Taglio stipendi dei parlamentari, nuova sfida del M5S al Pd

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

stipendi_emb

ROMA. – Prima vittoria dei 5 Stelle sul programma di “cambiamento” con cui il Movimento sfida il premier Matteo Renzi dopo i risultati delle amministrative. Il M5s porta infatti a casa la discussione a settembre, in Aula, della sua proposta di taglio degli “stipendi” dei parlamentari, uno dei 5 punti dell’agenda pentastellata accanto al reddito di cittadinanza, all’introduzione di una seria legge anticorruzione e all’abolizione di Irap ed Equitalia.

“Il nostro obiettivo è chiudere entro la fine di settembre” annuncia la capogruppo M5s alla Camera, Laura Castelli, che ha preso parte alla riunione che ha calendarizzato la proposta. “Mi auguro che dopo tante chiacchiere di Renzi sul taglio delle spese la sua maggioranza voti la proposta” aggiunge la deputata che racconta dell’accoglienza “muta” degli altri capigruppo alla comunicazione della Presidente Boldrini.

Per i 5 Stelle lo step di settembre potrebbe essere, come dice il componente del direttorio, Roberto Fico, “una data storica”. Cade, infatti, molto a ridosso del voto sul referendum costituzionale. “E’ ora che Renzi e il Pd passino dalle parole ai fatti. Serve solo la volontà politica di farlo” commenta il deputato campano.

“Renzi ha paura e rivendica il taglio dei costi come conseguenza della sua riforma: ma una cosa è ridurre il numero dei parlamentari abolendo il Senato, altra è il taglio effettivo degli stipendi” nota infatti Castelli.

Con il voto delle amministrative “gli italiani hanno premiato chi lo stipendio se lo è tagliato ed è ora che Renzi ne prenda atto. I parlamentari del Pd e di tutti gli altri partiti continuano a intascarsi uno stipendio d’oro e lauti rimborsi non rendicontati, alla faccia di dieci milioni di italiani in condizioni di povertà. Questa arroganza deve finire” ripetono i pentastellati che chiedono intanto a Renzi di dare l’esempio: “La tua vita da privilegiato con soldi pubblici con l’auto, l’aereo e l’elicottero blu è un insulto per chi non arriva a fine mese”.

Nella proposta dei 5 Stelle l’indennità dei parlamentari dovrebbe passare dagli attuali circa 5 mila euro netti a 5 mila euro lordi, con un drastico taglio degli altri benefit riconosciuti. Il M5s intende infatti eliminare le indennità aggiuntive previste per i parlamentari che svolgono altri incarichi interni alle Camere di appartenenza.

E vogliono ricondurre la diaria, ora sostanzialmente forfettaria, alla sua natura di rimborso spese, limitandola ai soli parlamentari non residenti a Roma e solo per le spese effettivamente sostenute e documentate con un limite massimo di 3.500 euro. Da documentare anche le spese per il cosiddetto esercizio di mandato e per i collaboratori.

Il M5s propone infine di abolire l’assegno di fine mandato e di uniformarlo al Tfr previsto per gli altri lavoratori dipendenti e di recepire a livello legislativo le delibere interne per il superamento dell’istituto del vitalizio.

Molte, infine, le voci al capitolo “trasparenza” per il quale sarebbe possibile consultare sul sito della Camera di appartenenza il rendiconto delle spese anche tramite l’estratto conto della carta di credito emessa per i pagamenti di alloggio, viaggi e soggiorni.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

19:47Minori: Lombardia vara legge contro bullismo e cyberbullismo

(ANSA) - MILANO, 24 GEN - Via libera del Consiglio regionale della Lombardia al progetto di legge sul contrasto al bullismo e al cyberbullismo. Il voto è stato favorevole a larga maggioranza: solo il M5S non ha partecipato al voto e si è astenuta Maria Teresa Baldini (Misto-Fuxia People). Il testo, i cui relatori sono stati Jari Colla (Lega Nord) e Fabio Pizzul (Pd), prevede percorsi di assistenza alle vittime con l'ausilio di psicologi ed esperti e con le associazioni e le istituzioni attive sul territorio; campagne di sensibilizzazione e la promozione di iniziative culturali sui temi della legalità e del rispetto reciproco. La norma finanziaria, che indica come stanziamento per il 2017 300mila euro, è stata recepita in Aula da un emendamento dei relatori, in assenza di parere dalla commissione Bilancio.

19:39Usa: Obama sbanca su Twitter, oltre 83 mln seguaci

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Barack Obama sbanca su Twitter. L'ex presidente, con il suo account personale @barackobama, ha infatti superato gli 83 milioni di seguaci. Secondo TwitterCounter, attualmente Obama è terzo al mondo per numero di seguaci al pari di Taylor Swift e dopo Katy Perry e Justin Bieber. @barackobama è stato creato nel 2007 e negli anni si è assestato intorno agli ottanta milioni di 'follower', tuttavia il balzo in avanti si è avuto proprio dopo l'addio alla Casa Bianca e il passaggio di testimone a Donald Trump. L'attuale presidente Donald Trump, con il suo account privato, ha attualmente quasi 23 milioni di seguaci. E' 59mo nella classifica mondiale tra Kourtney Kardashian, modella e sorella minore di Kim Kardashian, e la Nasa, l'agenzia spaziale americana.

19:36Francia: primarie della gauche, sale la tensione

(ANSA) - PARIGI, 24 GEN - Sale la tensione e volano accuse pesanti fra Manuel Valls e Benoit Hamon, i due candidati socialisti che domenica si sfidano al ballottaggio delle primarie per le presidenziali. I toni fra Hamon (36% al primo turno), esponente dell'ala sinistra del partito, e l'ex premier (31%) sono apparsi durissimi fin da domenica sera, quando Valls ha parlato di scelta fra "promesse irrealizzabili" e "sinistra credibile". Oggi, l'ex premier ha accusato Hamon di "ambiguità" sul tema, delicatissimo in Francia, della laicità e dei rapporti con l'Islam. Valls commentava un filmato in cui Hamon minimizzava il fenomeno di alcuni caffè nella banlieue di Parigi in cui le donne non vengono fatte entrare. Un ministro del governo, che ha voluto rimanere anonimo ma è stato citato da Liberation, ha parlato di Hamon come del "candidato dei Fratelli musulmani". "E' deliberatamente offensivo - ha replicato Hamon - bisogna smetterla. Io lotto contro l'islamismo radicale, al contrario di chi dà solo lezioni".

19:28Violenza sessuale: 30enne arrestato dopo denuncia convivente

(ANSA) - RIMINI, 24 GEN - Un 30 enne di Santarcangelo è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Rimini, in esecuzione di un ordine di custodia in carcere del Gip per maltrattamenti in famiglia aggravati reiterati e violenza sessuale nei confronti della convivente, una ragazza straniera, madre di una bambina di 6 anni. Il 19 gennaio la vittima ha avuto il coraggio di chiamare il 112, per l'ennesimo animato dissidio in casa: i carabinieri sono intervenuti per placare gli animi, sorprendendo l'uomo anche con una coltivazione di marijuana in casa, oltre ad altro stupefacente trovato nell'abitazione. Venne arrestato. Proprio l'arresto del convivente ha indotto la donna a denunciare, in lacrime, le malefatte della quale era stata vittima, dal settembre del 2016. Era stata minacciata e percossa numerose volte dal convivente, che solitamente agiva sotto l'effetto di sostante stupefacenti e alcoliche, anche in presenza della figlia. La donna sarebbe stata anche costretta a subire atti sessuali.(ANSA).

19:24Province: tagli Sardegna, pressing su Decaro per no a intesa

(ANSA) - CAGLIARI, 24 GEN - L'Anci nazionale dia parere contrario all'intesa, in sede di Conferenza unificata, sul decreto del presidente del Consiglio dei ministri se verrà confermata l'esclusione della Sardegna dai fondi per le Province e le città metropolitane. Lo chiede il presidente dell'associazione dei Comuni sardi, Pier Sandro Scano, in una lettera ad Antonio Decaro. La bozza finora circolata esclude dalla ripartizione delle risorse sia la Sicilia che la Sardegna: per i sardi uno 'scippo' di quasi 70 milioni che rischia di mandare all'aria i bilanci di Sassari, Nuoro, Oristano e Sud Sardegna. La Regione è sul piede di guerra e ha già annunciato - in accordo con Anci e Cal - di essere pronta a presentare un ricorso alla Corte Costituzionale contro il decreto. Nella lettera Scano sottolinea la "evidente disparità di trattamento che il Governo vuole riservare agli enti locali della Sardegna in seguito all'approvazione della legge di bilancio per il 2017 e, soprattutto, per quanto riguarda il fondo per il finanziamento di intervento a favore degli enti territoriali. Considerato che, anche e soprattutto gli enti locali della Sardegna stanno concorrendo al risanamento della finanza pubblica attraverso l'applicazione delle norme statali che negli anni hanno comportato tagli pesanti ai bilanci delle province e dei comuni, non si capisce - ribadisce il numero uno dell'Anci regionale - la ragione della esclusione dalla ripartizione. Sarebbero, infatti, con quelle siciliane, le uniche chiamate a partecipare al contenimento della spesa pubblica". (ANSA).

19:22Comuni: sindaca Brindisi rassegna dimissioni dopo crisi

(ANSA) - BRINDISI, 24 GEN - La sindaca di Brindisi, Angela Carluccio, ha consegnato alle 16.30 la lettera di dimissioni nelle mani del segretario generale del Comune, "con la volontà di ripartire con un progetto politico condiviso con la propria maggioranza e allargato a quanti vogliano lavorare per il bene della città" si legge in una nota diffusa dal portavoce del sindaco. La decisione è stata ufficializzata mezz'ora prima di un appuntamento, fissato dinanzi ad un notaio della città, nel corso del quale 17 consiglieri (la maggioranza del Consiglio), che hanno già sottoscritto una mozione di sfiducia, intendono formalizzare la rinuncia alla carica facendo di fatto cadere l'amministrazione comunale. Carluccio era stata eletta lo scorso giugno dopo lo scioglimento anticipato del Consiglio comunale per l'arresto dell'allora sindaco Mimmo Consales per corruzione.

19:21Regeni: Alfano lo ricorda, domani un minuto di silenzio

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - In occasione dell'anniversario della scomparsa di Giulio Regeni "domani promuoveremo, come Farnesina, alcune iniziative dal valore simbolico" e verrà osservato "un minuto di silenzio da tutto il personale dell'ambasciata" italiana al Cairo. A ricordare la figura del ricercatore italiano, ucciso in Egitto, è stato il ministro degli Esteri Angelino Alfano, oggi al Senato per parlare del Venezuela, sollecitato in questo da una mozione presentata dal presidente della commissione Esteri Pier Ferdinando Casini.

Archivio Ultima ora