L’italo-venezuelana Di Grigoli seconda nell’Open d’Italia di parapendio

Pubblicato il 25 giugno 2016 da redazione

Joanna Di Grigoli in volo

Joanna Di Grigoli in volo

Fioravante De Simone

CARACAS – L’Aeroclub Lega Piloti, in collaborazione con il Parapendio Club Scurbatt, ha organizzato la Cornizzolo Cup 2016, Campionato Italiano Open di Parapendio che si é svolta a Suello in provincia di Lecco presso il Monte Cornizzolo. L’italo-venezuelana Joanna Di Grigoli ha chiuso la gara in seconda posizione alle spalle della giapponese Nao Takada e davanti all’azzurra Silvia Buzzi Ferraris. Questa prestazione ha permesso all’atleta di origine siciliana di balzare all’undicesimo posto del ranking mondiale di Parapendio.

“Sono soddisfatta perché sono riuscita a partecipare ancora una volta a questa mitica gara che si svolge in un posto che è stato sede di diverse gare della Coppa del Mondo. Durante la prova il clima è stato fantastico, a parte la prima giornata non è stata disputata a causa della pioggia. Durante la seconda giornata c’erano alcuni dubbi per il vento, poi invece siamo andati sulla rampa di lancio ed abbiamo svolto una gara corta, le condizioni erano spettacolari e la visibilità incredibile” ha raccontato la Di Grigoli.

Il monte Cornizzolo, che sovrasta il comune di Suello, fa parte della storia del volo libero, cioè il volo con il deltaplano o parapendio. Dalle sue pendici, nei suoi primi voli, decollò nel 1972 il comasco Alfio Caronti, il primo pilota di deltaplano in Europa. Negli anni 70-80 dal Cornizzolo e dal Bolettone si svolsero numerose edizioni del Triangolo Lariano, una celeberrima gara internazionale di deltaplano.

Negli anni ’90, con l’affermarsi del volo in parapendio e la conseguente diminuzione dei praticanti del volo in delta, non si tennero più gare internazionali, che ripresero nel 1997 con la prima edizione della Cornizzolo World Cup. Da allora si può stimare che oltre 1.500 piloti competitori provenienti da tutto il mondo abbiano gareggiato decollando dal Cornizzolo, che grazie a questo ha acquisito rinomanza mondiale come uno tra i luoghi al mondo più idonei per questo sport.

L’edizione 2016 dell’Italian Open si è caratterizzata per avere varie tappe lunghe che hanno avuto un mix di voli sulla montagna e sulla pianura. Una di queste ha avuto un percorso di 101 km.

“Il livello di competitività è stato altissimo e la velocità con cui abbiamo volato è stata impresionante. Per mantenere il ritmo bisognava accellerare un 100% su tutto il percorso” ha confessato l’italo-venezuelana.
Sta di fatto che, con poca potenza del motore (poca aria calda), per rimanere in aria, oltre che bravi, bisogna essere anche fortunati.

In queste condizioni, fare un percorso che abbracciava quasi totalmente il campo di gara, andando dalla boa Coppola del faro di Brunate fino al vertice del triangolo lariano a toccare quella Geomag del San Primo e poi, con un gran traverso obbligato, scendere a sud/est fino alla Roncola per poi ritornare a Suello, con il sole di quella giornata è stato molto difficile anche per i più bravi. E’ stato così che numerosi piloti impossibilitati a proseguire nel percorso sono poi andati ad atterrare per i prati di tutta la Brianza, dando un gran daffare agli autisti addetti ai recuperi.

Joanna sul Podium, a destra della vincitrice.

Joanna sul Podium, a destra della vincitrice.

Joanna Di Grigoli ha lottato tappa dopo tappa per conservare la sua posizione in classifica. “Appena mi sono resa conto della differenza che c’era tra me e Takada (la vincitrice della prova, ndr) mi sono dedicata a conservare il secondo posto, dato che avevo il fiato sul collo dell’italiana Silvia Briuzzi. Questa era la terza volta che avevo come rivale l’italiana, nelle edizioni precedenti lei mi aveva battuto. La Briuzzi é una pilota veterana che é ritornata da poco alle gare ed é sempre stata un’osso duro da battere” racconta l’italo-venezuelana.

Di Grigoli ritornerá nuovamente in gara nel mese di luglio quando sará impegnata nella Back to Grandbo, che si svolgerá in Francia dal 1 al 10 luglio.

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora