Brexit: Farage si fa da parte. Missione compiuta

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Leader of the United Kingdom Independence Party (UKIP), Nigel Farage, makes a speech in London on July 4, 2016, announcing that he was stepping down as leader of the UK Independence Party (UKIP). The 52-year-old said that whoever succeeded David Cameron as prime minister should be a long-time Brexit campaigner and vowed to scrutinise negotiations over Britain's departure from the EU. / AFP PHOTO / Ben STANSALL

Leader of the United Kingdom Independence Party (UKIP), Nigel Farage, makes a speech in London on July 4, 2016, announcing that he was stepping down as leader of the UK Independence Party (UKIP).
The 52-year-old said that whoever succeeded David Cameron as prime minister should be a long-time Brexit campaigner and vowed to scrutinise negotiations over Britain’s departure from the EU. / AFP PHOTO / Ben STANSALL

LONDRA. – “Ho deciso di farmi da parte come leader dell’Ukip. Ho riavuto indietro il mio Paese, ora rivoglio la mia vita”. Nigel Farage, campione dell’euroscetticismo in salsa inglese, saluta e se ne va, dando fondo alla retorica: le dimissioni (annunciate} del capopopolo che ha costruito un’intera carriera sul no all’Ue e che, a 10 giorni dalla storica vittoria referendaria del 23 giugno, si mette di lato, come dice lui.

Tuttavia Farage non schioda dal parlamento di Strasburgo, dove intende mantenere il seggio e la presidenza del gruppo dell’Efdd almeno fino a quando il divorzio fra Londra e Bruxelles non sarà consumato formalmente: un paio d’anni come minimo, salvo intoppi, trucchi, ripensamenti più o meno improbabili, ipotetici ricorsi legali.

La vittoria di Leave al referendum, argomenta, significa una sola cosa, missione compiuta: “Non voglio diventare un politico di carriera, sotterro l’ascia di guerra con tutti”. Ma non si tratta proprio d’un addio. Farage, oltre a conservarsi la tribuna di Strasburgo con annessi e connessi, s’impegna a fare da sentinella affinché la Brexit sia condotta in porto senza aggiramenti della volontà popolare.

L’ex premier Tony Blair, apparentemente non troppo preoccupato dalla resa dei conti con la commissione d’inchiesta che dopo anni di rinvii si appresta a pubblicare in settimana il suo rapporto sugli inganni che portarono alla guerra in Iraq, invoca invece a voce alta non un secondo referendum, ma di prendere tempo per consentire prima o poi all’elettorato di “cambiare eventualmente idea”.

Dal fronte dei Tory, alle prese con la lotta senza quartiere per la successione al timone del partito e del governo a un altro protagonista dimissionario, David Cameron, questo tipo di astuzie viene però esclusa da tutti e 5 i contendenti (i ministri Theresa May, Michael Gove e Stephen Crabb, la sottosegretaria Andrea Leadsom e l’ex ministro Liam Fox).

A far la corsa di testa la veterana Theresa May, titolare dell’Interno in carica, che sui tempi dell’attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona, premessa dei negoziati per la separazione formale dall’Ue da completarsi a quel punto entro due anni, resta cauta.

E tuttavia, quasi a voler dare un segnale di fermezza ai ‘brexiters’, fa sapere che le garanzie per i 3 milioni di cittadini di Paesi Ue residenti in Gran Bretagna sono valide per l’oggi, per il futuro chissà: dipende dal livello di reciprocità. Un atteggiamento non proprio conciliante.

L’altra donna del lotto, Andrea Leadsom: una rivale in ascesa, più moderata sotto vari aspetti, ma che può dare agli anti-Ue una garanzia in più rispetto a May, quella di aver sostenuto il fronte Leave. Leadsom ha presentato la sua piattaforma, offrendo garanzie ai cittadini Ue nel regno, evocando un’economia di mercato più sociale, ma soprattutto ribadendo di essere pronta a far scattare senza indugi il benedetto articolo 50.

Musica per le orecchie euroscettiche, tanto da suscitare nei sostenitori di Theresa il sospetto che anche l’Ukip, attraverso finanziatori vari, possa fare campagna per Andrea interferendo nella corsa in casa Tory. Mentre Farage, dimissionario o no, fa sapere sornione: “Il prossimo premier? Deve essere pro-Brexit”.

Ultima ora

15:33Pd: Letta, credo ancora in partito, voterò Orlando

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "Non riscendo in campo ma alla fine voglio dare una chance al partito, parteciperò e voterò per Andrea Orlando". E' l'annuncio di Enrico Letta a 'In mezz'ora'.

15:06Terremoto: appello sul web per ‘Albero del pane’ di Visso

(ANSA) - VISSO (MACERATA), 24 MAR - ''Contribuite a far rinascere l'Albero del Pane e il territorio di Visso: in cambio avrete buoni sconto e potrete assaggiare i nostri pani speciali''. Lina e Fabio Cerri, pasticceri e panificatori a Visso, subito dopo le scosse del 26 e 30 ottobre avevano riaperto la pasticceria 'Vissana'. Ora sono ricorsi al crowdfunding sul web per ricostruire il forno, in attesa del risarcimento statale. ''Avevamo tantissimi clienti, soprattutto d'inverno, turisti dalla Valle del Nera, dal Monte Prata, tutti scappati con le scosse del 24 agosto. Il 26 ottobre il nuovo sisma, Visso in macerie: è lì che il nostro panificio ha cessato di vivere''. Ma i Cerri, sfollati sulla costa come quasi tutti i loro 7 dipendenti, ''una squadra fortissima'', hanno deciso di riprendere la loro vita in mano. ''Siamo riusciti ad avere un nostro container che ospiterà il laboratorio e il negozio. Dobbiamo ancora recuperare qualche macchinario, un'operazione pericolosa, che si può fare solo con ditte specializzate''. Ma l'intenzione di far rinascere il forno, ''e con lui una parte dell'economia e del tessuto sociale dei nostri borghi feriti'' non è mai venuta meno assicura Fabio. Da qui l'appello (https://www.produzionidalbasso.com/project/per-fare-un-albero-c i-vuole-il-pane-ricostruiamo-lalbero-del-pane-di-visso/), affidato ad un breve video in cui Lina racconta la sua storia di speranza.

15:04F1: a Maranello campane a festa e tifosi all’auditorium

(ANSA) - MODENA, 26 MAR - Don Paolo Monelli non era questa mattina a Maranello, ma è bastata una sua telefonata per dare le necessarie indicazioni e far di nuovo suonare le campane, come da tradizione, nella città del Cavallino, dopo 553 giorni di 'astinenza' dalla vittoria nel Gran Premio di Singapore del 20 settembre 2015. Intorno alle nove del mattino, poco dopo il taglio del traguardo, dunque, i 248 tifosi Ferrari che hanno assiepato già da prima delle sette l'auditorium - dove era trasmessa in diretta la gara di F1 in Australia -, hanno potuto esultare accompagnati dai rintocchi della vittoria, come racconta il sindaco, Massimiliano Morini. "Che bello ascoltare Vettel in tv mentre parla di Maranello, in italiano peraltro. Sono elementi positivi, di attaccamento al territorio. E' stato bellissimo, l'inizio di un percorso che tutta la città sognava. Anche tra i tecnici, per esempio, abbiamo visto tanti italiani, perché il presidente ha deciso così. Ed è un aspetto molto positivo".(ANSA).

14:37Papa: pregiudizio e interesse personale sono strade false

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Il Papa ha denunciato "la luce fredda e fatua del pregiudizio contro gli altri", e quella "seducente e ambigua, è dell'interesse personale". Lo ha ricordato prima di recitare l'Angelus dalla finestra dello studio su piazza San Pietro, davanti a circa 25mila persone, commentando il brano evangelico del cieco nato e spiegando il significato di "essere illuminati". "Che cosa significa - si è chiesto papa Francesco - camminare nella luce? Significa innanzitutto abbandonare le luci false: la luce fredda e fatua del pregiudizio contro gli altri, perché il pregiudizio distorce la realtà e ci carica di avversione contro coloro che giudichiamo senza misericordia e condanniamo senza appello. Eh - ha aggiunto - questo è pane di tutti i giorni, quando si chiacchiera degli altri non si cammina nella luce, si cammina nelle ombre". Ha poi ringraziato Milano per la "calorosa accoglienza di ieri, mi sono sentito a casa con tutti, credenti e non credenti, ho visto che è vero che 'a Milan si riceve col cor in man', grazie".

14:22Cadavere in trolley, ipotesi donna sparita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Potrebbe essere della donna di origini cinesi Xing Lei Li, 36 anni, il corpo trovato in un trolley nel porto di Rimini. L'ipotesi è al vaglio degli inquirenti. Della 36enne si sono perse le tracce durante una crociera che ha varie città del Mediterraneo, tra cui Genova. La morte della donna - che sarebbe avvenuta almeno 10 giorni fa, domani è in programma l'autopsia - potrebbe essere avvenuta ovunque: la valigia, infatti, potrebbe essere stata trascinata dalla corrente da tanto tempo. Secondo il giornale ligure "il sospetto della Polizia è che il marito, Daniel Belling, irlandese di 45 anni, tecnico informatico della Apple, l'abbia strangolata e poi gettata in mare proprio all'interno di una valigia". L'uomo, viene spiegato è stato arrestato per omicidio, lo scorso 20 febbraio, respingendo ogni accusa dicendo che la moglie si era allontanata volontariamente dalla nave.

14:12Tenta di stangolare figlia e accoltella moglie, arrestato

(ANSA) - CASERTA, 26 MAR - Ha tentato di strangolare la figlia di otto anni, quindi ha accoltellato alla gola la moglie intervenuta a difendere la bambina e solo l'immediato arrivo di altri familiari e dei carabinieri ha evitato il peggio. In carcere è finito a Sant'Andrea del Pizzone (Caserta) un uomo di 42 anni; ad arrestarlo i carabinieri della locale stazione e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mondragone, arrivati in tempo per porre fine all'aggressione; la moglie dell'uomo, è emerso, si è gettata verso la figlia mentre il marito teneva le mani al collo della piccola per strangolarla. A quel punto il 42enne ha preso un coltello da cucina e l'ha ferita. Madre e figlia sono state portate d'urgenza all'ospedale di Sessa Aurunca dove sono tuttora in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. L'uomo è stato condotto al carcere di Santa Maria Capua Vetere. (ANSA).

14:11Mafia, dopo Locri, altre scritte a Palermo contro don Ciotti

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "Sbirri siete voi, don Ciotti secondino". Un'altra scritta contro il sacerdote fondatore dell'associazione Libera è apparsa stamane a Palermo, dopo quelle della scorsa settimana a Locri, dove il 21 marzo si è svolta la manifestazione nazionale in ricordo di tutte le vittime della mafia. Il messaggio intimidatorio è stato scritto con vernice nera nel quartiere Noce, su un muro all'ingresso di una villetta pubblica intitolata a Rosario Di Salvo, l'autista di Pio La Torre ucciso con il segretario regionale del Pci il 30 aprile del 1982. A poca distanza un'altra scritta, "Dalla Chiesa assassino", con il disegno di una falce e martello e la firma Br.

Archivio Ultima ora