Euro 2016: guaio De Rossi, Conte deve rifare tutto

Pubblicato il 29 giugno 2016 da redazione

Italy's head coach Antonio Conte during a training session of the Italian national soccer team for the Uefa Euro 2016 at the Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France, 24 June 2016. Ansa/ Daniel Dal Zennaro

Italy’s head coach Antonio Conte during a training session of the Italian national soccer team for the Uefa Euro 2016 at the Bernard-Gasset sport center in Montpellier, France, 24 June 2016. Ansa/ Daniel Dal Zennaro

MONTPELLIER (FRANCIA). – “Faremo di tutto per recuperare De Rossi”. A tre giorni da Italia-Germania, le parole del medico azzurro, professor Castellacci, chiariscono il quadro sull’infortunio del romanista che costringerà Conte a rifare tutto. Lui e Candreva sono fuori, sui tempi di recupero c’è il massimo riserbo dallo staff azzurro ma nella pratica servirebbe un miracolo per avere il romanista in campo sabato a Bordeaux.

Così il ct, proprio per la partita di maggior fascino, si trova di fronte a un doppio bivio: rischiare o non rischiare – nel caso del miracolo della volontà e dei medici – il centrocampista, e soprattutto adattare un giocatore a quel ruolo lasciato vacante anche da Thiago Motta (squalificato) o apportare qualche cambiamento al modulo.

Si parte dalle condizioni di De Rossi: le parole di Castellacci si spiegano con la volontà di non dare nulla per scontato. De Rossi durante la partita contro la Spagna ha ricevuto un forte colpo alla coscia destra in uno scontro di gioco, e ha riportato un “trauma contusivo con ematoma e parziale disinserzione delle fibre del vasto laterale”.

In pratica, una piccola lesione al muscolo sopra il ginocchio. I tempi di recupero per casi del genere sono 10 giorni, il problema maggiore è il riassorbimento dell’ematoma. De Rossi non ha recidive, è giocatore propenso a giocare anche col dolore ma i tempi sembrano davvero troppo stretti: non fosse Italia-Germania, il caso sarebbe già chiuso.

Discorso analogo per Candreva: la lesione all’adduttore destro è stata “tra il primo e il secondo grado”, ha spiegato Castellacci. “I miglioramenti sono stati continui, li abbiamo visti dalla seconda risonanza che però ha anche indicato che il ragazzo non è guarito”.

Nessuna recidiva dal provino pre Spagna, aggiunge il medico, ma ci vuole ancora tempo. Per un infortunio del genere – in sé più pesante di quello di De Rossi – il tempo medio di guarigione è una ventina di giorni, fatti i conti si andrebbe in caso a ridosso della semifinale.

Inevitabile dunque che da oggi Conte abbia cominciato a lavorare su un’altra Italia. Sturaro o Parolo i possibili sostituti al centro del terzetto di centrocampisti. Ma come hanno lasciato filtrare i giocatori, Conte sta facendo studiare ai suoi i punti deboli della Germania.

C’è poi un’ipotesi che è solo una suggestione, anche perchè Conte in questo momento ha bisogno di certezze: una modifica minima all’assetto tattico mandato a memoria. Giocare con Sturaro-Parolo centrali, Florenzi e Darmian esterni e Giaccherni-Eder nelle linee intermedie dietro Pellè sarebbe un azzardo, ma forse in grado di scompaginare le linee di centrocampo tedesco.

(dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

22:19Polonia: proteste per riforma giustizia

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - In migliaia stanno affluendo nella principali città della Polonia per chiedere al presidente Andrzej Duda di non firmare la legge che attribuisce al governo il controllo della Corte suprema e del sistema giudiziario, limitando l'autonomia dei giudici. A Varsavia la manifestazione si tiene davanti al palazzo presidenziale dove sventolano numerose bandiere polacche e dell'Unione europea. Molti striscioni hanno il nuovo logo 'tre volte no' divenuto il simbolo della protesta popolare contro le tre leggi che cancellano l'autonomia dei giudici. Molte anche le scritte di appoggio alla Costituzione messa in pericolo, secondo i dimostranti, dal partito di maggioranza di Jaroslaw Kaczynski. Una grande folla si è radunata a Cracovia nella centrale piazza del mercato. Il Senato polacco ha approvato stanotte la riforma ed ora il presidente ha 21 giorni di tempo per firmarla. con la quale viene cancellata in Polonia l'autonomia del sistema giudiziario.

22:15Orban, proteggerò Polonia dall’ inquisizione dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - L'Ungheria si erge a paladina della Polonia e assicura che proteggerà Varsavia dalla "campagna di inquisizione" a cui la sta sottoponendo l'Ue dopo l'approvazione della legge sulla Corte Suprema con la quale viene cancellata l'autonomia del sistema giudiziario polacco. Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha dichiarato che il suo Paese ricorrerà a tutti i mezzi legali possibili per proteggere la Polonia dall'inquisizione dell'Ue. "In questo momento - ha detto - il principale obiettivo dell'inquisizione, l'esempio di governo nazionale da indebolire, smantellare e spezzare è la Polonia". Per Orban l'Ue sta aggirando i diritti degli stati membri e sta cercando di applicare politiche, come quelle sull'aumento dell'immigrazione a cui si oppongono molti paesi europei. La leadership europea insieme al miliardario George Soros vuole una "Europa nuova, mista, musulmanizzata": le barriere alle frontiere ungheresi - ha aggiunto - fermeranno gli sforzi di Ue-Soros per incrementare l'immigrazione musulmana.

22:08Calcio: scontri Brescia, immagini al vaglio della Digos

(ANSA) - BRESCIA, 22 LUG - La Digos della questura bresciana analizzerà, nelle prossime ore, le immagini degli scontri tra ultras di Brescia e Cagliari avvenuti a Palazzolo sull'Oglio, prima dell'amichevole tra le due squadre. Sono attesi numerosi provvedimenti di Daspo per i responsabili. Secondo le prime ricostruzioni sarebbero stati i tifosi bresciani a provocare gli ultras del Cagliari, che hanno reagito.

21:43Donna uccisa in Sardegna: il fidanzato confessa

(ANSA) - NUORO, 22 LUG - Dimitri Fricano, 30 anni di Biella, ha confessato ai carabinieri l'omicidio della fidanzata Erika Preti, 28 anni anche lei di Biella, avvenuto il 12 giugno scorso a San Teodoro, nel nord Sardegna, dove la coppia si trovava in vacanza. Il giovane era l'unico indagato per omicidio volontario. La ragazza era stata uccisa a coltellate, il fidanzato, rimasto anche lui ferito, aveva sempre detto agli inquirenti che i due avevano subito una rapina in casa finita nel sangue.

Archivio Ultima ora