali sincro, il misto libero in finale

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il "Paradiso perduto" del campione del mondo Giorgio Minisini e della sua partner del misto libero Mariangela Perrupato è in finale ai Mondiali di sincronizzato, in corso a Budapest. Ingresso con il secondo punteggio della routine: 90.8333 punti e "si può fare ancora meglio", assicurano i protagonisti, ma "oggi era importante rompere il ghiaccio". Meglio di tutti fanno i russi: Mikhaela Kalancha e Aleksandr Maltsev ricevono di più, 92.0000 e gli statunitensi Bill May e Kanako Kitao Splendlove sono terzi con 88.0333. Domani alle 19 la finale.

21:17Incendi Vesuvio: interventi sul campo per prevenire roghi

(ANSA) - NAPOLI, 21 LUG - Rafforzare il meccanismo di controllo del territorio e il tempestivo avvistamento degli incendi. E' la priorità scaturita dall'incontro in Prefettura a Napoli sulla emergenza roghi che sta interessando il versante del Vesuvio. Al tavolo oltre al Prefetto di Napoli, Carmela Pagano, c'erano i tredici sindaci (o loro delegati) della Comunità del Parco Nazionale del Vesuvio: Boscoreale, Boscotrecase, Ercolano, Massa di Somma, Ottaviano, Pollena Trocchia, San Giuseppe Vesuviano, San Sebastiano al Vesuvio, Sant'Anastasia, Somma Vesuviana, Terzigno, Torre del Greco, Trecase. ''L'incontro ha assolto egregiamente la sua finalità, cioè creare un piu' forte coordinamento tra tutti gli attori istituzionali che sono chiamati in causa da eventi come gli incendi boschivi, in modo da ottimizzare le risorse che di certo non sono illimitate'', ha spiegato il prefetto a termine della riunione che ha definito ''molto collaborativa e concreta''.

21:14Calcio: la Spal prende difensore finlandese Vaisanen

(ANSA) - BOLOGNA, 21 LUG - La Spal ha reso noto di aver acquisito a titolo definitivo dalla società svedese AIK Solna il calciatore finlandese Sauli Aapo Kasperi Vaisanen. Difensore, classe '94, ha firmato un contratto che lo legherà alla società biancazzurra fino al 30 giugno 2020, con opzione per la quarta stagione. Lo scorso anno il giocatore ha esordito nella nazionale maggiore della Finlandia, con cui fino ad ora ha totalizzato sei presenze.

20:45Terremoti: italiani arrivati a Bologna, ‘salvi per miracolo’

(ANSA) - BOLOGNA, 21 LUG - "Eravamo fuori a bere, poi ha cominciato a ballare tutto e a 20 metri da noi è crollato un palazzo". Comincia così il racconto di Mattia Girolami e Stefano Valori, 19enni della provincia di Lucca atterrati alle 18.37 a Bologna da Kos."È stata una scossa fortissima, abbiamo fatto appena in tempo ad aggrapparci a una ringhiera e scappare, mentre l'acqua cominciava a salire, ma per fortuna si è fermata". Attorno a loro, il panico: ''Subito si è formata una calca enorme, la gente ci veniva addosso, ma dopo un'ora la situazione è tornata alla normalità". Tanta paura anche per la lucchese Michela Nelli e i suoi 2bambini: "È stata un'esperienza bruttissima - racconta - eravamo sulla costa quando abbiano sentito una scossa fortissima, non riuscivo a raggiungere la camera dei bambini. Siamo salvi per miracolo, ci trovavamo vicino al centro, la zona è stata molto danneggiata. Abbiamo preso una macchina e siamo andati sopra una collina, praticamente abbiamo passato lì tutta la giornata. Non lo dimenticherò mai".

20:43Afghanistan: attacco talebani, uccisi 30 agenti

(ANSA) - KABUL, 21 LUG - Giornata di sangue per le forze di polizia afghane. Almeno 30 agenti sono stati uccisi in un attacco dei talebani nella provincia settentrionale di Badakhshan, mentre altri 12 poliziotti sono morti per 'fuoco amico' in un raid aereo americano in appoggio ad un'operazione dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Helmand. Nel primo caso, i talebani hanno sparato e ucciso 30 agenti nel distretto di Tagab anche se un consigliere locale, Kamil Beg Husaini, riferisce che le vittime sono 35.

20:35Terremoto: scossa 3,6 gradi tra Veneto e Lombardia

(ANSA) - VERONA, 21 LUG - Una scossa di terremoto di magnitudo 3,6 è stato avvertito questa sera nel veronese e in nei comuni confinanti del bresciano. La scossa, che ha avuto epicentro a 8 km di profondità, in una zona ad una dozzina di chilometri da Crone (Brescia), è durata qualche secondo ed è stata sentita distintamente nella città scaligera, soprattutto da chi abita ai piani più alti di palazzi e condomini. Il movimento tellurico è stato avvertito anche in molti paesi della sponda veronese del lago di Garda. Non risulta tuttavia la segnalazione di danni.

Archivio Ultima ora