La sana follia di Conte: “Oltre la ragione vinciamo”

Pubblicato il 26 giugno 2016 da redazione

Italys head coach Antonio Conte during a walk through at the Stadium Nord Lille Metropole, in Villeneuve-d'Ascq near Lille, France, 21 June 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

Italys head coach Antonio Conte during a walk through at the Stadium Nord Lille Metropole, in Villeneuve-d’Ascq near Lille, France, 21 June 2016.
Ansa/Daniel Dal Zennaro

PARIGI. – “Se usiamo la ragione perdiamo”. Mentre il crepuscolo della banlieu parigina annuncia quella che potrebbe essere la sua ultima notte da commissario tecnico azzurro, Antonio Conte sceglie l’elogio della follia per dare speranza all’Italia: “Se vogliamo vincere con la Spagna e compiere una vera e propria impresa – proclama ispirato il ct nella conferenza stampa della vigilia a Saint Denis – dobbiamo andare al di là del prevedibile e pensabile, fare cose straordinarie”.

Cita involontariamente Erasmo da Rotterdam, Conte: o più banalmente Zaza, che per primo nel gruppo azzurro aveva parlato tempo fa di valore aggiunto della follia. Comunque pare sincero quando trasmette a tutti la sua convinzione. “I miei giocatori sono capaci di fare questo, e anche altro”.

Sarà che è ai titoli di coda di un’esperienza totalizzante durata due anni, o forse è la trance agonistica: fatto sta che il ct prima della sfida da ‘dentro o fuori’ degli ottavi di finale degli europei con i campioni in carica della Spagna manda messaggi (diretti e subliminali) con un’inconsueta aria da guru. E soprattutto modifica i piani d’appoggio del perenne dibattito tecnico.

“La gara la dobbiamo vincere tutti insieme nella fase offensiva – spiega -, è quando abbiamo palla che dobbiamo fare male alla Spagna. Stiano attenti, gli iberici: in fase possesso possiamo devastare chiunque. Sento parlare di Morata, Nolito, del loro attacco: ma pensiamo anche alla nostra fase offensiva. Abbiamo un’organizzazione difensiva, ma anche offensiva – aggiunge il ct -.

La Spagna stia attenta a noi. Anche perché – scandisce – io non voglio tornare a casa. E lo stesso vale per tutti gli azzurri: l’Italia qui non è vittima sacrificale. E’ una sfida impari, ma il bello della vita è lavorare per sovvertire questo tipo di pronostici”.

Sarà chiamato ad affrontare la sfida più dura, contro una squadra che gli azzurri non battono dal 1994, facendo a meno di quello che probabilmente era il giocatore meno sostituibile di questa nazionale: Antonio Candreva, uno che ha spunto in velocità ma anche fosforo, dribbling e tiro. Perfetto con le sue ripartenze per mandare in difficoltà avversari piuttosto statici in difesa.

Fermo restando il 3-5-2 classico degli azzurri di Conte, l’infortunio muscolare che ha messo fuori causa il laziale dovrebbe indurre il ct a schierare nella formazione ormai collaudata Florenzi a destra, sostituito a sua volta a sinistra da uno tra De Sciglio (favorito) e Darmian. La tentazione di inserire El Shaarawy o addirittura Insigne, se c’è stata, è stata rinviata a situazioni contingenti a gara in corso.

Ma il sogno azzurro di superare lo storico scoglio iberico oltre che di sana follia si alimenta anche di obiettive considerazioni di qualità dell’avversario: che è certo, come dice Conte, la squadra favorita per la gara di domani.

Ma da molti viene considerata a fine ciclo, con un Tiki-Taka meno stordente (complice il pensionamento di Xavi) e paradossalmente limitato nel passaggio dal falso nueve a un centravanti verissimo (tre gol finora) come Morata. Perché così spazio per le imbucate assassine ce n’è di meno.

L’Italia invece ha sicuramente dalla sua centimetri e corsa: la squadra di Conte, statistiche Uefa alla mano, è sicuramente più fisica, tonica, persino “tosta”, dell’avversario di lunedì. “E’ la finale di quattro anni fa – riprende Conte – e per una delle due squadre non ci sarà un domani all’europeo. Non dovremo avere recriminazioni, dovremo avere dato tutto: se poi l’avversario si dimostra più forte saremo i primi ad applaudire”.

“Ma – ammonisce chiudendo, e sembra quasi una provocazione al tecnico spagnolo Del Bosque che aspetta di subentrargli in conferenza stampa – ricordatevi che noi non giochiamo in orizzontale, ma colpiamo in verticale. E – lo dice l’Uefa – corriamo tanto. Non è facile starci dietro, non credo proprio che deluderemo milioni di italiani”.

(dell’inviato Piercarlo Presutti/ANSA)

Ultima ora

07:50F1: Circus riparte da Australia, Hamilton davanti a Vettel

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Prende il via ufficialmente la stagione 2017 di Formula 1 con il primo Gran Premio del 2017 in Australia. Sulla pista semi-cittadina dell'Albert Park di Melbourne, al primo semaforo verde dell'anno la Mercedes di Lewis Hamilton è scattata davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel che partiva dalla seconda posizione. Terza l'altra Stella d'Argento di Bottas che precede la rossa di Raikkonen.

07:01Bulgaria, si vota per politiche anticipate

(ANSA) - SOFIA, 26 MAR - In Bulgaria si vota oggi per le elezioni politiche anticipate, una consultazione dall'esito incerto e nella quale si prevede una lotta serrata fra conservatori e socialisti. Il voto vede la partecipazione di 13 partiti, 9 coalizioni e 21 comitati d'iniziativa. Le urne si sono aperte alle 7 locali (le 6 italiane) e chiuderanno alle 20 (19). Subito dopo saranno diffusi gli exit poll. Gli oltre 6,8 milioni di elettori - su una popolazione di 7,5 milioni di abitanti - possono votare in quasi 12 mila seggi elettorali, e l'affluenza prevista si aggira intorno al 60%-65%. Stando agli ultimi sondaggi sembra improbabile che dalle urne esca una maggioranza di governo ben definita.

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

Archivio Ultima ora