Venezia: esperti,fondazioni legno degradate ma città ‘regge’

Pubblicato il 29 giugno 2016 da ansa

(ANSA) – VENEZIA, 29 GIU – “Il legno dei pali che sorreggono la città di Venezia non è in buono stato di conservazione, ma il sistema di fondazioni complessivo, formato da legno, suolo ed acqua, continua a funzionare”. E’ il responso dato oggi da Nicola Macchioni, ricercatore dell’Ivalsa-Cnr, che ha presentato in un convegno a Palazzo Ducale, i risultati di due progetti dell’istituto sul comportamento chimico-fisico e microbiologico del sistema di fondazioni lignee veneziano. “Con i tre elementi presenti in contemporanea – ha detto Macchioni – il legno, finché mantiene il suo volume, continua ad agire come compattante del suolo, anche se è degradato”. Ovviamente la situazione va monitorata, ma uno dei risultati della ricerca è di aver individuato un metodo per controllare la situazione ed avere metri di paragone per capire, durante la manutenzione ordinaria dei rii, se e come intervenire. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

13:21Ue: nel 2018 a Matera riunione riesame sull’uso dei fondi

(ANSA) - POTENZA, 24 NOV - La riunione annuale di riesame sull'uso dei fondi europei nel 2018 si svolgerà a Matera: lo ha annunciato il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella (Pd), all'indomani della prima giornata della riunione tra la Commissione europea e l'Italia, a Roma. "Siamo lieti che sia stata accolta la proposta della mia Regione - ha detto Pittella - di ospitare un evento così autorevole, che consentirà di trattare i temi connessi ai fondi europei della politica di coesione nella suggestiva atmosfera della Capitale europea della Cultura del 2019". All'incontro di Roma - a cui ha preso parte anche il Ministro per la Coesione territoriale, Claudio De Vincenti - partecipano le autorità di gestione di tutti i programmi finanziati con fondi Fesr, Fse, Feasr e Feamp, regionali e nazionali (Pr e Pon).

13:14Voleva denunciarlo, aggredisce moglie davanti a caserma Cc

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Ha aggredito la moglie davanti alla caserma dei carabinieri, dove la donna era andato a denunciarlo. Andrea, 44 anni, di Volpiano, è stato fermato e arrestato dai militari dell'Arma a Leini, nel Torinese. Le percosse, gli insulti, le minacce, anche in presenza del figlio 17enne, andavano avanti dal 2016 e, dopo l'ennesima aggressione, la donna ha deciso di rivolgersi ai carabinieri. Per dare protezione alle vittime di violenza in famiglia, l'Arma sta allestendo su tutto il territorio nazionale una rete di 'Una stanza per te', spazi protetti, accoglienti e adeguatamente attrezzati a raccogliere le testimonianze delle donne che denunciano violenze su di sé o sui propri familiari. Fino ad ora ne sono state aperte 13, a Torino e in provincia, nelle caserme dei Comandi di Compagnia.(ANSA).

13:09Mauritania: introdotta la pena di morte per blasfemia

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - La Mauritania ha deciso di irrigidire le leggi contro la blasfemia e l'apostasia, dopo che un tribunale locale ha deciso di rilasciare una blogger accusata di aver criticato il profeta Maometto. Un emendamento all'articolo 306 del codice penale del Paese imporrà la pena di morte per "qualunque musulmano, uomo o donna, che ridicolizzi o insulti Allah". Secondo quanto riportato dall'agenzia stampa AMI, il pentimento non esonererà dalla pena.

13:03Caccia Igor: in proroga “necessità identificare complici”

(ANSA) - BOLOGNA, 24 NOV - Il 6 novembre la Procura di Bologna ha chiesto al Gip la proroga delle indagini in corso su Norbert Feher-Igor Vaclavic. Nella richiesta, visionata dall'ANSA, il serbo latitante risulta unico indagato e l'atto è motivato dalle indagini ancora in corso con l'analisi del traffico telefonico dello straniero "volto a confermare la presenza nei luoghi dei delitti" e da intercettazioni "anche volte a identificare le persone che ne hanno favorito la latitanza e la fuga". La richiesta è stata inoltrata dal Pm Marco Forte al Gip Letizio Magliaro, scaduti i primi sei mesi per le indagini preliminari. E' in corso di notifica all'avv. Cesare Pacitti, difensore del latitante, e alle persone offese: le due vittime degli omicidi, la vedova del barista Davide Fabbri, i familiari della guardia volontaria Valerio Verri. Oltre a loro, l'agente di polizia provinciale Marco Ravaglia ferita nell'agguato nel Mezzano, la guardia giurata rapinata a Consandolo e un pachistano aggredito tra i due omicidi. (ANSA).

12:49Condannato per omicidio, latitante arrestato all’estero

(ANSA) - BENEVENTO, 24 NOV - E' stato catturato dalla Polizia di Stato in Croazia il latitante Paolo Messina Junior, di 35 anni. Condannato dalla Corte di Assise di Benevento a 24 anni di reclusione per l'omicidio volontario di Antonello Rosiello, un imprenditore ucciso per ragioni economiche a colpi di pistola nelle prime ore del 25 novembre del 2013, era fuggito all'estero da 23 giorni. I particolari della complessa operazione che ha portato alla cattura in territorio estero saranno resi noti in mattinata nel corso di una conferenza stampa presso la Procura della Repubblica di Benevento. Al termine della vicenda processuale, l'uomo, anch'egli imprenditore nel settore dell'impiantistica da riscaldamento, si era reso irreperibile. I poliziotti della Squadra Mobile di Benevento, coordinati dal Servizio Centrale Operativo, della Direzione Anticrimine della Polizia di Stato, che ha loro fornito il supporto operativo e tecnico necessario, attraverso articolate attività tecniche, hanno individuato l'uomo.(ANSA).

12:32Zimbabwe: Mnangagwa ha giurato, è il nuovo presidente

(ANSA) - HARARE, 24 NOV - Emmerson Mnangagwa ha prestato giuramento quale nuovo presidente dello Zimbabwe al posto di Robert Mugabe, al potere da 37 anni ma dimessosi martedì su pressione dei militari. Mnangagwa, suo ex braccio destro, ha promesso di dedicarsi al benessere del popolo ed è stato acclamato da decine di migliaia di persone.

12:23Turchia: 79 mandati d’arresto contro ex docenti ‘gulenisti’

(ANSA) - ISTANBUL, 24 NOV - Nuovi blitz stamani in Turchia contro sospetti affiliati alla presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La procura di Ankara ha emesso 79 mandati d'arresto contro ex docenti di scuole private - ora chiuse con decreti dello stato d'emergenza - che secondo i magistrati facevano capo alla fitta rete di strutture educative dei 'gulenisti'. Lo riporta l'agenzia statale Anadolu. La polizia ha avviato un'operazione per cercare di catturare i ricercati in diversi quartieri della capitale turca. Le retate avvengono nel giorno in cui si celebra la 'Giornata degli insegnanti', ricorrenza tradizionalmente molto sentita nel Paese.

Archivio Ultima ora