“Colectivos” come le Sturmabteilung. L’influenza cubana nelle Forze Armate

Pubblicato il 04 luglio 2016 da redazione

Un abuelo herido y en silla de ruedas frena una tanqueta de las fuerzas represivas de Maduro en Tucupita

Un abuelo herido y en silla de ruedas frena una tanqueta de las fuerzas represivas de Maduro en Tucupita

di Mauro Bafile

CARACAS – Corsi e ricorsi storici. La singolare teoria del filosofo napoletano Giambattista Vico, sintetizzata in poche e scarne parole, in Venezuela assume una particolare importanza. L’intervista della collega Aymara Lorenzo al Vice-Ammiraglio, Pedro Miguel Pérez Rodríguez, pubblicata nel portale “elestimulo.com”, suggerisce due temi inquietanti che ricordano la storia del passato recente: i “colectivos” come “braccio violento” del potere e la presenza cubana nelle alte sfere militari.

Nulla di nuovo, è vero. Ma, in quest’occasione, a parlarne è un importante esponente delle Forze Armate, anche se ormai ritirato a vita privata.

I “colectivos”, la cui formazione fu incoraggiata indirettamente dall’estinto presidente Chávez, rappresentano oggi il “braccio violento” del potere che, stando a quanto conferma il Vice-Ammiraglio alla collega Aymara Lorenzo, avrebbe un potere crescente tale da incidere pesantemente sulla condotta delle Forze dell’Ordine.

I “colectivos”, dei quali si parla tanto oggi, ricordano le “camicie brune” del partito nazista tedesco: le Sturmabteilung. Organizzate e guidate da Ernst Rohm nel 1930 furono protagoniste di furiose scorribande e tumulti di piazza e furono impegnate per reprimere qualsiasi forma di protesta degli avversari del nazismo. Dal seno delle Sturmabteilung, nel 1933 nacque un altro corpo paramilitare: le Schutz-staffein (“squadre di protezione”) più tristemente famose per le loro iniziali “SS”.

I “colectivos”, stando al Vice-Ammiraglio Pedro Miguel Pérez Rodríguez, avrebbero strappato alle Forze Armate il monopolio delle armi e sarebbero pronti ad agire per osteggiare ogni tipo di azione e intervento militare contro il Governo.

Come si ricorderà, i “colectivos” intervennero apertamente, e stando alle molteplici denunce nei social-network anche con la complicità delle Forze di Polizia, nella repressione delle “guarimbas” e delle proteste studentesche nel 2014.

Ancora oggi sono indicati come i responsabili di azioni violente. Ad esempio, il recente attacco ai giovani seminaristi nello Stato Mérida, maltrattati e con la minaccia delle armi obbligati a denudarsi. Una forma di umiliazione paragonabile all’olio di ricino reso famoso dalle “squadracce fasciste” in Italia.

Sempre nell’intervista concessa dal Vice-Ammiraglio Pedro Miguel Pérez Rodríguez la collega Aymara Lorenzo affronta il tema della presenza cubana in seno alle alte sfere delle nostre Forze Armate. L’argomento non è nuovo. Dell’influenza cubana nelle Forze Armate si parla ormai da anni.

Anche in quest’occasione, se si fa memoria, si trovano analogie col passato recente. Fino al settembre del 2001, funzionava a Fuerte Tiuna, sede dell’Accademia Militare e del Ministero della Difesa, l’ufficio permanente della missione militare nordamericana, grazie ad un accordo firmato nel 1951.

Fu José Vicente Rangel, allora ministro della Difesa, a ordinare alla missione militare americana di abbandonare gli uffici. A giustificazione della decisione disse che, con la caduta del Muro di Berlino e la fine della “Guerra Fredda”, venivano meno le condizioni oggettive alla base dell’accordo siglato all’inizio degli anni ’50.

Il Vice-Ammiraglio, nel denunciare la presenza di consulenti cubani nel “Comando Estratégico Operacional”, non fa altro che corroborare ciò che già è “vox populi”.

E’ anche “vox popoli”, oggi, la perdita di popolarità del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Stando a Datanálisis l’80 per cento dei venezuelani desidera che il capo dello Stato abbandoni il potere. Sono ben quattro, sempre stando all’agenzia demoscopica, i leader dell’Opposizione che superano il presidente Maduro nelle preferenze dell’elettorato: Leopoldo López, Henrique Capriles Radonski, Henry Ramos Allup e Henry Falcón. E, all’orizzonte, non vi sarebbero esponenti del Psuv in grado di contrastare i leader del Tavolo dell’Unità.

La leadership del presidente Maduro e dell’ex presidente del Parlamento, Diosdado Cabello, è oggi messa in discussione da una larga fetta della base del “chavismo” preoccupata pe runa probabile débâcle nel Referendum Revocatorio; una sconfitta che potrebbe trasformarsi nell’inizio della fine del movimento.

Sono sempre più numerose le correnti dissidenti del “chavismo” che, sulla scia di “Marea Socialista”, reclamano al governo una sterzata nell’orientamento economico, considerando nociva e pericolosa la sua inerzia.

Nell’ambito economico, da rimarcare il sondaggio realizzato dall’agenzia Reuters tra analisti americani e inglesi. Questi ritengono che il Paese, nonostante l’instabilità politica e istituzionale, torni ad essere appetibile per gli investitori che prevedono un incremento nel prezzo del barile di petrolio e osservano con interesse come migliorano i rendimenti dei bond venezuelani.

Eppure non è un segreto che l’economia del Paese sia prossima al collasso, che il pericolo di default sia solo stato rimandato e che il Venezuela resti comunque esposto per 62 miliardi di dollari, tale sarebbe il debito sovrano sommato a quello della holding petrolifera.

Il Governo, prima con a capo l’estinto presidente Chávez e oggi con il presidente Maduro, ha sempre privilegiato l’immagine internazionale. Per questo, nel 2015, nonostante le enormi difficoltà economiche, il Paese ha rispettato gli impegni internazionali.

Oggi, con il prezzo del greggio a poco più di 30 dollari il barile, dovrà scegliere se pagare il debito estero, interesse e capitale, o investire nel Paese che, stando a tutti gli analisti, è prossimo a un’esplosione sociale.

Ormai nessuno più crede ai ministri. Né a quello dell’Industria e del Commercio, che a più riprese quest’anno ha promesso che migliorerà l’offerta dei prodotti; né a quello della Salute, che ha negato la carenza di medicine e smentito le Ong che denunciano l’assenza di oltre l’85 per cento dei medicinali nelle farmacie; né a quello degli Esteri che viaggia per il mondo pubblicizzando un’immagine idillica del paese che solo esiste nelle cartoline del Governo.

A smentire i ministri sono la paralisi industriale, i bambini e gli anziani che muoiono per mancanza di farmaci, le lunghe file alle porte dei piccoli generi alimentari, l’incremento della delinquenza e delle vittime della violenza e, dulcis in fundo, i conati di saccheggio e le manifestazioni di protesta represse con particolare violenza, come lo dimostrano le foto che fanno il giro del mondo.

Immagini come quella dell’uomo in sedia a rotelle che protesta di fronte ad un mezzo blindato dell’esercito valgono più di mille parole.

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora