La Scozia chiede asilo all’Europa, ma Bruxelles frena

Pubblicato il 28 giugno 2016 da redazione

brexit-in

LONDRA. – La Scozia spinge sull’acceleratore per proteggere il “suo posto” nell’Unione europea e manda a Londra il messaggio che non vuole restare impantanata nelle beghe di palazzo mentre l’economia tracolla sotto il peso della Brexit. A costo di mettere momentaneamente da parte la questione dell’indipendenza, d’ora in avanti il governo di Edimburgo sarà impegnato su un solo fronte: tutelare gli interessi della maggioranza degli scozzesi.

Un attivismo, quello della leader della Scozia Nicola Sturgeon, in parte frenato da Bruxelles, che vuol tenersi alla larga da “questioni interne” al Regno Unito. La first minister ha annunciato al parlamento di Edimburgo che sarà a Bruxelles per incontrare Martin Schulz.

Sturgeon ha chiesto esplicitamente di vedere il presidente del Parlamento europeo, come sottolineato dallo stesso Schulz che ha voluto precisare di non aver mai incontrato prima la leader scozzese. L’appartenenza della Scozia all’Ue, si è smarcato il tedesco, è una questione interna alla Gran Bretagna.

Sturgeon avrebbe chiesto di avere colloqui anche con Jean-Claude Juncker e Donald Tusk, ma non ha avuto una risposta positiva. Il portavoce del presidente del consiglio europeo ha spiegato che data la situazione nel Regno Unito questo “non è il momento più appropriato” per incontrare Sturgeon.

D’altra parte una standing ovation di eurodeputati ha accolto l’accorato appello di Alyn Smith, dello Scottish National Party, che ha chiesto all’Europa di “non abbandonare la Scozia”. Intanto è la Scozia che non vuole abbandonare Bruxelles.

E, tra le altre mosse, la first minister ha annunciato la creazione di una commissione di esperti per indicare a Edimburgo la strada migliore per “rimanere nell’Ue”. Un gruppo di economisti e politologi guidato dal rettore dell’Università di Glasgow Anton Muscatelli.

In ballo c’è la permanenza della Scozia nel mercato unico e il contenimento dei danni per le imprese del nord. “Sono determinata a far sentire la nostra voce”, ha dichiarato la leader che ha parlato con i suoi compagni di barricata, il sindaco di Londra Sadiq Khan e i vertici dell’Irlanda del Nord.

Un fronte del ‘no’ alla Brexit compatto e mobile rispetto alla staticità di Downing Street, che “incredibilmente” – bacchetta Sturgeon – non aveva preparato un piano in caso di Leave.

Con una parziale marcia indietro rispetto alle dichiarazioni battagliere dei primi giorni, la first minister ha spiegato che il referendum sull’indipendenza non è la priorità in questo momento, ma rimane comunque un’opzione sul tavolo.

“Se arriverò alla conclusione che è l’unico modo di proteggere il posto della Scozia in Europa, rivedremo le nostre priorità”, ha spiegato. Il temporaneo congelamento dell’indipendenza potrebbe, alla lunga, aprire nuovi scenari.

I laburisti scozzesi, guidati da Kezia Dugdale, appoggiano infatti Sturgeon in questa fase sulla strategia della ricerca di rapporti diretti con Bruxelles. E avanzano, in alternativa alla secessione, l’ipotesi di un “Regno Unito federalizzato” con la possibilità per Edimburgo e Belfast di ottenere magari un legame di “associazione all’Ue”.

(di Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

17:39Calcio: due giornate squalifica a Gasperini,una a Oddo

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Due giornate di squalifica a Gian Piero Gasperini, tecnico Atalanta, per gli insulti al quarto uomo e all'arbitro dopo l'espulsione di domenica: è la decisione del giudice sportivo di Serie A che ha anche squalificato Massimo Oddo, allenatore Pescara, per frasi ''irriguardose'' all'arbitro. A Mihajlovic, tecnico Torino, duemila euro di multa per aver sfondato con una manata il tabellone interviste dopo il match col Milan. Nessuna segnalazione nè da arbitro nè da procura Figc, sul presunto sfogo di Allegri contro il 4/o uomo.

17:35Siria: offensiva Isis nell’est, 120 uccisi in 3 giorni

(ANSA) - BEIRUT, 17 GEN - Più di 120 persone, tra miliziani e civili, sono morti negli ultimi tre giorni di scontri armati nell'est della Siria, nel capoluogo di Dayr az Zor dove l'Isis ha attaccato posizioni governative nella zona ricca di giacimenti petroliferi e non lontana dal confine iracheno. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) riferiscono dell'uccisione da domenica scorsa di 122 persone, tra cui 27 civili compresi donne e minori, e 95 tra militari lealisti e miliziani dello Stato islamico. I civili, precisa l'Ondus, sono morti in raid aerei o di artiglieria sia nella zona controllata dall'Isis sia nell'area in mano alle forze di Damasco.

17:07Regeni: Alfano, prosegue impegno su ricerca verità

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Un pensiero commosso a Giulio Regeni a pochi giorni dall'anniversario della sua scomparsa. Un pensiero che si unisce alla prosecuzione di un impegno alla ricerca della verità". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

17:04Tenta di adescare bimba 10 anni su social, arrestato

(ANSA) - IMPERIA, 17 GEN - Un uomo di 40 anni, magazziniere e speaker per una una radio privata accusato di adescare ragazzine su internet è stato arrestato a Padova dalla Polizia postale della Liguria in flagranza di detenzione e scambio di materiale pedopornografico. L'indagine, conclusa in collaborazione con il compartimento Polposta Veneto, ha preso le mosse da un'attività della Polizia postale di Imperia che ha messo sotto intercettazione informatica e telefonica l'uomo quando aveva tentato di sedurre su Instagram una bambina di 10 anni della provincia di Imperia. A suo carico, la procura di Genova ha emesso un decreto di perquisizione che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di supporti informatici oltre che del profilo social utilizzato dall'uomo. Sono ancora in corso accertamenti volti alla ricerca di altri eventuali minori potenziali vittime dell'arrestato.

17:02Calcio: Vicenza, arriva Gucher dal Frosinone

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Colpo sul mercato del Vicenza che ha ufficializzato l'acquisizione a titolo definitivo del centrocampista austriaco Robert Gucher, classe 1991. Il neo-acquisto proviene dal Frosinone dove è stato protagonista dell'ultima promozione in serie A e il cui contratto era in scadenza nel prossimo mese di giugno. Gucher, che fa parte della nazionale austriaca, ha firmato con il club veneto un contratto di due anni e mezzo, sino al 30 giugno 2019. Oggi si allenerà con i nuovi compagni agli ordini del tecnico Bisoli e sabato alla ripresa del campionato a Carpi potrebbe esordire in biancorosso.

16:59Calcio: Inter, vertice di mercato tra Thohir e Zhang

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Vertice di mercato tra il presidente dell'Inter Erick Thohir e Steven Zhang, figlio del numero uno di Suning. Questa mattina, nella sede del club nerazzurro, faccia a faccia tra i due massimi dirigenti che hanno parlato delle possibili cessioni per sfoltire una rosa ancora troppo ampia e rispettare i parametri del Fair Play Finanziario. Dopo gli addii di Jovetic e Felipe Melo, potrebbe partire anche il difensore Andrea Ranocchia che e' seguito da alcuni club di Premier League. Il giovane centrocampista Miangue, classe 1997, potrebbe accasarsi al Cagliari e Gnoukouri piace al Crotone. Anche Biabiany e' in uscita, su di lui si e' mosso il Bologna ma non e' da escludere una cessione in Cina.

16:50Coni: Malagò, troppi contenziosi, dovremo uniformare regole

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - "Se sarò ancora io il prossimo presidente del Coni porterò sicuramente in giunta un argomento importante: la necessità di uniformare le regole degli statuti e dei regolamenti all'interno del nostro mondo, dalle federazioni ai comitati regionali, agli enti di disciplina, che hanno generato una serie di strascichi, contenziosi, ricorsi che sono oggettivamente complicati da gestire". Lo ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò a margine della giunta nazionale riunita in via straordinaria a Genova. "Tutti i ricorsi hanno una caratteristica: sono figli del momento storico che viviamo - ha aggiunto Malagò - e vanno anche oltre i confini del mondo sportivo stesso. Spesso gli stessi avvocati e i giuristi si prestano a interpretazioni diverse. Credo che sia una cosa di buonsenso che il Coni, magari con il pieno mandato delle massime autorità, anche di chi ha la delega al consiglio dei ministri, debba impegnarsi per uniformare gli statuti, anche per ciò che riguarda le future competizioni elettorali".

Archivio Ultima ora