Euro2016: Conte al bivio dentro o fuori, incognita Candreva

Pubblicato il 23 giugno 2016 da redazione

Italy's players  in action during the Italian national soccer team's training session at Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France , 9 June 2016. Ansa /Daniel Dal Zennaro

Italy’s players in action during the Italian national soccer team’s training session at Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France , 9 June 2016. Ansa /Daniel Dal Zennaro

MONTPELLIER (FRANCIA). – E’ tempo dei verdetti definitivi per l’Europeo di Antonio Conte. Lunedì contro la Spagna l’ottavo di finale è la prima sfida da dentro o fuori, e il commissario tecnico che ha riacceso l’entusiasmo del tifo – anche l’ultimo dato tv parla chiaro: quasi 18 milioni per Italia-Irlanda – ha già annusato l’aria.

“Cosa devo dire della Spagna, se non che è fortissima? Ma si gioca in campo, e se poi dovessimo uscire sono gli altri a dover parlare di delusione o no, mi riferisco a quelli che giudicano…”, la risposta piccata dopo il ko di Lille, di fronte alla prospettiva di un’inversione di rotta dell’opinione comune sulla sua nazionale operaia.

“Non dimentichiamo da dove siamo partiti”: è in questa frase ripetuta come un mantra la sintesi dello stato d’animo di Conte e di tutti i suoi, silenziosi sull’aereo di ritorno in ritiro dalla sconfitta con gli irlandesi.

Il ribaltone dei giudizi, dall’esaltazione delle prime due vittorie ai mugugni per la sconfitta a qualificazione in tasca, fino a un eventuale bocciatura in caso di eliminazione contro gli spagnoli, quello sì sarebbe vissuto come una vera e propria pugnalata: al di là di qualche sporadica rivendicazione, vedi Florenzi, dal ct a Buffon la consapevolezza di un tasso tecnico complessivamente non all’altezza è sempre stata esplicita.

E allora questo in sostanza chiedono, tutti gli azzurri: giudicateci per l’impegno, non per il risultato punto e basta. E non è detto che il risultato sia scontato, ha fatto anche notare ieri il ct azzurro. Alla squadra da schierare lunedì a Parigi Conte sta pensando da tempo.

Esattamente dal fischio finale di Italia-Svezia. L’incognita maggiore è Candreva, dubbio non da poco: il centrocampista è uscito dal campo di Tolosa con un infortunio agli adduttori, ha lavorato a parte fino a ieri quando è tornato a lavorare con una parte del gruppo, quella dei giocatori impegnati nella partita contro l’Irlanda e sottoposti a lavoro di scarico.

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Per lo staff azzurro, l’esterno della Lazio è ancora in dubbio. Conte si è detto fiducioso, ma sa anche di dover cercare alternative. E qui il discorso si complica. Candreva è unico, nel panorama non variegato dei 23 azzurri, per capacità di copertura, corsa e pericolosità sulla fascia.

L’alternativa Bernardeschi non ha dato garanzia di poter sostituire l’infortunato, anche se c’è da fare i conti con la fisicità degli irlandesi. Paradossalmente, la prestazione dell’altro giorno ha indicato questo a Conte: ci sono giocatori in grado di subentrare, ma dal primo minuto le risposte sono meno rassicuranti.

Così Zaza, pur molto dinamico, ha convinto meno che con la Svezia. Le difficoltà di Immobile sono certificate dai richiami continui (in un paio di casi anche con risposte evidentemente non gradite), così come Sturaro ha fatto arrabbiare non poco Conte.

Insigne invece ha risposto alle richieste, confermando di essere carta di riserva per emergenze: deve averlo capito anche lui, a giudicare da qualche nervosismo finale.

L’ossatura dell’Italia antiSpagna è in ogni caso chiara, visti anche i giorni a disposizione dei titolari per prepararsi. Con Buffon e il terzetto difensivo juventino (tutti e tre sotto diffida, come altri sette azzurri: ma questo è un discorso che riguarda un futuro meno prossimo) si torna al centrocampo originale: Parolo e Giaccherini gran corridori al lato di De Rossi, incoronato da Le Monde e da giornalisti e tifosi irlandesi (“davvero non gioca?”, era il ritornello soddisfatto prima del match).

Così anche Pellè-Eder si riprenderanno la maglia. Restano gli esterni: Darmian, De Sciglio e Florenzi sono in lotta per due maglie, se Candreva non dovesse farcela. A tutti loro in ogni caso Conte prima della Spagna tornerà a chiedere di “dare il 110%,” per non aver rimpianti, per passare o uscire senza se o senza ma. Se poi non sarà compreso, Conte avrà che dire.

Ultima ora

18:00Aic, corso gestione impianti sportivi e Scuole Calcio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Si terrà a Roma dal 19 al 21 giugno prossimi un corso di formazione, riservato agli associati Aic (associazione italiana calciatori), che fornisce gli elementi utili per l'accesso alla linea esclusiva di finanziamento istituita dall'Istituto per il Credito Sportivo per gli iscritti all'Associazione. Il corso sarà incentrato su come gestire, progettare, ristrutturare un centro sportivo e come gestire una scuola calcio seguendo il modello formativo proposto dall'Associazione Italiana Calciatori.

17:52Giro: 17/a tappa, Dumoulin ha conservato la maglia rosa

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - L'olandese Tom Dumoulin ha conservato la maglia rosa indossata il 16 maggio scorso, dopo la cronometro del 'Sagrantino', vinta sulle strade dell'Umbria. Il capitano della Sunweb, nell'attesa della tappa di domani con 5 Gpm, e dopo i rischi di ieri, oggi si è limitato a controllare la situazione, giungendo sul traguardo con un distacco di 7'53" dal vincitore della tappa, Pierre Rolland.

17:43Ippica:Snai apre ippodromo a scuole,alunni a scoperta S.Siro

(ANSA) - MILANO, 24 MAG - Giornata speciale per l'ippodromo di Milano che, per la prima volta dopo molto tempo, ha aperto le porte alle scuole ospitando 50 bambini di due quarte elementari dell'Istituto Comprensivo Scolastico L. Einaudi e G. Pascoli, nell'ambito dell'iniziativa '#scoprisansiro per i più piccoli'. Accompagnati da maestre e dirigenti scolastici, gli alunni hanno visitato le piste di allenamento, dove erano impegnati i cavalli di trotto e galoppo, le scuderie e poi l'ippodromo SNAI San Siro, consumando la loro merenda ai piedi della statua del Cavallo di Leonardo. Dopo aver corso scalzi sulla pista calcata dai più grandi purosangue della storia dell'ippica, i bambini hanno concluso la loro visita tra i sentieri del parco botanico. "Gli ippodromi di Milano - dichiara Fabio Schiavolin, ad di SNAITECH - sono luoghi straordinari e unici, dove la tradizione ippica si fonde con la storia, l'architettura e la cultura. Per valorizzare e promuovere questo patrimonio della città di Milano''

17:38Migranti: traffico esseri umani, otto indagati a Imperia

(ANSA) - IMPERIA, 24 MAG - Si è chiuso con 8 indagati il filone imperiese della maxi operazione contro il traffico internazionale di migranti iniziata nel gennaio scorso. Il pubblico ministero Lorenzo Fornace ha notificato l'avviso di conclusione indagini agli albanesi Redon Shametaj, 21 anni, Ismailaj Gazmir, 32 anni. Misin Alidini, 30 anni e Neri Shametai, 22 anni, a Tanha Emran Mohammad, afgano di 21 anni, a Edmond Bylibi Bayala, cittadino trentenne del Burkina Faso e all'iraniano Esmatollah Jafari, 28 anni. L'indagine era iniziata quando la Polstrada ha scoperto, il 19 gennaio scorso, quarantuno migranti stipati all'interno di un furgone Renault Master alla barriera autostradale di Ventimiglia. In quell'occasione era stato arrestato Neri Shametaj. Nei confronti di alcuni di loro, il giudice ha disposto il divieto di dimora nelle province di Imperia, Torino e Cuneo. I due cugini Shametaj sono accusati del tentativo di trasporto oltreconfine dei 41 migranti africani. Su di loro pende anche l'aggravante del trattamento disumano. Neri venne arrestato subito, mentre Redon, riuscito a scappare, era stato catturato pochi giorni dopo. Anche Bayala risulta coinvolto tra gli organizzatori di quest'ultimo viaggio. Gli imputati sono difesi dall'avvocato Andi Tahiri. La stessa operazione vede anche un filone milanese, che all'epoca si concluse con trentasei arresti. (ANSA).

17:38Giro: 17/a tappa, a Canazei vince Rolland per distacco

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - Il francese Pierre Rolland (Cannondale-Drapac), 31 anni ancora da compiere, ha vinto per distacco la 17/a tappa del 100/o Giro d'Italia di ciclismo, da Tirano (Sondrio) a Canazei (Trento), lunga 219 chilometri. Rolland si è classificato al terzo posto il 17 scorso, nell'11/a tappa, conclusa a Bagno di Romagna (Forlì-Cesena). L'azione vincente del francese è partita a circa 8 chilometri dall'arrivo.

17:32Malore durante immersione, morta sub nel Livornese

(ANSA) - CECINA (LIVORNO), 24 MAG - Una donna di 57 anni di Bologna è morta dopo aver accusato un malore durante un'immersione subacquea. La donna, spiegano dal 118, aveva già lamentato un malessere precedente all'immersione. Ad allertare la pubblica assistenza di Cecina (Livorno), intervenuta con un'ambulanza da terra poco dopo mezzogiorno, è stata una richiesta di soccorso proveniente da un'imbarcazione. I sanitari una volta sul posto hanno praticato tutte le manovre rianimatorie, ma per la donna non c'è stato niente da fare. Oltre al 118 è intervenuta anche la Capitaneria di porto. (ANSA).

17:29Figlia Che Guevara a studenti Padova, ‘mi regalò un peluche’

(ANSA) - PADOVA, 24 MAG - "Quando avevo quattro anni e mezzo, mio papà mi teneva in braccio di notte e mi raccontava storie fantastiche. Era molto austero, ma una volta mi regalò un leone di peluche". E' uno dei ricordi privati del 'comandante Che Guevara' raccontato oggi agli studenti dell'Università di Padova da Aleida Guevara March, 56 anni, figlia del guerrigliero cubano ucciso in Bolivia nel 1967. La donna ha risposto all'invito rivoltole dal dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali dell'ateneo, per celebrare "50 anni dalla morte del Che". Una sala gremita di studenti e nostalgici del Sessantotto, quella del teatro Ruzante. Aleida Guevara ha letto e commentato in spagnolo alcuni brani del padre, ed ha esortato i ragazzi alla solidarietà. "Dopo l'università - ha detto - si pensa di sapere tutto, ma solo chi si rende utile al popolo diventa un vero professionista: ingegneri e architetti devono essere capaci di ascoltare per risolvere i problemi della comunità".

Archivio Ultima ora