L’America si prepara al dopo Brexit. Trump perde colpi

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

Democratic presidential candidate Hillary Clinton gestures as she "sighs" talking about Republican presidential candidate Donald Trump during a rally in Raleigh, N.C., Wednesday, June 22, 2016. (ANSA/AP Photo/Chuck Burton)

Democratic presidential candidate Hillary Clinton gestures as she “sighs” talking about Republican presidential candidate Donald Trump during a rally in Raleigh, N.C., Wednesday, June 22, 2016. (ANSA/AP Photo/Chuck Burton)

di Mariza Bafile

NEW YORK – Non solo i sudditi di “sua maestà”, ma anche i cittadini con “passaporto” della Comunità. Tutti si chiedono cosa accadrà dopo l’uscita definitiva della Gran Bretagna dall’eurozona. Il processo è ormai in piena evoluzione. Inarrestabile. E, come hanno chiesto Merkel, Hollande e Renzi, quanto prima sarà sancirà l’addio dell’isola tanto meglio per tutti.

Jean Claude Juncker, è tornato all’attacco, ed ha esortato il governo d’oltre Manica a chiedere al più presto l’attivazione dell’articolo 50. Qualora ci fossero dubbi, ha precisato che Londra, prima di chiedere il suo ingresso nel mercato unico, dovrà concludere tutto l’iter burocratico per uscire dall’Unione.

Dal canto suo David Cameron ha assicurato che non vi sarà “dietro front”. Il risultato del Referendum sarà rispettato. Ma ha anche precisato che le procedure del Brexit richiederanno di tempo e che saranno comunque una responsabilità che dovrà assumere il prossimo governo.

Negli States, ora, si teme l’impatto del Brexit. Con l’uscita della Gran Bretagna gli Stati Uniti perdono il loro canale privilegiato all’interno dell’Unione. Dovranno sceglierne un altro. Ma la scelta è imbarazzante e difficile.

La Germania ha ancora il dente avvelenato, dopo che è stato scoperto che le conversazioni dei loro leader erano spiate dalle agenzie preposte alla sicurezza americana. La Francia, d’altro canto, ha dimostrato troppo spesso di fare di testa sua. L’Italia, infine, anche se un alleato affidabile pare troppo debole economicamente.

Ma una scelta, comunque, dovrà essere fatta. E non tanto per gli interessi economici e commerciali, che pure sono assai importanti, quanto per quelli legati al ruolo della Nato.

Il risultato shock del referendum in Gran Bretagna, anche se inatteso, ha subito messo al lavoro gli analisti. Si teme, infatti, il suo impatto negli Stati Uniti. E questo avverrà immediatamente e innanzi tutto attraverso il commercio.

L’Inghilterra, infatti, era fino a ieri il quinto mercato dei prodotti americani. Ma la svalutazione della sterlina, che è arrivata ai suoi minimi storici dal 1985 e che sembra destinata ad andare ancor più giù, sicuramente avrà un impatto sui volumi.

Questi si ridurranno inevitabilmente. E’ vero che l’economia americana, a differenza di altre, non dipende dalle esportazioni, ma lo è anche che vi sarà un effetto da onda espansiva.

Il Brexit, fino a ieri, non pareva un tema di stringente attualità per l’americano comune, più interessato alle “sparate” di Donald Trump e, in ogni caso, allo sviluppo della campagna elettorale. Questa è stata peculiare, “sui generis”.

Infatti, da un lato ha reso evidente un’America ancora assai conservatrice, reazionaria, razzista e xenofoba; dall’altro ha fatto emergere un elettorato giovane animato da un gran desiderio di cambio. La bandiera di questa fetta degli Stati Uniti che non si riconosce nello “status quo” è stata presa paradossalmente da un vecchio senatore, Bernie Sanders, fino a ieri spina nel fianco della favorita ex First lady, Hillary Clinton.

Il risultato del Referendum in Gran Bretagna è oggi considerato un campanello d’allarme. In effetti, alcuni analisti fanno notare parallelismi tra alcuni temi che hanno dominato la campagna per il Brexit e le bandiere che fa sue il Tycoon newyorchese.

La prima, fra tutte, quella dell’immigrazione. Gli immigranti, lungi dall’essere considerati una ricchezza per un paese che è sempre stato crocevia di razze, religioni, e culture sono visti e presentati come un pericolo. Un pericolo perché occupano posti di lavoro e perché professano, in molti casi, religioni diverse.

L’America reazionaria, conservatrice e xenofoba ha paura del “diverso” e dimentica che l’impalcatura su cui sono stati costruiti gli States ha lingue, culture e religioni diverse.

Intanto, mentre il dibattito che farà seguito al Brexit sicuramente si allargherà, il magnate del mattone perde colpi e Hillary Clinton cresce nei sondaggi. Sarà forse proprio per una ragione di opportunità politica che Trump ha fatto intendere di voler rivedere la sua proposta di chiudere le porte delle frontiere ai musulmani e di voler erigere un muro, come la vecchia “muraglia cinese”, ai confini col Messico.

Infatti, ha fatto filtrare l’idea che l’ingresso sarebbe vietato solamente ai musulmani provenienti da paesi in cui si finanziano e si addestrano i terroristi. Anche per quanto riguarda l’immigrazione latinoamericana, quella che, disse, sarebbe costituita da violentatori e ladri starebbe mostrando una maggiore flessibilità.

L’elettorato, ora, attende con ansia la “stagione dei dibattiti”, in cui i candidati si incontreranno in un “face to face” che darà a ciascuno la possibilità di esporre i propri programmi e di spiegare le ragioni per cui critica quelli del proprio avversario.

Ultima ora

19:30Merkel, volevamo esito migliore, ma noi al governo

(ANSA) - BERLINO, 24 SET - "Non ci gireremo attorno, avremmo voluto naturalmente un risultato migliore. Siamo però la forza maggiore del Paese, e contro di noi non può essere formato alcun governo". Lo ha detto Angela Merkel alla Adenauer Haus.

19:26Tav: No Tav in corteo in Val Susa, 250 per ribadire no opera

(ANSA) - TORINO, 24 SET - Corteo No Tav, oggi in Valle di Susa, per ribadire "il no determinato e incondizionato ad un'opera insensata e sciagurata". Circa 250 attivisti del movimento che si oppone alla realizzazione della Torino-Lione hanno raggiunto il varco 1 del cantiere di Chiomonte scandendo slogan contro la nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità. La manifestazione, partita dalla stazione di Chiomonte, dopo la recente pubblicazione della variante di progetto che ha confermato lo scavo della parte italiana del tunnel proprio a partire da Chiomonte. "Per i prossimi 15 anni la vita dei valusini - sostengono i No Tav - sarà ostaggio di camion, polveri, esercito e polizia. Una grande mangiatoia di denaro pubblico". Il corteo ha concluso la WallSusa, iniziativa che nei giorni scorsi ha visto i No Tav impegnati nella realizzazione di graffiti contro il treno ad Alta Velocità. (ANSA).

19:23Calcio: Cagliari, Rastelli ammette “sconfitta meritata”

(ANSA) - CAGLIARI, 24 SET - L'allenatore del Cagliari, Massimo Rastelli, non cerca attenuanti. "Sconfitta meritata, il Chievo si è portato via la partita con il minimo sforzo. Solo i primi 20' sono discreti, poi le energie ci hanno lasciato. È stata una settimana molto intensa: i ragazzi hanno dato tutto, ma questo tutto non è servito. Sul primo gol del Chievo è stato bravo Inglese, ma Cacciatore non doveva fare quel cross così comodo". Barella regista? "Dovevo far rifiatare Cigarini - ha detto il tecnico - ma Barella evidentemente era stanco, scarico dopo aver dato tanto". Il futuro? "Dobbiamo essere bravi ad avere equilibrio, dobbiamo trovare le indicazioni giuste anche da queste sconfitte". La rosa? "È un gruppo che ha giocatori importanti, ci sono giovani che devono crescere, cerchiamo di ottenere il massimo, non dobbiamo scoraggiarci". "Cossu? È entrato molto bene in partita - ha detto Rastelli - ma poi, rimanendo in 10, ogni progetto è andato a farsi benedire".

19:19Calcio: Chievo, Maran “bravi a stare sempre sul pezzo”

(ANSA) - CAGLIARI, 24 SET - "Siamo stati bravi a stare sul pezzo. Arrivare alla terza partita in una settimana in questi condizioni ci ha permesso di avere una marcia in più". così l'allenatore del Chievo, Rolando Maran, commenta il successo dei veneti sul campo del Cagliari. E adesso i tifosi aspettano gol e vittorie anche in casa. "I nostri obiettivi sono chiari: noi contiamo di salvarci magari con un certo anticipo. Da quel momento in poi cercheremo di toglierci le nostre soddisfazioni", ha concluso Maran.

19:14Schulz, Afd in Bundestag è un dolore e una minaccia

(ANSA) - ROMA, 24 SET - L'ingresso dell'Afd nel Bundestag "per alcuni è doloroso" ed "è una cosa che può essere minacciosa, può rappresentare un pericolo". "Nessun democratico può guardare altrove di fronte a una cosa del genere nel nostro Paese". Lo ha detto Martin Schulz commentando i risultati elettorali in Germania.

19:12Calcio: Baroni, numeri Benevento terrificanti

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Per Marco Baroni, allenatore del Benevento, il momento è difficile. Dopo la sesta sconfitta di fila non resta che guardare il bicchiere mezzo pieno. "Se uno guarda i numeri - spiega - sono terrificanti. Noi dobbiamo partire dalla prestazione, dalla compattezza, dal recuperare calciatori che sono importanti. Abbiamo pagato a caro prezzo lo scotto della categoria. Credo che la squadra abbia risorse per lottare. Se facevamo il rigore in un momento in cui il Crotone era in difficoltà, forse si poteva anche sperare di recuperare il risultato. Dobbiamo crederci di più". Baroni non nega anche di essere a rischio: "Non c'è un allenatore che difende la panchina, ma voglio tirare fuori dalle sabbie mobili questi ragazzi. La mia attenzione è rivolta a non far mollare la tenuta mentale perché so che la squadra può fare di più. C'è da trovare un risultato che ci dia fiducia".

19:11Precipita caccia:ritrovato corpo pilota

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il corpo del pilota dell'Eurofighter precipitato a Terracina è stato ritrovato da pochi minuti. Lo si apprende dall'Aeronautica militare. Sono "ancora sconosciute" le cause dell'incidente aereo per l'Aeronautica militare. Il caccia Eurofighter del Reparto Sperimentale di Volo é precipitato in mare "nella fase finale del suo programma di volo". L'Aeronautica Militare ha "attivato le procedure per accertare le cause", sottolinea la Forza armata, aggiungendo che "le operazioni di soccorso sono iniziate immediatamente dopo l'impatto grazie ai mezzi presenti sul posto". Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti e il capo di Stato Maggiore della Difesa, Claudio Graziano "si uniscono al capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, Enzo Vecciarelli nell'esprimere vicinanza e cordoglio alla famiglia ed alle persone più care e vicine al giovane pilota".

Archivio Ultima ora