Renzi: Pugno di ferro su Isis. Sul blitz polemiche inutili

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

renzi:isis

ROMA. – E’ un appello a ritrovare l’unione e la compattezza di “una grande famiglia colpita dal dolore” quello che Matteo Renzi rilancia all’indomani della strage di Dacca, il più grave attentato ai danni di nostri connazionali dopo quella di Nassiriya che costò la vita a 28 persone.

Ma la preoccupazione del premier è anche quella di mostrare alla violenza jihadista e al mondo intero, un Paese incapace di serrare le fila compatto contro il ‘nemico’. “Ci sono divisioni politiche” ma anche, ricorda il premier “i valori grandi, forti, della grande famiglia italiana”.

Per questo Renzi ringrazia il Presidente della Repubblica che ha “scelto di interrompere il suo viaggio per stare vicino alle famiglie”. E lo stesso Sergio Mattarella dosa le sue parole di cordoglio: “tutti gli italiani sono con animo triste per i connazionali vittime di una violenza terrorista che semina morte in tutti i continenti”.

Nessuno spazio, dunque, per sterili polemiche: “Tutta la fase della discussione politica deve essere all’insegna dell’interesse nazionale e della Patria” avverte il Presidente del Consiglio a cui già arriva l’eco delle critiche per non aver preteso dalle autorità bangalesi una maggiore cooperazione nella gestione della crisi.

“Se questo è confermato non dobbiamo dare nessuna copertura diplomatica ad un comportamento di questo tipo” protesta, ad esempio, il presidente della Commissione Esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto, che giudica “inaccettabile il comportamento del governo del Bangladesh”.

In quest’ottica anche una comunicazione del premier alle Camere potrebbe essere occasione per rintuzzare le critiche. In settimana, quindi, incontrerà “i capigruppo di tutte le forze parlamentari e se ci sarà da discutere discuteremo ma – ripete – oggi è il tempo del dolore”. Anche perché “lo abbiamo visto: era un commando pronto a tutto. Abbiamo seguito in diretta ogni momento” afferma il premier che taglia corto anche sugli scambi di accuse in merito ai presunti ritardi del blitz: “Io credo che tutto sia necessario tranne ricostruzioni che poi spesso sono false. Loro sono entrati lì per uccidere”.

E di fronte al terrore la strategia non cambia: è quella di “distruggerli senza pietà” pensando però anche “all’aspetto importante dell’educazione” per “evitare che la prossima generazione sia come questa”. “L’Isis sta perdendo sul terreno a livello militare, in Siria, in Iraq, in Libia. Lo spazio di territorio occupato dal cosiddetto Stato islamico è ridotto. Ma serve il pugno di ferro con chi pensa di portare da noi quei valori, una strategia basata su odio e terrore”.

Parole che non bastano all’opposizione: nella Lega, Matteo Salvini attacca addirittura il Papa, ‘colpevole’ di auspicare solo una conversione del “cuore dei violenti accecati dall’odio” e ‘promuovendo’ a suo interlocutore il pontefice emerito, Benedetto XVI che sull’Islam, sentenzia, “mi pare avesse le idee molto più chiare”.

Sempre dal Carroccio Roberto Calderoli torna a chiedere un intervento militare guidato da organismi internazionali come Onu o Nato. E mentre Giorgia Meloni si appella al governo per chiedere un giorno di lutto nazionale quando rientreranno in Italia le vittime dell’attacco, anche l’ex Presidente Giorgio Napolitano esprime “la sua convinta adesione all’appello per la massima unità del Paese nell’impegno di lotta contro il nemico comune”.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

20:59Maltempo: centinaia di turisti bloccati in val Senales

(ANSA) - BOLZANO, 21 GEN - Alcune centinaia di turisti sono attualmente bloccati in Val Senales, in Alto Adige, perché la strada d'accesso è stata chiusa per pericolo valanghe. Sono rimasti isolati così la frazione Madonna di Senales e le località Maso Corto, Vernago e Casera di Fuori. I tecnici della Provincia sono sul posto per valutare un distacco pilotato della neve per poter riaprire la strada al più presto possibile. Per i turisti, soprattutto italiani, tedeschi, austriaci e polacchi, si allunga così il soggiorno in Val Venosta, anche se alcuni dovrebbero riprendere il lavoro già da domani. Dopo le ultime nevicate di stanotte, oltre alla strada provinciale per la val Senales da Certosa in poi sono state chiuse per pericolo valanghe anche la strada provinciale Vallelunga da Curon in poi e la strada tra Resia e Roja. Dall'Alta Val Venosta fino alla cresta di confine centrale il pericolo valanghe è forte di grado 4 su 5.

20:54Congo: uccisi 5 manifestanti anti-Kabila

(ANSA) - KINSHASA, 21 GEN - Almeno cinque morti e oltre 30 feriti sono il bilancio di manifestazioni antigovernative a Kinshasa, in Congo. La polizia ha fatto uso di armi da fuoco e ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere migliaia di manifestanti che protestavano contro il presidente Joseph Kabila. Lo rendono noto fonti delle Nazioni Unite. Chiese cattoliche e organizzazioni di attivisti avevano lanciato un appello per dimostrazioni pacifiche dopo le funzioni domenicali a Kinshasa, Goma, Lumumbashi e in altre città. Ma le proteste sono presto degenerate e la polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti. Le forze di sicurezza, ha affermato la portavoce dell'Onu in Congo Florence Marchal, hanno arrestato 69 persone.

20:53Calcio: Atalanta, niente riposo dopo ko col Napoli

(ANSA) - BERGAMO, 21 GEN - Niente giornata di riposo per l'Atalanta dopo la sconfitta interna con il Napoli nel lunch match domenicale. I nerazzurri di Gian Piero Gasperini riprenderanno il lavoro lunedì mattina al Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia e, in preparazione all'impegno di sabato (ore 18) a Reggio Emilia contro il Sassuolo valido per la terza giornata di ritorno, affronteranno anche una partita d'allenamento. Appuntamento martedì sul campo principale di Zingonia alle 15 e 30, l'avversario designato è la FeralpiSalò che milita nel girone B della serie C: nei gardesani allenati da Michele Serena il difensore atalantino in prestito Stefano Marchetti ('98) e altri due ex come il terzino Riccardo Tantardini e il portiere Nicholas Caglioni.

20:43Gentiloni, M5S non ci deve spaventare, non ha i numeri

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Non sono affatto spaventato. Penso che il rispetto agli elettori M5S sia dovuto. Ma penso che la possibilità che il movimento arrivi a guidare il governo non ci sia. E' una forza che se anche avesse risultati significativi che gli vengono attribuiti da sondaggi non so quanto generosi, non avrebbe i numeri per governare. Rispetto assoluto per l' elettorato del M5S. Ma fuori dall'Italia nessuno mi ha mai mostrato preoccupazione per la possibilità, a cui nessuno crede, che il movimento possa arrivare al governo". Lo dichiara in un'intervista a "Il Foglio" in edicola domani il premier Paolo Gentiloni.

20:41Ferito a colpi di pistola custode cimitero Vibo Valentia

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 21 GEN - Il custode del cimitero di Vibo Valentia, Alessandro Sicari, di 48 anni, è stato ferito ad un braccio e ad una gamba da due colpi di pistola. Il fatto è accaduto nel pomeriggio, mentre il custode stava chiudendo il cancello. Ai carabinieri, che hanno subito avviato le indagini, l'uomo ha detto che mentre era intento a chiudere, ha sentito due colpi d'arma da fuoco e si è subito reso conto di essere stato raggiunto al braccio ed alla gamba, subito soccorso, l'uomo è stato portato dalla polizia municipale nell'ospedale di Vibo Valentia dove si trova ricoverato. I medici lo hanno giudicato guaribile in una decina di giorni. Al momento dell'agguato, nella zona del cimitero, oltre al buio, era calata una fitta nebbia e non sono presenti telecamere.

20:40Siria: Assad condanna l’offensiva militare turca

(ANSA) - DAMASCO, 21 GEN - Il presidente siriano Bashar al Assad ha condannato la "brutale aggressione" della Turchia contro l'enclave curda in Siria di Afrin, sostenendo che l'azione militare è parte del sostegno di Ankara ai "terroristi" dello Stato Islamico.

20:22Calcio: Spagna, Real prova a scacciare la crisi con 7 gol

(ANSA) - MADRID, 21 GEN - Il Real Madrid ritrova la vittoria e ne segna sette in una volta sola al Deportivo La Coruna, mentre i giornali spagnoli di oggi scrivono che il presidente Florentino Perez ha detto chiaro e tondo a Cristiano Ronaldo che non ci sono i soldi per aumentargli l'ingaggio che attualmente è di 21 milioni di euro all'anno. Il successo per 7-1 delle 'merengue' al Bernabeu arriva dopo un periodo da incubo dopo due Ko consecutivi in casa e un solo punto raccolto nelle ultime tre partite. La squadra di Zidane (che, a sorpresa, nella formazione iniziale schiera Mayoral centravanti, con Benzema in panchina) parte male, perché va in vantaggio il Deportivo, ma poi spazzia via la squadra galiziana grazie alle doppiette di Nacho, Bale e Cristiano Ronaldo e alla rete di Modric. Questi tre punti consentono al Real di tornare in zona Champions e di ridurre la distanza dal secondo e terzo posto dopo il pari di ieri dell'Atletico Madrid e il ko del Valencia, ora distanti rispettivamente 8 e 5 punti.

Archivio Ultima ora