Recuperato il relitto del grande naufragio, circa 700 morti

Pubblicato il 29 giugno 2016 da redazione

Naufragio 2015, recuperato relitto, i morti furono circa 700

Naufragio 2015, recuperato relitto, i morti furono circa 700

CATANIA. – “Tutte le marre (ganci di metallo, ndr) sono regolarmente chiuse, piano piano ci prepariamo a salpare…”, “siamo in sollevamento con il relitto dentro il modulo…”. Scatta l’applauso liberatorio dentro la nave Ievoli Ivory.

Nella sala comando abbracci e pacche per tutti: finalmente è stato recuperato il relitto del peschereccio che ha fatto naufragio il 18 aprile 2015, nel Canale di Sicilia, a 100 miglia dalla Sicilia e a 40 dalla Libia, a una profondità di 370 metri.

Al suo interno ci sarebbero i corpi di circa 700 migranti, che erano stati stipati nell’imbarcazione da trafficanti di persone e di vite umane senza scrupoli, per quella che è una delle più grandi tragedie del Mediterraneo. Solo 28 i sopravvissuti, compresi il presunto ‘capitano’ e il ‘mozzo’ del peschereccio che sono sotto processo davanti al Gup di Catania.

Dallo scorso anno il ministero della Difesa, su input del governo, ha costituito una task force guidata dalla Marina Militare per il recupero del relitto e per avviare l’identificazione delle vittime. Il maltempo ha frenato i lavori, imponendo degli ‘stop and go’.

Da nave Ievoli Ivory nei giorni scorsi è stato calato il ‘modulo’, un grande telaio meccanico che è stato poggiato in mare in modo da fare da ‘cornice’ rettangolare al relitto. Poi, nella sala comando, una sorta di sala gioco con decine di schermi, mossi da dei joystick sono state attivate delle marre che hanno bloccato, ancorandolo al modulo, il peschereccio.

“Un’operazione non facile – spiega un operatore da nave Ievoli Ivory – perché la visibilità già bassa è diventata scarsissima quando è stato appoggiato sul fondo anche il modulo. L’unico punto di riferimento per il pilota è stato soltanto e unicamente il sonar”.

Poi è cominciato lento il sollevamento. A cinque metri dal fondo il primo grande applauso: “siamo in sollevamento con il relitto dentro il modulo…”. E’ difficile contenere la soddisfazione e la commozione. Ma non è finita.

Adesso arriva un’altra parte difficile: il sopralluogo. Per primi entreranno in azione i vigili del fuoco. “Occorre controllare la consistenza strutturale del relitto – spiega l’ispettore Paolo Quattropani del comando provinciale dei pompieri di Siracusa – e lo stato di conservazione dei corpi e allo stesso tempo fare una prima stima numerica delle vittime che sono nel relitto. Il nostro obiettivo principale è alzare al massimo il livello di sicurezza all’interno dell’imbarcazione”.

Anche perché il relitto ha dato qualche segnale di cedimento dopo la salita. Oltre al recupero delle salme. Corpi che, già dal giugno del 2015, su indicazione della presidenza del Consiglio, la Marina Militare con una complessa operazione ha cominciato a recuperare grazie a veicoli a comando remoto che si sono immersi nelle profondità del Mediterraneo. Da allora sono stati prelevati dal relitto oltre 169 cadaveri.

Sul posto sono state schierate nave Anteo, che ospita la base di comando, nave San Giorgio, per la sicurezza, nave Alghero, per il recupero di eventuali salme fuori dal relitto, e nave Tremiti, per il trasporto container. Adesso il peschereccio, congelato con dell’azoto liquido, viene condotto nel porto di Augusta dove, il ministero della Difesa, attraverso Marisicilia, ha fatto realizzare una ‘cittadella’ operativa, che vede all’opera 150 persone al giorno.

E lì vicino, sul Pontile Marina Militare di Melilli del Comando Marittimo Sicilia, domani alle 11 si terrà una conferenza stampa sull’operazione. Sarà spiegato, tra l’altro, che i corpi saranno esaminati da esperti sanitari di varie università coordinati dalla dottoressa Cattaneo del Labanof del dipartimento di Medicina legale dell’università di Milano, allo scopo di acquisire informazioni utili a creare un network a livello europeo che permetta di risalire all’identità dei corpi attraverso l’ incrocio dei dati.

L’attività disposta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri è resa possibile grazie alla sinergia tra i ministeri di Difesa, Interno, Salute e dell’Istruzione in collaborazione con il Commissario Straordinario per le persone scomparse, la Prefettura di Siracusa e la Procura di Catania.

Il modulo di recupero è stato progettato e realizzato dalla Impresub-Diving and Marine Contractor di Trento.

(di Mimmo Trovato/ANSA)

Ultima ora

18:53Incendi: fiamme minacciano due resort nel sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Un altro vasto incendio è divampato questo pomeriggio in Sardegna, nella zona di Castiadas, sulla costa sud orientale vicino a Villasimius. Le fiamme, alimentate dal forte vento, si stanno avvicinando pericolosamente ai due resort turistici, Santagiusta e Villas. Sul posto stanno già operando le squadre dei vigili del fuoco, la Protezione civile e il Corpo forestale, in attesa dell'arrivo dei mezzi aerei. Nella zona interessata dall'incendio vi sono anche le pattuglie dei carabinieri della Compagnia di San Vito. Si sta valutando se evacuare le strutture alberghiere e le abitazioni. (ANSA).

18:48Scherma: Mondiali, oro Italia nella sciabola donne

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - L'Italia della sciabola femminile ha vinto la medaglia d'oro a squadre ai Mondiali di scherma in corso a Lipsia (Germania). Il quartetto azzurro (Irene Vecchi, Rossella Gregorio, Loreta Gulotta e Martina Criscio) ha battuto in finale la Corea del Sud con il punteggio di 45-27. E' la terza medaglia d'oro per l'Italia nel torneo iridato (8 medaglie complessive) che si chiuderà domani.

18:44L’ex Raisi, io senza pensione e vitalizio, meglio rubare

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Con la legge che ricalcola i Vitalizi perderà anche la pensione da parlamentare, dopo aver perso quella dell'Inps. A raccontarlo su Facebook è l'ex deputato di An Enzo Raisi, che si sfoga: "ho fatto male a far politica e a non rubare". "Dunque - racconta Raisi - ho pagato per quasi 20 anni l'INPS poi ho smesso perché sono diventato parlamentare e avendo il vitalizio non volevo giustamente accumulare pensioni. Ovviamente 20 anni di contributi buttati via perché non cumulabili con il vitalizio, essendo due gestioni diverse. Ho pagato per 15 anni i contributi per il vitalizio, solo per i due anni e mezzo della legislatura Prodi che è durata 2 anni e mezzo ho sborsato oltre 50 mila euro per i due anni e mezzo mancanti. Ironia della sorte ora, se passa la nuova legge voluta dai nuovi populisti Pd, leggasi sig Richetti, e i grillini che fanno a gara per attribuirsi questa legge, non avrò né la pensione INPS né il vitalizio".

18:44Nuoto: Mondiali, Quadarella bronzo 1500 sl

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Simona Quadarella ha conquistato il bronzo nei 1500 sl ai Mondiali di nuoto di Budapest. La diciottenne azzurra ha chiuso al terzo posto la gara più lunga in vasca, dominata dall'americana Katie Ledecky, oro in 15'31"82 dopo un assolo. Argento alla spagnola Mireia Belmonte Garcia (15'50"89). Per Simona il tempo di 15'53"86.

18:36Venezia ricorda 100 anni Porto Marghera

(ANSA) - VENEZIA, 25 LUG - Il 23 luglio 1917 il presidente del Consiglio Paolo Boselli, il sindaco di Venezia Filippo Grimani e il presidente di Sade Giuseppe Volpi di Misurata firmarono una convenzione per la costruzione di Porto Marghera. Un secolo dopo Venezia ripercorre la storia di quest'area di 22 mila ettari dove la grande impresa ha creato una delle prime grandi mentalità industriali italiane e sulla quale oggi la città si interroga sull'eredità economico sociale di un secolo di lavoro. Non una celebrazione ma un altro passo "nel futuro della città", ha detto il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro presentando le iniziative che da settembre a maggio 2018 accompagneranno il progetto "1917-2017 - 100 anni di Porto Marghera". "Ricordare Porto Marghera cosa è stato e cosa sarà è un dovere di chi ama Venezia Quest'area oggi è una sfida fondamentale pensare ai suoi prossimi cento anni". Per il sindaco tre saranno i passi fondamentali per ridare nuova vita alla grande area: industria, portualità e turismo.

18:35Raggi, serve supporto governo per salvare Castelfusano

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "La pineta di Castel Fusano è nuovamente in fiamme. Le squadre per spegnere questo ennesimo incendio sono al lavoro. Serve un controllo 24 ore su 24 del territorio perché - se si tratta di incendi dolosi - non si può soltanto intervenire con gli spegnimenti. E' necessario un supporto del governo per controllare il territorio e salvare la pineta di Castel Fusano. La situazione è grave". Lo dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

18:34Mafia Roma: corte appello,restituire beni a Diotallevi

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - La corte di appello di Roma, con un provvedimento depositato ieri, ha disposto la restituzione di gran parte dei beni mobili ed immobili sequestrati ad Ernesto Diotallevi, ritenuto dalla procura il referente romano di Cosa Nostra e già indagato (posizione archiviata) nell'ambito dell'inchiesta su Mafia Capitale, e ad altre persone a lui collegate. Diotallevi è stato coinvolto anche in un processo sulla Banda della Magliana ma è stato assolto.

Archivio Ultima ora