Euro 2016: Spagna in coro, con l’Italia sarà una battaglia

Pubblicato il 25 giugno 2016 da redazione

Alvaro Morata (R) of Spain scores the 3-0 lead against Turkey's goalkeeper Volkan Babacan (L) during the UEFA EURO 2016 group D preliminary round match between Spain and Turkey at Stade de Nice in Nice, France, 17 June 2016. ANSA/ALI HAIDER

Alvaro Morata (R) of Spain scores the 3-0 lead against Turkey’s goalkeeper Volkan Babacan (L) during the UEFA EURO 2016 group D preliminary round match between Spain and Turkey at Stade de Nice in Nice, France, 17 June 2016.
ANSA/ALI HAIDER

ILE DE RE’ (FRANCIA). – Il torello a centrocampo della Spagna è qualcosa di spettacolare. Un vero e proprio inno alla bellezza, un condensato di tecnica e classe cristallina. Puro edonismo applicato al calcio. Il pubblico gradisce, applaude e si diverte, presagendo chissà quali altri trionfi.

Con il torello, però, è noto che non si vincono le partite. Per andare avanti a Euro 2016 serve ben altro. E questo, un allenatore navigato come don Vicente Del Bosque, lo sa benissimo. Anche perché un ottavo di finale come quello di lunedì a Parigi, fra Italia e Spagna, si muove sul crinale delle motivazioni e può essere deciso anche da un piccolo dettaglio. O forse no. Come tutte le partite da dentro o fuori, senza appello.

“Ci aspettiamo un match muy dificil – la previsione di Thiago Alcantara, nato in Italia, perché figlio dell’ex leccese Mazinho, che fu anche compagno di squadra del ct azzurro, Antonio Conte -. Lo stile di gioco adottato ci ha permesso di ottenere tuttavia risultati positivi. Il colore della maglia contro l’Italia? Non importa se giocheremo in bianco o in rosso, conta lo scudetto che abbiamo sul petto e lo spirito con cui affrontiamo questa partita. Non credo che il bianco sia da sfigati, però”.

Thiago Alcantara è reduce da un lungo periodo di sofferenza, per i lunghi infortuni subiti, che lo hanno costretto a fermarsi in momenti diversi e a tornare al punto di partenza, per ritrovare la forma migliore. Un grosso handicap per il Bayern del suo estimatore Guardiola, per la Nazionale spagnola, ma anche per la sua crescita progressiva.

“Ho lavorato tanto – racconta, in conferenza stampa, il canterano del Barcellona – per tornare quello di prima, spero che il periodo-no sia ormai alle spalle”.

Jordi Alba, invece, ha parlato delle polemiche sollevate dal presunto dito medio esibito da Gerard Piquè, durante l’inno nazionale, prima della partita contro la Croazia. “Il nostro gruppo è unito e non si cura delle cose che hanno scritto i giornali – le parole del terzino sinistro del pluridecorato Barcellona guidato da Luis Enrique -. Sappiamo bene che, contro l’Italia, ci aspetta una partita difficile, come lo sono state quelle disputate contro gli azzurri negli ultimi anni”.

Per la selezione spagnola è stata una giornata lunga, caratterizzata da un brusco risveglio, per via del blitz – a sorpresa e fuori competizione – degli emissari antidoping dell’Uefa, che hanno prelevato i campioni del sangue e delle urine di 10 giocatori della ‘Roja’.

Una giornata cominciata male, come ha puntualizzato Alvaro Morata che, “fra le 7,30 e le 8”, è stato buttato giù dal letto. “Pensavo a uno scherzo dei compagni, invece ho visto il nostro medico nella stanza per il controllo – il racconto dell’ex attaccante della Juve, tornato da poco al Real Madrid -. La partita contro l’Italia? Avverto buone sensazioni, l’atmosfera è ottima, malgrado qualche polemica. Sto bene, sono contento, perché la Spagna si trova dove deve stare”.

Non è mancato il riferimento agli ex compagni che dovranno occuparsi di lui, nel tentativo di renderlo innocuo. “Ho parlato con alcuni difensori azzurri, mi hanno detto di portare il casco. La difesa dell’Italia è formata dagli stessi che hanno portato la Juve al successo negli ultimi anni. Noi, però, faremo la partita che dobbiamo disputare. Buffon è una leggenda, Bonucci il boss, Chiellini la forza e Barzagli la qualità”.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

Archivio Ultima ora