Niente referendum bis. Gb si aggrappa al mercato unico

Pubblicato il 27 giugno 2016 da redazione

A member of protocol adjusts the British flag prior to a meeting of British Prime Minister David Cameron and European Commission President Jean-Claude Juncker at EU headquarters in Brussels on Friday, Jan. 29, 2016. (ANSA/AP Photo/Virginia Mayo)

A member of protocol adjusts the British flag prior to a meeting of British Prime Minister David Cameron and European Commission President Jean-Claude Juncker at EU headquarters in Brussels on Friday, Jan. 29, 2016. (ANSA/AP Photo/Virginia Mayo)

LONDRA. – Il referendum sulla Brexit è storia, inutile gingillarsi con petizioni e illusioni. Ci pensa il dimissionario David Cameron, l’uomo che quel voto ha voluto e perduto, a mettere un punto fermo alla Camera dei Comuni: il risultato delle urne “va accettato” e in Gran Bretagna, nei tempi prevedibili della politica, non ci sarà rivincita contro il responso popolare. Semmai l’ultimo obiettivo del premier uscente, per irrealistico che sia, è provare a disporre le carte per tentare di restare “nel mercato unico”.

Ma in parallelo bisogna dare un nuovo timoniere al regno, che nella burrasca del dopo-Leave – fra mercati in preda alle convulsioni e sterlina in picchiata – rischia di andare alla deriva: con il Partito Conservatore in attesa del leader dopo-Cameron; e la maggiore forza d’opposizione, il Labour, precipitata nel caos dal braccio di ferro fra Jeremy Corbyn i colonnelli del partito che si sono ammutinati e congiurano contro di lui.

Sul fronte Tory, si prova ad accelerare: il Comitato Esecutivo (detto Comitato 1922) ha fissato l’elezione di un nuovo leader (e futuro primo ministro) entro il 2 settembre; mentre il Times ipotizza prove di dialogo fra Boris Johnson, capofila in questi mesi del fronte pro-Brexit, e il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, il più fedele pretoriano di Cameron, pronto a valutare, malgrado le suo posizioni filo-Ue, di passare dalla parte dell’ex sindaco di Londra in cambio di un compromesso per ricompattare il partito e della poltrona di ministro degli Esteri.

Sempre che i cameroniani, pur di fermare Boris, non decidano di contrapporgli l’attuale ministro dell’Intero, Theresa May. Chiunque prevarrà, dovrà poi portare avanti le trattative di divorzio con Bruxelles, ma anche convocare nuove elezioni politiche: verosimilmente entro l’anno.

Le beghe in casa Tory non sono tuttavia il problema più impellente. Se è vero che senza un nuovo leader nel partito di governo non pare praticabile il negoziato per l’uscita dall’Ue (Cameron ha ripetuto di voler lasciare nelle mani del successore la decisione di attivare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona), l’emergenza del momento è limitare gli effetti del contraccolpo del referendum.

Cameron, nel suo intervento ai Comuni, il primo dopo il voto che ha spaccato il Paese il 23 giugno, ha dato una serie di segnali. E non ha mancato di tranquillizzare i cittadini europei (italiani inclusi) residenti nel regno che per loro non cambierà nulla né, soprattutto, di promettere una risposta ferma contro gli episodi di razzismo e intolleranza alimentati sull’isola anche da certi toni della campagna referendaria: particolarmente contro la comunità polacca.

Poi ha delineato la sua strategia per questo suo ultimo tratto di strada a Downing Street: prendere tempo con l’Europa, malgrado il quasi ultimatum che arriva da Berlino, rinviando tutto al successore. E nel frattempo cercare la via – impervia al limite dell’impossibile – per salvare un cantuccio nel mercato unico, guardando al modello norvegese (che però prevede quella libera circolazione a cui i brexiters hanno imputato a colpi di slogan la perdita di controllo dei confini britannici) o magari di quello canadese: entrambi citati da Cameron.

La priorità è però fermare il panico in borsa e sul mercato valutario. Il premier non ha nascosto che “non sarà una passeggiata”, ma ha garantito che Bank of England e Tesoro “non esiteranno a prendere ogni misura necessaria” a ripristinare fiducia e stabilità.

Ma le sue parole, come quelle del cancelliere Osborne, finora non sono bastate. Mentre l’inno all’ottimismo e all’unità di un Johnson improvvisamente cauto e conciliante è stato subito smentito dalla nuova giornata di passione della sterlina.

E mentre l’ex sindaco proclamava la fine del “progetto paura”, a rimbeccarlo ha provveduto da Edimburgo la first minister Nicola Sturgeon, decisa a strappare dalla Brexit almeno l’europeista Scozia: “Certo Boris – gli ha risposto con un tweet graffiante – il progetto paura è finito. Ora comincia il progetto farsa, di cui tu sei largamente responsabile”.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

18:57Champions: Asamoah, per vincerla bisogna battere chiunque

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - "Il Tottenham è solido, difende bene e ha battuto squadre forti nel girone". Questo il punto di vista di Asamoah, sul sorteggio di Champions League che ha accoppiato la Juventus contro gli 'Spurs'. "Se vuoi provare a vincere la Champions, devi essere in grado di battere chiunque - sottolinea -. Tutte le squadre sono difficili in Europa".

18:50Spente fiamme in capannone, trovato corpo carbonizzato

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Il cadavere carbonizzato di un uomo è stato trovato, oggi pomeriggio, dai vigili del fuoco, al termine delle operazioni di spegnimento di un incendio divampato in un capannone abbandonato a Baranzate di Bollate, nel Milanese. Al momento non è stato possibile risalire all'identità della vittima, ma i carabinieri, che stanno svolgendo gli accertamenti, ritengono che possa trattarsi di un senzatetto. Il luogo in cui è stato trovato il corpo è un anfratto in cui era stato ricavato un riparo con dei cartoni, una sorta di capanna. Non si esclude nemmeno che le fiamme siano partite proprio da un tentativo maldestro di riscaldarsi accendendo dei materiali infiammabili.

18:43Calcio: Ancelotti in panchina per match solidarietà

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Uefa e Onu hanno annunciato oggi a Ginevra che uniranno le forze per organizzare una partita di solidarietà con il sostegno del Cantone di Ginevra, della città e della Fondazione dello stadio di Ginevra. Il match, che vedrà la partecipazione di due squadre guidate da celebrità del calcio, si giocherà sabato 21 aprile 2018 alle 16. In nome della solidarietà e del riconoscimento dell'importanza dello sport nella società, 'Match for solidarity' è finalizzata a promuovere la pace, i diritti umani e il benessere nel mondo, attraverso gli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite. Il ricavato di questa partita sarà utilizzato per finanziare progetti umanitari e di sviluppo internazionali. Le due squadre, allenate da Carlo Ancelotti e Didier Deschamps, avranno rispettivamente come capitani Luis Figo e Ronaldinho. Gli allenatori e i capitani selezioneranno le proprie squadre nelle prossime settimane. La partita sarà arbitrata da Pierluigi Collina.

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

Archivio Ultima ora