Inchiesta ispettori lavoro Ravenna, chiuse indagini per 13

(ANSA) – RAVENNA, 25 GIU – La Procura di Ravenna ha notificato avviso di conclusione indagine a 13 persone dopo gli accertamenti partiti da episodi di assenteismo rilevati tra dipendenti della direzione territoriale del Lavoro. Sono il funzionario responsabile delle ispezioni e un impiegato arrestati il 10 dicembre scorso dai carabinieri, l’allora direttrice della Dtl, 10 imprenditori perlopiù ravennati, questi ultimi accusati di corruzione nei confronti dei due dipendenti Dtl. In cambio di regalie (pasti, danaro, bottiglie di vino) e per uno dei due posti di lavoro per amici, avrebbero ‘soffiato’ imminenti controlli ispettivi (rivelazione di segreti d’ufficio). Accusati pure di truffa aggravata per decine di ore di assenze ingiustificate nell’autunno 2015: dopo avere strisciato il badge, si sarebbero occupati di questioni personali. L’ex direttrice è accusata di truffa per omissione per non avere evitare tutto ciò. Di recente è stata chiusa un’altra inchiesta per altri sei dipendenti della stessa Dtl, sempre per assenteismo.

Condividi: