Berlusconi lascia l’ospedale. Prova dolorosa ma il leader sono ancora io

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

Italian former Premier and leader of centre-right Forza Italia party Silvio Berlusconi is discharged from San Raffaele Hospital after his June 14 heart surgery, Milan, Italy, 05 July 2016. Berlusconi had the operation to replace a faulty aortic valve that had threatened his life. ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

Italian former Premier and leader of centre-right Forza Italia party Silvio Berlusconi is discharged from San Raffaele Hospital after his June 14 heart surgery, Milan, Italy, 05 July 2016. Berlusconi had the operation to replace a faulty aortic valve that had threatened his life. ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

ROMA.- “Una prova molto dolorosa”. Seppur indebolito dall’operazione per la sostituzione della valvola aortica e dal mese di degenza al San Raffaele, Silvio Berlusconi non rinuncia a intrattenersi con i giornalisti che lo attendono all’uscita della struttura ospedaliera.

Con accanto il fidatissimo Valentino Valentini, capo della sua segreteria, il leader di Forza Italia racconta quasi stupito le sofferenze che ha dovuto sopportare: “Non credevo di affrontare molto male”.

Il Cavaliere si prepara ora a proseguire il percorso riabilitativo ad Arcore sempre seguito dal personale del San Raffaele. Ed è proprio grazie ai buoni risultati ottenuti con l’inizio della riabilitazione che l’ex capo del governo ha potuto lasciare anticipatamente l’ospedale. E si è concesso, a sorpresa, una breve passeggiata a Villa Gernetto.

Certo, i tempi di ripresa non sono brevissimi, si parla di due mesi, ed il leader di Fi è il primo ad esserne consapevole. Il ritorno a casa però rappresenta un segnale importante per il partito. L’imperativo per Berlusconi resta sempre quello del riposo assoluto senza nessuna possibilità per ora di tornare ai ritmi di lavoro di un tempo.

Le decisioni sono appaltate al direttorio composto dalla famiglia e dai fedelissimi che si occupano di gestire Fi e dettare la linea del capo. Non è sfuggita, in questo quadro, la ‘bacchettata’ di Pier Silvio Berlusconi al premier Matteo Renzi a cui chiede “un po’ meno televisione e più attenzione alla cose da fare”.

I miglioramenti quotidiani intanto consentono al’ex capo del governo di riprendere in mano i dossier ‘più caldi’, che vanno dalla riorganizzazione di Forza Italia alla linea politica in vista di appuntamenti importanti come il referendum di ottobre: “Il sistema congiunto della legge elettorale e della riforma costituzionale potrebbero portare a un governo dei Cinque Stelle”, mette in chiaro l’ex premier che parla di un “tripolarismo pericoloso”.

Che Berlusconi scalpiti per tornare sulla scena non è un mistero, anzi è proprio il Cavaliere a spaziare da temi più politici come le riforme a quelli legati ai suoi interessi come la vendita del Milan. Su una cosa Berlusconi è chiaro e cioè la volontà di tornare sulla scena pubblica per “dare il contributo al Paese”.

Un messaggio rivolto a quanti sia dentro Fi che all’interno del centrodestra ambiscono alla leadership. Sul tema l’ex premier è tranchat: “In Italia c’è una preoccupante carenza di leader. Spero di essere ancora utile agli italiani”.

Insomma, nonostante l’impegno non possa essere più quello di prima, il leader azzurro fa capire di non aver intenzione di farsi da parte, soprattutto pensando all’autunno quando l’esito del referendum potrebbe cambiare il corso della legislatura. Ed è proprio per puntellare la linea di Forza Italia che per giovedì sarebbe in programma ad Arcore una riunione con i due capigruppo Paolo Romani e Renato Brunetta.

Un incontro per fare il punto della situazione e mettere in chiaro che tutta Forza Italia è compatta non solo nel riconoscere la leadership di Berlusconi ma anche nel sostenere la campagna del no al referendum. Questa sera era in programma una riunione dei senatori di Forza Italia che poi si è deciso di rinviare a dopo l’incontro di Romani con il Cavaliere.

Domani invece di senatori azzurri prenderanno parte alla riunione con tutti i loro colleghi dell’area di centrodestra che è all’opposizione (Lega compresa) per discutere di iniziative comuni per la campagna referendaria. Un modo per riallacciare i fili del dialogo che, in particolare con il Carroccio, era ridotto ai minimi termini a causa delle tensioni legate alle elezioni amministrative.

(di Yasmin Inangiray/ANSA)

Ultima ora

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

Archivio Ultima ora