Euro2016: Conte al bivio dentro o fuori, incognita Candreva

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

Italy's players  in action during the Italian national soccer team's training session at Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France , 9 June 2016. Ansa /Daniel Dal Zennaro

Italy’s players in action during the Italian national soccer team’s training session at Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France , 9 June 2016. Ansa /Daniel Dal Zennaro

MONTPELLIER (FRANCIA). – E’ tempo dei verdetti definitivi per l’Europeo di Antonio Conte. Lunedì contro la Spagna l’ottavo di finale è la prima sfida da dentro o fuori, e il commissario tecnico che ha riacceso l’entusiasmo del tifo – anche l’ultimo dato tv parla chiaro: quasi 18 milioni per Italia-Irlanda – ha già annusato l’aria.

“Cosa devo dire della Spagna, se non che è fortissima? Ma si gioca in campo, e se poi dovessimo uscire sono gli altri a dover parlare di delusione o no, mi riferisco a quelli che giudicano…”, la risposta piccata dopo il ko di Lille, di fronte alla prospettiva di un’inversione di rotta dell’opinione comune sulla sua nazionale operaia.

“Non dimentichiamo da dove siamo partiti”: è in questa frase ripetuta come un mantra la sintesi dello stato d’animo di Conte e di tutti i suoi, silenziosi sull’aereo di ritorno in ritiro dalla sconfitta con gli irlandesi.

Il ribaltone dei giudizi, dall’esaltazione delle prime due vittorie ai mugugni per la sconfitta a qualificazione in tasca, fino a un eventuale bocciatura in caso di eliminazione contro gli spagnoli, quello sì sarebbe vissuto come una vera e propria pugnalata: al di là di qualche sporadica rivendicazione, vedi Florenzi, dal ct a Buffon la consapevolezza di un tasso tecnico complessivamente non all’altezza è sempre stata esplicita.

E allora questo in sostanza chiedono, tutti gli azzurri: giudicateci per l’impegno, non per il risultato punto e basta. E non è detto che il risultato sia scontato, ha fatto anche notare ieri il ct azzurro. Alla squadra da schierare lunedì a Parigi Conte sta pensando da tempo.

Esattamente dal fischio finale di Italia-Svezia. L’incognita maggiore è Candreva, dubbio non da poco: il centrocampista è uscito dal campo di Tolosa con un infortunio agli adduttori, ha lavorato a parte fino a ieri quando è tornato a lavorare con una parte del gruppo, quella dei giocatori impegnati nella partita contro l’Irlanda e sottoposti a lavoro di scarico.

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Per lo staff azzurro, l’esterno della Lazio è ancora in dubbio. Conte si è detto fiducioso, ma sa anche di dover cercare alternative. E qui il discorso si complica. Candreva è unico, nel panorama non variegato dei 23 azzurri, per capacità di copertura, corsa e pericolosità sulla fascia.

L’alternativa Bernardeschi non ha dato garanzia di poter sostituire l’infortunato, anche se c’è da fare i conti con la fisicità degli irlandesi. Paradossalmente, la prestazione dell’altro giorno ha indicato questo a Conte: ci sono giocatori in grado di subentrare, ma dal primo minuto le risposte sono meno rassicuranti.

Così Zaza, pur molto dinamico, ha convinto meno che con la Svezia. Le difficoltà di Immobile sono certificate dai richiami continui (in un paio di casi anche con risposte evidentemente non gradite), così come Sturaro ha fatto arrabbiare non poco Conte.

Insigne invece ha risposto alle richieste, confermando di essere carta di riserva per emergenze: deve averlo capito anche lui, a giudicare da qualche nervosismo finale.

L’ossatura dell’Italia antiSpagna è in ogni caso chiara, visti anche i giorni a disposizione dei titolari per prepararsi. Con Buffon e il terzetto difensivo juventino (tutti e tre sotto diffida, come altri sette azzurri: ma questo è un discorso che riguarda un futuro meno prossimo) si torna al centrocampo originale: Parolo e Giaccherini gran corridori al lato di De Rossi, incoronato da Le Monde e da giornalisti e tifosi irlandesi (“davvero non gioca?”, era il ritornello soddisfatto prima del match).

Così anche Pellè-Eder si riprenderanno la maglia. Restano gli esterni: Darmian, De Sciglio e Florenzi sono in lotta per due maglie, se Candreva non dovesse farcela. A tutti loro in ogni caso Conte prima della Spagna tornerà a chiedere di “dare il 110%,” per non aver rimpianti, per passare o uscire senza se o senza ma. Se poi non sarà compreso, Conte avrà che dire.

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora