Infermiera Piombino: Bonino chiede reintegro in reparto

(ANSA) – PIOMBINO (LIVORNO), 24 GIU – L’infermiera Fausta Bonino ha presentato richiesta alla asl di essere reintegrata nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piombino dove sono morti 13 pazienti a cui, secondo l’accusa, sarebbe stata somministrata una forte dose di eparina, un farmaco anticoagulante. Lo riferisce Repubblica oggi nell’edizione locale. Per quei decessi l’infermiera era stata arrestata e poi scarcerata dal tribunale del riesame. La asl avrebbe negato il reintegro. Quando Fausta Bonino fu arrestata il 30 marzo scorso all’aeroporto di Pisa al suo rientro da un viaggio a Parigi, era scattata automaticamente la sospensione dal servizio. L’infermiera ha trascorso 21 giorni in carcere e poi è stata rilasciata perché il tribunale del riesame ha annullato l’ordinanza di misura cautelare definendo gli indizi a suo carico non connotati “da gravita’, precisione e concordanza”. Le motivazioni della decisione del riesame parlano anche di “insussistenza della gravita’ indiziaria”.

Condividi: