Renzi dopo Brexit, fare presto e cambiare l’Unione Europea

Pubblicato il 26 giugno 2016 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi at the Elysee Palace for a meeting with French President Francois Hollande, Paris, 25 June 2016. ANSA/PALAZZO CHIGI PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI

Italian Prime Minister Matteo Renzi at the Elysee Palace for a meeting with French President Francois Hollande, Paris, 25 June 2016.
ANSA/PALAZZO CHIGI PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI

ROMA. – “La partita è finita”, si deve al più presto avviare e chiudere il negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue. E subito “cambiare l’Europa”, mettendo “al centro la crescita”, i bisogni dei cittadini e non quelli delle banche. Perchè non si può perdere un anno a parlare di come la Gran Bretagna debba lasciare il Continente.

Non ha dubbi Matteo Renzi: serve più Europa, non meno Europa. Un’Europa più sociale e meno burocratica. Ed è proprio adesso il “momento di voltare pagina”. Perciò alla vigilia del vertice a tre a Berlino con Angela Merkel e Francois Hollande per provare a costruire una risposta comune, lancia un messaggio preciso agli alleati: “Spero Francia e Germania ci seguano sulla crescita”.

Ma, in un’intervista al Tg1, parla anche agli italiani. “Escludo che vi sia un rischio” per il nostro Paese derivante dalle turbolenze sui mercati, afferma. E la Brexit, assicura, non avrà conseguenze né influenza sul referendum costituzionale.

“L’Italia è in prima fila per cambiare l’Europa. Sicuramente la Lega e i 5 Stelle, da sempre contrari all’Euro, ora festeggiano ma pensiamo che la stragrande maggioranza degli italiani voglia stare in Europa. Un’Europa con l’anima e non delle regole. Ma una cosa è cambiare l’Europa altra è fuggire dall’Europa: sarebbe un errore tragico”, sottolinea il premier, all’indomani della cena all’Eliseo con Francois Hollande e alla vigilia del decisivo vertice a tre di Berlino dove la Merkel sembra voler prendere tempo sulle procedure di uscita di Londra.

Prima di volare in Germania, il presidente del Consiglio terrà le consuete comunicazioni alle Camere in vista del vertice europeo di martedì. E proprio dal Parlamento potrebbe essere lanciata una proposta tutta italiana: promuovere a Roma, in occasione del sessantesimo anniversario dei trattati istitutivi della Comunità europea, una “grande conferenza per una nuova governance europea”.

E’ una delle iniziative che il governo potrebbe assumere nei prossimi mesi per rilanciare “il disegno” dell’Ue proprio lì dove nacque. E provare a trasformare la Brexit in un passaggio per “rifondare” l’Europa. L’idea è tratteggiata nella bozza di risoluzione di maggioranza, una bozza sulla quale si proverà anche a trovare una convergenza con parte delle opposizioni, ma senza grosse aspettative.

Anzi, in Aula non si escludono tensioni con leghisti e 5 Stelle. Quando a metà mattinata Renzi prenderà la parola, sarà già chiara la reazione dei mercati, dopo il crollo di venerdì. L’attenzione è alta anche perché un ulteriore segnale di instabilità, nel vecchio Continente, potrebbe venire dalle elezioni spagnole.

Ma il premier ribadisce che “qualora ci fossero difficoltà, il governo italiano e le istituzioni europee sono pronte ad intervenire per dare certezza ai consumatori e risparmiatori”. Le banche italiane sono “solide” e finora ha funzionato lo scudo della Bce, non si stancano di ripetere negli ambienti di governo. Ma i mercati sono solo una delle incognite.

Un’altra importante incognita sono i tempi del negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue, un dato – osservano fonti italiane – tutt’altro che secondario perché condizionerà i tempi di reazione allo shock dell’intera Europa.

E se Cameron rinvia la formalizzazione dell’uscita dall’Ue e Die Welt conferma che Merkel vuole temporeggiare, Renzi è netto: “Non possiamo perdere un anno” a discutere, serve chiarezza. Ed è dunque questo un primo ostacolo alla costruzione di un asse forte con la Cancelliera e Hollande, e offrire ai mercati, ai partner europei e agli euroscettici di tutt’Europa un segnale di saldezza.

Quel che è chiaro a Roma è che la Brexit apre uno scenario politico ed economico tutto nuovo e le risposte non possono che essere proporzionate. E sempre più “comuni”. Dal Migration compact a una spinta più decisa agli investimenti (con conseguenti margini di bilancio) per favorire la crescita. Fino al tema di una nuova governance.

Da discutere magari in una “grande conferenza” da tenersi entro il 25 marzo 2017, data della firma dei trattati di Roma. Creando magari – nessuno più lo esclude – un nucleo centrale forte in un’Ue “a più velocità”.

Prima di quella data l’Italia deve affrontare il referendum sulle riforme, cui si guarda con attenzione da tutta Europa. Nessun paragone con la Brexit, però, assicura Renzi: in questo caso “chi vota “SI” riduce il numero dei politici dando allo Stato una conformazione più semplice”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:58Gerusalemme: appello Papa, ‘moderazione e dialogo’

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 LUG - Il Papa segue "con trepidazione le gravi tensioni e le violenze di questi giorni a Gerusalemme". Lo ha detto lo stesso Francesco oggi dopo l'Angelus. "Sento il bisogno di esprimere un accorato appello alla moderazione e al dialogo. Vi invito ad unirvi a me nella preghiera, affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace" ha aggiunto il pontefice.

12:35Incendiari arrestati in flagrante a Viterbo e nel messinese

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Cinque incendiari sono stati bloccati dai Carabinieri nel messinese e a Montalto di Castro, in provincia di Viterbo, mentre davano fuoco a delle sterpaglie. Sui monti Peloritani, a ridosso della strada Asi, i militari dell'Arma che stavano perlustrando la zona dopo i diversi incendi dei giorni scorsi, hanno arrestato un uomo di 28 anni: hanno visto un bagliore e, dopo essersi nascosti dietro un cespuglio, hanno sorpreso il giovane mentre si allontanava. "E' stata una bravata": così, invece, si sono giustificati 4 ragazzi, un 21enne e tre 16enni che sono stati sorpresi dai Carabinieri ad appiccare il fuoco ad un bosco di pini e cerri lungo la litoranea a Montalto di Castro. I militari hanno sorpreso i quattro amici, tutti provenienti da Roma, mentre davano alle fiamme il terzo rogo dopo averne appiccato altri due a poca distanza. Il maggiorenne è stato arrestato mentre i tre 16enni sono stati deferiti alla Procura di Roma, tutti per il reato di incendio doloso.

12:10Migranti: Usa, almeno 8 morti a San Antonio in Texas

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - E' di almeno otto morti, tra cui due bambini, il primo bilancio di un dramma dell'immigrazione clandestina a San Antonio, in Texas. Secondo FoxNews, in un camion con rimorchio, parcheggiato nei pressi di un Wal-Mart della città texana, la polizia ha trovato, oltre agli otto cadaveri, altre 30 persone, tra cui 20 in gravi condizioni. L'autista è stato arrestato. Il capo della Polizia di San Antonio, William McManus, ha detto che i corpi sono stati scoperti dopo una telefonata nella serata di sabato, riferisce la Cnn. "Abbiamo ricevuto una telefonata da un impiegato di Walmart per effettuare un controllo a un rimorchio parcheggiato lì davanti", ha detto McManus durante una conferenza stampa. "L'impiegato era stato avvicinato da qualcuno del camion che gli aveva chiesto dell'acqua. Dopo avergli dato una bottiglia ci ha chiamato e al nostro arrivo abbiamo trovato 8 cadaveri nel retro del rimorchio", ha aggiunto.

12:10Calcio: Cuadrado, “Barca è grande squadra ma anche la Juve”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - La Juventus "è una grande squadra e non è cambiata molto rispetto all'anno scorso". La sconfitta col Barcellona, nella prima amichevole della tournee americana, non fa cambiare idea sulla Juventus a Cuadrado. "Gli spagnoli sono un grandi avversari - aggiunge sul sito internet del club bianconero - sempre molto difficili da affrontare". Per lo juventino l'importante ora è continuare a "lavorare per trovare la migliore condizione e per conoscere il più in fretta possibile i nuovi compagni. Ora - conclude - dobbiamo prepararci bene, per arrivare pronti alla Supercoppa".

11:49Brexit: ministro Gb, deve verificarsi entro marzo 2019

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Due anni di negoziati al massimo per la Brexit, da chiudere possibilmente entro il marzo 2019, e comunque prima di elezioni politiche in Gran Bretagna. Lo suggerisce Liam Fox, un euroscettico, attualmente ministro per il commercio con l'estero. Lo stesso Fox lo ha detto oggi all'Andrew Marr Show della Bbc. Il ministro si trova attualmente negli Stati Uniti, per una serie di colloqui sulle future relazioni commerciali tra Gb e Usa.

11:32Incendi: in Sicilia continua rogo in riserva dello Zingaro

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Brucia ormai da quasi 24 ore la parte sud della Riserva naturale dello Zingaro, in provincia di Trapani, dopo l'incendio scoppiato nel pomeriggio di ieri. Sul posto stanno operando forestali, vigili del fuoco e 3 Canadair, uno dei quali arrivato in supporto questa mattina ai due che già da ieri erano in azione. La parte sud della riserva è in cenere e non si possono ancora valutare i danni del resto del'area. La riserva, che si estende dal mare verso la collina, aveva già subito un incendio devastante nel 2012. Nella zona è arrivato anche l'assessore regionale all'Agricoltura, Antonello Cracolici, insieme al direttore della riserva. Il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicolò Coppola, ha spiegato che stanotte sono stati evacuati per prudenza anche alcuni alberghi e villette, mentre gruppi di volontari hanno operato nel tentativo di creare barriere naturali alle fiamme, diserbando alcune aree.

11:31Donna seminuda trovata morta per strada a Palermo

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Una donna è stata trovata morta a Palermo in corso dei Mille, una strada molto trafficata alla periferia orientale della città. A notare il cadavere, che era adagiato tra due auto, è stato un passante che ha chiamato la polizia. La donna era seminuda e con i vestiti strappati. È il secondo caso a Palermo in pochi giorni: lo scorso nove luglio il cadavere di un'altra donna era stato scoperto sempre nella zona di Corso dei Mille. La vittima, tra i 25 e i 35 anni, era stata trovata priva di documenti accanto ad alcuni cassonetti dei rifiuti; non presentava segni di violenza sul corpo. Sui due ritrovamenti indaga la squadra mobile.

Archivio Ultima ora