L’Europarlamento spinge la Gran Bretagna a procedere nella Brexit

Pubblicato il 28 giugno 2016 da redazione

Juncker duro, niente giochi

Juncker duro, niente giochi

BRUXELLES. – L’Europarlamento spinge a grande maggioranza la Gran Bretagna a procedere “senza ulteriori indugi” ad aprire la pratica di divorzio con l’Ue nel rispetto “della volontà espressa dalla maggioranza dei cittadini” britannici.

Angela Merkel e Matteo Renzi avvisano Londra che non può pensare di avere pieno accesso al mercato unico da una parte e chiudere le frontiere ai migranti dall’altra. Jean Claude Juncker riconosce che con il Regno Unito bisognerà costruire “un nuovo rapporto” ma avverte gli ‘amici’ inglesi che “saremo noi a dettare l’agenda e non chi vuole uscire”. E questo “senza nascondersi dietro giochi a porte chiuse”.

E’ un’Unione dura nei toni e nella sostanza – ma anche concentrata sulla necessità di mettere a punto una strategia per voltare pagina, rispondere alle insoddisfazioni dei cittadini e battere il populismo montante – quella che ha accolto a Bruxelles per il primo summit post-voto David Cameron, l’artefice di una strategia concentrata su obiettivi di politica interna che ha inferto la mazzata più pesante mai ricevuta dal progetto di integrazione europea.

Un vertice storico, l’ha definito il presidente francese Francois Hollande, perchè per la prima volta “un Paese ha deciso di lasciare l’Ue”. Una sortita che, per il presidente della Bce Mario Draghi, potrà avere un impatto negativo sul Pil anche dello 0,5%.

L’unica apertura nei confronti di Londra arriva in considerazione del caos totale che sta dominando la scena politica britannica dopo il capolavoro di Cameron. “Diamogli dei margini, la Gran Bretagna – osserva il presidente di turno dell’Unione, il premier olandese Mark Rutte al suo arrivo al Consiglio – è già collassata politicamente, economicamente, costituzionalmente. Sarebbe irragionevole insistere” per attivare subito la procedura prevista dall’articolo 50 per arrivare al divorzio.

Ma nel frattempo, è l’opinione comune dei leader e dei responsabili delle istituzioni europee, nessun negoziato segreto o dietro le quinte per un’intesa ‘a la carte’. “Ho vietato ai miei direttori generali qualsiasi iniziativa di questo tipo”, dice a gran voce Juncker parlando all’assemblea dell’Europarlamento.

“Nessun colloquio potrà partire prima della presentazione della richiesta formale di uscita”, rincara la dose Merkel pur riconoscendo che la Gran Bretagna “deve rimanere un Paese amico e partner”. Per la cancelliera però non è ipotizzabile che “chi vuole lasciare la famiglia pensi di non avere più obblighi ma mantenere i privilegi”.

Una posizione pienamente condivisa da Renzi, secondo il quale “in una famiglia bisogna accettare le cose buone e quelle cattive. Non si può prendere il mercato unico e non l’immigrazione”.

Parole che servono anche a mettere in guardia quei partner che, dietro un’apparente sintonia con la posizione dei ‘big’, nascondono atteggiamenti più accomodanti nei confronti di Londra, alleata su cui, fino a venerdì scorso, hanno sempre potuto contare Paesi come ad esempio il Portogallo o la Polonia nel condurre le loro battaglie all’interno dell’Ue.

Per il momento, però, le parole d’ordine sono unità e riforme. Ovvero la messa a punto di una svolta ‘multipla’ sulla sicurezza comune e il rilancio dell’economia, in particolare per quanto riguarda gli investimenti e la flessibilità, due elementi chiave – a giudizio dell’Italia e non solo – per rispondere ai bisogni dei giovani e dei disoccupati.

Temi sui quali in 27 dovranno avviare una riflessione approfondita e tirare le conclusioni in occasione di un vertice informale che il presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk ha detto di voler convocare per settembre, probabilmente a Bratislava.

In quel prossimo summit si dovrà anche tornare a parlare di come gestire la crisi dei migranti, uno degli elementi scatenanti della Brexit che l’esito del referendum ha fatto passare in secondo piano nell’agenda di oggi e domani.

Dal Consiglio è venuto il pieno sostegno alla strategia delineata dalla Commissione europea ma si è evitato di indicare quanti e quali soldi dovranno essere spesi per tradurre in realtà le buone intenzioni. E questo mentre migliaia di persone continuano a sbarcare sulle coste italiane.

(di Enrico Tibuzzi/Ansa)

Ultima ora

19:33Morto 77enne spinto da scogli, 17enne volontario per anziani

(ANSA) - BARI, 23 OTT - Dovrà fare volontariato in un centro per anziani, andare a scuola e frequentare corsi di legalità per tre anni il 17enne accusato di omicidio volontario per la morte del 77enne Giuseppe Dibello, spinto lo scorso 2 maggio da una scogliera a nord di Monopoli insieme con l'amico 75enne Gesumino Aversa, fortunatamente sopravvissuto alla caduta in mare. Il Tribunale per i Minorenni di Bari ha ammesso il ragazzo alla misura alternativa della messa alla prova per la durata di tre anni, collocandolo presso una comunità per minori. Qui dovrà rispettare un serrato programma rieducativo al termine del quale il reato sarà dichiarato estinto. In particolare, dovrà frequentare la scuola (si è già iscritto ad un istituto alberghiero), fare attività sportiva, volontariato con la Caritas e prestare servizio agli anziani, sottoporsi a sedute di sostegno psicologico e frequentare corsi di legalità. L'amico 15enne che era con il 17enne risponde di omissione di soccorso e sarà processato in abbreviato il 29 gennaio 2018.

19:18Aggressione con acido a Rimini, vittima 60enne napoletano

(ANSA) - RIMINI, 23 OTT - Un sessantenne napoletano residente a Rimini da circa dieci anni è rimasto vittima di una aggressione con acido mentre usciva dalla palestra in città. L'uomo che ha alle spalle un passato di problemi con la giustizia è stato ustionato dalla sostanza che ha colpito in prevalenza il volto. Il fatto, si è appreso oggi, è successo ieri nel tardo pomeriggio. Sul luogo dell'aggressione è intervenuta la polizia di stato e le indagini sono state affidate alla squadra mobile di Rimini che non esclude alcuna pista. Il 60enne è stato ricoverato all'ospedale Infermi di Rimini. (ANSA).

19:16Uccise suocera,ora stalking sua compagna:cura da criminologo

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Più dieci anni fa aveva ucciso la suocera e poi uscito dal carcere era stato nuovamente arrestato per stalking nei confronti della nuova fidanzata, da lui minacciata con una pistola mentre aspettava un bus. Ora l'uomo, Francesco Palmisano, che si trova in regime di custodia cautelare, dovrà seguire un percorso terapeutico portato avanti da un'equipe guidata dal criminologo Paolo Giulini, anche a capo del Cipm, ente che si occupa del trattamento e della valutazione psicodiagnostica degli autori di violenze sessuali e domestiche. Lo ha deciso la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, presieduta da Fabio Roia, che con una decisione innovativa, sulla base di recente modifiche normative, ha disposto una "ingiunzione terapeutica" a carico dell'uomo, arrestato per stalking.

19:15Mafia: Commissione propone scioglimento Comune Lamezia

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 23 OTT - La Commissione d'accesso nominata nello scorso mese di giugno nel Comune di Lamezia Terme ha proposto lo scioglimento dell'Ente per infiltrazioni mafiose. L'accesso nel Comune di Lamezia era stato disposto dal prefetto di Catanzaro, Luisa Latella, su delega del Ministro dell'Interno, a seguito dell'operazione "Crisalide", condotta dai carabinieri su direttive della Dda di Catanzaro contro la cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri e che aveva portato a decine di arresti. Nell'inchiesta sono indagati il vicepresidente del Consiglio comunale lametino, Giuseppe Paladino, poi dimessosi, e Pasqualino Ruberto, candidato a sindaco nel 2015 e sospeso dalla carica di consigliere comunale dal Prefetto di Catanzaro dopo essere stato arrestato nel febbraio scorso nell'operazione "Robin Hood", condotta sempre dalla Dda di Catanzaro, sul presunto utilizzo illecito dei fondi comunitari destinati alle famiglie bisognose distratti, secondo l'accusa, anche col concorso di presunti affiliati a cosche lametine.

18:34Mafia: Fedotov visita tomba Falcone

(ANSA) - PALERMO, 23 OTT - Ha chiesto di visitare la tomba di Giovanni Falcone, ed è stato l'unico fuori programma per Yuri Fedotov, direttore esecutivo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, a Palermo per partecipare alla Conferenza Mediterranea dell'Osce. Fedotov ha incontrato nella chiesa di San Domenico, Pantheon degli Illustri di Sicilia in cui il magistrato ucciso dalla mafia è tumulato, la sorella del giudice, Maria Falcone, presidente della fondazione che del magistrato porta il nome. Presente anche Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Falcone morto nella strage. Fedotov ha deposto una corona di fiori sulla tomba. "Fu il primo a capire l'importanza della cooperazione internazionale nelle indagini su Cosa nostra e la necessità di seguire i flussi di denaro per contrastare i clan - ha detto - All'Onu continuiamo a seguire i suoi insegnamenti".

18:29Calcio: giudice, oltre Bonucci, 4 squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Oltre a Leonardo Bonucci, squalificato per due turni, il giudice sportivo ha fermato per una giornata altri quattro giocatori. Si tratta di Francesco Cassata (Sassuolo), Giancarlo Gonzalez (Bologna), Mario Mandzukic (Juventus) e Bruno Zuculini (Verona). Multe a Napoli (15.000 euro), Inter (12.000 + 4.000), Spal (2.500) e Fiorentina (2.000).

18:29Maltempo: albero cade su auto a Bari, illesi occupanti

(ANSA) - BARI, 23 OTT - In seguito delle forti raffiche di vento un albero si è spezzato a Bari cadendo su una Fiat Panda che era in transito su Viale della Repubblica, quasi ad angolo con via Toma. La donna di 41 anni che era alla guida e i suoi di figli di 13 e 5 anni che erano a bordo sono riusciti a mettersi in salvo e sono illesi. La caduta dell'albero è stata frenata parzialmente da alcuni cavi aerei. Sul posto sono giunti personale del 118, che ha soccorso la famiglia e i vigili del fuoco che sono al lavoro per sgomberare la sede stradale. Squadre dell'Amtab provvederanno a recidere per sicurezza il cavo che appartiene alla linea dei tram in disuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora