#Regrexit, vola la petizione anti-Brexit

Pubblicato il 25 giugno 2016 da redazione

Demonstrators opposing Britain's exit from the European Union in Parliament Square following yesterday's EU referendum result hold a protest in London, Saturday, June 25, 2016. (ANSA/AP Photo/Tim Ireland) [

Demonstrators opposing Britain’s exit from the European Union in Parliament Square following yesterday’s EU referendum result hold a protest in London, Saturday, June 25, 2016. (ANSA/AP Photo/Tim Ireland) [

LONDRA. – Le firme sulla petizione per chiedere un nuovo referendum sulla Brexit hanno raggiunto quota 2 milioni e continuano ad aumentare di ora in ora. Lo si legge sul sito del governo britannico dove sono pubblicate tutte le petizioni.

Sul sito petition.parliament.uk le firme aumentano di minuto in minuto. Per dare la propria adesione alla proposta basta cliccare su ‘sign the petition’ e compilare tutti i campi. Naturalmente possono firmare solo i cittadini britannici e i residenti nel Regno Unito. Secondo la mappa pubblicata sul sito, la più alta concentrazione si trova nelle principali città della Gran Bretagna, Londra in testa.

Contemporaneamente la strana coppia Nicola Sturgeon-Sadiq Khanguida la carica sul fronte istituzionale e manda a Bruxelles il messaggio che Londra e Edimburgo non si considerano ‘out’. Forte dell’oltre 60% dei voti scozzesi pro-Ue, la first minister scozzese non ha voluto perdere neanche un minuto e ha subito convocato una riunione straordinaria del suo governo.

Fuori dalla residenza ufficiale parlando con i tanti giornalisti presenti non si è limitata a ribadire che “l’opzione di un secondo referendum sull’indipendenza è già sul tavolo”, come aveva annunciato subito dopo i risultati sulla Brexit.

La volitiva leader della Scozia si è spinta oltre precisando che la lunga procedura per poter convocare un nuovo referendum è stata avviata. Qualche giornale ha parlato di settembre come possibile data per un’altra consultazione sull’indipendenza, ma nessuna fonte interna al governo ha confermato. Sul fronte europeo Sturgeon si è dimostrata, se possibile, ancora più determinata.

Un filone si fa strada online, nel Day After del referendum sulla Brexit: corre attraverso Twitter e si chiama #Regrexit, da ‘regret’, ovvero ‘rammarico, rimorso, pentimento, rimpianto’. Si tratta di un hashtag lanciato questa mattina, quasi contemporaneamente a una petizione lanciata da un gruppo di parlamentari britannici per indire un nuovo referendum, che sul sito ufficiale petition.parliament.uk nel tardo pomeriggio aveva ottenuto due milioni di firme.

E allora c’è ad esempio chi twitta “#Brexit #Regrexit? credo che abbiate ancora una possibilità e continua a crescere…” e di seguito aggiunge le indicazioni per chiedere il secondo referendum. L’hashtag viene segnalato anche dalla Cnn, con diversi tweet di persone che sembrano pentite di aver votato a favore dell’uscita.

Come una certa Khembe che scrive: “ho votato leave credendo alle menzogne e ora me ne rammarico più di ogni altra cosa, mi sento davvero rapinata del mio voto”. Ma molti messaggi, o meglio tweet lanciati con l’hashtag #Regrexit sono però perlopiù di persone che erano a favore del ‘Remain’, e quindi esprimono soprattutto frustrazione, piuttosto che pentimento.

Come un certo Rafael Love secondo cui “#Regrexit è un fatto, e milioni di britannici ora cercano la pillola-del-giorno-dopo”. O come Pauline Mayers, secondo cui “Mentre i sostenitori del Brexit cominciano a realizzare le implicazioni del loro voto, dichiaro oggi, il 25 giugno il giorno del #Regrexit”.

Ultima ora

08:52Mo: tensione a Hebron, 100 coloni penetrano in palazzina

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 LUG - Atmosfera di tensione oggi nella citta' cisgiordana di Hebron, dopo che la scorsa notte un centinaio di coloni israeliani hanno fatto irruzione in una palazzina che e' stata al lungo al centro di un dibattito giudiziario per questioni di proprieta'. I coloni affermano di aver dimostrato di esserne adesso i proprietari legittimi, ma finora le autorita' militari avevano impedito loro di prenderne possesso. La scorsa notte i coloni hanno rotto gli indugi e sono entrati cogliendo di sorpresa le forze militari. Hanno annunciato che non usciranno spontaneamente.

08:39Gerusalemme: nuove misure di sicurezza Israele su Spianata

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 LUG - La rimozione dei metal detector dagli accessi alla Spianata delle moschee di Gerusalemme non e' bastata a riportare la calma. Ieri - su istruzione del Mufti di Gerusalemme, approvata a posteriori dal presidente Abu Mazen - i fedeli islamici si sono rifiutati di tornare sulla Spianata e in serata hanno dato vita ad aspri scontri con le forze di sicurezza dislocate alla Porta dei leoni, uno degli ingressi della Citta' vecchia. La radio militare ha riferito che di conseguenza il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha ordinato alla polizia - data la rimozione dei metal detector - di perquisire oggi ogni fedele islamico che si diriga verso la Spianata.

08:36Francia: incendi nel sud est, evacuate 10.000 persone

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Diecimila persone sono state evacuate durante la notte a causa di un nuovo incendio nel sud-est della Francia. Lo riportano i media francesi. Almeno 400 ettari di terreno sono stati bruciati a Bormes-les-Mimosas, nel dipartimento del Var, un'area molto frequentata in estate. Da tre giorni le fiamme stanno divorando migliaia di ettari di terreno lungo la costa mediterranea e in Corsica. Gli incendi sono arrivati fino alla zona del Golfo di Saint Tropez.

07:54Calcio: amichevoli, Roma vince 3-2 col Tottenham

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - La Roma vince 3-2 in amichevole col Tottenham negli Stati Uniti. I giallorossi passano in vantaggio al 13' con Perotti. Nella ripresa il raddoppio di Under (70'), poi nel finale gli inglesi pareggiano in pochi minuti con Winks (87') e Janssen (90'); il diciottenne Tumminello chiude le marcature.

07:51Attentati a Cc, arrestati due boss ‘ndrangheta e mafia

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 26 LUG - Un'operazione della Polizia, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, è in corso per l'esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti elementi di vertice della 'Ndrangheta e di Cosa nostra che, nel quadro di un'unica strategia mafiosa di attacco allo Stato negli anni '93 e '94, sono ritenuti tra i mandanti dei 3 attentati compiuti contro i Carabinieri di Reggio. Nel primo, il 18 gennaio 1994, morirono gli appuntati Antonino Fava e Giuseppe Garofalo; nel secondo, l'1 febbraio '94, furono feriti l'appuntato Bartolomeo Musicò ed il brigadiere Salvatore Serra mentre il 1 dicembre 1994 rimasero illesi il carabiniere Vincenzo Pasqua e l'appuntato Silvio Ricciardo. Sono in corso anche numerose perquisizioni in diverse regioni. Le operazioni sono eseguite dalla squadra mobile di Reggio Calabria, dal Servizio centrale antiterrorismo e dal Servizio centrale operativo della Polizia e partecipano anche i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria.

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

Archivio Ultima ora