Renzi dopo Brexit, fare presto e cambiare l’Unione Europea

Pubblicato il 26 giugno 2016 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi at the Elysee Palace for a meeting with French President Francois Hollande, Paris, 25 June 2016. ANSA/PALAZZO CHIGI PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI

Italian Prime Minister Matteo Renzi at the Elysee Palace for a meeting with French President Francois Hollande, Paris, 25 June 2016.
ANSA/PALAZZO CHIGI PRESS OFFICE-TIBERIO BARCHIELLI

ROMA. – “La partita è finita”, si deve al più presto avviare e chiudere il negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue. E subito “cambiare l’Europa”, mettendo “al centro la crescita”, i bisogni dei cittadini e non quelli delle banche. Perchè non si può perdere un anno a parlare di come la Gran Bretagna debba lasciare il Continente.

Non ha dubbi Matteo Renzi: serve più Europa, non meno Europa. Un’Europa più sociale e meno burocratica. Ed è proprio adesso il “momento di voltare pagina”. Perciò alla vigilia del vertice a tre a Berlino con Angela Merkel e Francois Hollande per provare a costruire una risposta comune, lancia un messaggio preciso agli alleati: “Spero Francia e Germania ci seguano sulla crescita”.

Ma, in un’intervista al Tg1, parla anche agli italiani. “Escludo che vi sia un rischio” per il nostro Paese derivante dalle turbolenze sui mercati, afferma. E la Brexit, assicura, non avrà conseguenze né influenza sul referendum costituzionale.

“L’Italia è in prima fila per cambiare l’Europa. Sicuramente la Lega e i 5 Stelle, da sempre contrari all’Euro, ora festeggiano ma pensiamo che la stragrande maggioranza degli italiani voglia stare in Europa. Un’Europa con l’anima e non delle regole. Ma una cosa è cambiare l’Europa altra è fuggire dall’Europa: sarebbe un errore tragico”, sottolinea il premier, all’indomani della cena all’Eliseo con Francois Hollande e alla vigilia del decisivo vertice a tre di Berlino dove la Merkel sembra voler prendere tempo sulle procedure di uscita di Londra.

Prima di volare in Germania, il presidente del Consiglio terrà le consuete comunicazioni alle Camere in vista del vertice europeo di martedì. E proprio dal Parlamento potrebbe essere lanciata una proposta tutta italiana: promuovere a Roma, in occasione del sessantesimo anniversario dei trattati istitutivi della Comunità europea, una “grande conferenza per una nuova governance europea”.

E’ una delle iniziative che il governo potrebbe assumere nei prossimi mesi per rilanciare “il disegno” dell’Ue proprio lì dove nacque. E provare a trasformare la Brexit in un passaggio per “rifondare” l’Europa. L’idea è tratteggiata nella bozza di risoluzione di maggioranza, una bozza sulla quale si proverà anche a trovare una convergenza con parte delle opposizioni, ma senza grosse aspettative.

Anzi, in Aula non si escludono tensioni con leghisti e 5 Stelle. Quando a metà mattinata Renzi prenderà la parola, sarà già chiara la reazione dei mercati, dopo il crollo di venerdì. L’attenzione è alta anche perché un ulteriore segnale di instabilità, nel vecchio Continente, potrebbe venire dalle elezioni spagnole.

Ma il premier ribadisce che “qualora ci fossero difficoltà, il governo italiano e le istituzioni europee sono pronte ad intervenire per dare certezza ai consumatori e risparmiatori”. Le banche italiane sono “solide” e finora ha funzionato lo scudo della Bce, non si stancano di ripetere negli ambienti di governo. Ma i mercati sono solo una delle incognite.

Un’altra importante incognita sono i tempi del negoziato per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue, un dato – osservano fonti italiane – tutt’altro che secondario perché condizionerà i tempi di reazione allo shock dell’intera Europa.

E se Cameron rinvia la formalizzazione dell’uscita dall’Ue e Die Welt conferma che Merkel vuole temporeggiare, Renzi è netto: “Non possiamo perdere un anno” a discutere, serve chiarezza. Ed è dunque questo un primo ostacolo alla costruzione di un asse forte con la Cancelliera e Hollande, e offrire ai mercati, ai partner europei e agli euroscettici di tutt’Europa un segnale di saldezza.

Quel che è chiaro a Roma è che la Brexit apre uno scenario politico ed economico tutto nuovo e le risposte non possono che essere proporzionate. E sempre più “comuni”. Dal Migration compact a una spinta più decisa agli investimenti (con conseguenti margini di bilancio) per favorire la crescita. Fino al tema di una nuova governance.

Da discutere magari in una “grande conferenza” da tenersi entro il 25 marzo 2017, data della firma dei trattati di Roma. Creando magari – nessuno più lo esclude – un nucleo centrale forte in un’Ue “a più velocità”.

Prima di quella data l’Italia deve affrontare il referendum sulle riforme, cui si guarda con attenzione da tutta Europa. Nessun paragone con la Brexit, però, assicura Renzi: in questo caso “chi vota “SI” riduce il numero dei politici dando allo Stato una conformazione più semplice”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

14:28Rissa dopo sconfitta a calcetto, denunciata intera squadra

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Una serata di sport, e di svago, è finita a botte, con i carabinieri costretti a intervenire in un centro sportivo di Venaria Reale, nel Torinese, per sedare una rissa. Denunciata una intera squadra di calcetto, cinque persone tra i 18 e i 52 anni che, sconfitti 14-0 sul campo, hanno pensato bene di vendicarsi aggredendo gli avversari negli spogliatoi. Tre le persone costrette a farsi medicare per le ferite, con prognosi tra gli otto e i dieci giorni. Per i calciatori violenti è scattata la denuncia per lesioni personali aggravate in concorso. Tre di loro hanno alcuni precedenti penali.(ANSA).

14:28Referendum: Martina, oggi astensione consapevole

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - "Oggi astensione consapevole al #referendumlombardia. Si è sprecato tempo e denaro per un quesito inutile": lo scrive questa mattina in un tweet Maurizio Martina, ministro delle Politiche agricole e vicesegretario del Partito Democratico.

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

Archivio Ultima ora