Renzi dopo Brexit, fare presto e cambiare l’Unione Europea

Pubblicato il 26 giugno 2016 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi at the Elysee Palace for a meeting with French President Francois Hollande, Paris, 25 June 2016. ANSA/PALAZZO CHIGI PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI

Italian Prime Minister Matteo Renzi at the Elysee Palace for a meeting with French President Francois Hollande, Paris, 25 June 2016.
ANSA/PALAZZO CHIGI PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI

ROMA. – “La partita è finita”, si deve al più presto avviare e chiudere il negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue. E subito “cambiare l’Europa”, mettendo “al centro la crescita”, i bisogni dei cittadini e non quelli delle banche. Perchè non si può perdere un anno a parlare di come la Gran Bretagna debba lasciare il Continente.

Non ha dubbi Matteo Renzi: serve più Europa, non meno Europa. Un’Europa più sociale e meno burocratica. Ed è proprio adesso il “momento di voltare pagina”. Perciò alla vigilia del vertice a tre a Berlino con Angela Merkel e Francois Hollande per provare a costruire una risposta comune, lancia un messaggio preciso agli alleati: “Spero Francia e Germania ci seguano sulla crescita”.

Ma, in un’intervista al Tg1, parla anche agli italiani. “Escludo che vi sia un rischio” per il nostro Paese derivante dalle turbolenze sui mercati, afferma. E la Brexit, assicura, non avrà conseguenze né influenza sul referendum costituzionale.

“L’Italia è in prima fila per cambiare l’Europa. Sicuramente la Lega e i 5 Stelle, da sempre contrari all’Euro, ora festeggiano ma pensiamo che la stragrande maggioranza degli italiani voglia stare in Europa. Un’Europa con l’anima e non delle regole. Ma una cosa è cambiare l’Europa altra è fuggire dall’Europa: sarebbe un errore tragico”, sottolinea il premier, all’indomani della cena all’Eliseo con Francois Hollande e alla vigilia del decisivo vertice a tre di Berlino dove la Merkel sembra voler prendere tempo sulle procedure di uscita di Londra.

Prima di volare in Germania, il presidente del Consiglio terrà le consuete comunicazioni alle Camere in vista del vertice europeo di martedì. E proprio dal Parlamento potrebbe essere lanciata una proposta tutta italiana: promuovere a Roma, in occasione del sessantesimo anniversario dei trattati istitutivi della Comunità europea, una “grande conferenza per una nuova governance europea”.

E’ una delle iniziative che il governo potrebbe assumere nei prossimi mesi per rilanciare “il disegno” dell’Ue proprio lì dove nacque. E provare a trasformare la Brexit in un passaggio per “rifondare” l’Europa. L’idea è tratteggiata nella bozza di risoluzione di maggioranza, una bozza sulla quale si proverà anche a trovare una convergenza con parte delle opposizioni, ma senza grosse aspettative.

Anzi, in Aula non si escludono tensioni con leghisti e 5 Stelle. Quando a metà mattinata Renzi prenderà la parola, sarà già chiara la reazione dei mercati, dopo il crollo di venerdì. L’attenzione è alta anche perché un ulteriore segnale di instabilità, nel vecchio Continente, potrebbe venire dalle elezioni spagnole.

Ma il premier ribadisce che “qualora ci fossero difficoltà, il governo italiano e le istituzioni europee sono pronte ad intervenire per dare certezza ai consumatori e risparmiatori”. Le banche italiane sono “solide” e finora ha funzionato lo scudo della Bce, non si stancano di ripetere negli ambienti di governo. Ma i mercati sono solo una delle incognite.

Un’altra importante incognita sono i tempi del negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue, un dato – osservano fonti italiane – tutt’altro che secondario perché condizionerà i tempi di reazione allo shock dell’intera Europa.

E se Cameron rinvia la formalizzazione dell’uscita dall’Ue e Die Welt conferma che Merkel vuole temporeggiare, Renzi è netto: “Non possiamo perdere un anno” a discutere, serve chiarezza. Ed è dunque questo un primo ostacolo alla costruzione di un asse forte con la Cancelliera e Hollande, e offrire ai mercati, ai partner europei e agli euroscettici di tutt’Europa un segnale di saldezza.

Quel che è chiaro a Roma è che la Brexit apre uno scenario politico ed economico tutto nuovo e le risposte non possono che essere proporzionate. E sempre più “comuni”. Dal Migration compact a una spinta più decisa agli investimenti (con conseguenti margini di bilancio) per favorire la crescita. Fino al tema di una nuova governance.

Da discutere magari in una “grande conferenza” da tenersi entro il 25 marzo 2017, data della firma dei trattati di Roma. Creando magari – nessuno più lo esclude – un nucleo centrale forte in un’Ue “a più velocità”.

Prima di quella data l’Italia deve affrontare il referendum sulle riforme, cui si guarda con attenzione da tutta Europa. Nessun paragone con la Brexit, però, assicura Renzi: in questo caso “chi vota “SI” riduce il numero dei politici dando allo Stato una conformazione più semplice”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

15:34Calcio: Sarri domani ritira Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si terrà domani alle ore 15 a Roma, presso il Salone d'Onore del Coni, la celebrazione della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il premio sarà consegnato a Maurizio Sarri. A premiare l'allenatore del Napoli saranno il presidente dell'Us Acli Damiano Lembo, il numero uno della Figc Carlo Tavecchio, e il presidente del Coni Giovanni Malagò. Tanti gli ospiti illustri che prenderanno parte alla cerimonia, tra cui spicca la presenza del patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Il tecnico del Napoli succede a Claudio Ranieri ed è stato scelto da una prestigiosa giuria presieduta da Tavecchio e Lembo e formata da direttori e capi redazione delle più importanti testate italiane, sportive e nazionali, alcuni dei quali saranno presenti all'evento di domani.

15:27Domani Gentiloni incontra Trudeau a Villa Madama

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, riceverà domani, martedì 30 maggio, alle ore 12 a Villa Madama, il Primo Ministro canadese Justin Trudeau. Al termine dell'incontro è prevista una conferenza stampa.

15:26Calcio: Chiellini, siamo migliori di due anni fa

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Rispetto a due anni fa ci sentiamo diversi e migliori, a prescindere dalla qualità tecnica". Lo sostiene Giorgio Chiellini, grande assente contro il Barcellona due anni fa perché infortunato, paragonando la Juventus di allora a quella che sabato affronterà il Real Madrid in una nuova finale di Champions League. "Due anni fa a Berlino abbiamo avuto un primo tempo troppo di tensione, nel secondo invece ci siamo scoperti troppo. L'esperienza ci servirà", aggiunge il difensore bianconero.

15:26Amber Rudd replica a Merkel, fidati di noi

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Reazione irritata a Londra alle parole di Angela Merkel, che dopo il G7 di Taormina ha invitato l'Europa continentale a tornare padrona "del suo destino" e a non "dipendere più completamente" dagli Usa e dalla Gran Bretagna, specie nel dopo Trump e del dopo Brexit. Parole a cui Amber Rudd, ministra dell'Interno del governo conservatore di Theresa May, ha replicato a stretto giro dai microfoni della Bbc sottolineando come Berlino e Bruxelles non possano pensare di prescindere sulla collaborazione degli alleati, in particolare in materia di "sicurezza". "Mentre avviamo i negoziati per lasciare l'Ue, siamo in grado di rassicurare la Germania e gli altri Paesi europei di voler restare un partner forte nella difesa e nella sicurezza, oltre che, speriamo, nel commercio", ha detto Rudd. "Possiamo assicurare la signora Merkel - ha insisto punzecchiando la cancelliera tedesca - che noi puntiamo a una relazione speciale a livello pan-europeo per far sì di restare tutti al riparo dal terrorismo" estero e interno.

15:25L.elettorale: Delrio, alleanza Cav? Serve norma bipartisan

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si sentirebbe a suo agio nell'ipotesi di un'alleanza con Berlusconi? "Io mi sento a mio agio adesso se il Paese trova la via per fare una riforma elettorale che vada bene alla gran parte delle forze politiche, di maggioranza e di opposizione che insieme trovano una soluzione". Lo ha detto rispondendo ai giornalisti a Firenze, il ministro per le infrastrutture Graziano Delrio. "Tutto il resto non è all'ordine del giorno, vediamo", ha aggiunto.

15:24Calcio: Montella, appello agli sponsor

(ANSA) - SANTA MARGHERITA DI PULA (CAGLIARI), 29 MAG - Il Milan cerca un grande centravanti e Vincenzo Montella si appella anche agli sponsor. "Siamo indecisi se comprare Morata o Belotti, ma vi chiedo uno sforzo sul piano economico, compriamo entrambi, e così non puntiamo solo alla Champions ma anche allo scudetto", ha scherzato l'allenatore parlando ai manager delle aziende partner del club. E, più serio, ha aggiunto che "sono due attaccanti forti per caratteristiche complementari". "C'è la volontà di tanti giocatori di venire al Milan, la nostra squadra e la nostra società piacciono nonostante non giochiamo la Champions - ha detto Montella in una pausa del workshop ospitato al Forte Village di Santa Margherita di Pula - L'obiettivo per l'anno prossimo è tornare in Champions, sarà una sfida impegnativa. Juve, Napoli e Roma sono nettamente più avanti, l'Inter ha un parco giocatori importante, la Lazio ha chiuso con 7 punti più di noi, la Fiorentina fa sempre squadre competitive e c'è l'outsider Atalanta".

15:20Bimbo morto: presidente Ordine, mai segnalazioni sul medico

(ANSA) - ANCONA, 29 MAG - ''Convocherò il dottor Massimiliano Mecozzi nella sede dell'Ordine, come prevede la procedura, poi deciderò se aprire un provvedimento a suo carico, che porterò in Commissione disciplinare. La Commissione opera secondo un ventaglio di possibilità, che vanno dall'avvertimento alla censura, dalla sospensione alla radiazione dall'Ordine dei medici''. Il dottor Paolo Maria Battistini è il presidente dell'Ordine dei medici della provincia di Pesaro. Conosce bene Mecozzi. ''So che all'Ordine - dice all'ANSA - non è mai arrivata alcuna segnalazione da parte di pazienti o familiari scontenti del suo operato, né alcuna denuncia''. Ora però il dottor Mecozzi è indagato per omicidio colposo, per aver curato il piccolo Francesco, 7 anni appena, esclusivamente con farmaci omeopatici, portandolo - secondo l'ipotesi accusatoria - alla soglia di un coma da cui non si è più risvegliato.

Archivio Ultima ora