L’italo-venezuelana Di Grigoli seconda nell’Open d’Italia di parapendio

Pubblicato il 25 giugno 2016 da redazione

Joanna Di Grigoli in volo

Joanna Di Grigoli in volo

Fioravante De Simone

CARACAS – L’Aeroclub Lega Piloti, in collaborazione con il Parapendio Club Scurbatt, ha organizzato la Cornizzolo Cup 2016, Campionato Italiano Open di Parapendio che si é svolta a Suello in provincia di Lecco presso il Monte Cornizzolo. L’italo-venezuelana Joanna Di Grigoli ha chiuso la gara in seconda posizione alle spalle della giapponese Nao Takada e davanti all’azzurra Silvia Buzzi Ferraris. Questa prestazione ha permesso all’atleta di origine siciliana di balzare all’undicesimo posto del ranking mondiale di Parapendio.

“Sono soddisfatta perché sono riuscita a partecipare ancora una volta a questa mitica gara che si svolge in un posto che è stato sede di diverse gare della Coppa del Mondo. Durante la prova il clima è stato fantastico, a parte la prima giornata non è stata disputata a causa della pioggia. Durante la seconda giornata c’erano alcuni dubbi per il vento, poi invece siamo andati sulla rampa di lancio ed abbiamo svolto una gara corta, le condizioni erano spettacolari e la visibilità incredibile” ha raccontato la Di Grigoli.

Il monte Cornizzolo, che sovrasta il comune di Suello, fa parte della storia del volo libero, cioè il volo con il deltaplano o parapendio. Dalle sue pendici, nei suoi primi voli, decollò nel 1972 il comasco Alfio Caronti, il primo pilota di deltaplano in Europa. Negli anni 70-80 dal Cornizzolo e dal Bolettone si svolsero numerose edizioni del Triangolo Lariano, una celeberrima gara internazionale di deltaplano.

Negli anni ’90, con l’affermarsi del volo in parapendio e la conseguente diminuzione dei praticanti del volo in delta, non si tennero più gare internazionali, che ripresero nel 1997 con la prima edizione della Cornizzolo World Cup. Da allora si può stimare che oltre 1.500 piloti competitori provenienti da tutto il mondo abbiano gareggiato decollando dal Cornizzolo, che grazie a questo ha acquisito rinomanza mondiale come uno tra i luoghi al mondo più idonei per questo sport.

L’edizione 2016 dell’Italian Open si è caratterizzata per avere varie tappe lunghe che hanno avuto un mix di voli sulla montagna e sulla pianura. Una di queste ha avuto un percorso di 101 km.

“Il livello di competitività è stato altissimo e la velocità con cui abbiamo volato è stata impresionante. Per mantenere il ritmo bisognava accellerare un 100% su tutto il percorso” ha confessato l’italo-venezuelana.
Sta di fatto che, con poca potenza del motore (poca aria calda), per rimanere in aria, oltre che bravi, bisogna essere anche fortunati.

In queste condizioni, fare un percorso che abbracciava quasi totalmente il campo di gara, andando dalla boa Coppola del faro di Brunate fino al vertice del triangolo lariano a toccare quella Geomag del San Primo e poi, con un gran traverso obbligato, scendere a sud/est fino alla Roncola per poi ritornare a Suello, con il sole di quella giornata è stato molto difficile anche per i più bravi. E’ stato così che numerosi piloti impossibilitati a proseguire nel percorso sono poi andati ad atterrare per i prati di tutta la Brianza, dando un gran daffare agli autisti addetti ai recuperi.

Joanna sul Podium, a destra della vincitrice.

Joanna sul Podium, a destra della vincitrice.

Joanna Di Grigoli ha lottato tappa dopo tappa per conservare la sua posizione in classifica. “Appena mi sono resa conto della differenza che c’era tra me e Takada (la vincitrice della prova, ndr) mi sono dedicata a conservare il secondo posto, dato che avevo il fiato sul collo dell’italiana Silvia Briuzzi. Questa era la terza volta che avevo come rivale l’italiana, nelle edizioni precedenti lei mi aveva battuto. La Briuzzi é una pilota veterana che é ritornata da poco alle gare ed é sempre stata un’osso duro da battere” racconta l’italo-venezuelana.

Di Grigoli ritornerá nuovamente in gara nel mese di luglio quando sará impegnata nella Back to Grandbo, che si svolgerá in Francia dal 1 al 10 luglio.

Ultima ora

17:19Sci nordico: Italia Team, raduno ad Anterselva

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' entrato nella seconda e ultima fase il quinto raduno estivo della squadra maschile di Coppa del mondo di sci di fondo dopo quelli effettuati nelle ultime settimane sulle nevi norvegesi di Sognefjeld e successivamente sulle strade di Toscana, Trentino ed Emilia Romagna. Al lavoro sulla nuova pista di skiroll (inaugurata l'anno passato) di Anterselva (Bz) sono presenti Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino, Maicol Rastelli e Giandomenico Salvadori, i quali sono stati messi sotto torchio dall'allenatore responsabile Giuseppe Chenetti, che ha presentato un menù ricco di camminate a piedi, skiroll, corsa, forza, bicicletta e balzi. Il raduno si concluderà venerdì 28 luglio.

17:19Vitalizi: Sisto (FI), è macelleria sociale per 20 milioni

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Un provvedimento che è un "atto di macelleria sociale per 20 milioni di pensionati". Lo dice il deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto intervenendo in Aula durante la discussione sulle questioni pregiudiziali. Le misure all'esame della Camera, e che portano la firma del Pd, sono "un provvedimento barbaro sul piano costituzionale" e rappresentano una scelta "irresponsabile".

17:04Cade in canale, bambino morto annegato nel Novarese

(ANSA) - NOVARA, 25 LUG - Un bambino è morto annegato nelle acque del diramatore di Vigevano, un canale artificiale che scorre tra le province di Novara e di Pavia. Trascinato dalla corrente il corpo è stato recuperato nella zona di Romentino. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, al vaglio delle forze dell'ordine. Il bambino, tre anni da compiere, è scivolato in acqua a Galliate, dove viveva con la famiglia vicino al diramatore. A dare l'allarme, secondo quanto si è appreso, è stata la madre.(ANSA).

16:54Lavoro: AlmaLaurea, a cinque anni da titolo 84% occupato

(ANSA) - BOLOGNA, 25 LUG - A cinque anni dal conseguimento del titolo, in Italia i laureati lavorano nell'84% dei casi; oltre la metà è assunta a tempo indeterminato e i lavoratori autonomi sfiorano il 20%. I laureati nelle professioni sanitarie e gli ingegneri registrano un tasso di occupazione superiore al 90% e retribuzioni più elevati. Sono i dati dei focus realizzati da AlmaLaurea sulla base del 19/o 'Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati', presentato a Parma lo scorso maggio. Il rapporto ha coinvolto oltre 75mila laureati magistrali biennali del 2011. Dopo ingegneri e professionisti sanitari, i più occupati sono i laureati dei gruppi economico-statistico (89%), scientifico (88%), chimico e architettura (86% per entrambi). Il tasso di disoccupazione è del 9%, rimanendo su valori più elevati tra i laureati dei gruppi letterario (15%), giuridico e geo-biologico (14% per entrambi). A livello retributivo, i laureati magistrali a cinque anni dal titolo percepiscono in media 1.405 euro netti mensili. (ANSA).

16:47Pallavolo: Zaytsev spera, voglio andare agli Europei

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - ''Il mio unico pensiero è andare a fare gli Europei con una scarpa idonea, non farmi male e dare una mano alla squadra. Io ancora ci spero, la soluzione non è così complicata, io darei anche una gamba per la Nazionale. La soluzione è semplice: trovare una scarpa adatta per me del marchio che sponsorizza la federazione''. L'asso della pallavolo Ivan Zaytsev lascia le porte aperte ad un suo ritorno nella Nazionale di pallavolo in vista degli Europei dopo la querelle su sponsor e scarpe che ha portato alla sua esclusione dall'Italvolley. "Io ho sempre dato la mia massima disponibilità per cercare di trovare una soluzione - sottolinea lo Zar - e non ho mai detto che non avrei giocato senza le mie scarpe. Sono stato dipinto come un mercenario, una persona legata a un brand sportivo".

16:46Calcio: domani nuova Serie A, Juve può partire con big match

(ANSA) - MILANO, 25 LUG - Roma, Napoli, Milan, Inter, Atalanta e Lazio: ci sono praticamente tutte le migliori squadre dell'ultima stagione tranne la Fiorentina fra le possibili avversarie della Juventus campione d'Italia per la prima giornata del nuovo campionato di Serie A, che prenderà forma domani con i sorteggi nella sede di Sky. Impegnate nei preliminari di coppe, non si possono incontrare al debutto il Napoli e il Milan, che inizierà il campionato in trasferta come Genoa, Roma e Chievo, mentre lo faranno in casa Inter, Sampdoria, Lazio e Hellas Verona. Fra i criteri per la stesura del calendario, è prevista alternanza assoluta di incontri in casa e in trasferta per Bologna e Spal, per le squadre di Verona, Genova, Milano, Torino e Roma. Nei turni infrasettimanali non sono possibili i big match fra Inter, Juve, Milan, Napoli e Roma, né i derby, programmati tutti in giornate diverse, mai alla prima e all'ultima.

16:45Sinistra: Scotto, serve percorso comune con Pisapia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Non si può fare politica con il torcicollo. Sono d'accordo con Giuliano Pisapia, bisogna guardare avanti. L'alleanza con il Pd di Renzi e' archiviata nei fatti dalle scelte politiche di questi anni sul lavoro, sulla democrazia, sulla giustizia sociale. Oggi e' inutile tornarci sopra.I soggetti politici nascono se hanno una matrice popolare e democratica. Altrimenti sono solo amalgami tra stati maggiori. Che durano lo spazio di una campagna elettorale. E dunque stabiliamo insieme un percorso per decidere quando i nostri militanti, simpatizzanti ed elettori potranno dire la loro opinione sulla natura e la missione del soggetto della sinistra che vogliamo costruire". Lo dice Arturo Scotto , deputato di Mdp intervenendo su Fb.

Archivio Ultima ora