L’italo-venezuelana Di Grigoli seconda nell’Open d’Italia di parapendio

Pubblicato il 25 giugno 2016 da redazione

Joanna Di Grigoli in volo

Joanna Di Grigoli in volo

Fioravante De Simone

CARACAS – L’Aeroclub Lega Piloti, in collaborazione con il Parapendio Club Scurbatt, ha organizzato la Cornizzolo Cup 2016, Campionato Italiano Open di Parapendio che si é svolta a Suello in provincia di Lecco presso il Monte Cornizzolo. L’italo-venezuelana Joanna Di Grigoli ha chiuso la gara in seconda posizione alle spalle della giapponese Nao Takada e davanti all’azzurra Silvia Buzzi Ferraris. Questa prestazione ha permesso all’atleta di origine siciliana di balzare all’undicesimo posto del ranking mondiale di Parapendio.

“Sono soddisfatta perché sono riuscita a partecipare ancora una volta a questa mitica gara che si svolge in un posto che è stato sede di diverse gare della Coppa del Mondo. Durante la prova il clima è stato fantastico, a parte la prima giornata non è stata disputata a causa della pioggia. Durante la seconda giornata c’erano alcuni dubbi per il vento, poi invece siamo andati sulla rampa di lancio ed abbiamo svolto una gara corta, le condizioni erano spettacolari e la visibilità incredibile” ha raccontato la Di Grigoli.

Il monte Cornizzolo, che sovrasta il comune di Suello, fa parte della storia del volo libero, cioè il volo con il deltaplano o parapendio. Dalle sue pendici, nei suoi primi voli, decollò nel 1972 il comasco Alfio Caronti, il primo pilota di deltaplano in Europa. Negli anni 70-80 dal Cornizzolo e dal Bolettone si svolsero numerose edizioni del Triangolo Lariano, una celeberrima gara internazionale di deltaplano.

Negli anni ’90, con l’affermarsi del volo in parapendio e la conseguente diminuzione dei praticanti del volo in delta, non si tennero più gare internazionali, che ripresero nel 1997 con la prima edizione della Cornizzolo World Cup. Da allora si può stimare che oltre 1.500 piloti competitori provenienti da tutto il mondo abbiano gareggiato decollando dal Cornizzolo, che grazie a questo ha acquisito rinomanza mondiale come uno tra i luoghi al mondo più idonei per questo sport.

L’edizione 2016 dell’Italian Open si è caratterizzata per avere varie tappe lunghe che hanno avuto un mix di voli sulla montagna e sulla pianura. Una di queste ha avuto un percorso di 101 km.

“Il livello di competitività è stato altissimo e la velocità con cui abbiamo volato è stata impresionante. Per mantenere il ritmo bisognava accellerare un 100% su tutto il percorso” ha confessato l’italo-venezuelana.
Sta di fatto che, con poca potenza del motore (poca aria calda), per rimanere in aria, oltre che bravi, bisogna essere anche fortunati.

In queste condizioni, fare un percorso che abbracciava quasi totalmente il campo di gara, andando dalla boa Coppola del faro di Brunate fino al vertice del triangolo lariano a toccare quella Geomag del San Primo e poi, con un gran traverso obbligato, scendere a sud/est fino alla Roncola per poi ritornare a Suello, con il sole di quella giornata è stato molto difficile anche per i più bravi. E’ stato così che numerosi piloti impossibilitati a proseguire nel percorso sono poi andati ad atterrare per i prati di tutta la Brianza, dando un gran daffare agli autisti addetti ai recuperi.

Joanna sul Podium, a destra della vincitrice.

Joanna sul Podium, a destra della vincitrice.

Joanna Di Grigoli ha lottato tappa dopo tappa per conservare la sua posizione in classifica. “Appena mi sono resa conto della differenza che c’era tra me e Takada (la vincitrice della prova, ndr) mi sono dedicata a conservare il secondo posto, dato che avevo il fiato sul collo dell’italiana Silvia Briuzzi. Questa era la terza volta che avevo come rivale l’italiana, nelle edizioni precedenti lei mi aveva battuto. La Briuzzi é una pilota veterana che é ritornata da poco alle gare ed é sempre stata un’osso duro da battere” racconta l’italo-venezuelana.

Di Grigoli ritornerá nuovamente in gara nel mese di luglio quando sará impegnata nella Back to Grandbo, che si svolgerá in Francia dal 1 al 10 luglio.

Ultima ora

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

23:44Juve:Agnelli, disappunto per ko, ma obiettivo leggenda

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Il risultato di ieri è un motivo di disappunto, ma dobbiamo restare concentrati sull'obiettivo finale: questa stagione ci può e deve portare nella leggenda". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, questa sera al Museo delle Scienze e della Tecnologia di Milano dove presenta il nuovo logo del club.

23:26Investiti da treno nel Fiorentino, 1 morto e un ferito

(ANSA) - MONTELUPO (FIRENZE), 16 GEN - Una persona è morta, un'altra è rimasta ferita, sembra in modo non grave, in un incidente avvenuto, poco dopo le 21, alla stazione ferroviaria di Montelupo (Firenze). Secondo le prime informazioni le due persone sarebbero state investite dal treno regionale Pisa-Firenze. Ancora da chiarire la dinamica di quanto successo. Sul posto, oltre al 118, la polfer e i carabinieri. La linea ferroviaria è interrotta in entrambe le direzioni. (ANSA).

23:21Maltempo: Firenze, domani chiusi parchi, giardini e cimiteri

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Chiusi domani a Firenze parchi, giardini e cimiteri comunali. Lo ha deciso l'unità di crisi, presieduta dalla vicesindaca Giachi, che si è insediata alle 19 al centro operativo della Protezione civile all'Olmatello, a Firenze. In un nuovo alert system lanciato dalla protezione civile del Comune dopo che le nuove previsioni meteo hanno confermato, per domani, codice arancione per il vento forte, si invitano poi i cittadini a prestare la massima attenzione ed evitare, domani, spostamenti e attività all'aperto in particolare dalle 7 alle 13. Il centro coordinerà l'attività delle strutture operative per fronteggiare eventuali criticità. Al momento, però, non si registrano emergenze. (ANSA).

23:15Trasporti: riattivato traffico in Stazione Centrale a Milano

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - E' stato pienamente riattivato alle 19.45 il traffico ferroviario nella stazione Milano Centrale, dopo che un guasto alla linea elettrica di alimentazione dei treni ha fortemente rallentato la circolazione ferroviaria dalle 17.05. Secondo quanto comunica RFI, i treni a lunga percorrenza e i regionali hanno registrato ritardi medi di circa un'ora, con un picco massimo di tre ore per due treni, oltre a limitazioni di percorso, deviazioni e cancellazioni. Sono in corso di accertamento le cause del guasto che ha interessato i binari dall'1 al 12. (ANSA).

23:02Donne uccise a Bergamo, esclusa ipotesi serial killer

(ANSA) - BERGAMO, 16 GEN - Perde definitivamente peso l'ipotesi di un killer seriale che si aggira nella Bergamasca dato che è stato accertato che non è stata la stessa mano a uccidere Gianna Del Gaudio e Daniela Roveri. Pur non trascurando nulla, il procuratore capo di Bergamo Walter Mapelli spegne quella che già dall'inizio per gli inquirenti era sembrata una ipotesi poco verosimile. La procura aveva comunque chiesto ai medici legali che hanno eseguito le autopsie delle due donne di comparare le ferite e verificare eventuali analogie. Dalla comparazione la conferma che i due omicidi non sono collegati né collegabili. Gianna è stata colpita più di una volta, Daniela solo una. Inoltre il taglio alla gola inferto a Daniela è orizzontale, mentre è diagonale quello che ha ucciso Gianna. Infine l'arma con cui è stata sgozzata Gianna ha scalfito anche la spina dorsale, quella che ha ucciso Daniela, invece, ha praticamente tranciato le vertebre della spina dorsale. (ANSA).

22:43Focara: accesa grande pira a Novoli su note della ‘pizzica’

(ANSA) - NOVOLI (LECCE), 16 GEN - Anche quest'anno la pioggia, che è caduta per quasi tutto il giorno su Novoli, non ha fermato la tradizionale accensione della Focara, il più grande falò del Mediterraneo, eretto in onore di Sant'Antonio Abate. Per la prima volta è stato il ritmo della 'pizzica' a scandire quello dei fuochi pirotecnici che hanno infiammato la gigantesca pira alta 25 metri e larga 20 metri. Sulle note del brano 'Fuecu' di Daniele Durante, il corpo di ballo de La Notte della Taranta ha danzato come una "comunità che attraverso il fuoco sprigiona energia e sentimento", ha sottolineato il coreografo Fabrizio Mainini. Una comunità di circa 70mila persone che il paese di 8.500 abitanti accoglierà fino al 18 gennaio. Prevista esibizione di Vinicio Capossela che eseguirà per la prima volta un brano scritto nel 2008, ispirato dal rito dell'enorme falò: 'Focara Focara'. Presenti anche il governatore della Puglia, Michele Emiliano, con il sindaco di Novoli e presidente della fondazione Focara, Gianmaria Greco.

Archivio Ultima ora