Recuperato il relitto del grande naufragio, circa 700 morti

Pubblicato il 29 giugno 2016 da redazione

Naufragio 2015, recuperato relitto, i morti furono circa 700

Naufragio 2015, recuperato relitto, i morti furono circa 700

CATANIA. – “Tutte le marre (ganci di metallo, ndr) sono regolarmente chiuse, piano piano ci prepariamo a salpare…”, “siamo in sollevamento con il relitto dentro il modulo…”. Scatta l’applauso liberatorio dentro la nave Ievoli Ivory.

Nella sala comando abbracci e pacche per tutti: finalmente è stato recuperato il relitto del peschereccio che ha fatto naufragio il 18 aprile 2015, nel Canale di Sicilia, a 100 miglia dalla Sicilia e a 40 dalla Libia, a una profondità di 370 metri.

Al suo interno ci sarebbero i corpi di circa 700 migranti, che erano stati stipati nell’imbarcazione da trafficanti di persone e di vite umane senza scrupoli, per quella che è una delle più grandi tragedie del Mediterraneo. Solo 28 i sopravvissuti, compresi il presunto ‘capitano’ e il ‘mozzo’ del peschereccio che sono sotto processo davanti al Gup di Catania.

Dallo scorso anno il ministero della Difesa, su input del governo, ha costituito una task force guidata dalla Marina Militare per il recupero del relitto e per avviare l’identificazione delle vittime. Il maltempo ha frenato i lavori, imponendo degli ‘stop and go’.

Da nave Ievoli Ivory nei giorni scorsi è stato calato il ‘modulo’, un grande telaio meccanico che è stato poggiato in mare in modo da fare da ‘cornice’ rettangolare al relitto. Poi, nella sala comando, una sorta di sala gioco con decine di schermi, mossi da dei joystick sono state attivate delle marre che hanno bloccato, ancorandolo al modulo, il peschereccio.

“Un’operazione non facile – spiega un operatore da nave Ievoli Ivory – perché la visibilità già bassa è diventata scarsissima quando è stato appoggiato sul fondo anche il modulo. L’unico punto di riferimento per il pilota è stato soltanto e unicamente il sonar”.

Poi è cominciato lento il sollevamento. A cinque metri dal fondo il primo grande applauso: “siamo in sollevamento con il relitto dentro il modulo…”. E’ difficile contenere la soddisfazione e la commozione. Ma non è finita.

Adesso arriva un’altra parte difficile: il sopralluogo. Per primi entreranno in azione i vigili del fuoco. “Occorre controllare la consistenza strutturale del relitto – spiega l’ispettore Paolo Quattropani del comando provinciale dei pompieri di Siracusa – e lo stato di conservazione dei corpi e allo stesso tempo fare una prima stima numerica delle vittime che sono nel relitto. Il nostro obiettivo principale è alzare al massimo il livello di sicurezza all’interno dell’imbarcazione”.

Anche perché il relitto ha dato qualche segnale di cedimento dopo la salita. Oltre al recupero delle salme. Corpi che, già dal giugno del 2015, su indicazione della presidenza del Consiglio, la Marina Militare con una complessa operazione ha cominciato a recuperare grazie a veicoli a comando remoto che si sono immersi nelle profondità del Mediterraneo. Da allora sono stati prelevati dal relitto oltre 169 cadaveri.

Sul posto sono state schierate nave Anteo, che ospita la base di comando, nave San Giorgio, per la sicurezza, nave Alghero, per il recupero di eventuali salme fuori dal relitto, e nave Tremiti, per il trasporto container. Adesso il peschereccio, congelato con dell’azoto liquido, viene condotto nel porto di Augusta dove, il ministero della Difesa, attraverso Marisicilia, ha fatto realizzare una ‘cittadella’ operativa, che vede all’opera 150 persone al giorno.

E lì vicino, sul Pontile Marina Militare di Melilli del Comando Marittimo Sicilia, domani alle 11 si terrà una conferenza stampa sull’operazione. Sarà spiegato, tra l’altro, che i corpi saranno esaminati da esperti sanitari di varie università coordinati dalla dottoressa Cattaneo del Labanof del dipartimento di Medicina legale dell’università di Milano, allo scopo di acquisire informazioni utili a creare un network a livello europeo che permetta di risalire all’identità dei corpi attraverso l’ incrocio dei dati.

L’attività disposta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri è resa possibile grazie alla sinergia tra i ministeri di Difesa, Interno, Salute e dell’Istruzione in collaborazione con il Commissario Straordinario per le persone scomparse, la Prefettura di Siracusa e la Procura di Catania.

Il modulo di recupero è stato progettato e realizzato dalla Impresub-Diving and Marine Contractor di Trento.

(di Mimmo Trovato/ANSA)

Ultima ora

19:27Calcio: Tavecchio, insegneremo Var agli arbitri stranieri

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Un centro di formazione a Coverciano per addestrare gli arbitri stranieri all'uso della Var. E' l'idea lanciata oggi dal presidente della Figc, Carlo Tavecchio, in occasione del Consiglio federale. "E' un'idea che mi è venuta in questi giorni - le sue parole - siccome all'estero stiamo facendo bella figura per quanto riguarda la Var. Ne ho parlato già al presidente della Fifa Infantino, e si è dimostrato disponibile. Sarebbe poi superfluo spiegare tutti gli sviluppi che possono nascere da questa idea, soprattutto per quanto riguarda l'immagine dell'Italia".

