Renzi dopo Brexit, fare presto e cambiare l’Unione Europea

Pubblicato il 26 giugno 2016 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi at the Elysee Palace for a meeting with French President Francois Hollande, Paris, 25 June 2016. ANSA/PALAZZO CHIGI PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI

Italian Prime Minister Matteo Renzi at the Elysee Palace for a meeting with French President Francois Hollande, Paris, 25 June 2016.
ANSA/PALAZZO CHIGI PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI

ROMA. – “La partita è finita”, si deve al più presto avviare e chiudere il negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue. E subito “cambiare l’Europa”, mettendo “al centro la crescita”, i bisogni dei cittadini e non quelli delle banche. Perchè non si può perdere un anno a parlare di come la Gran Bretagna debba lasciare il Continente.

Non ha dubbi Matteo Renzi: serve più Europa, non meno Europa. Un’Europa più sociale e meno burocratica. Ed è proprio adesso il “momento di voltare pagina”. Perciò alla vigilia del vertice a tre a Berlino con Angela Merkel e Francois Hollande per provare a costruire una risposta comune, lancia un messaggio preciso agli alleati: “Spero Francia e Germania ci seguano sulla crescita”.

Ma, in un’intervista al Tg1, parla anche agli italiani. “Escludo che vi sia un rischio” per il nostro Paese derivante dalle turbolenze sui mercati, afferma. E la Brexit, assicura, non avrà conseguenze né influenza sul referendum costituzionale.

“L’Italia è in prima fila per cambiare l’Europa. Sicuramente la Lega e i 5 Stelle, da sempre contrari all’Euro, ora festeggiano ma pensiamo che la stragrande maggioranza degli italiani voglia stare in Europa. Un’Europa con l’anima e non delle regole. Ma una cosa è cambiare l’Europa altra è fuggire dall’Europa: sarebbe un errore tragico”, sottolinea il premier, all’indomani della cena all’Eliseo con Francois Hollande e alla vigilia del decisivo vertice a tre di Berlino dove la Merkel sembra voler prendere tempo sulle procedure di uscita di Londra.

Prima di volare in Germania, il presidente del Consiglio terrà le consuete comunicazioni alle Camere in vista del vertice europeo di martedì. E proprio dal Parlamento potrebbe essere lanciata una proposta tutta italiana: promuovere a Roma, in occasione del sessantesimo anniversario dei trattati istitutivi della Comunità europea, una “grande conferenza per una nuova governance europea”.

E’ una delle iniziative che il governo potrebbe assumere nei prossimi mesi per rilanciare “il disegno” dell’Ue proprio lì dove nacque. E provare a trasformare la Brexit in un passaggio per “rifondare” l’Europa. L’idea è tratteggiata nella bozza di risoluzione di maggioranza, una bozza sulla quale si proverà anche a trovare una convergenza con parte delle opposizioni, ma senza grosse aspettative.

Anzi, in Aula non si escludono tensioni con leghisti e 5 Stelle. Quando a metà mattinata Renzi prenderà la parola, sarà già chiara la reazione dei mercati, dopo il crollo di venerdì. L’attenzione è alta anche perché un ulteriore segnale di instabilità, nel vecchio Continente, potrebbe venire dalle elezioni spagnole.

Ma il premier ribadisce che “qualora ci fossero difficoltà, il governo italiano e le istituzioni europee sono pronte ad intervenire per dare certezza ai consumatori e risparmiatori”. Le banche italiane sono “solide” e finora ha funzionato lo scudo della Bce, non si stancano di ripetere negli ambienti di governo. Ma i mercati sono solo una delle incognite.

Un’altra importante incognita sono i tempi del negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue, un dato – osservano fonti italiane – tutt’altro che secondario perché condizionerà i tempi di reazione allo shock dell’intera Europa.

E se Cameron rinvia la formalizzazione dell’uscita dall’Ue e Die Welt conferma che Merkel vuole temporeggiare, Renzi è netto: “Non possiamo perdere un anno” a discutere, serve chiarezza. Ed è dunque questo un primo ostacolo alla costruzione di un asse forte con la Cancelliera e Hollande, e offrire ai mercati, ai partner europei e agli euroscettici di tutt’Europa un segnale di saldezza.

Quel che è chiaro a Roma è che la Brexit apre uno scenario politico ed economico tutto nuovo e le risposte non possono che essere proporzionate. E sempre più “comuni”. Dal Migration compact a una spinta più decisa agli investimenti (con conseguenti margini di bilancio) per favorire la crescita. Fino al tema di una nuova governance.

Da discutere magari in una “grande conferenza” da tenersi entro il 25 marzo 2017, data della firma dei trattati di Roma. Creando magari – nessuno più lo esclude – un nucleo centrale forte in un’Ue “a più velocità”.

Prima di quella data l’Italia deve affrontare il referendum sulle riforme, cui si guarda con attenzione da tutta Europa. Nessun paragone con la Brexit, però, assicura Renzi: in questo caso “chi vota “SI” riduce il numero dei politici dando allo Stato una conformazione più semplice”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

07:50F1: Circus riparte da Australia, Hamilton davanti a Vettel

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Prende il via ufficialmente la stagione 2017 di Formula 1 con il primo Gran Premio del 2017 in Australia. Sulla pista semi-cittadina dell'Albert Park di Melbourne, al primo semaforo verde dell'anno la Mercedes di Lewis Hamilton è scattata davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel che partiva dalla seconda posizione. Terza l'altra Stella d'Argento di Bottas che precede la rossa di Raikkonen.

07:01Bulgaria, si vota per politiche anticipate

(ANSA) - SOFIA, 26 MAR - In Bulgaria si vota oggi per le elezioni politiche anticipate, una consultazione dall'esito incerto e nella quale si prevede una lotta serrata fra conservatori e socialisti. Il voto vede la partecipazione di 13 partiti, 9 coalizioni e 21 comitati d'iniziativa. Le urne si sono aperte alle 7 locali (le 6 italiane) e chiuderanno alle 20 (19). Subito dopo saranno diffusi gli exit poll. Gli oltre 6,8 milioni di elettori - su una popolazione di 7,5 milioni di abitanti - possono votare in quasi 12 mila seggi elettorali, e l'affluenza prevista si aggira intorno al 60%-65%. Stando agli ultimi sondaggi sembra improbabile che dalle urne esca una maggioranza di governo ben definita.

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

Archivio Ultima ora