L’Europarlamento spinge la Gran Bretagna a procedere nella Brexit

Pubblicato il 28 giugno 2016 da redazione

Juncker duro, niente giochi

Juncker duro, niente giochi

BRUXELLES. – L’Europarlamento spinge a grande maggioranza la Gran Bretagna a procedere “senza ulteriori indugi” ad aprire la pratica di divorzio con l’Ue nel rispetto “della volontà espressa dalla maggioranza dei cittadini” britannici.

Angela Merkel e Matteo Renzi avvisano Londra che non può pensare di avere pieno accesso al mercato unico da una parte e chiudere le frontiere ai migranti dall’altra. Jean Claude Juncker riconosce che con il Regno Unito bisognerà costruire “un nuovo rapporto” ma avverte gli ‘amici’ inglesi che “saremo noi a dettare l’agenda e non chi vuole uscire”. E questo “senza nascondersi dietro giochi a porte chiuse”.

E’ un’Unione dura nei toni e nella sostanza – ma anche concentrata sulla necessità di mettere a punto una strategia per voltare pagina, rispondere alle insoddisfazioni dei cittadini e battere il populismo montante – quella che ha accolto a Bruxelles per il primo summit post-voto David Cameron, l’artefice di una strategia concentrata su obiettivi di politica interna che ha inferto la mazzata più pesante mai ricevuta dal progetto di integrazione europea.

Un vertice storico, l’ha definito il presidente francese Francois Hollande, perchè per la prima volta “un Paese ha deciso di lasciare l’Ue”. Una sortita che, per il presidente della Bce Mario Draghi, potrà avere un impatto negativo sul Pil anche dello 0,5%.

L’unica apertura nei confronti di Londra arriva in considerazione del caos totale che sta dominando la scena politica britannica dopo il capolavoro di Cameron. “Diamogli dei margini, la Gran Bretagna – osserva il presidente di turno dell’Unione, il premier olandese Mark Rutte al suo arrivo al Consiglio – è già collassata politicamente, economicamente, costituzionalmente. Sarebbe irragionevole insistere” per attivare subito la procedura prevista dall’articolo 50 per arrivare al divorzio.

Ma nel frattempo, è l’opinione comune dei leader e dei responsabili delle istituzioni europee, nessun negoziato segreto o dietro le quinte per un’intesa ‘a la carte’. “Ho vietato ai miei direttori generali qualsiasi iniziativa di questo tipo”, dice a gran voce Juncker parlando all’assemblea dell’Europarlamento.

“Nessun colloquio potrà partire prima della presentazione della richiesta formale di uscita”, rincara la dose Merkel pur riconoscendo che la Gran Bretagna “deve rimanere un Paese amico e partner”. Per la cancelliera però non è ipotizzabile che “chi vuole lasciare la famiglia pensi di non avere più obblighi ma mantenere i privilegi”.

Una posizione pienamente condivisa da Renzi, secondo il quale “in una famiglia bisogna accettare le cose buone e quelle cattive. Non si può prendere il mercato unico e non l’immigrazione”.

Parole che servono anche a mettere in guardia quei partner che, dietro un’apparente sintonia con la posizione dei ‘big’, nascondono atteggiamenti più accomodanti nei confronti di Londra, alleata su cui, fino a venerdì scorso, hanno sempre potuto contare Paesi come ad esempio il Portogallo o la Polonia nel condurre le loro battaglie all’interno dell’Ue.

Per il momento, però, le parole d’ordine sono unità e riforme. Ovvero la messa a punto di una svolta ‘multipla’ sulla sicurezza comune e il rilancio dell’economia, in particolare per quanto riguarda gli investimenti e la flessibilità, due elementi chiave – a giudizio dell’Italia e non solo – per rispondere ai bisogni dei giovani e dei disoccupati.

Temi sui quali in 27 dovranno avviare una riflessione approfondita e tirare le conclusioni in occasione di un vertice informale che il presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk ha detto di voler convocare per settembre, probabilmente a Bratislava.

In quel prossimo summit si dovrà anche tornare a parlare di come gestire la crisi dei migranti, uno degli elementi scatenanti della Brexit che l’esito del referendum ha fatto passare in secondo piano nell’agenda di oggi e domani.

Dal Consiglio è venuto il pieno sostegno alla strategia delineata dalla Commissione europea ma si è evitato di indicare quanti e quali soldi dovranno essere spesi per tradurre in realtà le buone intenzioni. E questo mentre migliaia di persone continuano a sbarcare sulle coste italiane.

(di Enrico Tibuzzi/Ansa)

Ultima ora

16:18Salvini, a Verona il 25 aprile invito anche presidente Anpi

(ANSA) - VERONA, 24 MAR - "Come si fa a festeggiare la Liberazione e il diritto alla libertà di pensiero e di parola chiedendo d qualcuno di non manifestare?". Il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, ha replicato così al presidente dell'Anpi che ha chiesto al prefetto e al questore di Verona di vietare la manifestazione sulla sicurezza annunciata dalla Lega Nord per il 25 aprile a Verona. "Noi saremo a Verona rispettosamente - ha sottolineato -, la Festa della Liberazione è una festa per tutti, e da tutti i fascismi, i comunismi e i totalitarismi. Quindi portiamo rispetto e chiediamo rispetto". "Noi - ha aggiunto - ci saremo pacificamente, a volto scoperto. Anzi, se qualcuno che è stato al corteo del 25 aprile poi volesse venire anche alla nostra manifestazione, che parla di libertà e di sicurezza, sarà il benvenuto". "Perciò invito anche il presidente dell'Anpi e venire a sentire le proposte della Lega" ha concluso Salvini.

16:16Pd: Emiliano, guardo con interesse a M5s, metà voti nostri

(ANSA) - CATANIA, 24 MAR - "Renzi ha fatto sentire tutti estranei: è finita l'epoca della rottamazione, una parola che non mi è mai piaciuta. Piuttosto guardo con interesse ai Cinque Stelle perché metà dei loro elettori erano nostri. Oggi inizia l'epoca della ricostruzione, dell'amicizia e dell'armonia. Una sfida che parte dal Sud e che per 'ripartire insieme' serve puntare su diritti e sul lavoro". Lo afferma Michele Emiliano.

16:12Roma: Di Battista, Raggi? Via anche per consiglio del medico

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, "si è presa alcuni giorni, credo glielo abbia consigliato anche il medico, dopo tanti mesi di lavoro quindi non ha nulla a che vedere con un commissariamento come dite voi: il sindaco di Roma è Virginia, e credo che le cose stiamo andando molto meglio". Così Alessandro Di Battista ha risposto a una domanda al termine di una conferenza stampa al Pirellone, la sede del Consiglio regionale della Lombardia, a sostegno dei lavoratori dell'ex Alfa di Arese. Il deputato M5S ha risposto alla domanda sull'assenza della Raggi da Roma solo al termine dell'incontro, dopo un lungo confronto coi giornalisti presenti sull'opportunità di formulare la domanda come primo argomento al suo arrivo.

16:11Omicidio Vasto: 30 anni a Fabio Di Lello

(ANSA) - LANCIANO (CHIETI), 24 MAR - Condannato a 30 anni dalla Corte d'Assise, a Lanciano, Fabio Di Lello, 34 anni, di Vasto (Chieti), riconosciuto colpevole dell'omicidio volontario premeditato di Italo D'Elisa (22), avvenuto lo scorso primo febbraio davanti ad un bar di Vasto (Chieti). L'imputato sparò contro il giovane tre colpi di pistola calibro 9, secondo l'accusa per vendicare l'investimento mortale di sua moglie, Roberta Smargiassi, da parte della vittima, la scorsa estate. L'accusa aveva chiesto l'ergastolo. La condanna a 30 anni è per effetto dello sconto di pena previsto dal rito abbreviato. La Corte ha inoltre stabilito una provvisionale di 40 mila euro per il padre, la madre e il fratello della vittima.

16:09Calcio: Uefa, Dele Alli squalificato per tre giornate

(ANSA) - NYON, 24, MAR - Dele Alli, il talentuoso centrocampista del Tottenham, è stato squalificato per tre turni dall'Uefa: la squalifica arriva dopo l'espulsione rimediata il mese scorso nella gara di Europa League contro il Gent. Alli sconterà lo stop nella prossime stagione, essendo gli Spurs stati eliminati dalla squadra belga. Alli in questa stagione ha finora realizzato 17 gol tra premier e coppe.

15:58Villorba Corse presenta con Dallara prototipo per Le Mans

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Ci sarà anche Giampaolo Dallara sabato 25 marzo alle 17.30 in "Piazza dei Miracoli" a Pisa a presentare la P217 insieme a Cetilar Villorba Corse, il team tutto italiano che porterà il prototipo di classe LMP2 alla 24 Ore di Le Mans. La scuderia veneta diretta da Raimondo Amadio svelerà la Dallara e la squadra che affronteranno la leggendaria corsa endurance francese il 17-18 giugno e tutto il campionato European Le Mans Series 2017. A togliere i veli al nuovo prototipo di classe LMP2 in livrea Cetilar e a presentare il programma sportivo che da "Road to Le Mans" è diventato quest'anno "Italian Spirit of Le Mans" saranno pure i piloti titolari di questa grande avventura tutta tricolore: l'emiliano Andrea Belicchi, il trevigiano Giorgio Sernagiotto e il pisano Roberto Lacorte, che farà gli onori di casa. Nell'ambito della Cerimonia di Presentazione, davvero unica con sullo sfondo la Torre Pendente e nell'ambito delle celebrazioni del Capodanno Pisano.

15:56Ap: Alfano, presto proposte su fisco all’americana e sanità

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - In cantiere per il futuro abbiamo due grandi iniziative, una sul fisco all'americana e una sui ticket sulla sanità". Lo afferma il leader di Ap Angelino Alfano illustrando, in una conferenza stampa alla sede del partito, i prossimi appuntamenti del neonato soggetto centrista. "Serve fare come negli Stati Uniti, si dovranno scaricare tutte le spese o la maggior parte di esse ma nello stesso tempo tutti devono pagare le tasse", spiega il ministro degli Esteri. "Presenteremo un programma che riguarda le categorie più significative per la tenuta del Paese", aggiunge Alfano

Archivio Ultima ora