Euro16: Loew sfida Deschamps. Ma la Francia è favorita

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Toni Kroos (Germany)

Toni Kroos (Germany)

ROMA. – La Germania prepara l’assalto ai francesi, con un solo obiettivo: prendersi la finale di un Europeo sorprendente fino a un certo punto. Il ct Joachim Loew è prodigo di complimenti per il suo regista Tony Kroos, vero uomo-faro di una squadra che ha ormai sposato un nuovo credo calcistico, fatto di passaggi corti, di movimento e di fantasia.

L’opera di riedificazione di una nuova ideologia calcistica è cominciata nel 2010, al Mondiale in Sudafrica, dove si misero in luce gli Ozil, i Neuer e i Thomas Mueller. Il nuovo mondo ha permesso ai tedeschi di umiliare il Brasile in casa loro (7-2 nella semifinale del Mondiale 2014) e di salire sul tetto del mondo.

“Tony – dice Loew, parlando di Kroos – è un uomo determinante per il nostro gioco: lui sa congelare il pallone e sa dettare i tempi. E’ un vero mago delle strategie tattiche e poi ha un pregio che pochi giocatori possono vantarsi di possedere: non perde mai la calma. Anche quando il pressing su di lui è asfissiante”.

Contro la Francia tutto ruoterà attorno al gioiello del Real Madrid che adesso riempie pure i sogni di Pep Guardiola, pronto a guidare il Manchester City, ma poco attento quando rinunciò a lui nel Bayern Monaco (era l’estate del 2014), che lo perse per qualche decina di milioni (circa 24) a beneficio del Real Madrid.

Kroos a parte, la Germania deve fare i conti con un’infermeria piena di big: Mario Gomez e, soprattutto, Sami Khedira, altro perno del centrocampo. “Chi non è al 100 per centro, contro la Francia, non giocherà”, l’avvertimento di Loew. “Certo, sostituire Gomez non sarà per niente facile”.

Francia e Italia sono Nazionali confinanti e quasi identiche nel gioco: “Sarà un po’ come affrontare l’Italia, anche se i francesi sono meno chiusi. La gioia per la vittoria sull’Italia è stata enorme – le parole di Loew, in conferenza stampa -.

Il successo è arrivato dopo una partita davvero drammatica, una vera e propria battaglia, come sono tutte le partite contro l’Italia. E’ stato un grande impatto anche dal punto di vista psicologico. La Francia, però, è un’altra cosa.

Non amo fare pronostici, ma i favoriti potrebbero essere loro, se non altro perché giocano in casa. Fare pronostici, in una partita da dentro o fuori, è praticamente impossibile”.

Non si sono spenti ancora gli echi del successo sull’Italia: la vittoria vera e propria non è arrivata, ma la Germania è rimasta in lizza, fra le prime quattro d’Europa. Gli azzurri, invece, sono tornati a casa. Il titolo ai tedeschi manca da 20 anni e i tempi per i tifosi sono maturi.

Ultima ora

17:39Calcio: due giornate squalifica a Gasperini,una a Oddo

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Due giornate di squalifica a Gian Piero Gasperini, tecnico Atalanta, per gli insulti al quarto uomo e all'arbitro dopo l'espulsione di domenica: è la decisione del giudice sportivo di Serie A che ha anche squalificato Massimo Oddo, allenatore Pescara, per frasi ''irriguardose'' all'arbitro. A Mihajlovic, tecnico Torino, duemila euro di multa per aver sfondato con una manata il tabellone interviste dopo il match col Milan. Nessuna segnalazione nè da arbitro nè da procura Figc, sul presunto sfogo di Allegri contro il 4/o uomo.

17:35Siria: offensiva Isis nell’est, 120 uccisi in 3 giorni

(ANSA) - BEIRUT, 17 GEN - Più di 120 persone, tra miliziani e civili, sono morti negli ultimi tre giorni di scontri armati nell'est della Siria, nel capoluogo di Dayr az Zor dove l'Isis ha attaccato posizioni governative nella zona ricca di giacimenti petroliferi e non lontana dal confine iracheno. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) riferiscono dell'uccisione da domenica scorsa di 122 persone, tra cui 27 civili compresi donne e minori, e 95 tra militari lealisti e miliziani dello Stato islamico. I civili, precisa l'Ondus, sono morti in raid aerei o di artiglieria sia nella zona controllata dall'Isis sia nell'area in mano alle forze di Damasco.

17:07Regeni: Alfano, prosegue impegno su ricerca verità

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Un pensiero commosso a Giulio Regeni a pochi giorni dall'anniversario della sua scomparsa. Un pensiero che si unisce alla prosecuzione di un impegno alla ricerca della verità". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

17:04Tenta di adescare bimba 10 anni su social, arrestato

(ANSA) - IMPERIA, 17 GEN - Un uomo di 40 anni, magazziniere e speaker per una una radio privata accusato di adescare ragazzine su internet è stato arrestato a Padova dalla Polizia postale della Liguria in flagranza di detenzione e scambio di materiale pedopornografico. L'indagine, conclusa in collaborazione con il compartimento Polposta Veneto, ha preso le mosse da un'attività della Polizia postale di Imperia che ha messo sotto intercettazione informatica e telefonica l'uomo quando aveva tentato di sedurre su Instagram una bambina di 10 anni della provincia di Imperia. A suo carico, la procura di Genova ha emesso un decreto di perquisizione che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di supporti informatici oltre che del profilo social utilizzato dall'uomo. Sono ancora in corso accertamenti volti alla ricerca di altri eventuali minori potenziali vittime dell'arrestato.

17:02Calcio: Vicenza, arriva Gucher dal Frosinone

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Colpo sul mercato del Vicenza che ha ufficializzato l'acquisizione a titolo definitivo del centrocampista austriaco Robert Gucher, classe 1991. Il neo-acquisto proviene dal Frosinone dove è stato protagonista dell'ultima promozione in serie A e il cui contratto era in scadenza nel prossimo mese di giugno. Gucher, che fa parte della nazionale austriaca, ha firmato con il club veneto un contratto di due anni e mezzo, sino al 30 giugno 2019. Oggi si allenerà con i nuovi compagni agli ordini del tecnico Bisoli e sabato alla ripresa del campionato a Carpi potrebbe esordire in biancorosso.

16:59Calcio: Inter, vertice di mercato tra Thohir e Zhang

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Vertice di mercato tra il presidente dell'Inter Erick Thohir e Steven Zhang, figlio del numero uno di Suning. Questa mattina, nella sede del club nerazzurro, faccia a faccia tra i due massimi dirigenti che hanno parlato delle possibili cessioni per sfoltire una rosa ancora troppo ampia e rispettare i parametri del Fair Play Finanziario. Dopo gli addii di Jovetic e Felipe Melo, potrebbe partire anche il difensore Andrea Ranocchia che e' seguito da alcuni club di Premier League. Il giovane centrocampista Miangue, classe 1997, potrebbe accasarsi al Cagliari e Gnoukouri piace al Crotone. Anche Biabiany e' in uscita, su di lui si e' mosso il Bologna ma non e' da escludere una cessione in Cina.

16:50Coni: Malagò, troppi contenziosi, dovremo uniformare regole

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - "Se sarò ancora io il prossimo presidente del Coni porterò sicuramente in giunta un argomento importante: la necessità di uniformare le regole degli statuti e dei regolamenti all'interno del nostro mondo, dalle federazioni ai comitati regionali, agli enti di disciplina, che hanno generato una serie di strascichi, contenziosi, ricorsi che sono oggettivamente complicati da gestire". Lo ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò a margine della giunta nazionale riunita in via straordinaria a Genova. "Tutti i ricorsi hanno una caratteristica: sono figli del momento storico che viviamo - ha aggiunto Malagò - e vanno anche oltre i confini del mondo sportivo stesso. Spesso gli stessi avvocati e i giuristi si prestano a interpretazioni diverse. Credo che sia una cosa di buonsenso che il Coni, magari con il pieno mandato delle massime autorità, anche di chi ha la delega al consiglio dei ministri, debba impegnarsi per uniformare gli statuti, anche per ciò che riguarda le future competizioni elettorali".

Archivio Ultima ora