Amianto: un anno reclusione e 1 mln euro per morte operaio

(ANSA) – TRENTO, 6 LUG – Condanna a un anno di reclusione, sospeso, e a un risarcimento di oltre un milione di euro per la morte di un operaio a causa dell’amianto. È arrivata ieri per Fernando Cioffi, ex presidente dell’Ospedalino degli angeli di Trento per il decesso, avvenuto nel 2009 per un tumore, di Paolino Tonidandel, 67 anni, manutentore di Fai della Paganella. L’uomo lavorò per un totale di 37 anni sui tetti prima dell’ex ospedalino di via della Collina, poi di quello di Mezzolombardo, tra il 1976 e il 1982. Il mesotelioma pleurico gli venne diagnosticato nel 2008. Dopo un proscioglimento iniziale, la Cassazione aveva accolto nel 2014 il ricorso dei legali della famiglia Tonidandel. Ieri la sentenza immediatamente esecutiva del giudice Enrico Borrelli per Cioffi, che assegna 533.000 euro a testa ai due figli dell’operaio.

Condividi: