Voto Spagna sotto l’effetto Brexit, incognita Podemos

Pubblicato il 25 giugno 2016 da redazione

Party supporters wave flags as Spanish Socialist leader Pedro Sanchez takes to the stage during an election rally on the last day of campaigning, in Madrid, Spain, Friday June 24, 2016. (ANSA/AP Photo/Paul White)

Party supporters wave flags as Spanish Socialist leader Pedro Sanchez takes to the stage during an election rally on the last day of campaigning, in Madrid, Spain, Friday June 24, 2016. (ANSA/AP Photo/Paul White)

MADRID. – Un voto più incerto e complicato che mai, non si sa fino a che punto condizionato dal terremoto Brexit, con un nuovo forte rischio di ingovernabilità da lunedì. Gli spagnoli tornano alle urne appena sei mesi dopo le precedenti politiche del 20 dicembre, che hanno eletto un parlamento frammentato e ingestibile con l’irruzione di più di 100 deputati dei due partiti emergenti Podemos e Ciudadanos.

L’impossibilità di trovare una maggioranza per un nuovo governo costringe il paese a un secondo turno, sperando che fra qualche settimana non sia necessario un terzo. Un incubo dopo 40 anni di tranquilla stabilità all’ombra del bipartitismo Pp-Psoe, ora esploso.

Il partito post-indignado di Pablo Iglesias questa volta punta alla guida del governo di Madrid. Ora alleato a Izquierda Unida, non ha smesso di crescere nei sondaggi. Potrebbe arrivare secondo con il 25% circa e fra 80 e 90 deputati, su 350, dietro al Pp di Mariano Rajoy, dato al 28-30% con 115-125 seggi, ma, salvo sorprese, davanti al Psoe di Pedro Sanchez, che potrebbe fermarsi sul 21% e sugli 80-85 deputati. Ciudadanos di Albert Rivera sarebbe, secondo gli ultimi sondaggi, attorno al 15% con 38-40 seggi.

Iglesias punta a diventare il premier di un governo di sinistra con i socialisti, in alternativa alla Gran Coalición che vorrebbe Rajoy, se ci saranno i numeri.

Ma sul voto degli spagnoli ora planano due grandi incognite. Da che parte si porterà il 20% circa di elettori ancora indecisi, e che impatto avrà il cataclisma Brexit, che ha messo l’Europa ko, innescando timori quasi apocalittici per l’Ue.

Le ultime battute della campagna sono state condizionate da un “tutti contro Podemos”: cavalcando l’emozione suscitata dall’uscita di Londra dall’Ue, “Pp, Psoe e Ciudadanos, titola El Mundo, hanno caricato contro Podemos”, accusato di essere anti-euro, in base a precedenti dichiarazioni di Iglesias, populista come gli euroscettici inglesi, e di volere spaccare la Spagna, come il Regno Unito l’Ue con un referendum sull’indipendenza della Catalogna.

Rajoy spera in un voto del panico, in un ritorno elettorale favorevole al Pp dell’ansia suscitata dalla Brexit, che spinga gli elettori a votare per la sicurezza. Il Psoe di Sanchez in un ripensamento degli indecisi che scongiuri il sorpasso di Iglesias.

“L’idea generale è che l’uscita di Londra dall’Ue dovrebbe danneggiare Podemos e favorire il Pp” scrive El Mundo. Ma in realtà nessuno sa come potrà pesare, se peserà, sugli elettori lo shock del referendum inglese.

Sorpasso o meno, i socialisti, anche se i sondaggi fanno prevedere un loro possibile nuovo peggiore risultato storico, potrebbero essere dopo il voto l’ago della bilancia, l’elemento determinante per la formazione o meno di un nuovo governo.

Con Rajoy in una Gran Coalición, ma probabilmente senza Sanchez, o con Iglesias, in un governo del cambiamento probabilmente a guida Podemos. Una incognita che il segretario Psoe si è ben guardato dallo sciogliere prima del voto, lasciando totale suspence almeno fino a lunedì.

(di Francesco Cerri/ANSA)

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora