L’America si prepara al dopo Brexit. Trump perde colpi

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

Democratic presidential candidate Hillary Clinton gestures as she "sighs" talking about Republican presidential candidate Donald Trump during a rally in Raleigh, N.C., Wednesday, June 22, 2016. (ANSA/AP Photo/Chuck Burton)

Democratic presidential candidate Hillary Clinton gestures as she “sighs” talking about Republican presidential candidate Donald Trump during a rally in Raleigh, N.C., Wednesday, June 22, 2016. (ANSA/AP Photo/Chuck Burton)

di Mariza Bafile

NEW YORK – Non solo i sudditi di “sua maestà”, ma anche i cittadini con “passaporto” della Comunità. Tutti si chiedono cosa accadrà dopo l’uscita definitiva della Gran Bretagna dall’eurozona. Il processo è ormai in piena evoluzione. Inarrestabile. E, come hanno chiesto Merkel, Hollande e Renzi, quanto prima sarà sancirà l’addio dell’isola tanto meglio per tutti.

Jean Claude Juncker, è tornato all’attacco, ed ha esortato il governo d’oltre Manica a chiedere al più presto l’attivazione dell’articolo 50. Qualora ci fossero dubbi, ha precisato che Londra, prima di chiedere il suo ingresso nel mercato unico, dovrà concludere tutto l’iter burocratico per uscire dall’Unione.

Dal canto suo David Cameron ha assicurato che non vi sarà “dietro front”. Il risultato del Referendum sarà rispettato. Ma ha anche precisato che le procedure del Brexit richiederanno di tempo e che saranno comunque una responsabilità che dovrà assumere il prossimo governo.

Negli States, ora, si teme l’impatto del Brexit. Con l’uscita della Gran Bretagna gli Stati Uniti perdono il loro canale privilegiato all’interno dell’Unione. Dovranno sceglierne un altro. Ma la scelta è imbarazzante e difficile.

La Germania ha ancora il dente avvelenato, dopo che è stato scoperto che le conversazioni dei loro leader erano spiate dalle agenzie preposte alla sicurezza americana. La Francia, d’altro canto, ha dimostrato troppo spesso di fare di testa sua. L’Italia, infine, anche se un alleato affidabile pare troppo debole economicamente.

Ma una scelta, comunque, dovrà essere fatta. E non tanto per gli interessi economici e commerciali, che pure sono assai importanti, quanto per quelli legati al ruolo della Nato.

Il risultato shock del referendum in Gran Bretagna, anche se inatteso, ha subito messo al lavoro gli analisti. Si teme, infatti, il suo impatto negli Stati Uniti. E questo avverrà immediatamente e innanzi tutto attraverso il commercio.

L’Inghilterra, infatti, era fino a ieri il quinto mercato dei prodotti americani. Ma la svalutazione della sterlina, che è arrivata ai suoi minimi storici dal 1985 e che sembra destinata ad andare ancor più giù, sicuramente avrà un impatto sui volumi.

Questi si ridurranno inevitabilmente. E’ vero che l’economia americana, a differenza di altre, non dipende dalle esportazioni, ma lo è anche che vi sarà un effetto da onda espansiva.

Il Brexit, fino a ieri, non pareva un tema di stringente attualità per l’americano comune, più interessato alle “sparate” di Donald Trump e, in ogni caso, allo sviluppo della campagna elettorale. Questa è stata peculiare, “sui generis”.

Infatti, da un lato ha reso evidente un’America ancora assai conservatrice, reazionaria, razzista e xenofoba; dall’altro ha fatto emergere un elettorato giovane animato da un gran desiderio di cambio. La bandiera di questa fetta degli Stati Uniti che non si riconosce nello “status quo” è stata presa paradossalmente da un vecchio senatore, Bernie Sanders, fino a ieri spina nel fianco della favorita ex First lady, Hillary Clinton.

Il risultato del Referendum in Gran Bretagna è oggi considerato un campanello d’allarme. In effetti, alcuni analisti fanno notare parallelismi tra alcuni temi che hanno dominato la campagna per il Brexit e le bandiere che fa sue il Tycoon newyorchese.

La prima, fra tutte, quella dell’immigrazione. Gli immigranti, lungi dall’essere considerati una ricchezza per un paese che è sempre stato crocevia di razze, religioni, e culture sono visti e presentati come un pericolo. Un pericolo perché occupano posti di lavoro e perché professano, in molti casi, religioni diverse.

L’America reazionaria, conservatrice e xenofoba ha paura del “diverso” e dimentica che l’impalcatura su cui sono stati costruiti gli States ha lingue, culture e religioni diverse.

Intanto, mentre il dibattito che farà seguito al Brexit sicuramente si allargherà, il magnate del mattone perde colpi e Hillary Clinton cresce nei sondaggi. Sarà forse proprio per una ragione di opportunità politica che Trump ha fatto intendere di voler rivedere la sua proposta di chiudere le porte delle frontiere ai musulmani e di voler erigere un muro, come la vecchia “muraglia cinese”, ai confini col Messico.

Infatti, ha fatto filtrare l’idea che l’ingresso sarebbe vietato solamente ai musulmani provenienti da paesi in cui si finanziano e si addestrano i terroristi. Anche per quanto riguarda l’immigrazione latinoamericana, quella che, disse, sarebbe costituita da violentatori e ladri starebbe mostrando una maggiore flessibilità.

L’elettorato, ora, attende con ansia la “stagione dei dibattiti”, in cui i candidati si incontreranno in un “face to face” che darà a ciascuno la possibilità di esporre i propri programmi e di spiegare le ragioni per cui critica quelli del proprio avversario.

Ultima ora

09:15Mafia capitale: Pignatone, ma a Roma i clan ci sono

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, difende l'impostazione dell'accusa al processo Mafia capitale, e in particolare la contestazione agli imputati del reato di associazione mafiosa, che la sentenza non ha accolto. Intervistato da alcuni quotidiani, il magistrato dice di essersi preso una notte di riflessione dopo la decisione dei giudici, "perché le cose si vedono meglio con la testa fredda", e ribadisce che "in città i clan esistono e io non mi rassegnerò mai". "Non mi sento sconfitto. E' crimine organizzato, noi andremo avanti", afferma fra l'altro Pignatone, sottolineando che comunque la sentenza "ha riconosciuto la sussistenza di gravi fatti di violenza e corruzione in un contesto di criminalità organizzata, e ha inflitto pene altissime". Per il magistrato, "non si può accettare l'idea che a Roma la corruzione sia un fatto normale o addirittura utile".

08:32Usa: Spicer, ‘Come mi sento? Sollevato’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - Sean Spicer, l'ormai ex portavoce del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si sente "sollevato" dopo aver rassegnato nelle scorse ore le sue dimissioni. Lo ha detto - tra il serio e il faceto - rispondendo a domande della Abc: "Come sembra che mi senta? Sollevato".

08:27Polonia: sì del Senato a controversa legge sui giudici

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - Il Senato polacco ha accolto stanotte con i voti della maggioranza del partito di Jaroslaw Kaczynski la controversa legge sulla Corte suprema con la quale viene cancellata in Polonia l'autonomia del sistema giudiziario. A favore della legge hanno votato 55 senatori, contrari erano 23, due senatori del Pis si sono astenuti. Contro la legge ieri sera hanno protestato i cittadini polacchi in 100 diverse citta' del Paese. Sotto la sede del parlamento polacco, circondato dalla polizia, e' tutt'ora in corso la protesta di diverse centinaia delle persone. Ora la legge passa al presidente, che ha 21 giorni per firmarla.

08:27Usa: capo polizia Minneapolis si dimette

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - La capo della Polizia di Minneapolis, Janee Harteau, ha annunciato le sue dimissioni in seguito al caso della donna Australiana disarmata uccisa da un agente meno di una settimana fa. Lo riferiscono i media americani. Le dimissioni erano state sollecitate anche dal sindaco della citta', Betsy Hodges.

08:12Usa: Trump Jr negozia per audizione privata

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - Donald Trump Jr e Paul Manafort, il figlio del presidente degli Stati Uniti e l'ex manager della campagna elettorale del tycoon, stanno negoziando con la commissione Giustizia del Senato circa la loro audizione nell'ambito del cosiddetto 'Russiagate' prevista per mercoledì, chiedendo che avvenga in forma privata invece che pubblica. Lo riferiscono media Usa, tra cui la Cnn. La commissione Giustizia del Senato aveva chiesto in un primo momento che Trump Jr e Manafort comparissero in una audizione pubblica il prossimo mercoledì, fissando per queste ore la scadenza per una risposta ufficiale. Intanto, il genero di Trump, Jared Kushner, ha acconsentito a comparire anche davanti alla commissione Intelligence della Camera martedì 25 luglio, per un'audizione a porte chiuse nell'ambito del 'Rusdsiagate'.

07:53Venezuela: Parlamento sceglie giudici, alta corte respinge

(ANSA) - CARACAS, 22 LUG - Continua ad acuirsi lo scontro fra poteri dello Stato in Venezuela: ieri il Parlamento ha eletto 33 magistrati per il Tribunale supremo di giustizia (Tsg), ma l'Alta corte ha definito illegale la designazione e ha chiesto alle "autorità civili e militari" di prendere "le misure coercitive pertinenti". L'Assemblea nazionale, dove l'opposizione dispone di una maggioranza di due terzi, ha scelto i giudici perché sostituiscano quelli eletti nelle ultime ore della precedente maggioranza chavista - dopo la dura disfatta del governo nelle elezioni politiche del 2015 - la cui designazione è denunciata come illegale non solo dal Legislativo ma anche dalla procuratrice generale Luisa Ortega Diaz. Il Tsg, però, considera il Parlamento in situazione di oltraggio alla corte e dunque respinge ogni sua azione come irregolare e senza effetto legale. Questa volta, inoltre, ha denunciato che l'elezione dei magistrati costituisce un "abuso di funzioni" e possibilmente "un tradimento della Patria".

07:47Wp, Sessions parlò di campagna Trump con amb.russo

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - L'ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak, ha riferito a suoi superiori a Mosca di aver discusso di temi legati alla campagna elettorale di Donald Trump con Jeff Sessions, durante la stessa campagna nel 2016 quando Sessions era consigliere di Trump per la politica estera, adesso ministro della Giustizia. Lo scrive il Washington Post citando fonti ufficiali. I resoconti di Kislyak relativi a due conversazioni con Sessions sono stati intercettati da 007 americani.

Archivio Ultima ora