Rio 2016, è corsa contro il tempo sotto al Corcovado

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

Un'immagine di come apparirà la location olimpica

Un’immagine di come apparirà la location olimpica

ROMA. – Un mese a quella che, visto lo scenario naturale, era stata presentata come l’Olimpiade più bella della storia. Sotto il Cristo del Corcovado i problemi non sono stati risolti e a Rio de Janeiro è corsa contro il tempo.

E’ cominciato il countdown in attesa della cerimonia di apertura del 5 agosto al Maracanà, quando l’ultimo tedoforo accenderà la fiamma del tripode. L’onore dovrebbe toccare a Pelè, se supererà l’handicap, agli occhi di chi deve decidere, di non essere mai stato atleta olimpico. Nota curiosa è che poi il braciere olimpico non rimarrà nello stadio carioca, ma verrà spostato in un punto ancora tenuto segreto del centro della metropoli.

Gli impianti delle gare sono praticamente pronti, comprese le strutture mobili sulla spiaggia di Copacabana per il beach volley, mentre la linea 4 della metropolitana dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) essere inaugurata l’1 agosto anche se non arriverà fino al Parco Olimpico di Barra da Tijuca.

Del resto il Brasile, e Rio in particolare, rimane la terra del ‘dia dia’, quindi si procede a vista, giorno per giorno complice la pesante recessione economica in atto, cercando di fare il possibile per evitare gli imprevisti. Il tutto tenendo presente che lo stato di Rio, in pratica la regione carioca, è in bancarotta e quindi gli ultimi contributi finanziari dovranno arrivare direttamente dal governo federale.

Di sicuro c’è che nessuno degli obiettivi di risanamento ambientale che erano tra i punti forti del dossier che valse i Giochi alla ‘Cidade Maravilhosa’ verrà rispettato. Niente risanamento delle acque della baia di Guanabara, dove si svolgeranno le gare di vela. Qualcosa è stato fatto, visto che il lavoro delle 7 stazioni ecologiche hanno fatto salire dal 16 al 48% il tasso di acque definibili ‘pulite’, ma si è rimasti lontani dall’obiettivo dell’80% garantito a suo tempo al Cio.

Lo stesso discorso vale per la Lagoa Rodrigo Freitas, suggestivo campo di gara del canottaggio: avrebbe dovuto diventare balneabile, invece c’è augurarsi che nessun atleta cada in acqua. Durante le gare della preolimpica dello scorso anno si sentirono male in due.

Ancora peggio va la laguna di Jacarepaguà che lambisce il Parco Olimpico e dove si scaricano i liquami delle fogne della zona ovest della città. Nel settembre del 2015 una tonnellata di pesci morti fu tirata fuori da queste acque, e se la cosa si ripetesse durante i Giochi la figuraccia sarebbe planetaria: per questo gli organizzatori tremano.

Ma nonostante tutto l’attesa cresce, così come la corsa all’acquisto dei biglietti che finora non aveva dato i risultati sperati, a parte quelli per la cerimonia d’apertura e per le partite della Selecao di calcio e pallavolo.

Ma l’apertura di alcuni punti vendita dei ticket olimpici in zone strategiche e shopping center della città, dove questi tagliandi possono anche essere scambiati, ha fatto sì che l’interesse del grande pubblico aumentasse e ora ci si attende buoni, se non ottimi, risultati dal punto di vista delle presenze.

Rimane da risolvere, agli occhi di chi verrà da fuori, il problema del virus Zika, non così sentito dai carioca un po’ perchè ci sono abituati, e quindi sanno anche come prevenire, un po’ perchè quando ci sarà l’Olimpiade sarà inverno e quindi i rischi di contagio si abbasseranno.

Molto più serio sembra invece il problema della sicurezza, rilanciato dalle recenti aggressioni e rapine ai danni di velisti di varie nazionalità che si stavano allenando, o semplicemente passeggiando, in alcune zone della città.

Il governo prevede di risolverlo, come già due anni fa all’epoca dei Mondiali di calcio, con l’impiego massiccio dei militari, e da questo punto promette di non badare a spese anche se i sindacati di polizia hanno già fatto presente che non ci sono più soldi nemmeno per la benzina della auto.

Ma di una cosa il Brasile della Presidentessa Dilma sotto impeachment si dice certo: dimostrerà che non è solo ‘futebol arte’, favelas, samba e Carnevale, ma anche e soprattutto un paese fatto di gente straordinaria.

(di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

12:29Totti: Lotti, mi auguro grande festa per lui domani

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAG - "Totti non si discute, è un grande campione. Domani mi auguro che sarà per lui una grande festa, come è giusto che sia, e come sono convinto che l'Olimpico gli tributerà". Lo ha detto il ministro per lo sport Luca Lotti, rispondendo ai giornalisti sull'ultima partita in maglia giallorossa del capitano della Roma. Il ministro è intervenuto oggi a margine di una premiazione organizzata dal comitato toscano dilettanti, al centro tecnico di Coverciano a Firenze.

12:23G7: su Russia i sette pronti a ‘ulteriori azioni’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Nella dichiarazione finale del G7 i grandi si impegneranno a prendere 'ulteriori azioni' nei confronti della Russia se non rispetta gli accordi di Minsk sull'Ucraina. Lo riferiscono fonti vicine al dossier, precisando che la discussione sulla Russia si tiene oggi. Sulla necessità di non levare le sanzioni a Mosca ci sarebbe quindi anche l'accodo degli Usa.

12:22Filippine: esercito bombarda Marawi, bandiere bianche civili

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - Nei combattimenti di Marawi l'esercito filippino sta impiegando contro gli estremisti affiliati all'Isis anche bombardamenti aerei, mentre da alcuni edifici della città di 200 mila abitanti sono spuntate bandiere bianche sventolate da civili. Lo hanno riferito all'Associated Press alcuni testimoni. Con il bilancio ufficiale delle vittime fermo a 44 da ieri mattina (ma probabilmente già aumentato sul campo), gli scontri proseguono senza sosta tra le truppe di Manila e un centinaio di militanti armati appartenenti ai gruppi Maute e Abu Sayyaf, entrambi affiliati all'Isis. Un portavoce dell'esercito ha annunciato che le operazioni andranno avanti "fino a che la città sarà ripulita" dai combattenti che da martedì pongono assedio a Marawi, in seguito al blitz fallito delle forze di sicurezza per catturare uno dei loro comandanti. Nonostante migliaia di residenti abbiano lasciato la città, in molti sono rimasti nelle proprie case.

12:20Migranti: fiori e tedesco per integrazione profughi

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAG - Hanno appreso primi rudimenti della lingua tedesca assieme a nozioni di floristica e cura dei giardini: sono 13 ragazzi profughi, richiedenti asilo in Alto Adige. Grazie ad un progetto organizzato dall'ufficio educazione permanente del dipartimento cultura tedesca in collaborazione con la scuola professionale Laimburg, e in sinergia con l'associazione dei giardinieri altoatesini, hanno compiuto un corso a moduli e uno stage presso 8 giardinerie in Alto Adige. In precedenza i ragazzi avevano acquisito i comportamenti corretti per la sicurezza sul lavoro. Ora sono pronti per una chiamata all'opera. Gli assessori provinciali di Bolzano Philipp Achammer e Arnold Schuler si sono complimentati con i corsisti e hanno consegnato loro gli attestati di frequenza del percorso formativo nell'ambito di una piccola festa.

12:18Migranti:altre due navi arrivate in Calabria,in una 32 salme

(ANSA) - CROTONE, 27 MAG - È approdata questa mattina nel porto di Crotone la nave Phoenix, dell'organizzazione non governativa Moas, con a bordo 600 migranti, tra i quali 150 bambini non accompagnati. La nave trasporta anche le salme di 32 persone morte nel naufragio dei giorni scorsi al largo della Libia, tra cui quelle di alcuni bambini. Le operazioni di sbarco e di assistenza ai migranti sono coordinate dalla Prefettura di Crotone. Un altro gruppo di 481 migranti é giunto, sempre stamattina, nel porto di Reggio Calabria a bordo della nave "Sirio" della Marina Militare. Quattro dei migranti sono stati ricoverati in ospedale per patologie varie. Le due navi sarebbero dovute approdare in Sicilia, ma sono state dirottate in Calabria per il blocco disposto per il G7 di Taormina. Ieri, per lo stesso motivo, erano approdate in Calabria altre quattro navi, con a bordo, complessivamente, 1.669 migranti. (ANSA).

12:15G7: anche Merkel cancella conferenza stampa finale

(ANSA) - Taormina, 27 MAG - Anche la cancelliera Angela Merkel, come il presidente Usa Donald Trump, rinuncia alla conferenza stampa finale della delegazione tedesca al G7. La Merkel avrà solo un breve colloquio con i giornalisti tedeschi, non con la stampa internazionale. Come nel caso di Trump, a Taormina si rincorrono ipotesi per spiegare la decisione di cancellare la conferenza stampa: ieri i due leader hanno avuto una discussione, definita "vivace e franca" dalla Merkel, senza replicare frontalmente alle accuse di Trump alle pratiche commerciali tedesche.

12:13G7: unica dichiarazione su clima, ‘più tempo agli Usa’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Sulla questione del clima ci sarà "un'unica dichiarazione a sette" al termine del G7, nella quale i sei altri partner si impegnano "a lasciare più tempo agli Usa per prendere una decisione sull'accordo di Parigi". Lo riferiscono fonti del G7.

Archivio Ultima ora