Brexit: Farage si fa da parte. Missione compiuta

Pubblicato il 04 luglio 2016 da ansa

Leader of the United Kingdom Independence Party (UKIP), Nigel Farage, makes a speech in London on July 4, 2016, announcing that he was stepping down as leader of the UK Independence Party (UKIP). The 52-year-old said that whoever succeeded David Cameron as prime minister should be a long-time Brexit campaigner and vowed to scrutinise negotiations over Britain's departure from the EU. / AFP PHOTO / Ben STANSALL

Leader of the United Kingdom Independence Party (UKIP), Nigel Farage, makes a speech in London on July 4, 2016, announcing that he was stepping down as leader of the UK Independence Party (UKIP).
The 52-year-old said that whoever succeeded David Cameron as prime minister should be a long-time Brexit campaigner and vowed to scrutinise negotiations over Britain’s departure from the EU. / AFP PHOTO / Ben STANSALL

LONDRA. – “Ho deciso di farmi da parte come leader dell’Ukip. Ho riavuto indietro il mio Paese, ora rivoglio la mia vita”. Nigel Farage, campione dell’euroscetticismo in salsa inglese, saluta e se ne va, dando fondo alla retorica: le dimissioni (annunciate} del capopopolo che ha costruito un’intera carriera sul no all’Ue e che, a 10 giorni dalla storica vittoria referendaria del 23 giugno, si mette di lato, come dice lui.

Tuttavia Farage non schioda dal parlamento di Strasburgo, dove intende mantenere il seggio e la presidenza del gruppo dell’Efdd almeno fino a quando il divorzio fra Londra e Bruxelles non sarà consumato formalmente: un paio d’anni come minimo, salvo intoppi, trucchi, ripensamenti più o meno improbabili, ipotetici ricorsi legali.

La vittoria di Leave al referendum, argomenta, significa una sola cosa, missione compiuta: “Non voglio diventare un politico di carriera, sotterro l’ascia di guerra con tutti”. Ma non si tratta proprio d’un addio. Farage, oltre a conservarsi la tribuna di Strasburgo con annessi e connessi, s’impegna a fare da sentinella affinché la Brexit sia condotta in porto senza aggiramenti della volontà popolare.

L’ex premier Tony Blair, apparentemente non troppo preoccupato dalla resa dei conti con la commissione d’inchiesta che dopo anni di rinvii si appresta a pubblicare in settimana il suo rapporto sugli inganni che portarono alla guerra in Iraq, invoca invece a voce alta non un secondo referendum, ma di prendere tempo per consentire prima o poi all’elettorato di “cambiare eventualmente idea”.

Dal fronte dei Tory, alle prese con la lotta senza quartiere per la successione al timone del partito e del governo a un altro protagonista dimissionario, David Cameron, questo tipo di astuzie viene però esclusa da tutti e 5 i contendenti (i ministri Theresa May, Michael Gove e Stephen Crabb, la sottosegretaria Andrea Leadsom e l’ex ministro Liam Fox).

A far la corsa di testa la veterana Theresa May, titolare dell’Interno in carica, che sui tempi dell’attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona, premessa dei negoziati per la separazione formale dall’Ue da completarsi a quel punto entro due anni, resta cauta.

E tuttavia, quasi a voler dare un segnale di fermezza ai ‘brexiters’, fa sapere che le garanzie per i 3 milioni di cittadini di Paesi Ue residenti in Gran Bretagna sono valide per l’oggi, per il futuro chissà: dipende dal livello di reciprocità. Un atteggiamento non proprio conciliante.

L’altra donna del lotto, Andrea Leadsom: una rivale in ascesa, più moderata sotto vari aspetti, ma che può dare agli anti-Ue una garanzia in più rispetto a May, quella di aver sostenuto il fronte Leave. Leadsom ha presentato la sua piattaforma, offrendo garanzie ai cittadini Ue nel regno, evocando un’economia di mercato più sociale, ma soprattutto ribadendo di essere pronta a far scattare senza indugi il benedetto articolo 50.

Musica per le orecchie euroscettiche, tanto da suscitare nei sostenitori di Theresa il sospetto che anche l’Ukip, attraverso finanziatori vari, possa fare campagna per Andrea interferendo nella corsa in casa Tory. Mentre Farage, dimissionario o no, fa sapere sornione: “Il prossimo premier? Deve essere pro-Brexit”.

Ultima ora

08:33Scoperta enorme discarica rifiuti tossici, arresti

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Una cava dismessa in provincia di Latina trasformata in un'enorme discarica per rifiuti tossici, decine di camion e macchinari utilizzati per il trasporto e l'interramento immediato delle sostanze pericolose. E' quanto ha scoperto la Polizia al termine di un'inchiesta che ha portato all'arresto di una ventina di persone accusate, a vario titolo, di far parte di un'associazione dedita al traffico illecito di rifiuti pericolosi. I provvedimenti sono stati emessi dal giudice del tribunale di Roma su richiesta della Dda. I poliziotti hanno scoperto che a partire da marzo del 2016 l'organizzazione aveva trasformato una cava di pozzolana dismessa da anni in una enorme discarica dove far sparire le sostanze pericolose. I rifiuti arrivavano a bordo di decine di veicoli pesanti, anche di notte, e venivano immediatamente interrati con delle pale meccaniche, in modo da far sparire ogni traccia.

07:34Tratta: nel mondo una vittima su 4 è bambino o adolescente

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il fenomeno della tratta e dello sfruttamento di minori nel mondo è largamente sommerso, ma i dati disponibili in 106 Paesi sono allarmanti. Su 63.251 casi rilevati, ben 17.710 (uno su 4) riguardano bimbi o adolescenti, con una larga prevalenza femminile (12.650). E' quanto emerge dal dossier "Piccoli Schiavi Invisibili 2017" di Save the Children. Il fenomeno è radicato anche nell'Ue, dove risultano almeno 15.846 vittime, di cui le donne sono il 76% e i minori il 15%. Le principali forme di sfruttamento sono la prostituzione (67%) e il lavoro (21%) soprattutto in ambito agricolo, manifatturiero, edile, domestico e nella ristorazione. In Italia, nel 2016, le vittime di tratta censite e inserite in programmi di protezione sono state 1.172, di cui 954 donne e 111 bambini e adolescenti, in gran parte femmine (84%). Le vittime under 18 sono soprattutto nigeriane (67%) e lo sfruttamento sessuale rappresenta la maggioranza dei casi, con un andamento crescente.

01:02Senato respinge revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON 27 LUG - Il Senato degli Stati Uniti ha bocciato il testo presentato dai repubblicani per la semplice revoca della maggior parte della riforma sanitaria detta Obamacare senza prevedere un testo che la sostituisca. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto con 45 voti favorevoli e 55 voti contrari. Il senato ha già dato il via libera alla discussione su un nuovo testo da mettere a punto per sostituire la riforma sanitaria di Obama, visto che quello già elaborato non è andato avanti per le divisioni dei repubblicani.

00:29Tunisia: passa la legge contro la violenza sulle donne

(ANSAmed) - TUNISI, 26 LUG - Voto storico a Tunisi. Dopo un iter parlamentare accidentato e ostacolato da rinvii che avevano fatto temere un fallimento, il parlamento tunisino ha approvato all'unanimità con 146 voti a favore la legge organica contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. Quarantatrè articoli divisi in 5 capitoli per fornire misure efficaci per lottare contro ogni forma di violenza o sopruso basato sul genere. Il testo ha l'obiettivo di garantire alla donna il rispetto della dignità e assicurare l'uguaglianza tra i sessi, garantita dalla Costituzione, attraverso un approccio globale basato sulla prevenzione, la punizione dei colpevoli e la protezione delle vittime. La legge punta inoltre ad eliminare ogni forma di disuguaglianza tra i sessi anche sul lavoro.

00:27Calcio: Champions League, Nizza-Ajax 1-1

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Mario Balotelli a segno, ma il Nizza non riesce ad imporsi sull'Ajax che dalla Costa Azzurra porta via un prezioso 1-1 nell'andata di una delle gare del terzo turno preliminare di Champions League. Al vantaggio rossonero al 32' grazie all'attaccante italiano, infatti, i Lancieri hanno risposto al 4' della ripresa con van de Beek. Mercoledì prossimo la gara di ritorno che varrà l'accesso ai playoff. Tra gli altri risultati delle gare di oggi, da segnalare lo 0-0 fra gli scozzesi del Celtic e i norvegesi del Rosenborg e il 3-1 degli ucraini della Dynamo Kiev sugli svizzeri dello Young Boys.

00:03Sci: Italia Team, operata l’azzurra Marsaglia

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Francesca Marsaglia è stata operata presso la clinica La Madonnina, a Milano, per una sindrome pubico-inguinale che le impediva di allenarsi con regolarità. Lo rende noto la Federsci precisando che l'operazione è stata effettuata dal dottor Gianpiero Campanelli, sotto la supervisione della Commissione medica della Fisi. La 27enne sciatrice azzurra dovrà ora osservare una decina di giorni di riposo assoluto e ricominciare gradualmente la preparazione: l'obiettivo, conclude la Fisi, è quello di presentarsi regolarmente alla partenza del viaggio sudamericano con destinazione Ushuaia (Argentina), ad inizio settembre.

23:28Calcio: 1-0 al Lille di Bielsa, il “Bortolotti” all’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Atalanta di Gian Piero Gasperini ha vinto la ventitreesima edizione del trofeo "Achille e Cesare Bortolotti", intitolato alla memoria dei due presidenti scomparsi, battendo per 1-0 il Lille di Marcelo Bielsa davanti a poco meno di diecimila spettatori. A segno nel primo tempo Cristante (14') che controlla e di esterno destro piazza sotto la traversa l'assist con scavetto di Gomez. Nella ripresa, Gollini salva il risultato parando a Benzia un rigore concesso per un contatto fra Palomino e Ponce. Per i nerazzurri una prova discreta in attesa delle altre sgambate internazionali: quella con il Borussia Dortmund del primo agosto ad Altach (19.30) e quella a Valencia l'11 dello stesso mese. Da giovedì, intanto, squadra a San Gallo per la seconda fase della preparazione.

Archivio Ultima ora