Rivolta cinesi: notte di guerriglia a Sesto Fiorentino

Pubblicato il 30 giugno 2016 da redazione

Sesto Fiorentino, rivolta dei lavoratori cinesi: alta tensione con le forze dell'Ordine

Sesto Fiorentino, rivolta dei lavoratori cinesi: alta tensione con le forze dell’Ordine

FIRENZE. – I controlli nella Chinatown fiorentina fanno scoppiare la guerriglia notturna: una manifestazione di protesta con centinaia di cinesi, richiamati in piazza a Sesto Fiorentino, sembra soprattutto da un tam tam di sms, è finita a notte fonda dopo un fitto lancio di pietre, bottiglie, lattine e l’inevitabile carica delle forze dell’ ordine.

Tutto era cominciato alcune ore prima quando il titolare dell’impresa controllata avrebbe tentato di impedire l’ispezione e un altro connazionale, dopo i primi tafferugli tra cinesi e carabinieri, bloccando un cancello, avrebbe cercato di impedire l’uscita dei mezzi delle forze dell’ordine e le ambulanze giunte sul posto. Entrambi, poi, sono stati arrestati.

Ha reagito con fermezza il governatore della Toscana Enrico Rossi, che ha messo in campo una serie di misure dopo la tragedia del Macrolotto pratese, quando in una fabbrica di mode gestita da cinesi morirono bruciati sette operai il primo dicembre 2013.

“Un controllo della Asl provoca una rivolta e scontri con le forze dell’ordine. Sia chiaro: il progetto della Regione Toscana per la sicurezza sul lavoro andrà avanti”, ha affermato in mattinata per poi chiedersi se dietro quella rivolta non ci sia la criminalità organizzata.

“Voglio sapere come è stato possibile che nell’arco di un’ora e mezzo, centinaia di persone si siano concentrate davanti all’azienda dove erano in corso i controlli”, ha detto. Stessa preoccupazione è stata avanzata anche dalla Fondazione Caponnetto.

Intanto per tutta la giornata, sia pure senza i toni accesi della notte, la protesta dei cinesi è proseguita spostandosi prima davanti al tribunale dove era in corso il processo per direttissima ai due connazionali (il giudice ha convalidato l’arresto con obbligo di firma) e poi davanti al consolato cinese a Firenze.

In un italiano stentato, in molti hanno detto di voler esprimere solidarietà a due persone “aggredite” e di “volere giustizia”, ma alle domande dei cronisti hanno insistito soprattutto sul fatto che ci sono troppi controlli.

“Invece di arrestare chi ruba, la polizia controlla chi lavora”, ha detto più di un manifestante. L’intenzione, secondo quanto una delegazione ha detto al console cinese, è ora quella di dare vita ad una manifestazione per domenica prossima.

Invoca tuttavia la calma l’Associazione cinese Cervo Bianco che a Prato ha organizzato iniziative per la promozione dell’integrazione fra la comunità italiana e cinese. “Noi – spiega uno degli associati raggiunto al telefono – siamo andati lì per calmare la gente, per tranquillizzare e chiedere di affidarsi alle autorità”.

Chi i cinesi li conosce bene, come don Giovanni Momigli, già parroco di San Donnino, comune della cintura fiorentina con un gran numero di cinesi residenti, invita a capire i cambiamenti della comunità e mette in guardia: “Per loro stare insieme è una necessità, ma solidarietà zero”.

Ultima ora

14:14M5S: via parlamentarie, “non si decide in segrete stanze”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Iniziano le parlamentarie del MoVimento 5 Stelle! Mentre tutti i partiti decidono nelle segrete stanze chi mettere nelle liste bloccate che si sono approvati con il Rosatellum, noi utilizziamo un metodo democratico e all'avanguardia in tutto il mondo: la votazione online e diretta da parte dei nostri iscritti. Tutti i candidati che troverete nelle liste hanno accettato il nostro Statuto e il nostro Codice Etico, che definisce regole chiare per evitare i voltagabbana e gli approfittatori, e ne rispettano i prerequisiti". E' quanto annuncia il blog di Beppe Grillo precisando che le primarie online avranno oggi e domani dalle 10 alle 21. "Nel caso si creasse, per la grande partecipazione, l'effetto di coda virtuale ai seggi nelle ultime ore che potrebbe causare difficoltà ad accedere al sito, la scadenza sarà prorogata e sarà possibile votare dalle 10 alle 14 di giovedì 18 gennaio", si legge ancora.

