L’Osa prende tempo sul caso Venezuela. Referendum, convalidate le firme

Pubblicato il 28 giugno 2016 da redazione

File nella validazione delle firme per il Referendum Revocatorio

File nella validazione delle firme per il Referendum Revocatorio

di Mauro Bafile

CARACAS – Una corsa ad ostacoli. Tale è stata, se si da credito alle denunce degli esponenti del Tavolo dell’Unità, la convalida delle firme, passaggio indispensabile per accedere alla tappa successiva della “lunga marcia” verso il Referendum Revocatorio: la raccolta di quasi 4 milioni di firme, l’equivalente al 20 per cento delle liste elettorali.

Stando al Tavolo dell’Unità, nonostante i “tanti bastoni messi tra le ruote”, sarebbero state convalidate circa 409mila firme. Un numero che raddoppia quello che esige il Consiglio Nazionale Elettorale. Superato l’esame anche nello Stato Nueva Esparta, che per un momento ha fatto temere il peggio. In altre parole, che la meta dell’uno per cento, richiesta per ogni Stato del Venezuela, fosse impossibile da raggiungere in quel territorio.

Tocca ora alla burocrazia del Consiglio Nazionale Elettorale procedere alla verifica delle firme convalidate. E, fin quando l’organismo elettorale non si pronuncerà sull’argomento, la partita per il Referendum resterà “in forse”. Infatti, nessuno può scartare l’eventualità che il Cne consideri nullo un numero di firme tale da permettergli di sostenere che il requisito per procedere alla prossima tappa non sia stato raggiunto.

Mentre nel Paese migliaia di venezuelani, sotto l’inclemente sole tropicale e a dispetto degli ostacoli posti dal Consiglio Nazionale Elettorale, convalidavano le firme per il Referendum che dovrebbe portare alla revoca del Presidente della Repubblica Nicolás Maduro e a nuove elezioni, a Washington Opposizione e Governo erano impegnati in una battaglia diplomatica che si svolgeva nei corridoi dell’Organismo degli Stati Americani.

La ministro degli Esteri, Delcy Rodríguez, ha cercato, in mille modi, di evitare che si arrivasse alla lettura del rapporto di Luis Almagro, Segretario Generale dell’Organismo, e al posteriore dibattito. L’agenda, invece, è stata rispettata. Una sconfitta diplomatica, quindi, se si tiene in conto che, almeno sulla carta, la proposta della ministro Rodríguez godeva del sostegno dei paesi centroamericani che ancora dipendono dal Venezuela economicamente.

Il “Caso Venezuela” ha fatto emergere grosse crepe in quella che, fino a qualche mese fa, era considerata una solida alleanza attorno al nostro Paese. Infatti, le grandi nazioni del Continente, Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Paraguay, Stati Uniti, hanno votato a favore della lettura del documento e del posteriore dibattito.

Contro, invece, si sono manifestati Bolivia, Ecuador, e Nicaragua. Non tutte le piccole repubbliche centroamericane hanno sostenuto, come si evince dall’esito della votazione finale, la proposta venezuelana.

La diplomazia del petrolio, quindi, comincia a far acqua. La debolezza economica del Paese si riflette negativamente a livello internazionale. Il governo del presidente Maduro non solo ha perso due solidi alleati come lo erano l’Argentina, che ha deciso di dare una svolta politica con l’elezione del presidente Macrì, e il Brasile, travolto da scandali che hanno coinvolto la presidente Dilma Rousseff, ma comincia a perdere pezzi anche in Centroamerica.

Dopo la lettura del rapporto di Almagro e del dibattito che ne è seguito, i membri dell’Osa non hanno preso alcuna decisione. O, come sostengono esponenti dell’Opposizione, ha stabilito di mantenere aperto il capitolo. Insomma, di concedere tempo ai paesi membri di digerire le oltre 100 pagine esposte da Almagro nelle quali, il Segretario Generale dell’organismo regionale ha dettagliatamente denunciato la difficile congiuntura venezuelana caratterizzata, a suo avviso, da una crisi economica profonda, dagli squilibri istituzionali che non permettono l’indipendenza dei poteri pubblici, dallo “svuotamento” di ogni potere di cui è stato vittima il Parlamento, dalla violenza con cui si ghettizza la protesta, dalla presenza di quasi un centinaio di prigionieri politici e dalla maniera con cui si soffoca la libertà di stampa.

La decisione dei membri dell’Osa di “non decidere” ha lasciato aperto uno spazio alla riflessione e alla diplomazia. L’invito dei Paesi membri dell’Osa è stato naturalmente al dialogo. E l’ex premier spagnolo, José Luìs Zapatero, ha assicurato che il governo del presidente Maduro sarebbe disposto a percorrere questo cammino.

Ma l’Opposizione ha fatto sapere che il dialogo non sarà possibile fino a che i politici resteranno in carcere e se non sarà permessa la realizzazione del Referendum Revocatorio. La partita politica interna, quindi, è per il momento ferma. Si spera che non accada altrettanto nella scacchiera delle relazioni internazionali.

Come nelle previsioni, la risoluzione dell’Osa di attendere, così da ponderare attentamente ogni possibile conseguenza, è stata interpretata dal chavismo come un trionfo. E, così, è stata venduta ai venezuelani attraverso l’ampio sistema di propaganda di cui dispone il governo. L’Opposizione ha cercato di fare altrettanto avvalendosi della forza comunicativa dei social network.

Il Venezuela, non ci stancheremo di dirlo, è seduto su un barile di dinamite. Quando esploderà e se esploderà, nessuno può saperlo. Per il momento, il fenomeno dei saccheggi, che cresce di giorno in giorno, si è trasformato nella valvola di sfogo del malcontento popolare.

Solo negli ultimi 15 giorni, stando all’Osservatorio Venezuelano dei Conflitti Sociali, una nota Ong che studia i fenomeni della violenza nel Paese, i casi di saccheggio documentati sono stati 140. Per il momento, non si tratta di un’esplosione sociale come quella che visse il Paese dal 27 febbraio all’8 marzo del 1989.

Il “caracazo” sorprese le forze dell’Ordine che riuscirono a controllare, con grande violenza e centinaia di morti, la sommossa popolare dopo giorni di vandalismo e disperazione. Oggi, polizia ed esercito intervengono immediatamente soffocando sul nascere ogni protesta con inusuale violenza. La paura, per il momento, rappresenta un freno. Ma cresce l’esasperazione.

D’altronde, ogni iniziativa del governo per ridurre le tensioni sociali si è mostrata inutile e si è infranta contro l’enorme corruzione che impera ormai ovunque. Anche i “clap”, nati per la distribuzione personalizzata degli alimenti, paiono destinati al fracasso. Quel che manca, oggi, è il cibo.

Stando al “Centro de Documentación y Análisis” della Federazione dei Maestri, nel 2015 erano circa 18 i generi alimentari irreperibili nei supermarket. Oggi questi sono ben 25. D’altro canto, sempre secondo il Cenda, le fabbriche solo occupano il 40 per cento della loro capacità di produzione. Troppo poco per rifornire il paese di generi alimentari.

Mancano i prodotti essenziali per la dieta del venezuelano: farina per il pane – tanti i forni chiusi per mancanza di materia prima -, pasta, latte, burro, olio, zucchero e così via di seguito.

La debolezza economica del Paese oggi, a differenza di quanto accadeva appena due o tre anni fa, non permette più grandi importazioni di prodotti. Il Venezuela, per un 97 per cento, dipende dal petrolio. E, si sa, il prezzo del barile del greggio venezuelano oscilla tra i 35 e 40 dollari il barile.

Alla riduzione del valore internazionale del barile di petrolio deve sommarsi, poi, la riduzione della produzione. Questa, in Venezuela, stando alle cifre Opec, avrebbe subito una diminuzione significativa di quasi 200mila barili il giorno, pari a 1,26 miliardi di dollari. Una cifra considerevole se si pensa alle tante necessità del paese.

Ultima ora

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

Archivio Ultima ora