Cinque Stelle sorpassano il Pd. E la minoranza attacca Renzi

Pubblicato il 01 luglio 2016 da ansa

m5s

ROMA. – Lo spettro più a lungo temuto dai dem – un sorpasso grillino e un ipotetico governo a 5 Stelle -, si manifesta adesso con un sondaggio Demos. Il sondaggio fotografa un quadro che dal tripolarismo imperfetto delle amministrative approda ad un sostanziale bipartitismo nazionale: in caso di voto, i grillini andrebbero oltre il 32%, il Pd si fermerebbe a poco più del 30. Dietro M5s e dem il vuoto: Fi e Lega singolarmente non raggiungerebbero il 12%, dunque anche se coalizzate non andrebbero al ballottaggio.

Con l’Italicum quindi, per Ilvo Diamanti, al ballottaggio i grillini staccherebbero di dieci punti il Pd, intercettando il voto anti-renziano dell’intero arco politico, come è accaduto già alle amministrative. Ed il governo andrebbe a loro. Lo ‘choc’ però, per dirla con le parole del premier, potrebbe avere addirittura un effetto positivo per i dem: “ex malo bonum”, ha detto Renzi parlando di Brexit.

Radicalizzare lo scontro oggi, infatti, potrebbe sollecitare per tempo ed in modo forte un elettorato smarrito. E rimotivare il centrosinistra intorno ad una leadership, quella renziana, che si trova a dover fronteggiare diverse difficoltà.

Se Demos consegna risultati nettamente sfavorevoli ai dem, non va meglio per altri istituti demoscopici. Swg e Ixè, pur non sentenziando il sorpasso, danno infatti il Pd avanti di un nulla rispetto ai 5 stelle. Avendo lasciato comunque sul terreno diversi punti percentuali.

Un quadro a tinte forti che offre alla minoranza Pd lo spunto per tornare ad attaccare il premier. Alla vigilia della più volte rimandata direzione Pd, la minoranza pretende infatti un cambio di rotta da Renzi. Per “riagganciare – affonda Roberto Speranza – chi non percepisce alcuna ripresa, quei pezzi di elettorato con cui si è creata un frattura profonda”.

“Veniamo da una sconfitta molto dura, molto pesante” e finora “abbiamo avuto un racconto, uno storytelling del Pd e del palazzo distante dalla vita quotidiana di tante persone, in particolare dei ceti più popolari”.
Al premier e segretario del Pd si chiede di ripartire dalla questione sociale, di “rimettersi in sintonia con quella fetta del Paese che è ancora tutta dentro la crisi”.

Sollecitazioni forti arrivano anche da D’Alema (che accusa Renzi di dire “bugie” sulla situazione reale del Paese), Bassolino, Letta, Bersani (che chiede con forza di cambiare l’Italicum e a questo lega il suo sostegno al decisivo referendum di ottobre). “Chi governa paga sempre un prezzo”, chiosa però Graziano Delrio.

Il sondaggio di Demos chiama però anche il centrodestra a scelte che per il leader della Lega Matteo Salvini devono essere immediate: “Patti chiari, amicizia lunga”, dice con un nuovo ultimatum a Berlusconi scandendo che oggi “non c’è più tempo da perdere. O si viaggia tutti insieme o la Lega va da sola”.

Ma alla prova politica più importante sono tenuti i grillini, a fronte dell’impegnativo salto di consenso. Le loro posizioni, dall’immigrazione all’Europa, alle politiche economiche e finanziarie, solo per citarne alcune, devono rapidamente trovare un punto di sintesi tra le anime antisistema e quelle istituzionali.

E poi il governo nelle città dove hanno vinto: prendere decisioni, comporre spaccature, limitare personalismi e divisioni. Cosa non facile, come dimostra la non semplice composizione della giunta capitolina con la quale è alle prese Virginia Raggi.

(di Milena Di Mauro/Ansa)

Ultima ora

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

00:12Indonesia: due kamikaze si fanno esplodere, tre agenti morti

(ANSA) - GIACARTA, 24 MAG - Almeno tre agenti di polizia sono rimasti uccisi e una decina di altre persone, fra cui cinque agenti, sono rimaste ferite in Indonesia, dove due kamikaze si sono fatti esplodere la scorsa notte a pochi minuti l'uno dall'altro in una stazione di autobus nell'affollato quartiere orientale di Kampung Melayu, a Giacarta, capitale federale della più popolata nazione a maggioranza islamica del mondo. Il portavoce della polizia ha confermato quanto si era saputo in precedenza sulla dinamica del duplice attentato, compiuto, ha detto, da due terroristi suicidi, entrambi uomini, che si aggiungono al computo delle vittime. La zona è piena di agenti, con artificieri e unità cinofile. Filmati ripresi da passanti con il cellulare e postati su Youtube mostrano un poliziotto ferito portato in ambulanza in barella. Un altro filmato mostra brandelli di carne sparsi a terra sul marciapiede. In Indonesia, da anni si combatte contro formazioni jihadiste, prima legate ad Al Qaida, ora con militanti collegati all'Isis.

00:05Calcio: Darmian, vittoria per le vittime di Manchester

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È stato un percorso lunghissimo e faticoso; la nostra presenza qui in finale non era scontata. È stata una partita difficile, ma abbiamo meritato di vincere questo trofeo che il club non aveva mai vinto nella sua storia. E poi con questo pubblico meraviglioso...". Lo ha detto Matteo Darmian a Sky Sport poco dopo la conquista dell'Europa League con lo United, nella finale di Stoccolma contro l'Ajax, a 48 ore dall'attentato terroristico di Manchester. "È stato un avvenimento drammatico che ci lascia un po' di amaro in bocca, nonostante questa fantastica serata - ha osservato il difensore - La vittoria è per tutte le vittime e per le persone che stanno soffrendo". Tornando a parlare di calcio, poi, Darmian ha dribblato la domanda sui suoi rapporti con il tecnico José Mourinho. "Io ho cercato sempre di lavorare - ha detto l'ex granata - Queste sono serate che ogni giocatore si augura di giocare: fortunatamente ne ho avuto l'opportunità e l'ho sfruttata. Ma l'importante è che la squadra abbia vinto".

23:41Manchester: Telegraph, arrestata una donna

(ANSA) - MANCHESTER 24 MAG - Una donna è stata arrestata a Manchester, in relazione all'attacco suicida di lunedì sera, che ha provocato la morte di almeno 22 persone e decine di feriti al termine del concerto di Ariana Grande, nell'Arena della città inglese. Lo scrive su Twitter il Telegraph. Secondo l'emittente Itv, l'arresto è frutto di una operazione armata della polizia locale e di unità antiterrorismo, in un quartiere di torri residenziali a nord della città. Testimoni hanno sentito una forte esplosione, mentre la polizia penetrava in serata in una palazzina di Northland Road a Blackley. Uno degli abitanti del quartiere, Chris Barlow, ha detto di aver parlato con uno degli agenti dell'unità antiterrorismo, secondo cui la polizia ha fatto saltare per aria la porta di uno degli appartamenti e ha portato via un paio di persone. Secondo fonti della polizia di Manchester "c'è stata una perquisizione e una donna è stata arrestata in relazione all'inchiesta sull'incidente all'Arena di Manchester".

23:35Venezuela: procura accusa forze ordine per morte dimostrante

(ANSA) - CARACAS, 24 MAG - La Procuratrice nazionale venezuelana, Luisa Ortega Diaz, ha detto oggi che un manifestante morto il 26 aprile a Caracas è stato ucciso durante una protesta antigovernativa da un lacrimogeno sparato dalla Guardia Nazionale ad altezza d'uomo, sottolineando che questa pratica è illegale e proibita. In una conferenza stampa, Ortega Diaz ha mostrato ai cronisti la granata lacrimogena che avrebbe ucciso lo studente ventenne Juan Pernalete: "E' molto pesante", ha detto, spiegando che gli avrebbe provocato uno shock cardiaco per trauma del torace. Questa versione sulla morte di Pernalete smentisce in modo categorico quella presentata in precedenza dal ministro per la Comunicazione, Ernesto Villegas, e dal suo collega degli Interni, Nestor Reverol, che avevano escluso ogni responsabilità della Guardia Nazionale nella morte del giovane.

Archivio Ultima ora