Euro2016: Del Bosque, nessuna favorita ma noi siamo la Spagna

Pubblicato il 26 giugno 2016 da redazione

Spain's head coach Vicente del Bosque (L) talks with defender Gerard Pique (R) during the team's training session held in Re Island, France, 24 June 2016. EPA/JuanJo Martin

Spain’s head coach Vicente del Bosque (L) talks with defender Gerard Pique (R) during the team’s training session held in Re Island, France, 24 June 2016. EPA/JuanJo Martin

ILE DE RE’ (FRANCIA). – Vicente Del Bosque si trova davanti a un bivio, alla vigilia della partita contro l’Italia: se vincerà va avanti, cullando il sogno di un leggendario triplete europeo, dopo il titolo 2012 e quello Mondiale 2010 (per la Spagna sarebbe anche l’Euro-triplete, se si aggiunge il trofeo vinto con Luis Aragones in panchina nel 2008); se contro gli azzurri dovesse perdere, invece, quasi sicuramente quella dello Stade de France sarebbe l’ultima panchina ‘Roja’.

Basta questo per metterlo davanti a una notte prima degli esami che ha un gusto particolare, proponendo un vasto assortimento di motivazioni e di pensieri che gli affollano la mente. Malgrado tutto, Don Vicente non perde il proprio stile, peraltro attestato dal titolo di marchese di Del Bosque che gli venne conferito da re Juan Carlos nel 2011.

Il ct spagnolo è originario di Salamanca, città di poeti ed esploratori, ma anche di grandi allenatori come lui. Che sentono l’odore della partita e se lo cuciono addosso. Del Bosque sa che sarebbe mortale, per le Furie rosse, non dare il giusto peso all’ItalConte; per questo, in conferenza stampa, ha sottolineato che “domani non ci sono favorite”, aggiungendo che “le squadre si equivalgono”, ma anche che questa sfida “non è assimilabile alla finale del 2012”, disputata a Kiev e che la ‘sua’ squadra dominò, calando un poker nella porta di Buffon.

Del Bosque si affida al più italiano degli spagnoli, Alvaro Morata. “Puntiamo molto sulla sua verve realizzativa, sulle sue capacità di grande finalizzatore”, le parole del ct. “Da quando ha giocato in Italia è cresciuto molto”.

Per stessa ammissione dell’interessato. “Perché mi sono misurato con un certo tipo di difensori”, le parole dell’ormai ex juventino, tornato al Real Madrid (ex squadra di Del Bosque). Nella sfida senza un domani, come l’ha definita Conte, il ct spagnolo intravede la possibilità di adeguate contromisure.

“L’Italia – ha spiegato Del Bosque – è una squadra che gioca molto con le ali, ma a me piace prendere l’iniziativa e mi auguro che la squadra lo faccia anche domani. Speriamo di disputare una buona partita, anche se sarà dura contro l’Italia”.

Morata prevede un pomeriggio di grandi emozioni, con lui da una parte e i suoi ex compagni dall’altra, che cercheranno di non farlo segnare, come mai prima d’ora. A parte gli allenamenti a Vinovo, quartier generale della Juve.

Il centravanti della Spagna non dimentica i momenti trascorsi alla corte della Vecchia signora e ringrazia pubblicamente. “Probabilmente, se domani gioco, sarà una delle più importanti partite della mia carriera: è un avere contro la difesa dell’Italia, ma difficile. Tutti i difensori che avrò di fronte sono stati miei compagni di squadra, mi hanno aiutato in ogni modo possibile da quando sono arrivato a Torino. Sarò sempre riconoscente nei loro confronti e ricambierò l’affetto”.

Però, non ci sarà spazio per i sentimenti, prevarrà la ragione. Anzi, l’istinto del bomber. “Sappiamo tutti che l’Italia, dal punto di tattico, è una delle migliori squadre. Per vincere dovremo segnare un gol più di loro, siamo in grado di farlo, abbiamo una squadra che può farlo e ci siamo preparati per questo. Anche se, mi rendo conto che non sarà facile”.

Infine, un avvertimento, ad amici, ex compagni e nuovi avversari: “Se giochiamo come sappiamo si può fare tutto. Siamo la Spagna e possiamo vincere”.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

18:00Aic, corso gestione impianti sportivi e Scuole Calcio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Si terrà a Roma dal 19 al 21 giugno prossimi un corso di formazione, riservato agli associati Aic (associazione italiana calciatori), che fornisce gli elementi utili per l'accesso alla linea esclusiva di finanziamento istituita dall'Istituto per il Credito Sportivo per gli iscritti all'Associazione. Il corso sarà incentrato su come gestire, progettare, ristrutturare un centro sportivo e come gestire una scuola calcio seguendo il modello formativo proposto dall'Associazione Italiana Calciatori.

17:52Giro: 17/a tappa, Dumoulin ha conservato la maglia rosa

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - L'olandese Tom Dumoulin ha conservato la maglia rosa indossata il 16 maggio scorso, dopo la cronometro del 'Sagrantino', vinta sulle strade dell'Umbria. Il capitano della Sunweb, nell'attesa della tappa di domani con 5 Gpm, e dopo i rischi di ieri, oggi si è limitato a controllare la situazione, giungendo sul traguardo con un distacco di 7'53" dal vincitore della tappa, Pierre Rolland.

17:43Ippica:Snai apre ippodromo a scuole,alunni a scoperta S.Siro

(ANSA) - MILANO, 24 MAG - Giornata speciale per l'ippodromo di Milano che, per la prima volta dopo molto tempo, ha aperto le porte alle scuole ospitando 50 bambini di due quarte elementari dell'Istituto Comprensivo Scolastico L. Einaudi e G. Pascoli, nell'ambito dell'iniziativa '#scoprisansiro per i più piccoli'. Accompagnati da maestre e dirigenti scolastici, gli alunni hanno visitato le piste di allenamento, dove erano impegnati i cavalli di trotto e galoppo, le scuderie e poi l'ippodromo SNAI San Siro, consumando la loro merenda ai piedi della statua del Cavallo di Leonardo. Dopo aver corso scalzi sulla pista calcata dai più grandi purosangue della storia dell'ippica, i bambini hanno concluso la loro visita tra i sentieri del parco botanico. "Gli ippodromi di Milano - dichiara Fabio Schiavolin, ad di SNAITECH - sono luoghi straordinari e unici, dove la tradizione ippica si fonde con la storia, l'architettura e la cultura. Per valorizzare e promuovere questo patrimonio della città di Milano''

17:38Migranti: traffico esseri umani, otto indagati a Imperia

(ANSA) - IMPERIA, 24 MAG - Si è chiuso con 8 indagati il filone imperiese della maxi operazione contro il traffico internazionale di migranti iniziata nel gennaio scorso. Il pubblico ministero Lorenzo Fornace ha notificato l'avviso di conclusione indagini agli albanesi Redon Shametaj, 21 anni, Ismailaj Gazmir, 32 anni. Misin Alidini, 30 anni e Neri Shametai, 22 anni, a Tanha Emran Mohammad, afgano di 21 anni, a Edmond Bylibi Bayala, cittadino trentenne del Burkina Faso e all'iraniano Esmatollah Jafari, 28 anni. L'indagine era iniziata quando la Polstrada ha scoperto, il 19 gennaio scorso, quarantuno migranti stipati all'interno di un furgone Renault Master alla barriera autostradale di Ventimiglia. In quell'occasione era stato arrestato Neri Shametaj. Nei confronti di alcuni di loro, il giudice ha disposto il divieto di dimora nelle province di Imperia, Torino e Cuneo. I due cugini Shametaj sono accusati del tentativo di trasporto oltreconfine dei 41 migranti africani. Su di loro pende anche l'aggravante del trattamento disumano. Neri venne arrestato subito, mentre Redon, riuscito a scappare, era stato catturato pochi giorni dopo. Anche Bayala risulta coinvolto tra gli organizzatori di quest'ultimo viaggio. Gli imputati sono difesi dall'avvocato Andi Tahiri. La stessa operazione vede anche un filone milanese, che all'epoca si concluse con trentasei arresti. (ANSA).

17:38Giro: 17/a tappa, a Canazei vince Rolland per distacco

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - Il francese Pierre Rolland (Cannondale-Drapac), 31 anni ancora da compiere, ha vinto per distacco la 17/a tappa del 100/o Giro d'Italia di ciclismo, da Tirano (Sondrio) a Canazei (Trento), lunga 219 chilometri. Rolland si è classificato al terzo posto il 17 scorso, nell'11/a tappa, conclusa a Bagno di Romagna (Forlì-Cesena). L'azione vincente del francese è partita a circa 8 chilometri dall'arrivo.

17:32Malore durante immersione, morta sub nel Livornese

(ANSA) - CECINA (LIVORNO), 24 MAG - Una donna di 57 anni di Bologna è morta dopo aver accusato un malore durante un'immersione subacquea. La donna, spiegano dal 118, aveva già lamentato un malessere precedente all'immersione. Ad allertare la pubblica assistenza di Cecina (Livorno), intervenuta con un'ambulanza da terra poco dopo mezzogiorno, è stata una richiesta di soccorso proveniente da un'imbarcazione. I sanitari una volta sul posto hanno praticato tutte le manovre rianimatorie, ma per la donna non c'è stato niente da fare. Oltre al 118 è intervenuta anche la Capitaneria di porto. (ANSA).

17:29Figlia Che Guevara a studenti Padova, ‘mi regalò un peluche’

(ANSA) - PADOVA, 24 MAG - "Quando avevo quattro anni e mezzo, mio papà mi teneva in braccio di notte e mi raccontava storie fantastiche. Era molto austero, ma una volta mi regalò un leone di peluche". E' uno dei ricordi privati del 'comandante Che Guevara' raccontato oggi agli studenti dell'Università di Padova da Aleida Guevara March, 56 anni, figlia del guerrigliero cubano ucciso in Bolivia nel 1967. La donna ha risposto all'invito rivoltole dal dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali dell'ateneo, per celebrare "50 anni dalla morte del Che". Una sala gremita di studenti e nostalgici del Sessantotto, quella del teatro Ruzante. Aleida Guevara ha letto e commentato in spagnolo alcuni brani del padre, ed ha esortato i ragazzi alla solidarietà. "Dopo l'università - ha detto - si pensa di sapere tutto, ma solo chi si rende utile al popolo diventa un vero professionista: ingegneri e architetti devono essere capaci di ascoltare per risolvere i problemi della comunità".

Archivio Ultima ora