19:24Mondiali: Rohden svedese d’Italia, ‘possiamo farcela’

(ANSA) - CROTONE, 17 OTT - "Abbiamo l'opportunità di andare al mondiale. Contro l'Italia sarà un grande match, un match difficile". Lo dice Marcus Rohden, nazionale svedese che milita nel Crotone, commentando il sorteggio che vedrà la Svezia opposta alla nazionale azzurra nei playoff per la qualificazione al Mondiale di Russia. Rohden, che nel campionato italiano ha già segnato due gol in questa stagione in vista dell'incontro con gli azzurri appare realista. "Siamo consapevoli - dice - che quella contro l'Italia sarà una partita molto difficile per noi, ma al tempo stesso molto interessante. Noi abbiamo la possibilità di andare in Russia, il Mondiale è quello che abbiamo sempre cercato e speriamo di poter fare un buon risultato e di riuscire a conquistarlo". Il nazionale svedese é ottimista anche per la convocazione. "Penso che solo facendo bene con il Crotone potrò sperare nella convocazione del Ct per poter giocare gli spareggi per il Mondiale contro l'Italia".

19:10Trump a Tsipras, ‘grande lavoro, vi riprenderete’

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - La Grecia "sta facendo un grande lavoro per riprendersi. Si riprenderanno": lo ha detto Donald Trump ricevendo alla Casa Bianca il premier greco Alexis Tsipras, che ha sottolineato i 'valori comuni" tra gli Usa e il suo Paese. "Siamo grandi amici e alleati", ha aggiunto Trump, spiegando che nell'incontro sarà esplorata la reciproca cooperazione, anche sul fronte delle vendite degli F-16.

18:52Tennis: Atp Mosca, Lorenzi subito fuori

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Paolo Lorenzi esce al primo turno del torneo Atp di Mosca. Il senese, settima testa di serie, è stato sconfitto per 4-6 7-6(11-9) 6-4 dal serbo Laslo Djere. Lorenzi ha fallito un match-point sul 6-5 del tie-break del secondo set.

18:34Tentano di rapire bimbi: arrestata aveva nostalgia dei figli

(ANSA) - MONZA, 17 OTT - Aveva nostalgia dei figli che non vivono più con lei: è questa, a quanto si apprende, la motivazione data agli investigatori dalla 34enne keniota bloccata dai Carabinieri domenica scorsa dopo che aveva tentato di sequestrare tre bambini di 7, 10 e 11 anni al cineteatro dell'oratorio Don Bosco di Carugate in provincia di Milano. E' fissata per domani pomeriggio l'udienza di convalida dell'arresto per lei e per il trentottenne keniano che l'ha accompagnata, sapendo, secondo gli inquirenti, quali erano le sue intenzioni. Non suo fratello ma l'uomo con cui aveva da poco iniziato una relazione. Saranno sentiti contestualmente dagli inquirenti, ai quali potranno fornire la loro versione di quanto successo assistiti dall'avvocato Christian Cerniglia. I due, almeno secondo quanto rilevato durante il loro arresto, avrebbero agito sotto effetto dell' alcol.

18:33Uccisa in casa a Milano: 20 anni a omicida in abbreviato

(ANSA) - MILANO, 17 OTT - Non è stata riconosciuta l'aggravante della premeditazione ed è stato condannato a 20 anni con rito abbreviato Luca Raimondo Marcarelli, il 33enne che ha confessato di aver ucciso Tiziana Pavani, una ventina di anni in più di lui, nella sua casa alla periferia di Milano, il 12 gennaio scorso. Lo ha deciso il gup Sofia Fioretta che ha respinto la richiesta avanzata proprio oggi dalla difesa di un'integrazione alla perizia psichiatrica a cui è stato sottoposto l'uomo e che aveva stabilito che, al momento del fatto, era in grado di intendere e di volere. Il giudice ha anche disposto che l'uomo versi 180mila euro ai familiari della donna con cui aveva una relazione saltuaria. Proteste da parte dei familiari della vittima e una sua cugina ha detto che "è vergognoso non riconoscere la premeditazione quando qualche giorno prima del delitto ha anche guardato su internet le istruzioni per uccidere. Sfido che poi uccidono noi donne come niente, ci vorrebbero pene esemplari".

18:27Usa: artisti afro-americani per ritratti ufficiali Obama

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - Barack e Michelle Obama hanno scelto due artisti afro-americani di avanguardia per i loro ritratti ufficiali. L'ex presidente ha affidato a Kehinde Wiley, un pittore celebre per creazioni monumentali che sovrappongono la cultura nera di strada a motivi classici dell'arte europea, per il quadro che lo immortalerà alla National Portrait Gallery di Washington. Michelle ha puntato invece su Amy Sherald, un'artista finora sostanzialmente sconosciuta: i curatori della Portrait Gallery non avevano idea di chi fosse quando l'ex coppia della Casa Bianca ha comunicato la decisione. Wiley, che ha 40 anni e ha studiato a Yale, con Obama potrebbe fare scintille. L'artista ha dipinto il rapper LL Cool J nello stile di John Singer Sargent, Ice T come il Napoleone a cavallo di Jean Luis David e giovani uomini afro-americani come santi di una vetrata in una cattedrale gotica. I ritratti saranno presentati al pubblico nel 2018 e pagati con fondi privati: mezzo milione di dollari di cui 300 mila già in cassa.

Archivio Ultima ora