La Scozia chiede asilo all’Europa, ma Bruxelles frena

Pubblicato il 28 giugno 2016 da redazione

brexit-in

LONDRA. – La Scozia spinge sull’acceleratore per proteggere il “suo posto” nell’Unione europea e manda a Londra il messaggio che non vuole restare impantanata nelle beghe di palazzo mentre l’economia tracolla sotto il peso della Brexit. A costo di mettere momentaneamente da parte la questione dell’indipendenza, d’ora in avanti il governo di Edimburgo sarà impegnato su un solo fronte: tutelare gli interessi della maggioranza degli scozzesi.

Un attivismo, quello della leader della Scozia Nicola Sturgeon, in parte frenato da Bruxelles, che vuol tenersi alla larga da “questioni interne” al Regno Unito. La first minister ha annunciato al parlamento di Edimburgo che sarà a Bruxelles per incontrare Martin Schulz.

Sturgeon ha chiesto esplicitamente di vedere il presidente del Parlamento europeo, come sottolineato dallo stesso Schulz che ha voluto precisare di non aver mai incontrato prima la leader scozzese. L’appartenenza della Scozia all’Ue, si è smarcato il tedesco, è una questione interna alla Gran Bretagna.

Sturgeon avrebbe chiesto di avere colloqui anche con Jean-Claude Juncker e Donald Tusk, ma non ha avuto una risposta positiva. Il portavoce del presidente del consiglio europeo ha spiegato che data la situazione nel Regno Unito questo “non è il momento più appropriato” per incontrare Sturgeon.

D’altra parte una standing ovation di eurodeputati ha accolto l’accorato appello di Alyn Smith, dello Scottish National Party, che ha chiesto all’Europa di “non abbandonare la Scozia”. Intanto è la Scozia che non vuole abbandonare Bruxelles.

E, tra le altre mosse, la first minister ha annunciato la creazione di una commissione di esperti per indicare a Edimburgo la strada migliore per “rimanere nell’Ue”. Un gruppo di economisti e politologi guidato dal rettore dell’Università di Glasgow Anton Muscatelli.

In ballo c’è la permanenza della Scozia nel mercato unico e il contenimento dei danni per le imprese del nord. “Sono determinata a far sentire la nostra voce”, ha dichiarato la leader che ha parlato con i suoi compagni di barricata, il sindaco di Londra Sadiq Khan e i vertici dell’Irlanda del Nord.

Un fronte del ‘no’ alla Brexit compatto e mobile rispetto alla staticità di Downing Street, che “incredibilmente” – bacchetta Sturgeon – non aveva preparato un piano in caso di Leave.

Con una parziale marcia indietro rispetto alle dichiarazioni battagliere dei primi giorni, la first minister ha spiegato che il referendum sull’indipendenza non è la priorità in questo momento, ma rimane comunque un’opzione sul tavolo.

“Se arriverò alla conclusione che è l’unico modo di proteggere il posto della Scozia in Europa, rivedremo le nostre priorità”, ha spiegato. Il temporaneo congelamento dell’indipendenza potrebbe, alla lunga, aprire nuovi scenari.

I laburisti scozzesi, guidati da Kezia Dugdale, appoggiano infatti Sturgeon in questa fase sulla strategia della ricerca di rapporti diretti con Bruxelles. E avanzano, in alternativa alla secessione, l’ipotesi di un “Regno Unito federalizzato” con la possibilità per Edimburgo e Belfast di ottenere magari un legame di “associazione all’Ue”.

(di Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

18:47L. elettorale: M5s, meglio sistema tedesco del Rosatellum

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il M5s vuole "abbattere il Rosatellum che riteniamo essere incostituzionale e trasformarlo in una proposta costituzionale e buona per il Paese". Lo dice il deputato M5s e componente della Commissione Affari Costituzionali, Danilo Toninelli che - a proposito dei rilievi di chi fa notare che un correttivo di governabilità al sistema tedesco, come chiede il M5s, snaturerebbe troppo il sistema proporzionale - risponde: "Vedremo. Un correttivo di governabilità potrebbe invece migliorarlo e comunque il modello tedesco vero è comunque meglio del Rosatellum".

18:42Voucher: Rosato, arrivano quelli per micro imprese

(ANSA) - ROMA, 25 MAG Nella manovrina verrà presentato un emendamento che ripristina il lavoro occasionale (voucher) non solo per le famiglie ma anche per le piccole imprese. Lo ha detto ai cronisti a Montecitorio, il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato. "L'annuncio di Rosato di un emendamento che introduce i voucher per le microimprese significa che il Pd ha deciso di far cadere il Governo", replica in una nota il deputato di MDP Arturo Scotto.

18:20Manchester, ‘Abedi ha costruito bomba da solo’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, avrebbe costruito da solo l'ordigno con cui si è fatto esplodere all'arena. Lo sostiene Sky News citando fonti vicine agli inquirenti secondo cui il giovane britannico potrebbe però aver ricevuto istruzioni su come realizzarla da altri. Intanto si è appreso che Abedi sarebbe volato a Manchester dall'aeroporto di Duesseldorf, ma secondo la polizia tedesca l'attentatore avrebbe soltanto fatto scalo nella città del Nordreno-Westfalia e avrebbe trascorso poco tempo nella zona di transito dell'aeroporto. Il kamikaze di Manchester sarebbe giunto in Germania dall'aeroporto Ataturk di Istanbul pochi giorni prima dell'attacco. Fonti della sicurezza di Ankara, citate da media locali, non precisano però se prima si trovasse in Turchia o abbia solo fatto scalo nella metropoli sul Bosforo.

18:13Cei: Bassetti, serve lavoro, non rubare speranza a giovani

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il lavoro per i giovani, l'attenzione alle famiglie, la vicinanza agli ultimi. Il neo presidente Cei, il card. Gualtiero Bassetti, parla delle sue priorità. L'arcivescovo di Perugia che gira con la sua utilitaria per trovare la gente, il pastore che risponde alla crisi con gli Empori della solidarietà, il porporato che, come lui ha detto, si fa guidare "più dalle ragioni del cuore che da quelle dell'intelletto" - "mi sono definito un improvvisatore perché è il contrario di calcolatore" -, per prima cosa lancia "un grido forte" per i giovani. "Nessuno rubi la speranza ai giovani, quando manca il lavoro si toglie la dignità". Il cardinale ha risposto alle domande dei giornalistima si è anche lasciato ad una confidenza sulla sua elezione: "Ero partito confidando sulla mia giovane età...". Sulla politica: "La Chiesa fa riferimento a quella con la 'p' maiuscola". Glissa sul Family Day ("sono temi che affronteremo") ed esalta l'Amoris Laetitia di Papa Francesco: "è un capolavoro, non è opinabile, è magistero".

18:10Calcio: diritti tv, ok bando Serie A

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - L'assemblea della Lega Serie A ha deliberato a maggioranza (13 club favorevoli su 20) l'approvazione del bando per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sarà pubblicato domani e il giorno ultimo per le offerte "è fissato prima dell'apertura delle buste dell'asta per i diritti tv Uefa per la Champions", prevista dal 12 giugno, come ha spiegato il subcommissario di Lega, Paolo Nicoletti, senza scendere nei dettagli del bando: "E' una struttura interessante per il mercato".

18:09F1: Marchionne, per vincere Mondiale c’è da lavorare molto

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 25 MAG - Per vincere il Mondiale la Ferrari deve lavorare "molto: l'impegno è quello di sviluppare continuamente la macchina durante la stagione; ogni vettura, anche questa qui di Montecarlo ha dei cambiamenti importanti". Lo ha detto l'ad di Fca e presidente e ad della Ferrari, Sergio Marchionne, a Maranello per l'inaugurazione dei nuovi spazi del Museo Ferrari. Quanto al buon avvio nel Mondiale, con Vettel in testa alla classifica piloti con 104 punti e Raikkonen quarto con 49, ha argomentato, "lo sognavo, è arrivato. E' una squadra veramente brava - ha aggiunto riferendosi al team -: in scuderia finalmente abbiamo dei ragazzi che sono puntati nella direzione giusta, stanno lavorando bene, i piloti ci sono, la macchina c'è, quindi...". La Rossa, ora, è a somiglianza di Marchionne? "No - ha replicato Marchionne - è a somiglianza della Ferrari. Finalmente sta uscendo la vera scuderia. Oggi ha fatto bene, Sebastian è andato veramente bene, vediamo".

18:09Hamas proclama ‘Giornata di collera’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 MAG - Hamas ha indetto per domani in Cisgiordania una 'Giornata di collera' contro Israele in un gesto di sostegno con lo sciopero della fame ad oltranza intrapreso il 17 aprile scorso - su iniziativa del dirigente di al-Fatah Marwan Barghouti - da un migliaio di palestinesi reclusi in Israele per reati legati alla intifada. In un messaggio di incitamento alla protesta Hamas fa appello ai palestinesi della Cisgiordania a "scontrarsi con gli occupanti israeliani". Da parte sua il quotidiano israeliano Maariv ha appreso che dietro le quinte sono in corso tentativi per mettere fine alla protesta dei detenuti. Da parte palestinese, secondo il giornale, vi prendono parte il capo dell'Intelligence generale Zihad Hab-el-Rih (secondo la grafia ebraica, ndr) e Hussein a-Sheikh, ministro dell'Anp per le questioni civili. Anche lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) è coinvolto in questi contatti, secondo i media, nel timore che la protesta dei detenuti dilaghi nei Territori.

Archivio Ultima ora