Missione Mattarella in Sud America tra Messico, Uruguay ed Argentina

Pubblicato il 28 giugno 2016 da redazione

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con il Presidente della Repubblica Argentina, Mauricio Macri in visita al Quirinale.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con il Presidente della Repubblica Argentina, Mauricio Macri in visita al Quirinale.

ROMA. – “La mia è la storia di milioni di argentini la cui origine è l’Italia, una presenza permanente nella mia vita. L’anno scorso sono stato in Calabria, un viaggio pieno di emozioni profonde: la lingua, il suono delle parole, l’accento, il cibo, tutto fa parte della mia identità”.

Sono parole di Mauricio Macri, presidente dell’Argentina, 56 anni, sangue calabrese nelle vene, che rappresentano bene i sentimenti degli italo-argentini, il primo gruppo etnico del paese sudamericano con 20/25 milioni di persone.

E spiegano il perchè di una missione del presidente Mattarella in sud America, tra Messico, Uruguay ed Argentina. Ben 10 giorni spesi in America Latina (dal primo al 10 luglio) con l’obiettivo di cementare definitivamente i rapporti con Paesi da tempo considerati strategici dalla politica estera italiana.

Ma è soprattutto l’Argentina il luogo dove nel recente passato le relazioni hanno subito dei bruschi “stop and go” rallentando la penetrazione del sistema-Italia in uno dei mercati più attraenti del sud America. Almeno in prospettiva visto che l’Argentina sta attraversando dal 2012 un periodo di profonda crisi con una inflazione che viaggia intorno al 25 per cento.

Ma sicuramente è un Paese che ha radici profondissime con l’Italia e che oggi rappresenta un’opportunità da non perdere, sia per le grandi imprese che per le piccole e medie. L’Italia e l’Argentina hanno potenzialmente un rapporto bilaterale privilegiato e possono avere un ruolo chiave nelle relazioni tra l’Unione Europea e il Mercosur.

Ma la relazione speciale tra l’Italia e l’Argentina si riavviata veramente grazie alle elezione di Macri. Tempestiva è stata l’iniziativa del premier Matteo Renzi, che ha visitato Buenos Aires a febbraio impostando la missione di circa 140 imprenditori italiani che si è svolta qualche giorno fa.

Ma la visita del presidente Mattarella partirà dal Messico: un Paese di oltre 119 milioni di abitanti, membro dell’OCSE e del G20, 11.ma economia mondiale, la seconda dell’America Latina. Un Paese strategico per le sue relazioni con gli Stati Uniti e le prospettive di crescita nonostante la piaga del narco-traffico.

La crescita messicana dovrebbe consolidarsi nel triennio 2016-19 a tassi superiori al 3,7%. La bilancia commerciale bilaterale è strutturalmente in attivo per il nostro Paese. La missione di Mattarella è stata preceduta da una visita di Matteo Renzi che ha incontrato il presidente messicano Enrique Peña Nieto.

Moltissime le aziende italiane che stanno investendo in Messico: Pirelli, Enel Green power, Eni, Sace, Finmeccanica, solo per citarne alcune. Il capo dello Stato si sposterà poi in Uruguay dove avrà colloqui con il Presidente Tabaré Vazquez.

Quindi l’Argentina con la partecipazione, il 9 luglio a San Miguel de Tucumán, alle celebrazioni del bicentenario dell’indipendenza. Non mancheranno in questa lunga visita al nuovo mondo incontri con i nostri connazionali e anche un po’ di turismo.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

20:59Maltempo: centinaia di turisti bloccati in val Senales

(ANSA) - BOLZANO, 21 GEN - Alcune centinaia di turisti sono attualmente bloccati in Val Senales, in Alto Adige, perché la strada d'accesso è stata chiusa per pericolo valanghe. Sono rimasti isolati così la frazione Madonna di Senales e le località Maso Corto, Vernago e Casera di Fuori. I tecnici della Provincia sono sul posto per valutare un distacco pilotato della neve per poter riaprire la strada al più presto possibile. Per i turisti, soprattutto italiani, tedeschi, austriaci e polacchi, si allunga così il soggiorno in Val Venosta, anche se alcuni dovrebbero riprendere il lavoro già da domani. Dopo le ultime nevicate di stanotte, oltre alla strada provinciale per la val Senales da Certosa in poi sono state chiuse per pericolo valanghe anche la strada provinciale Vallelunga da Curon in poi e la strada tra Resia e Roja. Dall'Alta Val Venosta fino alla cresta di confine centrale il pericolo valanghe è forte di grado 4 su 5.

