Euro2016: Conte al bivio dentro o fuori, incognita Candreva

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

Italy's players  in action during the Italian national soccer team's training session at Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France , 9 June 2016. Ansa /Daniel Dal Zennaro

Italy’s players in action during the Italian national soccer team’s training session at Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France , 9 June 2016. Ansa /Daniel Dal Zennaro

MONTPELLIER (FRANCIA). – E’ tempo dei verdetti definitivi per l’Europeo di Antonio Conte. Lunedì contro la Spagna l’ottavo di finale è la prima sfida da dentro o fuori, e il commissario tecnico che ha riacceso l’entusiasmo del tifo – anche l’ultimo dato tv parla chiaro: quasi 18 milioni per Italia-Irlanda – ha già annusato l’aria.

“Cosa devo dire della Spagna, se non che è fortissima? Ma si gioca in campo, e se poi dovessimo uscire sono gli altri a dover parlare di delusione o no, mi riferisco a quelli che giudicano…”, la risposta piccata dopo il ko di Lille, di fronte alla prospettiva di un’inversione di rotta dell’opinione comune sulla sua nazionale operaia.

“Non dimentichiamo da dove siamo partiti”: è in questa frase ripetuta come un mantra la sintesi dello stato d’animo di Conte e di tutti i suoi, silenziosi sull’aereo di ritorno in ritiro dalla sconfitta con gli irlandesi.

Il ribaltone dei giudizi, dall’esaltazione delle prime due vittorie ai mugugni per la sconfitta a qualificazione in tasca, fino a un eventuale bocciatura in caso di eliminazione contro gli spagnoli, quello sì sarebbe vissuto come una vera e propria pugnalata: al di là di qualche sporadica rivendicazione, vedi Florenzi, dal ct a Buffon la consapevolezza di un tasso tecnico complessivamente non all’altezza è sempre stata esplicita.

E allora questo in sostanza chiedono, tutti gli azzurri: giudicateci per l’impegno, non per il risultato punto e basta. E non è detto che il risultato sia scontato, ha fatto anche notare ieri il ct azzurro. Alla squadra da schierare lunedì a Parigi Conte sta pensando da tempo.

Esattamente dal fischio finale di Italia-Svezia. L’incognita maggiore è Candreva, dubbio non da poco: il centrocampista è uscito dal campo di Tolosa con un infortunio agli adduttori, ha lavorato a parte fino a ieri quando è tornato a lavorare con una parte del gruppo, quella dei giocatori impegnati nella partita contro l’Irlanda e sottoposti a lavoro di scarico.

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Per lo staff azzurro, l’esterno della Lazio è ancora in dubbio. Conte si è detto fiducioso, ma sa anche di dover cercare alternative. E qui il discorso si complica. Candreva è unico, nel panorama non variegato dei 23 azzurri, per capacità di copertura, corsa e pericolosità sulla fascia.

L’alternativa Bernardeschi non ha dato garanzia di poter sostituire l’infortunato, anche se c’è da fare i conti con la fisicità degli irlandesi. Paradossalmente, la prestazione dell’altro giorno ha indicato questo a Conte: ci sono giocatori in grado di subentrare, ma dal primo minuto le risposte sono meno rassicuranti.

Così Zaza, pur molto dinamico, ha convinto meno che con la Svezia. Le difficoltà di Immobile sono certificate dai richiami continui (in un paio di casi anche con risposte evidentemente non gradite), così come Sturaro ha fatto arrabbiare non poco Conte.

Insigne invece ha risposto alle richieste, confermando di essere carta di riserva per emergenze: deve averlo capito anche lui, a giudicare da qualche nervosismo finale.

L’ossatura dell’Italia antiSpagna è in ogni caso chiara, visti anche i giorni a disposizione dei titolari per prepararsi. Con Buffon e il terzetto difensivo juventino (tutti e tre sotto diffida, come altri sette azzurri: ma questo è un discorso che riguarda un futuro meno prossimo) si torna al centrocampo originale: Parolo e Giaccherini gran corridori al lato di De Rossi, incoronato da Le Monde e da giornalisti e tifosi irlandesi (“davvero non gioca?”, era il ritornello soddisfatto prima del match).

Così anche Pellè-Eder si riprenderanno la maglia. Restano gli esterni: Darmian, De Sciglio e Florenzi sono in lotta per due maglie, se Candreva non dovesse farcela. A tutti loro in ogni caso Conte prima della Spagna tornerà a chiedere di “dare il 110%,” per non aver rimpianti, per passare o uscire senza se o senza ma. Se poi non sarà compreso, Conte avrà che dire.

Ultima ora

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

21:38Pop.Vicenza: nuovo interrogatorio Zonin, 5 ore davanti Pm

(ANSA) - VICENZA, 24 MAR - E' durato fino al primo pomeriggio il nuovo interrogatorio di Gianni Zonin, l'ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, indagato per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza. Zonin, che era già stato sentito una prima volta mercoledì scorso, è rimasto per oltre cinque ore davanti ai pubblici ministeri Gianni Pipeschi e Luigi Salvadori, che conducono l'inchiesta sul tracollo dell'istituto di credito berico. L'ex presidente, da quanto si è appreso, ha risposto a tutte le domande di merito fatte dai magistrati e non dovrebbero essere previsti altri interrogatori. I Pm non avrebbero mosso a Zonin nuove contestazioni, e l'ex presidente avrebbe sostanzialmente ribadito la sua estraneità alle vicende di natura penale al centro delle indagini coordinate dalla procura vicentina.

21:20Studente morto a Valencia: legale ‘chiesta nuova autopsia’

(ANSA) - ANCONA, 24 MAR - ''Ho già inoltrato alla procura di Roma una richiesta di nuova autopsia''. Lo ha detto all'ANSA l'avv. Igor Giostra, legale della famiglia di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto in casa a Valencia, dove frequentava l'Erasmus, con tre coltellate al petto, che secondo la polizia spagnola si sarebbe auto inflitto. La salma rientra in queste ore in Italia, a Fiumicino. Ma bisognerà attendere il nulla osta per il passaporto mortuario prima del trasferimento a Fermo. Sulle modalità del decesso del giovane, iscritto a Ingegneria a Torino, la famiglia nutre molti dubbi. Se ieri il padre Stefano sembrava aver accettato la tesi del suicidio (''non c'è alcun giallo da alimentare, né questioni da porre o chiarezze da chiedere''), la madre, Erminia Fidanza, avvocato, rileva: ''sul corpo ci sono tre ferite da coltello, inferte con una lama di soli 7 cm: il primo colpo te lo puoi procurare, il secondo già mi pare difficile, ma il terzo...''. Ora sarà la magistratura italiana a fare chiarezza.

21:07Sicurezza: giudice Treviso “si arma”, Anm Veneto si dissocia

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAR - "La Giunta veneta dell'Associazione nazionale magistrati resta sgomenta dinanzi alle esternazioni pubbliche del collega Angelo Mascolo, dallo stesso inviate ai giornali locali, e se ne dissocia e riservandosi di interessarne il collegio dei probiviri per le valutazioni disciplinari". Lo si legge in una nota dell'Anm veneta in riferimento alle affermazioni del giudice trevigiano che, sentendosi non protetto dallo Stato, ha deciso di armarsi. "I magistrati veneti, a differenza del collega Mascolo - rileva l'Anm -, credono profondamente nello Stato e si impegnano ogni giorno a difenderlo e a difendere tutti i cittadini senza ricorrere alla violenza o alle forme di vendetta e omicidio che il collega Mascolo richiama a sproposito e pare anzi auspicare; lo fanno, ogni giorno, nel rispetto delle leggi e dei principi di civiltà giuridica che connotano il nostro paese e che hanno consentito di debellare il terrorismo politico e ridimensionare la mafia".

20:38Calcio: Lega Pro, Taranto-Paganese si recupera il 19 aprile

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Taranto-Paganese, la gara di Lega Pro (girone C) originariamente in programma domenica ma rinviata in seguito all'aggressione subita mercoledì scorso da calciatori, tecnici e dirigenti della società pugliese, verrà recuperata mercoledì 19 aprile alle ore 14.30. Lo comunica la Lega Pro precisando che si tratta della prima data utile, considerando la programmazione a mercoledì 5 aprile del turno infrasettimanale della 14/a giornata di ritorno ed a sabato 14 aprile della 16/a giornata. (ANSA).

20:30Alto Adige: Corte Suprema Vienna boccia doppio passaporto

(ANSA) - BOLZANO, 24 MAR - Dopo il Tribunale amministrativo ora anche la Corte costituzionale di Vienna ha respinto il ricorso, presentato da esponenti della Südtiroler Freiheit e dei Freiheitlichen, per il doppio passaporto per i sudtirolesi. I partiti di opposizione di lingua tedesca in consiglio provinciale a Bolzano da tempo si battono per il riconoscimento della doppia cittadinanza per i discendenti dei cittadini dell'impero austro-ungarico in Alto Adige. La legge austriaca del 1925, alla quale faceva riferimento il ricorso, secondo la Suprema Corte di Vienna non è applicabile per gli altoatesini che non hanno mai avuto diritto di cittadinanza austriaca.

Archivio Ultima ora