“Colectivos” come le Sturmabteilung. L’influenza cubana nelle Forze Armate

Pubblicato il 04 luglio 2016 da redazione

Un abuelo herido y en silla de ruedas frena una tanqueta de las fuerzas represivas de Maduro en Tucupita

Un abuelo herido y en silla de ruedas frena una tanqueta de las fuerzas represivas de Maduro en Tucupita

di Mauro Bafile

CARACAS – Corsi e ricorsi storici. La singolare teoria del filosofo napoletano Giambattista Vico, sintetizzata in poche e scarne parole, in Venezuela assume una particolare importanza. L’intervista della collega Aymara Lorenzo al Vice-Ammiraglio, Pedro Miguel Pérez Rodríguez, pubblicata nel portale “elestimulo.com”, suggerisce due temi inquietanti che ricordano la storia del passato recente: i “colectivos” come “braccio violento” del potere e la presenza cubana nelle alte sfere militari.

Nulla di nuovo, è vero. Ma, in quest’occasione, a parlarne è un importante esponente delle Forze Armate, anche se ormai ritirato a vita privata.

I “colectivos”, la cui formazione fu incoraggiata indirettamente dall’estinto presidente Chávez, rappresentano oggi il “braccio violento” del potere che, stando a quanto conferma il Vice-Ammiraglio alla collega Aymara Lorenzo, avrebbe un potere crescente tale da incidere pesantemente sulla condotta delle Forze dell’Ordine.

I “colectivos”, dei quali si parla tanto oggi, ricordano le “camicie brune” del partito nazista tedesco: le Sturmabteilung. Organizzate e guidate da Ernst Rohm nel 1930 furono protagoniste di furiose scorribande e tumulti di piazza e furono impegnate per reprimere qualsiasi forma di protesta degli avversari del nazismo. Dal seno delle Sturmabteilung, nel 1933 nacque un altro corpo paramilitare: le Schutz-staffein (“squadre di protezione”) più tristemente famose per le loro iniziali “SS”.

I “colectivos”, stando al Vice-Ammiraglio Pedro Miguel Pérez Rodríguez, avrebbero strappato alle Forze Armate il monopolio delle armi e sarebbero pronti ad agire per osteggiare ogni tipo di azione e intervento militare contro il Governo.

Come si ricorderà, i “colectivos” intervennero apertamente, e stando alle molteplici denunce nei social-network anche con la complicità delle Forze di Polizia, nella repressione delle “guarimbas” e delle proteste studentesche nel 2014.

Ancora oggi sono indicati come i responsabili di azioni violente. Ad esempio, il recente attacco ai giovani seminaristi nello Stato Mérida, maltrattati e con la minaccia delle armi obbligati a denudarsi. Una forma di umiliazione paragonabile all’olio di ricino reso famoso dalle “squadracce fasciste” in Italia.

Sempre nell’intervista concessa dal Vice-Ammiraglio Pedro Miguel Pérez Rodríguez la collega Aymara Lorenzo affronta il tema della presenza cubana in seno alle alte sfere delle nostre Forze Armate. L’argomento non è nuovo. Dell’influenza cubana nelle Forze Armate si parla ormai da anni.

Anche in quest’occasione, se si fa memoria, si trovano analogie col passato recente. Fino al settembre del 2001, funzionava a Fuerte Tiuna, sede dell’Accademia Militare e del Ministero della Difesa, l’ufficio permanente della missione militare nordamericana, grazie ad un accordo firmato nel 1951.

Fu José Vicente Rangel, allora ministro della Difesa, a ordinare alla missione militare americana di abbandonare gli uffici. A giustificazione della decisione disse che, con la caduta del Muro di Berlino e la fine della “Guerra Fredda”, venivano meno le condizioni oggettive alla base dell’accordo siglato all’inizio degli anni ’50.

Il Vice-Ammiraglio, nel denunciare la presenza di consulenti cubani nel “Comando Estratégico Operacional”, non fa altro che corroborare ciò che già è “vox populi”.

E’ anche “vox popoli”, oggi, la perdita di popolarità del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Stando a Datanálisis l’80 per cento dei venezuelani desidera che il capo dello Stato abbandoni il potere. Sono ben quattro, sempre stando all’agenzia demoscopica, i leader dell’Opposizione che superano il presidente Maduro nelle preferenze dell’elettorato: Leopoldo López, Henrique Capriles Radonski, Henry Ramos Allup e Henry Falcón. E, all’orizzonte, non vi sarebbero esponenti del Psuv in grado di contrastare i leader del Tavolo dell’Unità.

La leadership del presidente Maduro e dell’ex presidente del Parlamento, Diosdado Cabello, è oggi messa in discussione da una larga fetta della base del “chavismo” preoccupata pe runa probabile débâcle nel Referendum Revocatorio; una sconfitta che potrebbe trasformarsi nell’inizio della fine del movimento.

Sono sempre più numerose le correnti dissidenti del “chavismo” che, sulla scia di “Marea Socialista”, reclamano al governo una sterzata nell’orientamento economico, considerando nociva e pericolosa la sua inerzia.

Nell’ambito economico, da rimarcare il sondaggio realizzato dall’agenzia Reuters tra analisti americani e inglesi. Questi ritengono che il Paese, nonostante l’instabilità politica e istituzionale, torni ad essere appetibile per gli investitori che prevedono un incremento nel prezzo del barile di petrolio e osservano con interesse come migliorano i rendimenti dei bond venezuelani.

Eppure non è un segreto che l’economia del Paese sia prossima al collasso, che il pericolo di default sia solo stato rimandato e che il Venezuela resti comunque esposto per 62 miliardi di dollari, tale sarebbe il debito sovrano sommato a quello della holding petrolifera.

Il Governo, prima con a capo l’estinto presidente Chávez e oggi con il presidente Maduro, ha sempre privilegiato l’immagine internazionale. Per questo, nel 2015, nonostante le enormi difficoltà economiche, il Paese ha rispettato gli impegni internazionali.

Oggi, con il prezzo del greggio a poco più di 30 dollari il barile, dovrà scegliere se pagare il debito estero, interesse e capitale, o investire nel Paese che, stando a tutti gli analisti, è prossimo a un’esplosione sociale.

Ormai nessuno più crede ai ministri. Né a quello dell’Industria e del Commercio, che a più riprese quest’anno ha promesso che migliorerà l’offerta dei prodotti; né a quello della Salute, che ha negato la carenza di medicine e smentito le Ong che denunciano l’assenza di oltre l’85 per cento dei medicinali nelle farmacie; né a quello degli Esteri che viaggia per il mondo pubblicizzando un’immagine idillica del paese che solo esiste nelle cartoline del Governo.

A smentire i ministri sono la paralisi industriale, i bambini e gli anziani che muoiono per mancanza di farmaci, le lunghe file alle porte dei piccoli generi alimentari, l’incremento della delinquenza e delle vittime della violenza e, dulcis in fundo, i conati di saccheggio e le manifestazioni di protesta represse con particolare violenza, come lo dimostrano le foto che fanno il giro del mondo.

Immagini come quella dell’uomo in sedia a rotelle che protesta di fronte ad un mezzo blindato dell’esercito valgono più di mille parole.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora