Rio 2016, è corsa contro il tempo sotto al Corcovado

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

Un'immagine di come apparirà la location olimpica

Un’immagine di come apparirà la location olimpica

ROMA. – Un mese a quella che, visto lo scenario naturale, era stata presentata come l’Olimpiade più bella della storia. Sotto il Cristo del Corcovado i problemi non sono stati risolti e a Rio de Janeiro è corsa contro il tempo.

E’ cominciato il countdown in attesa della cerimonia di apertura del 5 agosto al Maracanà, quando l’ultimo tedoforo accenderà la fiamma del tripode. L’onore dovrebbe toccare a Pelè, se supererà l’handicap, agli occhi di chi deve decidere, di non essere mai stato atleta olimpico. Nota curiosa è che poi il braciere olimpico non rimarrà nello stadio carioca, ma verrà spostato in un punto ancora tenuto segreto del centro della metropoli.

Gli impianti delle gare sono praticamente pronti, comprese le strutture mobili sulla spiaggia di Copacabana per il beach volley, mentre la linea 4 della metropolitana dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) essere inaugurata l’1 agosto anche se non arriverà fino al Parco Olimpico di Barra da Tijuca.

Del resto il Brasile, e Rio in particolare, rimane la terra del ‘dia dia’, quindi si procede a vista, giorno per giorno complice la pesante recessione economica in atto, cercando di fare il possibile per evitare gli imprevisti. Il tutto tenendo presente che lo stato di Rio, in pratica la regione carioca, è in bancarotta e quindi gli ultimi contributi finanziari dovranno arrivare direttamente dal governo federale.

Di sicuro c’è che nessuno degli obiettivi di risanamento ambientale che erano tra i punti forti del dossier che valse i Giochi alla ‘Cidade Maravilhosa’ verrà rispettato. Niente risanamento delle acque della baia di Guanabara, dove si svolgeranno le gare di vela. Qualcosa è stato fatto, visto che il lavoro delle 7 stazioni ecologiche hanno fatto salire dal 16 al 48% il tasso di acque definibili ‘pulite’, ma si è rimasti lontani dall’obiettivo dell’80% garantito a suo tempo al Cio.

Lo stesso discorso vale per la Lagoa Rodrigo Freitas, suggestivo campo di gara del canottaggio: avrebbe dovuto diventare balneabile, invece c’è augurarsi che nessun atleta cada in acqua. Durante le gare della preolimpica dello scorso anno si sentirono male in due.

Ancora peggio va la laguna di Jacarepaguà che lambisce il Parco Olimpico e dove si scaricano i liquami delle fogne della zona ovest della città. Nel settembre del 2015 una tonnellata di pesci morti fu tirata fuori da queste acque, e se la cosa si ripetesse durante i Giochi la figuraccia sarebbe planetaria: per questo gli organizzatori tremano.

Ma nonostante tutto l’attesa cresce, così come la corsa all’acquisto dei biglietti che finora non aveva dato i risultati sperati, a parte quelli per la cerimonia d’apertura e per le partite della Selecao di calcio e pallavolo.

Ma l’apertura di alcuni punti vendita dei ticket olimpici in zone strategiche e shopping center della città, dove questi tagliandi possono anche essere scambiati, ha fatto sì che l’interesse del grande pubblico aumentasse e ora ci si attende buoni, se non ottimi, risultati dal punto di vista delle presenze.

Rimane da risolvere, agli occhi di chi verrà da fuori, il problema del virus Zika, non così sentito dai carioca un po’ perchè ci sono abituati, e quindi sanno anche come prevenire, un po’ perchè quando ci sarà l’Olimpiade sarà inverno e quindi i rischi di contagio si abbasseranno.

Molto più serio sembra invece il problema della sicurezza, rilanciato dalle recenti aggressioni e rapine ai danni di velisti di varie nazionalità che si stavano allenando, o semplicemente passeggiando, in alcune zone della città.

Il governo prevede di risolverlo, come già due anni fa all’epoca dei Mondiali di calcio, con l’impiego massiccio dei militari, e da questo punto promette di non badare a spese anche se i sindacati di polizia hanno già fatto presente che non ci sono più soldi nemmeno per la benzina della auto.

Ma di una cosa il Brasile della Presidentessa Dilma sotto impeachment si dice certo: dimostrerà che non è solo ‘futebol arte’, favelas, samba e Carnevale, ma anche e soprattutto un paese fatto di gente straordinaria.

(di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

18:44Attacco Londra: capo Fbi, in Usa mille persone indagate

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Ci sono circa mille casi di persone negli Stati Uniti che stiamo indagando" che potrebbero essere state ispirate dall'Isis. Lo ha affermato il direttore dell'Fbi, James Comey, nel corso di una conferenza sull'antiterrorismo ad Austin, in Texas, come riportano i media Usa. "La cosa che mi tiene sveglio la notte - ha aggiunto Comey - e' la preoccupazione che ci posa essere qualcuno nel Paese che possa portare a termine un attacco terroristico".

18:41Tir fuori controllo in A/1 nel Fiorentino,denunciato autista

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAR - Paura sull'autostrada A/1, in provincia di Firenze, per un tir che procedeva a zig zag in direzione Sud, passando continuamente da una corsia di marcia all'altra. La polizia stradale, avvisata da alcuni automobilisti impauriti, ha intercettato il mezzo e lo ha bloccato all'altezza dello svincolo di Valdarno, dopo un inseguimento di circa 20 chilometri. L'autista, un uomo originario dell'Ucraina, ubriaco, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e per lui è scattato il ritiro della patente. Sequestrato il tir. Il mezzo pesante è stato avvistato dalla stradale poco prima del casello di Incisa. Poiché la coda del mezzo dondolava da una corsia all' altra, la pattuglia della stradale "ha attivato la procedura della safety car". La vettura della polizia si è posizionata al centro della carreggiata, dietro al tir, in modo da impedire agli altri veicoli di sorpassare. L'autista ha proseguito la sua corsa per circa 20 chilometri, fino a che la stradale non lo ha affiancato.

18:38Clima: Onu, Guterres, ‘cambiamento climatico innegabile’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Il cambiamento climatico e innegabile e le azioni per contrastarlo non possono essere fermate". Lo ha detto il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres aprendo un incontro ad alto livello al Palazzo di Vetro sul rapporto tra clima e sviluppo sostenibile. "Ogni mese sempre piu' paesi trasformano gli impegni presi a Parigi in piani di azione nazionali sul clima. Citta' e imprese fanno da apripista, perche' riconoscono non solo la minaccia ma anche i benefici del lavoro fatto per limitare l'aumento delle temperature globali", ha detto Guterres con una frecciata implicita agli Usa di Donald Trump: "Anche se qualche governo ha fatto marcia indietro, l'effetto combinato delle azioni di autorità subnazionali, mondo degli affari e societa' civile ha creato una spinta inarrestabile" nella lotta al climate change.

18:24Denise: madre riceve tessera sanitaria figlia, che tristezza

(ANSA) - PALERMO, 23 MAR - "Che tristezza vedere, dentro la cassetta della posta, una busta con la nuova e rinnovata tessera sanitaria di Denise, purtroppo mai utilizzata. In alcuni casi, per lo Stato italiano, gli scomparsi esistono, per altri... si sarebbero eclissati, o forse mai esistiti". Lo scrive su Facebook Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, la bimba scomparsa da Mazara del Vallo l'1 settembre di tredici anni fa, mentre giocava sul marciapiedi di casa. Il post ha oltre 1400 ''mi piace''. Ancora oggi di Denise, che al momento del sequestro non aveva compiuto quattro anni, non si sa nulla. (ANSA).

18:20Terremoti: scossa 2,3 gradi registrata in Friuli

(ANSA) - TRIESTE, 23 MAR - Una scossa di terremoto di magnitudo 2,3 gradi Richter è stata registrata alle ore 14.11 in Friuli Venezia Giulia. L'epicentro è stato rilevato in una zona a due chilometri a Sud-Sudest di Venzone (Udine), a una profondità stimata a 13 chilometri, secondo le rilevazioni del centro di ricerche sismologiche dell'Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale (Ogs).

17:54Bruciore agli occhi e nausea, allarme rientrato per studenti

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 23 MAR - Allarme rientrato per gli studenti della scuola media di Riccione dove in mattinata una ventina di ragazzini di due classi (una prima e una seconda) hanno iniziato ad accusare sintomi come bruciore agli occhi, irritazioni cutanee e prurito. Portati negli ospedali di Rimini e Riccione per accertamenti, sono già tornati a casa. All'interno della scuola non sono state trovate sostanze che possano aver causato le reazioni sui ragazzi. È possibile che si sia trattato di un'allergia da contatto legata a qualche agente che potrebbe essersi trovato fuori dall'istituto. Contrariamente a quanto si era appreso in mattinata, la scuola non è stata totalmente evacuata, ma sono stati fatti uscire solo gli studenti che accusavano i sintomi. Le lezioni sono proseguite regolarmente. (ANSA).

17:49Criminalità, catturato in Spagna latitante Dicuonzo

(ANSA) - MILANO, 23 MAR - E' stato catturato vicino a Valencia dai carabinieri del Ros di Milano, in collaborazione con la Guardia Civil di Madrid, Vincenzo Dicuonzo, 36 anni, latitante dal 2014 perché coinvolto nell'inchiesta "Pavone", su un traffico internazionale di droga. L'inchiesta, condotta dal pm Marcello Musso, aveva visto coinvolto anche Francesco Castriotta, latitante per oltre sei anni, catturato sempre in Spagna dai carabinieri del Ros all' inizio di quest'anno. Le indagini nei confronti di Dicuonzo avevano scoperto l'esistenza di un gruppo che operava tra Milano e la Puglia (Barletta, Trani) e in collegamento col boss del narcotraffico Guglielmo Fidanzati.

Archivio Ultima ora