Omaggio postumo all’italiano che scolpì Mount Rushmore

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

mt-rushmore

NEW YORK – Anni passati a cesellare occhi, labbra e nasi dei presidenti gli avevano trasformato i polmoni di blocchi di roccia. Ma oggi per Luigi Del Bianco, scalpellino italiano e il principale scultore di Mount Rushmore è arrivato il momento della rivincita. Il nome di Del Bianco è stato rispolverato dagli anfratti della storia grazie alla determinazione dei suoi discendenti.

Il National Park Service, in un omaggio postumo, ha riconosciuto il ruolo chiave dell’italo-americano nella creazione di uno dei monumenti americani più iconici: la montagna dei presidenti.

– Essere lo scalpellino capo di Mount Rushmore è il sogno americano per eccellenza per un immigrato – ha osservato Douglas Gladstone, autore di “Carving a Niche for Himself”, un libro dedicato proprio a Del Bianco.

Centinaia di scalpellini come Luigi, napoletano emigrato a 17 anni negli Usa e morto nel 1969 a 78 anni di silicosi, passarono anni su quella montagna scolpendo le fattezze di quattro presidenti americani (George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt and Abraham Lincoln) nel granito delle colline nere del South Dakota sotto la direzione di Gutzon Borglum, il progettista e ingegnere capo che col figlio Lincoln aveva concepito il monumento.

I loro nomi sono incisi sul Mount Rushmore per simbolizzare lo sforzo collettivo del gruppo. Ma per Del Bianco, che chiaramente aveva una marcia in più, è arrivato un onore speciale proprio come aveva riconosciuto a suo tempo Borglum.

– Luigi Del Bianco ha lavorato a Mount Rushmore nelle stagioni 1933, 1935 e 1936 e 1940. E’ stato ‘senior driller’, trapanatore, fino alla fine del 1935 quando Mr. Borglum lo promosse ‘chief carver’ – intagliatore capo, si legge sulla pagina Facebook del National Park Service. Nella corrispondenza di Borglum si scoprono le ragioni della promozione.

“Vale più di tre uomini messi assieme che potevo trovare in America per questo tipo di lavoro” aveva scritto l’ingegnere in documenti scoperti da Lou Del Bianco, un nipote dello scalpellino:

– E’ l’unico intagliatore della pietra intelligente, capace di comprendere il linguaggio dello scultore.

(Alessandra Baldini)

Ultima ora

06:23Man Booker Prize ad un americano per il secondo anno

LONDRA - L'americano George Saunders ha vinto il Man Booker Prize con il romanzo "Lincoln in the Bardo", diventando il secondo autore americano ad aggiudicarsi il prestigioso premio britannico. Il libro parte dalla visita realmente compiuta dal presidente Abraham Lincoln nel 1862 in un cimitero di Washington sulla tomba del figlio di undici anni Willie e da lì si sviluppa con un coro di personaggi, tutti morti che non riescono a lasciare questa vita.

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

Archivio Ultima ora