Sequestrati beni ad imprenditore,in casa 2.600 armi da fuoco

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

(ANSA) – ROMA, 4 LUG – La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Reggio Emilia hanno sequestrato beni a un imprenditore di Reggio Emilia, settore della meccanica. L’operazione ha avuto inizio quando gli uomini della Ps, nel corso di un controllo amministrativo in materia di armi, hanno arrestato l’imprenditore per detenzione abusiva di munizionamento per armi da guerra, trovandolo in possesso 2.600 armi da fuoco e denaro contante per circa 1.000.000 tra euro e dollari. A seguito di questa operazione, il Comando Provinciale della Gdf ha avviato una verifica fiscale sulla ditta dell’imprenditore constatando imponibili sottratti a tassazione per circa 5 milioni di euro evidenziando una netta sproporzione fra i redditi dichiarati e le patrimonialità accumulate. E’ stato quindi data esecuzione a un provvedimento del Tribunale, sequestrando diverse unità abitative, capannoni industriali, autoveicoli vari, 2.600 armi da fuoco, 169 pezzi tra orologi di pregio, anelli, collane e bracciali d’oro e vari conti correnti e depositi. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

15:38Vitalizi: Pizzetti, legge si farà entro legislatura

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "La legge sui vitalizzi verrà approvata entro la fine della legislatura. La Commissione fissa oggi il termine per gli emendamenti, e la legge va avanti". Lo ha detto il sottosegretario ai rapporti con il Parlamento, Luciano Pizzetti, arrivando in Commissione Affari costituzionali del Senato, dopo la Conferenza dei capigruppo.

15:37Manovra: Guerra, senza Mdp governo non ha maggioranza

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Con l'uscita di Mdp il governo non ha la maggioranza. Chiederemo un incontro al Colle per capire come può un governo fare una Legge di Bilancio senza avere una maggioranza consolidata". Lo dice ai cronisti la senatrice Cecilia Guerra capogruppo di Mdp a margine della conferenza dei capigruppo che ha calendarizzato la legge elettorale.

15:37Stupri Rimini: processo con rito abbreviato per Butungu

(ANSA) - RIMINI, 17 OTT - Rito abbreviato allo stato degli atti, sei parti civili ammesse e prosecuzione del processo direttissimo al 10 novembre per Guerlin Butungu, il 20enne congolese arrestato dalla squadra mobile della Questura di Rimini per gli stupri di una turista polacca e di una transessuale peruviana avvenuti nella notte tra il 25 e il 26 agosto scorsi a Miramare. Quella stessa notte venne anche picchiato con violenza un amico della giovane dell'Est. Il Tribunale collegiale, presieduto dal giudice Silvia Corinaldesi - dopo aver sciolto il nodo sulla scelta del rito direttissimo su cui la Procura della Repubblica ha presentato una memoria e ammettendolo sui punti in cui la confessione di Butungu era piena - ha accolto la richiesta della difesa di procedere per tutti i capi di imputazione per evitare una doppia condanna al congolese.(ANSA).

15:36Mondiali: Conte, l’Italia andrà in Russia

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - "Da italiano sono sicuro che andremo al mondiale": alla vigilia della sfida di Champions contro la Roma, il tecnico del Chelsea Antonio Conte commenta così la sfida di playoff contro la Svezia. "Spero che sia di buon auspicio la vittoria della mia nazionale contro gli svedesi a Euro 2016. Saranno due partite dentro-fuori, con grande pressione. Ma spero e penso che l'Italia andrà al mondiale".

15:35Coniugi uccisi, perizia psichiatrica su figlio e amico

(ANSA) - BOLOGNA, 17 OTT - Sarà una perizia psichiatrica a valutare le condizioni dei due ragazzi imputati davanti al tribunale per i minorenni di Bologna per il delitto di Pontelangorino (Ferrara) dove nella notte tra il 9 e il 10 gennaio i coniugi Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni furono uccisi a colpi di scure. L'ha disposta in udienza il giudice Anna Filocamo, accogliendo la richiesta di rito abbreviato condizionato alla perizia, avanzata dall'avvocato Gloria Bacca, difensore del figlio 16enne della coppia, accusato di omicidio premeditato in concorso con un amico di un anno più grande, difeso dall'avvocato Lorenzo Alberti. Il Procuratore Silvia Marzocchi si è associato alla richiesta di perizia. I due minori sono stati interrogati e avrebbero sostanzialmente ribadito la confessione. L'esecutore materiale fu l'amico del figlio, questi in conflitto da mesi con i genitori. Il 16enne poi diede l'allarme, fingendo di aver ritrovato i corpi. I due furono sentiti, emersero contraddizioni e infine ammisero i fatti. (ANSA).

15:30Mondiali: playoff, la Svezia ci crede

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Finalmente conosciamo la nostra rivale: l'Italia è forte, ma lo è anche la Svezia. Ora dipende da noi prepararci al meglio, e siamo consapevoli dell'impegno che ci attende". Il ct della Svezia Janne Andersson commenta a RaiSport l'esito del sorteggio dei playoff mondiali a Zurigo Ma cosa sa il ct svedese dell'Italia? "Ora la studierò attentamente - risponde Andersson - ma finora non l'avevo seguita molto. Quali suoi giocatori stimo? Di solito non parlo dei singoli ma certamente ora mi concentrerò su di loro e li studierò, così come studierò Ventura del quale per ora non so molto". Giocare l'andata in casa per la Svezia è un vantaggio? "Adesso che lo sappiamo - risponde -, la prima in casa per noi è meglio, è bene saperlo" Infine una battuta su Ibrahimovic. "Io non ho lavorato con lui - spiega Andersson -, perché se n'era già andato dalla nazionale. Quindi ho costruito una nuova squadra, ci siamo ricompattati e c'è un nuovo progetto senza di lui. Siamo arrivati fin qui e ora continuiamo così".

15:09Sicilia: Salvini, non confondo voto regione col nazionale

(ANSA) - CATANIA, 17 OTT - "Le elezioni politiche sono un'altra cosa. Ne parliamo dal 6 novembre in poi. Non voglio confondere il voto di Catania, di Palermo, di Messina o di Siracusa con il voto nazionale, che è un'altra cosa". Così Matteo Salvini a Catania ad un giornalista che gli ha chiesto se il voto in Sicilia potrà avere ripercussioni sul voto nazionale. "Non uso i siciliani come cavie. - ha concluso Salvini - Mi occupo di lavoro, di treni, di porti, che il governo Renzi ha declassato, e di sicurezza. I test li facciamo altrove, non in Sicilia".

Archivio Ultima ora