20:54Congo: uccisi 5 manifestanti anti-Kabila

(ANSA) - KINSHASA, 21 GEN - Almeno cinque morti e oltre 30 feriti sono il bilancio di manifestazioni antigovernative a Kinshasa, in Congo. La polizia ha fatto uso di armi da fuoco e ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere migliaia di manifestanti che protestavano contro il presidente Joseph Kabila. Lo rendono noto fonti delle Nazioni Unite. Chiese cattoliche e organizzazioni di attivisti avevano lanciato un appello per dimostrazioni pacifiche dopo le funzioni domenicali a Kinshasa, Goma, Lumumbashi e in altre città. Ma le proteste sono presto degenerate e la polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti. Le forze di sicurezza, ha affermato la portavoce dell'Onu in Congo Florence Marchal, hanno arrestato 69 persone.

20:53Calcio: Atalanta, niente riposo dopo ko col Napoli

(ANSA) - BERGAMO, 21 GEN - Niente giornata di riposo per l'Atalanta dopo la sconfitta interna con il Napoli nel lunch match domenicale. I nerazzurri di Gian Piero Gasperini riprenderanno il lavoro lunedì mattina al Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia e, in preparazione all'impegno di sabato (ore 18) a Reggio Emilia contro il Sassuolo valido per la terza giornata di ritorno, affronteranno anche una partita d'allenamento. Appuntamento martedì sul campo principale di Zingonia alle 15 e 30, l'avversario designato è la FeralpiSalò che milita nel girone B della serie C: nei gardesani allenati da Michele Serena il difensore atalantino in prestito Stefano Marchetti ('98) e altri due ex come il terzino Riccardo Tantardini e il portiere Nicholas Caglioni.

20:43Gentiloni, M5S non ci deve spaventare, non ha i numeri

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Non sono affatto spaventato. Penso che il rispetto agli elettori M5S sia dovuto. Ma penso che la possibilità che il movimento arrivi a guidare il governo non ci sia. E' una forza che se anche avesse risultati significativi che gli vengono attribuiti da sondaggi non so quanto generosi, non avrebbe i numeri per governare. Rispetto assoluto per l' elettorato del M5S. Ma fuori dall'Italia nessuno mi ha mai mostrato preoccupazione per la possibilità, a cui nessuno crede, che il movimento possa arrivare al governo". Lo dichiara in un'intervista a "Il Foglio" in edicola domani il premier Paolo Gentiloni.

20:41Ferito a colpi di pistola custode cimitero Vibo Valentia

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 21 GEN - Il custode del cimitero di Vibo Valentia, Alessandro Sicari, di 48 anni, è stato ferito ad un braccio e ad una gamba da due colpi di pistola. Il fatto è accaduto nel pomeriggio, mentre il custode stava chiudendo il cancello. Ai carabinieri, che hanno subito avviato le indagini, l'uomo ha detto che mentre era intento a chiudere, ha sentito due colpi d'arma da fuoco e si è subito reso conto di essere stato raggiunto al braccio ed alla gamba, subito soccorso, l'uomo è stato portato dalla polizia municipale nell'ospedale di Vibo Valentia dove si trova ricoverato. I medici lo hanno giudicato guaribile in una decina di giorni. Al momento dell'agguato, nella zona del cimitero, oltre al buio, era calata una fitta nebbia e non sono presenti telecamere.

20:40Siria: Assad condanna l’offensiva militare turca

(ANSA) - DAMASCO, 21 GEN - Il presidente siriano Bashar al Assad ha condannato la "brutale aggressione" della Turchia contro l'enclave curda in Siria di Afrin, sostenendo che l'azione militare è parte del sostegno di Ankara ai "terroristi" dello Stato Islamico.

20:22Calcio: Spagna, Real prova a scacciare la crisi con 7 gol

(ANSA) - MADRID, 21 GEN - Il Real Madrid ritrova la vittoria e ne segna sette in una volta sola al Deportivo La Coruna, mentre i giornali spagnoli di oggi scrivono che il presidente Florentino Perez ha detto chiaro e tondo a Cristiano Ronaldo che non ci sono i soldi per aumentargli l'ingaggio che attualmente è di 21 milioni di euro all'anno. Il successo per 7-1 delle 'merengue' al Bernabeu arriva dopo un periodo da incubo dopo due Ko consecutivi in casa e un solo punto raccolto nelle ultime tre partite. La squadra di Zidane (che, a sorpresa, nella formazione iniziale schiera Mayoral centravanti, con Benzema in panchina) parte male, perché va in vantaggio il Deportivo, ma poi spazzia via la squadra galiziana grazie alle doppiette di Nacho, Bale e Cristiano Ronaldo e alla rete di Modric. Questi tre punti consentono al Real di tornare in zona Champions e di ridurre la distanza dal secondo e terzo posto dopo il pari di ieri dell'Atletico Madrid e il ko del Valencia, ora distanti rispettivamente 8 e 5 punti.

Archivio Ultima ora