Gove garante della Brexit. Fuori pure dal mercato unico

Pubblicato il 01 luglio 2016 da ansa

Justice Secretary Michael Gove attends a Vote Leave rally in London, Britain, 19 June 2016. Britons will vote to either stay or leave the European Union on 23 June.  EPA/STR UK/IRELAND OUT

Justice Secretary Michael Gove attends a Vote Leave rally in London, Britain, 19 June 2016. Britons will vote to either stay or leave the European Union on 23 June. EPA/STR UK/IRELAND OUT

LONDRA. – La Brexit sono io. Michael Gove non ha il ‘phiyique du role’ da leader e lo sa. Ma, dopo aver scaricato nottetempo il compagno di cordata referendaria Boris Johnson, togliendogli il sostegno dell’apparato e costringendolo a farsi da parte, ci prova in prima persona.

A Londra è il suo giorno: il Guardasigilli con l’aria da professorino, manierato quanto velenoso nel regolare i conti politici, lancia la sua sfida per la successione a David Cameron (altro vecchio amico lasciato per strada) alla guida dei Conservatori e del governo britannico.

Spiega di voler prendere tempo con l’Ue, ma solo per arrivare a un divorzio irrevocabile, “fuori anche dal mercato unico” e con la “fine della libertà di circolazione” delle persone. Per dar vita a una Gran Bretagna con meno immigrati, ma con un capitalismo meno ingiusto e “più inclusivo”.

Un programma di “cambiamento”, dice. Con il quale cerca di rimontare i favori del pronostico in una corsa che vede tuttora in pole la collega titolare dell’Interno, Theresa May. Più unitaria e in grado, stando al Times, di recuperare finanche al suo fianco l’escluso Boris Johnson. Tentato di appoggiare lei per vendicarsi del “tradimento” subito, fidando di vedersi poi restituito il favore alle elezioni del 2020: tenuto conto che ormai il voto anticipato è escluso un po’ da tutti.

Euroscettica storica al pari di Gove, la May, che come lui ha promesso che “Brexit significa Brexit” e che l’esito del referendum del 23 giugno sarà onorato con l’addio all’Ue, senza ripensamenti né rivincite elettorali. Ma che – è qui sta la differenza fra i due – nella campagna referendaria di questi mesi si è schierata, per lealtà verso Cameron, nel campo di Remain. Taciturna, quasi disinteressata al risultato, ma pur sempre – ufficialmente – per il sì all’Europa.

Lui, Michael Gove, 48 anni, ex giornalista, è invece stato in prima linea a reggere la bandiera del fronte Leave, fra slogan, polemiche, forse qualche bugia. E per questo ritiene di avere oggi il diritto alla sua chance. Di essere l’uomo giusto, il più fermo e coerente, per garantire il migliore sganciamento possibile dal Club dei 28 in nome degli interessi nazionali del suo Paese. E poi la transizione verso la strada nuova indicata dal voto referendario. Addirittura “una nuova democrazia”.

Dalle colonne del filo-conservatore Daily Telegraph, l’ex premier laburista Tony Blair, impopolare ma influente sui media, mette in guardia sulla necessità di affidare a “uno statista serio” e sperimentato i negoziati con Bruxelles: negoziati che sia May, sia Gove dicono di voler posporre per ragioni tattiche di diversi mesi, in barba alle sollecitazioni europee, rinviando di fatto l’attivazione formale dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona al 2017.

“Il Regno Unito è in pericolo”, è l’allarme accorato di Blair, che per qualcuno nasconde un’autocandidatura. Illusoria, tuttavia, se si pensa alla ‘sentenza’ della commissione d’inchiesta Chilcot che pende sul suo capo per gli inganni della guerra in Iraq. E soprattutto al fatto che anche la ‘moderata’ May ha detto senza margini d’equivoco che il suo zar per la Brexit, un “segretario di Stato” ad hoc, sarà scelto fra i Tories. Anzi, fra i leader della piattaforma Leave.

Un ruolo che sulla carta non basta a Gove, convinto di poter contendere a questo punto a Theresa il montepremi più alto: le chiavi del portoncino numero 10 di Downing Street. A spingerlo nell’arena, e alla pugnalata a Johnson, sarebbe stata – secondo talune ricostruzioni – l’ambiziosa consorte Sarah Vine. Lui, comunque, sostiene d’essersi fatto avanti “con riluttanza”, dopo averlo escluso esplicitamente per mesi.

E solo avendo capito in extremis che “Boris, con tutte le sue qualità, non era adatto al ruolo di leader”. Di più: giura d’aver fatto “quasi tutto ciò che era possibile” per non candidarsi, conscio dei suoi “limiti”. “Qualunque cosa sia il carisma, non ce l’ho. E certo non ho glamour”, ha ammesso senza che alcuno abbia mai azzardato il contrario. Ma “ho delle convinzioni”, ha rivendicato, ostili da sempre all’Europa comunitaria.

Fra le promesse, quella di riversare 100 milioni di sterline alla settimana per il sistema sanitario nazionale (Nhs) e di mettere in riga le grandi aziende che “si sono accaparrate fin troppo i vantaggi degli accordi di libero scambio” o certi top manager i cui bonus “discreditano il libero mercato”.

Gove si proclama del resto “ottimista”: l’economia britannica è “solida nei fondamentali” e pronta alla transizione, insiste. Intanto, però, l’effetto Brexit pesa. Il mercato immobiliare cala. E il vagheggiato surplus di bilancio del 2020 – fa due conti il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne – va rinviato ancora. A data da destinarsi.

(Alessandro Logroscino/Ansa)

Ultima ora

19:18Bagnasco, preoccupa biotestamento, aiutare famiglie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Aiutare le famiglie ancora in difficoltà per la crisi introducendo subito il Reddito d'Inclusione. E' questo l'appello del Presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, alla politica, presa invece da altre questioni come il fine vita. E Bagnasco al proposito sottolinea: "Ci preoccupano non poco le proposte legislative che rendono la vita un bene ultimamente affidato alla completa autodeterminazione dell'individuo". Il Presidente Cei ha aperto i lavori del Consiglio Episcopale Permanente esprimendo "vicinanza solidale" alle popolazioni colpite dal terremoto e dal maltempo e ha sottolineato che "la tragedia ci sta consegnando il volto migliore del nostro Paese". Infine sugli scandali di alcuni preti: "sono motivo di dolore" ma non fanno diminuire "la stima e l'ammirazione" per i sacerdoti nel loro complesso, sempre "in prima linea".

19:12Usa: Bush padre fuori da rianimazione, Barbara Bush dimessa

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - L'ex presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush esce dall'unità di rianimazione dello Houston Methodist Hospital dove è ricoverato per polmonite, mentre la moglie -la ex first lady Barbara Bush- e' stata dimessa dallo stesso ospedale dove era stata ammessa per una forte bronchite qualche giorno dopo il marito. I medici del 92enne ex presidente hanno fatto sapere che le sue funzioni vitali risultano nella normalità e che l'intenzione e' di dimetterlo dalla unita' di rianimazione nelle prossime ore. George H. W. Bush era stato ricoverato il 14 gennaio con la diagnosi di polmonite. La moglie Barbara, che ha 91 anni, era stata a sua volta ricoverata pochi giorni dopo, il 18 gennaio.

19:11Protezione civile Marche, tutte le frazioni liberate

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Tutte le frazioni delle Marche sono state liberate. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Nell'Ascolano resta difficile il transito per una decina di frazioni, dove si continua a lavorare per sgomberare le strade dalla neve. Molte di queste frazioni comunque non sono abitate, dove invece ci sono persone, sono raggiunte ogni giorno per l'assistenza sanitaria e per fornire generi di prima necessità. Le utenze Enel ancora interrotte sono circa 200. Attivi ad Amandola (Fermo) e a Pieve Torina (Macerata) due centri a servizio degli allevatori per ritirare foraggi e mangimi. Intanto proseguono i sopralluoghi dei tecnici della Protezione civile per monitorare il rischio valanghe e i fronti nevosi verticali ai bordi delle strade: con l'aumentare delle temperature possono verificarsi scaricamenti di neve con conseguenti problemi per la circolazione.

19:02Governo: Pinotti, andrà avanti fino a quando avrà fiducia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - "Vale quanto ha già detto il presidente. Questo Governo resterà in carica fino a quando avrà la fiducia". Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti, a margine di una iniziativa nello Spezzino. "La penso come il presidente Paolo Gentiloni, fino a quando avremo la fiducia governeremo".

18:55Calcio: 25 anni Champions, nessuno come il Real

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il Real Madrid era il club più vincente con la 'vecchia' Coppa dei Campioni, e dopo aver conquistato il titolo altre 5 volte dal 1993, i campioni in carica sono primi anche nell'era Champions. Ma non di molto. Dopo quasi 25 anni e oltre 220 partite a testa, appena 5 punti separano i merengue dai rivali storici del Barcellona in questa classifica non ufficiale pubblicata oggi dall'Uefa. Sul gradino più basso del podio c'è il Bayern Monaco, davanti a Manchester United, Arsenal e alle prime due italiane: Juventus(6/a) e Milan (7/o). In questi 25 anni, il Real Madrid è la squadra che ha giocato più partite (231), vinto più gare (136) e segnato più gol (483), ma ha anche subito più reti delle altre (247). Real Madrid e Barcellona hanno la stessa differenza reti (+236), anche se i catalani svettano nella classifica per percentuale di vittorie (59%, 131 vittorie in 222 partite), davanti al Real (58,8%, 136 vittorie in 231 partite).

18:54Usa: Obama ufficialmente un pensionato, 200mila dlr l’anno

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - A soli 55 anni Obama è ufficialmente un pensionato dello Stato. Da ex presidente, infatti, percepirà una pensione federale da oltre 200mila dollari all'anno, la metà del suo stipendio da commander in chief, in più avrà la scorta a vita e copertura spese per viaggi, ufficio nonché copertura sanitaria. Secondo quanto scrive Cnn, le spese extra pensione per un ex presidente variano. Nel 2015, infatti, per Jimmy Carter sono state di 200mila dollari mentre per George W. Bush di 800mila dollari. Le pensioni e i benefit per gli ex presidenti risalgono al 1958. Furono istituite dopo che Harry Truman andò incontro a guai finanziari dopo la presidenza. Attualmente lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all'anno. Durante la campagna elettorale, Trump aveva detto di volerci rinunciare se eletto alla Casa Bianca.

18:49Rigopiano: estratto corpo settima vittima, è una donna

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 23 GEN - Sale a sette il bilancio ufficiale della valanga che si è abbattuta sull'hotel Rigopiano: i vigili del fuoco hanno individuato ed estratto poco fa dalle macerie il corpo di una donna. Il cadavere era in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. Si sta invece ancora lavorando per liberare il corpo della sesta vittima, individuata nella giornata di ieri.

Archivio Ultima ora