14:10Moscovici: Di Maio su 3%? ‘Controsenso assoluto’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - La proposta di Luigi Di Maio di sfondare il tetto del 3% nel rapporto tra deficit e Pil "è un controsenso assoluto": lo ha detto il commissario Ue, Pierre Moscovici, rispondendo alle domande dei giornalisti in conferenza stampa a Parigi. "Sul piano economico - ha aggiunto - questa riflessione non è pertinente: il tetto del 3% ha un senso molto preciso, quello di evitare che il debito non slitti ulteriormente. Ridurre il deficit - ha martellato il responsabile Ue - significa combattere il debito e combattere il debito significa rilanciare la crescita".

14:08Lombardia: Salvini, per Cav Fontana inadeguato? Mai detto

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Mai detto". Così il leader della Lega Matteo Salvini, a Radio Anch'io, rispondendo a chi sottolinea alcuni articoli di stampa secondo cui Silvio Berlusconi, in seguito alle parole sulla razza bianca dette da Fontana, candidato del centrodestra in Lombardia, avrebbe detto che l'ex sindaco di Varese è inadeguato.

14:03Moscovici, Fontana? Su razza bianca parole scandalose

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "Scandalose": il vicepresidente della Commissione europea, Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Parigi, ha commentato così le parole di Attilio Fontana, candidato del centrodestra in Lombardia, sulla razza bianca. Moscovici ha sottolineato che "i partiti illiberali, razzisti, estremisti, vanno combattuti sul terreno politico. Siamo delle democrazie, bisogna lasciare i popoli votare. Anche se sono parole ovviamente scandalose".

14:01Gdf Forlì sgomina associazione a delinquere, 8 arresti

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Abusivismo finanziario, bancarotta fraudolenta, truffe - anche aggravate - realizzate mediante emissioni di garanzie fideiussorie false per oltre 200 milioni di euro, ricettazione ed appropriazione indebita. Questi i reati contestati dalla Guardia di Finanza di Forlì, ad una associazione a delinquere - attiva in Italia e all'estero - con l'operazione ribattezzata 'Mister James' e che vede in corso da parte delle Fiamme Gialle l'esecuzione di otto ordinanze di custodia cautelare: due in carcere e sei ai domiciliari. Gli accertamenti avviati dai finanzieri nel 2016, hanno portato a deferire all'autorità giudiziaria 34 soggetti e a delineare le ramificazioni e la struttura di una associazione a delinquere con sede nel territorio forlivese operava anche in Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia attraverso più società e con flussi finanziari - segnalati dai presidi antiriciclaggio - dirottati anche su banche estere site nel Principato di Monaco e Malta.(ANSA).

13:56Farnesina segue caso imprenditore italiano in Messico

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - L'Ambasciata d'Italia a città del Messico, in stretto raccordo con la Farnesina, segue con la massima attenzione il caso del connazionale Alessandro Bozzato, prestando ogni possibile assistenza al connazionale ed ai suoi familiari in Italia. Lo rende noto la Farnesina. L'imprenditore rodigino aveva chiesto aiuto alla sorella Erica, residente a Cavarzere (Venezia), sostenendo di essere in pericolo di vita. La sorella ha poi raccontato ai media di avere perso i contatti con lui.

13:51Autonomia: Chiamparino, presto intesa con regioni Nord

(ANSA) - TORINO, 16 GEN - "L'incontro col sottosegretario Bressa è stato molto positivo, si stanno attivando tavoli ulteriori rispetto a quello già attivo con Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, e credo che presto arriveremo a un' intesa comune in tutte le cinque Regioni del Nord sulle materie che possono essere oggetto di autonomia. Naturalmente gli aspetti finanziari saranno sottoposti al nuovo governo e al nuovo Parlamento". Così il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, a margine del Consiglio regionale. Chiamparino era disponibile a fare comunicazioni in materia al Consiglio regionale, ma non ci sono state per la protesta del Movimento 5 Stelle, che ha lamentato la mancata disponibilità della Giunta a fare prima le comunicazioni sulla Sanità chieste dai pentastellati. "Il silenzio in aula - ha detto Chiamparino - non è una scelta mia, ho dato la mia disponibilità. Il Consiglio ha ritenuto che per ragioni procedurali non fosse il caso di farlo e mi adeguo a questa volontà. Però parlo come e quando voglio".(ANSA).

Archivio Ultima ora