Taglio stipendi dei parlamentari, nuova sfida del M5S al Pd

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

stipendi_emb

ROMA. – Prima vittoria dei 5 Stelle sul programma di “cambiamento” con cui il Movimento sfida il premier Matteo Renzi dopo i risultati delle amministrative. Il M5s porta infatti a casa la discussione a settembre, in Aula, della sua proposta di taglio degli “stipendi” dei parlamentari, uno dei 5 punti dell’agenda pentastellata accanto al reddito di cittadinanza, all’introduzione di una seria legge anticorruzione e all’abolizione di Irap ed Equitalia.

“Il nostro obiettivo è chiudere entro la fine di settembre” annuncia la capogruppo M5s alla Camera, Laura Castelli, che ha preso parte alla riunione che ha calendarizzato la proposta. “Mi auguro che dopo tante chiacchiere di Renzi sul taglio delle spese la sua maggioranza voti la proposta” aggiunge la deputata che racconta dell’accoglienza “muta” degli altri capigruppo alla comunicazione della Presidente Boldrini.

Per i 5 Stelle lo step di settembre potrebbe essere, come dice il componente del direttorio, Roberto Fico, “una data storica”. Cade, infatti, molto a ridosso del voto sul referendum costituzionale. “E’ ora che Renzi e il Pd passino dalle parole ai fatti. Serve solo la volontà politica di farlo” commenta il deputato campano.

“Renzi ha paura e rivendica il taglio dei costi come conseguenza della sua riforma: ma una cosa è ridurre il numero dei parlamentari abolendo il Senato, altra è il taglio effettivo degli stipendi” nota infatti Castelli.

Con il voto delle amministrative “gli italiani hanno premiato chi lo stipendio se lo è tagliato ed è ora che Renzi ne prenda atto. I parlamentari del Pd e di tutti gli altri partiti continuano a intascarsi uno stipendio d’oro e lauti rimborsi non rendicontati, alla faccia di dieci milioni di italiani in condizioni di povertà. Questa arroganza deve finire” ripetono i pentastellati che chiedono intanto a Renzi di dare l’esempio: “La tua vita da privilegiato con soldi pubblici con l’auto, l’aereo e l’elicottero blu è un insulto per chi non arriva a fine mese”.

Nella proposta dei 5 Stelle l’indennità dei parlamentari dovrebbe passare dagli attuali circa 5 mila euro netti a 5 mila euro lordi, con un drastico taglio degli altri benefit riconosciuti. Il M5s intende infatti eliminare le indennità aggiuntive previste per i parlamentari che svolgono altri incarichi interni alle Camere di appartenenza.

E vogliono ricondurre la diaria, ora sostanzialmente forfettaria, alla sua natura di rimborso spese, limitandola ai soli parlamentari non residenti a Roma e solo per le spese effettivamente sostenute e documentate con un limite massimo di 3.500 euro. Da documentare anche le spese per il cosiddetto esercizio di mandato e per i collaboratori.

Il M5s propone infine di abolire l’assegno di fine mandato e di uniformarlo al Tfr previsto per gli altri lavoratori dipendenti e di recepire a livello legislativo le delibere interne per il superamento dell’istituto del vitalizio.

Molte, infine, le voci al capitolo “trasparenza” per il quale sarebbe possibile consultare sul sito della Camera di appartenenza il rendiconto delle spese anche tramite l’estratto conto della carta di credito emessa per i pagamenti di alloggio, viaggi e soggiorni.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora