Rischiano annegare nell’Enza, 3 salvati da “catena umana”

(ANSA) – REGGIO EMILIA, 26 GIU – Tre ragazzi hanno rischiato di perdere la vita nelle acque del fiume Enza, tra le località Currada e Compiano del comune di Canossa, nell’identico punto dove venerdì ha perso la vita una 24enne reggiana. Sono stati salvati da una ‘catena’ umana. Secondo i primi accertamenti dei Carabinieri di San Polo d’Enza, poco dopo le 15 una ragazza (ancora non identificata visto che si è allontanata prima dell’arrivo dei soccorsi e quindi in buone condizioni di salute) stava facendo il bagno, quando a causa della corrente è stata trascinata sott’acqua. Stessa sorte è toccata ad un 22enne di Bianconese (Parma) e ad un cittadino pakistano, in corso di identificazione, che si erano gettati in acqua per salvare la ragazza. A questo punto una vera e propria catena umana organizzata dai numerosi bagnanti è riuscita a tirare fuori dalle acque i tre. La ragazza, appunto, si è allontanata, mentre i 2 ragazzi, entrambi coscienti, sono stati trasportati con l’elisoccorso in ospedale. (ANSA).

Condividi: