Brexit: Farage si fa da parte. Missione compiuta

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Leader of the United Kingdom Independence Party (UKIP), Nigel Farage, makes a speech in London on July 4, 2016, announcing that he was stepping down as leader of the UK Independence Party (UKIP). The 52-year-old said that whoever succeeded David Cameron as prime minister should be a long-time Brexit campaigner and vowed to scrutinise negotiations over Britain's departure from the EU. / AFP PHOTO / Ben STANSALL

Leader of the United Kingdom Independence Party (UKIP), Nigel Farage, makes a speech in London on July 4, 2016, announcing that he was stepping down as leader of the UK Independence Party (UKIP).
The 52-year-old said that whoever succeeded David Cameron as prime minister should be a long-time Brexit campaigner and vowed to scrutinise negotiations over Britain’s departure from the EU. / AFP PHOTO / Ben STANSALL

LONDRA. – “Ho deciso di farmi da parte come leader dell’Ukip. Ho riavuto indietro il mio Paese, ora rivoglio la mia vita”. Nigel Farage, campione dell’euroscetticismo in salsa inglese, saluta e se ne va, dando fondo alla retorica: le dimissioni (annunciate} del capopopolo che ha costruito un’intera carriera sul no all’Ue e che, a 10 giorni dalla storica vittoria referendaria del 23 giugno, si mette di lato, come dice lui.

Tuttavia Farage non schioda dal parlamento di Strasburgo, dove intende mantenere il seggio e la presidenza del gruppo dell’Efdd almeno fino a quando il divorzio fra Londra e Bruxelles non sarà consumato formalmente: un paio d’anni come minimo, salvo intoppi, trucchi, ripensamenti più o meno improbabili, ipotetici ricorsi legali.

La vittoria di Leave al referendum, argomenta, significa una sola cosa, missione compiuta: “Non voglio diventare un politico di carriera, sotterro l’ascia di guerra con tutti”. Ma non si tratta proprio d’un addio. Farage, oltre a conservarsi la tribuna di Strasburgo con annessi e connessi, s’impegna a fare da sentinella affinché la Brexit sia condotta in porto senza aggiramenti della volontà popolare.

L’ex premier Tony Blair, apparentemente non troppo preoccupato dalla resa dei conti con la commissione d’inchiesta che dopo anni di rinvii si appresta a pubblicare in settimana il suo rapporto sugli inganni che portarono alla guerra in Iraq, invoca invece a voce alta non un secondo referendum, ma di prendere tempo per consentire prima o poi all’elettorato di “cambiare eventualmente idea”.

Dal fronte dei Tory, alle prese con la lotta senza quartiere per la successione al timone del partito e del governo a un altro protagonista dimissionario, David Cameron, questo tipo di astuzie viene però esclusa da tutti e 5 i contendenti (i ministri Theresa May, Michael Gove e Stephen Crabb, la sottosegretaria Andrea Leadsom e l’ex ministro Liam Fox).

A far la corsa di testa la veterana Theresa May, titolare dell’Interno in carica, che sui tempi dell’attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona, premessa dei negoziati per la separazione formale dall’Ue da completarsi a quel punto entro due anni, resta cauta.

E tuttavia, quasi a voler dare un segnale di fermezza ai ‘brexiters’, fa sapere che le garanzie per i 3 milioni di cittadini di Paesi Ue residenti in Gran Bretagna sono valide per l’oggi, per il futuro chissà: dipende dal livello di reciprocità. Un atteggiamento non proprio conciliante.

L’altra donna del lotto, Andrea Leadsom: una rivale in ascesa, più moderata sotto vari aspetti, ma che può dare agli anti-Ue una garanzia in più rispetto a May, quella di aver sostenuto il fronte Leave. Leadsom ha presentato la sua piattaforma, offrendo garanzie ai cittadini Ue nel regno, evocando un’economia di mercato più sociale, ma soprattutto ribadendo di essere pronta a far scattare senza indugi il benedetto articolo 50.

Musica per le orecchie euroscettiche, tanto da suscitare nei sostenitori di Theresa il sospetto che anche l’Ukip, attraverso finanziatori vari, possa fare campagna per Andrea interferendo nella corsa in casa Tory. Mentre Farage, dimissionario o no, fa sapere sornione: “Il prossimo premier? Deve essere pro-Brexit”.

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora