Rio 2016, è corsa contro il tempo sotto al Corcovado

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

Un'immagine di come apparirà la location olimpica

Un’immagine di come apparirà la location olimpica

ROMA. – Un mese a quella che, visto lo scenario naturale, era stata presentata come l’Olimpiade più bella della storia. Sotto il Cristo del Corcovado i problemi non sono stati risolti e a Rio de Janeiro è corsa contro il tempo.

E’ cominciato il countdown in attesa della cerimonia di apertura del 5 agosto al Maracanà, quando l’ultimo tedoforo accenderà la fiamma del tripode. L’onore dovrebbe toccare a Pelè, se supererà l’handicap, agli occhi di chi deve decidere, di non essere mai stato atleta olimpico. Nota curiosa è che poi il braciere olimpico non rimarrà nello stadio carioca, ma verrà spostato in un punto ancora tenuto segreto del centro della metropoli.

Gli impianti delle gare sono praticamente pronti, comprese le strutture mobili sulla spiaggia di Copacabana per il beach volley, mentre la linea 4 della metropolitana dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) essere inaugurata l’1 agosto anche se non arriverà fino al Parco Olimpico di Barra da Tijuca.

Del resto il Brasile, e Rio in particolare, rimane la terra del ‘dia dia’, quindi si procede a vista, giorno per giorno complice la pesante recessione economica in atto, cercando di fare il possibile per evitare gli imprevisti. Il tutto tenendo presente che lo stato di Rio, in pratica la regione carioca, è in bancarotta e quindi gli ultimi contributi finanziari dovranno arrivare direttamente dal governo federale.

Di sicuro c’è che nessuno degli obiettivi di risanamento ambientale che erano tra i punti forti del dossier che valse i Giochi alla ‘Cidade Maravilhosa’ verrà rispettato. Niente risanamento delle acque della baia di Guanabara, dove si svolgeranno le gare di vela. Qualcosa è stato fatto, visto che il lavoro delle 7 stazioni ecologiche hanno fatto salire dal 16 al 48% il tasso di acque definibili ‘pulite’, ma si è rimasti lontani dall’obiettivo dell’80% garantito a suo tempo al Cio.

Lo stesso discorso vale per la Lagoa Rodrigo Freitas, suggestivo campo di gara del canottaggio: avrebbe dovuto diventare balneabile, invece c’è augurarsi che nessun atleta cada in acqua. Durante le gare della preolimpica dello scorso anno si sentirono male in due.

Ancora peggio va la laguna di Jacarepaguà che lambisce il Parco Olimpico e dove si scaricano i liquami delle fogne della zona ovest della città. Nel settembre del 2015 una tonnellata di pesci morti fu tirata fuori da queste acque, e se la cosa si ripetesse durante i Giochi la figuraccia sarebbe planetaria: per questo gli organizzatori tremano.

Ma nonostante tutto l’attesa cresce, così come la corsa all’acquisto dei biglietti che finora non aveva dato i risultati sperati, a parte quelli per la cerimonia d’apertura e per le partite della Selecao di calcio e pallavolo.

Ma l’apertura di alcuni punti vendita dei ticket olimpici in zone strategiche e shopping center della città, dove questi tagliandi possono anche essere scambiati, ha fatto sì che l’interesse del grande pubblico aumentasse e ora ci si attende buoni, se non ottimi, risultati dal punto di vista delle presenze.

Rimane da risolvere, agli occhi di chi verrà da fuori, il problema del virus Zika, non così sentito dai carioca un po’ perchè ci sono abituati, e quindi sanno anche come prevenire, un po’ perchè quando ci sarà l’Olimpiade sarà inverno e quindi i rischi di contagio si abbasseranno.

Molto più serio sembra invece il problema della sicurezza, rilanciato dalle recenti aggressioni e rapine ai danni di velisti di varie nazionalità che si stavano allenando, o semplicemente passeggiando, in alcune zone della città.

Il governo prevede di risolverlo, come già due anni fa all’epoca dei Mondiali di calcio, con l’impiego massiccio dei militari, e da questo punto promette di non badare a spese anche se i sindacati di polizia hanno già fatto presente che non ci sono più soldi nemmeno per la benzina della auto.

Ma di una cosa il Brasile della Presidentessa Dilma sotto impeachment si dice certo: dimostrerà che non è solo ‘futebol arte’, favelas, samba e Carnevale, ma anche e soprattutto un paese fatto di gente straordinaria.

(di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

13:44Maltempo: Regione Marche diffida l’Enel

(ANSA) - ANCONA, 24 GEN - ''Presenteremo una diffida alla procura della repubblica per interruzione di pubblico servizio da parte dell'Enel. Sono ancora 150 le utenze interrotte nell'Ascolano. La situazione non è più sostenibile. La popolazione è allo stremo delle forze dopo giorni e giorni senza corrente elettrica e riscaldamento. A nulla sono valsi i ripetuti appelli rivolti all'Enel per risolvere il problema''. Lo afferma l'assessore alla Protezione civile delle Marche Angelo Sciapichetti, che segue costantemente la situazione dell'emergenza neve, aggravata dalle ultime scosse sismiche.

13:39Italicum: presidente Corte Costituzionale chiede ‘brevità’

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Procede l'udienza a Palazzo della Consulta sul giudizio di legittimità costituzionale dell' Italicum. Dopo una breve camera di consiglio, i giudici hanno escluso le istanze di costituzione avanzate dal Codacons e da altri cittadini elettori. La giornata è iniziata con gli interventi dei legali che chiedevano di essere ammessi come parti del giudizio. Interventi punteggiati dalle raccomandazioni del presidente della Corte, Paolo Grossi, che ha suggerito "brevità" e di "attenersi ai ricorsi". La parola è passata ora agli avvocati anti-Italicum. Da Grossi è arrivata la preghiera di concludere per "non esasperare la Corte", infine il rimprovero: "sta abusando della nostra pazienza". Così il presidente della Corte, Grossi, in un acceso scambio con il primo degli avvocati anti-Italicum, Vincenzo Palumbo, ha ammonito anche gli altri legali che si apprestano a prendere la parola. Grossi ha fatto due raccomandazioni: essere sintetici nelle esposizioni delle ragioni di ricorso e non riproporre le stesse argomentazioni.

13:20Sci: gigante San Vigilio con 7 azzurre in 2/a manche

(ANSA) - San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones (Bolzano), 24 gen - Sono ben sette le azzurre classificatesi tra le migliori trenta nella 1/a manche dello slalom gigante di cdm di San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones ed ammesse pertanto alla 2/a decisiva manche alle ore 12,30. Sono Federica Brignone 1/a, Marta Bassino 3/a, Sofia Goggia 7/a, Elena Curtoni 14/a, Francesca Marsaglia 15/a, Manuela Moelgg 17/a e Irene Curtoni 18/a.

13:12Tennis: sarà “derby” svizzero Federer-Wawrinka

ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Derby" svizzero nelle semifinali maschili degli Australian Open di tennis, con la sfida fra Roger Federer e Stanislas Wawrinka, in campo giovedì. "Derby" che va ad aggiungersi a quello nel torneo femminile fra le statunitensi Venus Williams e Coco Vandeweghe. Il numero 17 del mondo e del tabellone ha sconfitto il tedesco Mischa Zverev, n. 50, per 6-1, 7-5, 6-2; Wawrinka, n. 4, ha prevalso sul francese Jo-Wilfried Tsonga, n. 12, per 7-6, 6-4, 6-3. Sarà il 22/o confronto fra i due campioni elvetici, con Federer avanti 18-3.

13:11Terremoto: Cantone e Errani a Palazzo Chigi

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Il presidente dell'Anac Raffaele Cantone è a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Nella sede del governo è giunto anche il commissario per il terremoto Vasco Errani.

13:07Terremoto: Marche, solo 2 stalle in 5 mesi su 370 necessarie

(ANSA) - ANCONA, 24 GEN - A cinque mesi dal sisma sono due le stalle mobili completate sulle 370 necessarie per gli allevatori terremotati delle Marche, ovvero lo 0,5 per cento del totale, mentre mancano ancora 150 moduli fienile, necessari per stoccare il foraggio per gli animali. Lo denuncia la Coldiretti regionale, nel tracciare un bilancio dei danni nelle campagne colpite dal terremoto iniziato il 24 agosto scorso, sulla base dei dati forniti dalla Regione Marche. Ai danni materiali e alla perdita di vite umane si somma ''una vera e propria strage di bestiame in una situazione in cui solo nelle Marche, denuncia la Coldiretti, si contano 600 mucche e 5 mila pecore al freddo nelle neve senza ripari, per i ritardi accumulati, aggravati dal maltempo''. "Davanti ad un disastro annunciato ci muoveremo per individuare le responsabilità e agire di conseguenza insieme ai nostri allevatori''.

13:04Terremoto: ad Arquata centro con fondi consiglieri M5S

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Un centro polifunzionale destinato alla popolazione del Comune di Arquata del Tronto sarà allestita con i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali marchigiani del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi. Lo comunicano i deputati M5S eletti nelle marche Andrea Cecconi, Donatella Agostinelli e Patrizia Terzoni. "Un luogo pubblico destinato a primo ricovero e punto di ritrovo in caso di sisma, a centro culturale e a luogo di ricovero delle opere d'arte che fanno parte di questo nostro territorio. La delibera della giunta del Comune ha appena stabilito che i 100 mila euro raccolti dai consiglieri regionali del M5S attraverso il taglio dei loro stipendi, saranno destinati alla realizzazione di un centro polifunzionale. Ringraziamo i nostri cittadini portavoce per questo gesto di attenzione e solidarietà nei confronti della comunità marchigiana che ha pagato il maggior tributo di sangue al terremoto che ha colpito il centro Italia il 24 agosto scorso", si legge nella nota.(ANSA).

Archivio Ultima ora