“Colectivos” come le Sturmabteilung. L’influenza cubana nelle Forze Armate

Pubblicato il 04 luglio 2016 da redazione

Un abuelo herido y en silla de ruedas frena una tanqueta de las fuerzas represivas de Maduro en Tucupita

Un abuelo herido y en silla de ruedas frena una tanqueta de las fuerzas represivas de Maduro en Tucupita

di Mauro Bafile

CARACAS – Corsi e ricorsi storici. La singolare teoria del filosofo napoletano Giambattista Vico, sintetizzata in poche e scarne parole, in Venezuela assume una particolare importanza. L’intervista della collega Aymara Lorenzo al Vice-Ammiraglio, Pedro Miguel Pérez Rodríguez, pubblicata nel portale “elestimulo.com”, suggerisce due temi inquietanti che ricordano la storia del passato recente: i “colectivos” come “braccio violento” del potere e la presenza cubana nelle alte sfere militari.

Nulla di nuovo, è vero. Ma, in quest’occasione, a parlarne è un importante esponente delle Forze Armate, anche se ormai ritirato a vita privata.

I “colectivos”, la cui formazione fu incoraggiata indirettamente dall’estinto presidente Chávez, rappresentano oggi il “braccio violento” del potere che, stando a quanto conferma il Vice-Ammiraglio alla collega Aymara Lorenzo, avrebbe un potere crescente tale da incidere pesantemente sulla condotta delle Forze dell’Ordine.

I “colectivos”, dei quali si parla tanto oggi, ricordano le “camicie brune” del partito nazista tedesco: le Sturmabteilung. Organizzate e guidate da Ernst Rohm nel 1930 furono protagoniste di furiose scorribande e tumulti di piazza e furono impegnate per reprimere qualsiasi forma di protesta degli avversari del nazismo. Dal seno delle Sturmabteilung, nel 1933 nacque un altro corpo paramilitare: le Schutz-staffein (“squadre di protezione”) più tristemente famose per le loro iniziali “SS”.

I “colectivos”, stando al Vice-Ammiraglio Pedro Miguel Pérez Rodríguez, avrebbero strappato alle Forze Armate il monopolio delle armi e sarebbero pronti ad agire per osteggiare ogni tipo di azione e intervento militare contro il Governo.

Come si ricorderà, i “colectivos” intervennero apertamente, e stando alle molteplici denunce nei social-network anche con la complicità delle Forze di Polizia, nella repressione delle “guarimbas” e delle proteste studentesche nel 2014.

Ancora oggi sono indicati come i responsabili di azioni violente. Ad esempio, il recente attacco ai giovani seminaristi nello Stato Mérida, maltrattati e con la minaccia delle armi obbligati a denudarsi. Una forma di umiliazione paragonabile all’olio di ricino reso famoso dalle “squadracce fasciste” in Italia.

Sempre nell’intervista concessa dal Vice-Ammiraglio Pedro Miguel Pérez Rodríguez la collega Aymara Lorenzo affronta il tema della presenza cubana in seno alle alte sfere delle nostre Forze Armate. L’argomento non è nuovo. Dell’influenza cubana nelle Forze Armate si parla ormai da anni.

Anche in quest’occasione, se si fa memoria, si trovano analogie col passato recente. Fino al settembre del 2001, funzionava a Fuerte Tiuna, sede dell’Accademia Militare e del Ministero della Difesa, l’ufficio permanente della missione militare nordamericana, grazie ad un accordo firmato nel 1951.

Fu José Vicente Rangel, allora ministro della Difesa, a ordinare alla missione militare americana di abbandonare gli uffici. A giustificazione della decisione disse che, con la caduta del Muro di Berlino e la fine della “Guerra Fredda”, venivano meno le condizioni oggettive alla base dell’accordo siglato all’inizio degli anni ’50.

Il Vice-Ammiraglio, nel denunciare la presenza di consulenti cubani nel “Comando Estratégico Operacional”, non fa altro che corroborare ciò che già è “vox populi”.

E’ anche “vox popoli”, oggi, la perdita di popolarità del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Stando a Datanálisis l’80 per cento dei venezuelani desidera che il capo dello Stato abbandoni il potere. Sono ben quattro, sempre stando all’agenzia demoscopica, i leader dell’Opposizione che superano il presidente Maduro nelle preferenze dell’elettorato: Leopoldo López, Henrique Capriles Radonski, Henry Ramos Allup e Henry Falcón. E, all’orizzonte, non vi sarebbero esponenti del Psuv in grado di contrastare i leader del Tavolo dell’Unità.

La leadership del presidente Maduro e dell’ex presidente del Parlamento, Diosdado Cabello, è oggi messa in discussione da una larga fetta della base del “chavismo” preoccupata pe runa probabile débâcle nel Referendum Revocatorio; una sconfitta che potrebbe trasformarsi nell’inizio della fine del movimento.

Sono sempre più numerose le correnti dissidenti del “chavismo” che, sulla scia di “Marea Socialista”, reclamano al governo una sterzata nell’orientamento economico, considerando nociva e pericolosa la sua inerzia.

Nell’ambito economico, da rimarcare il sondaggio realizzato dall’agenzia Reuters tra analisti americani e inglesi. Questi ritengono che il Paese, nonostante l’instabilità politica e istituzionale, torni ad essere appetibile per gli investitori che prevedono un incremento nel prezzo del barile di petrolio e osservano con interesse come migliorano i rendimenti dei bond venezuelani.

Eppure non è un segreto che l’economia del Paese sia prossima al collasso, che il pericolo di default sia solo stato rimandato e che il Venezuela resti comunque esposto per 62 miliardi di dollari, tale sarebbe il debito sovrano sommato a quello della holding petrolifera.

Il Governo, prima con a capo l’estinto presidente Chávez e oggi con il presidente Maduro, ha sempre privilegiato l’immagine internazionale. Per questo, nel 2015, nonostante le enormi difficoltà economiche, il Paese ha rispettato gli impegni internazionali.

Oggi, con il prezzo del greggio a poco più di 30 dollari il barile, dovrà scegliere se pagare il debito estero, interesse e capitale, o investire nel Paese che, stando a tutti gli analisti, è prossimo a un’esplosione sociale.

Ormai nessuno più crede ai ministri. Né a quello dell’Industria e del Commercio, che a più riprese quest’anno ha promesso che migliorerà l’offerta dei prodotti; né a quello della Salute, che ha negato la carenza di medicine e smentito le Ong che denunciano l’assenza di oltre l’85 per cento dei medicinali nelle farmacie; né a quello degli Esteri che viaggia per il mondo pubblicizzando un’immagine idillica del paese che solo esiste nelle cartoline del Governo.

A smentire i ministri sono la paralisi industriale, i bambini e gli anziani che muoiono per mancanza di farmaci, le lunghe file alle porte dei piccoli generi alimentari, l’incremento della delinquenza e delle vittime della violenza e, dulcis in fundo, i conati di saccheggio e le manifestazioni di protesta represse con particolare violenza, come lo dimostrano le foto che fanno il giro del mondo.

Immagini come quella dell’uomo in sedia a rotelle che protesta di fronte ad un mezzo blindato dell’esercito valgono più di mille parole.

Ultima ora

11:14Media Gb, May pronta ad annunciare una ‘hard Brexit’

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - Una "hard" Brexit su posizioni molto nette. E' quella che è pronta ad annunciare, secondo i media del Regno Unito, la premier britannica Theresa May nel suo atteso discorso di oggi sul piano che Londra intende adottare nei negoziati con Bruxelles. E appare ormai inevitabile, come sottolinea il Guardian, la rinuncia della Gran Bretagna al suo accesso al mercato unico europeo per poter dare priorità al controllo sull'immigrazione. Il piano prevede in tutto 12 punti negoziali e uno fra i più importanti è proprio il rafforzamento del controllo delle frontiere per limitare gli ingressi anche dai Paesi Ue. May quindi si accinge a rifiutare uno status di adesione "parziale" al club dei 28 per il Regno Unito, sottolineando che il Paese vuole restare in ottimi rapporti coi singoli Stati e commerciare con loro "nel modo più libero possibile".

11:10Siria: Lavrov, giusto invitare Usa e Onu ad Astana

(ANSA) - MOSCA, 17 GEN - Mosca ritiene opportuno invitare ai colloqui di Astana sul conflitto siriano i rappresentanti dell'amministrazione americana entrante e dell'Onu: lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov. Rispondendo alla domanda di un giornalista durante la sua conferenza stampa annuale, Lavrov ha inoltre affermato che "solo i siriani stessi possono decidere sulla federalizzazione della repubblica araba".

11:02Maltempo: bora a 140 kmh a Trieste, chiuse due strade

(ANSA) - TRIESTE, 17 GEN - Disagi a Trieste per le forti raffiche di bora che dalla scorsa notte spazzano la città con raffiche che hanno raggiunto i 140 kmh. Due strade sono state chiuse al traffico in mattinata a causa - si apprende dal Comune - della caduta di un albero (via Ponziana, all'altezza di via Battera) e della caduta di intonaci che hanno danneggiato alcune auto (via Foscolo, fra via Canova e via Rossetti). Decine le richieste di intervento ai vigili del fuoco per cornicioni pericolanti, grossi rami spezzati, cassonetti spostati dal vento, motorini e tavoli "abbattuti" dalla bora, anche nella centrale piazza Unità d'Italia. Confermata dal Comune la chiusura, disposta già ieri in via precauzionale, di numerosi giardini pubblici. Regolare - si apprende dalla Capitaneria di Porto - il traffico delle navi in porto. La bora - secondo le previsioni Osmer e Arpa - soffierà con intensità per tutta la giornata di oggi e anche domani; comincerà ad attenuarsi a partire da giovedì. (ANSA).

11:01Rapine a sale slot e aree servizio, 9 arresti a Padova

(ANSA)- PADOVA, 17 GEN - Nove persone sono state arrestate nell' ambito di un'inchiesta della procura di Padova su furti e rapine compiute nell'autunno 2015. Gli indagati sono stati raggiunti da un provvedimento restrittivo eseguito dai carabinieri. Le accuse, sono a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio e rapine. Una donna, invece, è destinataria della misura cautelare dell'obbligo di dimora. L'indagine, denominata convenzionalmente "Gitane Slot", ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale caratterizzato da una struttura ben organizzata che operava in più province venete, costituito da più persone impiegate nella commissione dei furti e rapine, oltre da altre che ricoprivano funzioni di collegamento e logistiche. L'attività investigativa ha consentito di scoprire gli autori di 13 rapine tra sale slot, supermercati ed aree di servizio, ma anche del furto e della ricettazione di 11 auto, utilizzate per commettere le rapine. (ANSA).

11:01Criminalità: 16 arresti per assalti ai bancomat

(ANSA) - TREVISO, 17 GEN - Sedici persone sono state raggiunte da una misura di custodia cautelare al termine di un'inchiesta della procura di Treviso sugli assalti a bancomat. Si tratta di 15 misure in carcere e di un obbligo di dimora. I provvedimenti sono stati eseguiti tra le province di Treviso, Padova, Vicenza, Verona, e Venezia dai carabinieri con il supporto del 4/o Battaglione "Veneto", del nucleo cinofili di Torreglia (Padova) e del 14/o Nucleo elicotteri. Gli indagati farebbero parte di due differenti associazioni criminali dedite agli assalti ai bancomat responsabili di almeno 35 episodi in Veneto e Lombardia. I destinatari delle misure sono gli stessi già arrestati il 29 settembre 2016 e successivamente rimessi in libertà a seguito di sentenza del tribunale del riesame di Venezia.

11:00Maltempo: intensa nevicata, chiusa E45 tra Romagna e Toscana

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Chiuso al traffico per neve un tratto della E 45 a cavallo tra Romagna e Toscana, compreso tra il km 149 e il km 200, tra S. Stefano e Montecastello (Forlì-Cesena). Lo rende noto l'Anas con un comunicato in cui si parla di "precipitazioni nevose, in atto ininterrottamente da ieri sera". L'Anas spiega che sta effettuando con il suo personale, tutte le azioni per il più rapido ripristino della normale circolazione. (ANSA).

10:40Bancarotta: 3 arresti e 4 divieti dimora in Calabria

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 17 GEN - Operazione del Comando provinciale di Reggio Calabria della Guardia di finanza per l'esecuzione di un'ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Gip di Palmi su richiesta della Procura della Repubblica a carico di sette persone accusate di bancarotta fraudolenta. Per tre delle sette persone coinvolte nell'indagine sono stati disposti gli arresti domiciliari, mentre le altre quattro sono state sottoposte a divieto di dimora. I sette indagati, in particolare, secondo quanto riferito dalla Guardia di finanza, sono accusati di avere distratto, occultato, dissimulato, distrutto o dissipato, in tutto o in parte, i beni di una società, provocando un danno di rilevante gravità e, con dolo o per effetto di operazioni dolose, il fallimento della stessa. Il Gip di Palmi, sempre su richiesta della Procura, ha anche disposto il sequestro di quattro società e di conti correnti riconducibili alle sette persone coinvolte nell'inchiesta per un valore complessivo di nove milioni di euro.

Archivio Ultima ora