Euro2016: Del Bosque, nessuna favorita ma noi siamo la Spagna

Pubblicato il 26 giugno 2016 da redazione

Spain's head coach Vicente del Bosque (L) talks with defender Gerard Pique (R) during the team's training session held in Re Island, France, 24 June 2016. EPA/JuanJo Martin

Spain’s head coach Vicente del Bosque (L) talks with defender Gerard Pique (R) during the team’s training session held in Re Island, France, 24 June 2016. EPA/JuanJo Martin

ILE DE RE’ (FRANCIA). – Vicente Del Bosque si trova davanti a un bivio, alla vigilia della partita contro l’Italia: se vincerà va avanti, cullando il sogno di un leggendario triplete europeo, dopo il titolo 2012 e quello Mondiale 2010 (per la Spagna sarebbe anche l’Euro-triplete, se si aggiunge il trofeo vinto con Luis Aragones in panchina nel 2008); se contro gli azzurri dovesse perdere, invece, quasi sicuramente quella dello Stade de France sarebbe l’ultima panchina ‘Roja’.

Basta questo per metterlo davanti a una notte prima degli esami che ha un gusto particolare, proponendo un vasto assortimento di motivazioni e di pensieri che gli affollano la mente. Malgrado tutto, Don Vicente non perde il proprio stile, peraltro attestato dal titolo di marchese di Del Bosque che gli venne conferito da re Juan Carlos nel 2011.

Il ct spagnolo è originario di Salamanca, città di poeti ed esploratori, ma anche di grandi allenatori come lui. Che sentono l’odore della partita e se lo cuciono addosso. Del Bosque sa che sarebbe mortale, per le Furie rosse, non dare il giusto peso all’ItalConte; per questo, in conferenza stampa, ha sottolineato che “domani non ci sono favorite”, aggiungendo che “le squadre si equivalgono”, ma anche che questa sfida “non è assimilabile alla finale del 2012”, disputata a Kiev e che la ‘sua’ squadra dominò, calando un poker nella porta di Buffon.

Del Bosque si affida al più italiano degli spagnoli, Alvaro Morata. “Puntiamo molto sulla sua verve realizzativa, sulle sue capacità di grande finalizzatore”, le parole del ct. “Da quando ha giocato in Italia è cresciuto molto”.

Per stessa ammissione dell’interessato. “Perché mi sono misurato con un certo tipo di difensori”, le parole dell’ormai ex juventino, tornato al Real Madrid (ex squadra di Del Bosque). Nella sfida senza un domani, come l’ha definita Conte, il ct spagnolo intravede la possibilità di adeguate contromisure.

“L’Italia – ha spiegato Del Bosque – è una squadra che gioca molto con le ali, ma a me piace prendere l’iniziativa e mi auguro che la squadra lo faccia anche domani. Speriamo di disputare una buona partita, anche se sarà dura contro l’Italia”.

Morata prevede un pomeriggio di grandi emozioni, con lui da una parte e i suoi ex compagni dall’altra, che cercheranno di non farlo segnare, come mai prima d’ora. A parte gli allenamenti a Vinovo, quartier generale della Juve.

Il centravanti della Spagna non dimentica i momenti trascorsi alla corte della Vecchia signora e ringrazia pubblicamente. “Probabilmente, se domani gioco, sarà una delle più importanti partite della mia carriera: è un avere contro la difesa dell’Italia, ma difficile. Tutti i difensori che avrò di fronte sono stati miei compagni di squadra, mi hanno aiutato in ogni modo possibile da quando sono arrivato a Torino. Sarò sempre riconoscente nei loro confronti e ricambierò l’affetto”.

Però, non ci sarà spazio per i sentimenti, prevarrà la ragione. Anzi, l’istinto del bomber. “Sappiamo tutti che l’Italia, dal punto di tattico, è una delle migliori squadre. Per vincere dovremo segnare un gol più di loro, siamo in grado di farlo, abbiamo una squadra che può farlo e ci siamo preparati per questo. Anche se, mi rendo conto che non sarà facile”.

Infine, un avvertimento, ad amici, ex compagni e nuovi avversari: “Se giochiamo come sappiamo si può fare tutto. Siamo la Spagna e possiamo vincere”.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

05:49Trump a senatori a Casa Bianca, ‘spero in lavoro bipartisan’

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riceve i senatori per una cena alla Casa Bianca e sembra lanciare un appello per un ''lavoro bipartisan'', su diversi temi, a partire dalla legge sulla Sanita'. ''So che troveremo presto un accordo sulla Sanita''', ha detto. ''Faremo un ottimo lavoro e speriamo comincera' ad essere anche bipartisan visto che vogliamo tutti la stessa cosa''.

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

05:22Iraq: comandante Usa, ‘probabile ruolo’ in vittime Mosul

WASHINGTON - In quella che emerge come la prima possibile ammissione di responsabilita' da parte delle forze Usa circa le numerose vittime civili a Mosul, obiettivo di raid della coalizione anti Isis, il generale Stephen J. Townsend, comandante delle forze americane in Iraq ha affermato che un raid americano potrebbe aver provocato il crollo di un edificio a Mosul in cui oltre 100 civili sono rimasti uccisi.

05:17Brexit: May ha firmato lettera notifica articolo 50

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera - poche cartelle - sarà consegnata oggi alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles.

05:08Venezuela: duro scontro al consiglio permanente dell’Osa

WASHINGTON - Duro scontro oggi sull'impasse politica e la crisi economica del Venezuela al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), dove il governo di Nicolas Maduro ha respinto qualsiasi iniziativa di mediazione da parte dell'organizzazione, dopo essere stato messo in minoranza durante il dibattito. Dall'apertura della sessione, infatti, il rappresentante venezuelano - con l'assistenza dei colleghi di Nicaragua e Bolivia, gli unici ad assumere la difesa di Caracas nella discussione - ha cercato prima di annullare o sospendere la riunione, e successivamente di dichiararla illegale e senza valore, denunciandone l'''inaccettabile aspetto interventista''.

00:38Calcio: Mondiali 2018, Argentina sconfitta in Bolivia

(ANSA) - LA PAZ, 29 MAR - La Bolivia ha battuto 2-0 l'Argentina in una partita valida per le eliminatorie mondiali del Sudamerica. L'Albiceleste ha giocato senza Lio Messi, squalificato qualche ora prima dell'incontro per quattro gare dalla Fifa. Le due reti sono state segnate ai 31' da Juan Carlos Arce e al 52' da Marcelo Moreno Martins.

Archivio Ultima ora