Berlusconi lascia l’ospedale. Prova dolorosa ma il leader sono ancora io

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

Italian former Premier and leader of centre-right Forza Italia party Silvio Berlusconi is discharged from San Raffaele Hospital after his June 14 heart surgery, Milan, Italy, 05 July 2016. Berlusconi had the operation to replace a faulty aortic valve that had threatened his life. ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

Italian former Premier and leader of centre-right Forza Italia party Silvio Berlusconi is discharged from San Raffaele Hospital after his June 14 heart surgery, Milan, Italy, 05 July 2016. Berlusconi had the operation to replace a faulty aortic valve that had threatened his life. ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

ROMA.- “Una prova molto dolorosa”. Seppur indebolito dall’operazione per la sostituzione della valvola aortica e dal mese di degenza al San Raffaele, Silvio Berlusconi non rinuncia a intrattenersi con i giornalisti che lo attendono all’uscita della struttura ospedaliera.

Con accanto il fidatissimo Valentino Valentini, capo della sua segreteria, il leader di Forza Italia racconta quasi stupito le sofferenze che ha dovuto sopportare: “Non credevo di affrontare molto male”.

Il Cavaliere si prepara ora a proseguire il percorso riabilitativo ad Arcore sempre seguito dal personale del San Raffaele. Ed è proprio grazie ai buoni risultati ottenuti con l’inizio della riabilitazione che l’ex capo del governo ha potuto lasciare anticipatamente l’ospedale. E si è concesso, a sorpresa, una breve passeggiata a Villa Gernetto.

Certo, i tempi di ripresa non sono brevissimi, si parla di due mesi, ed il leader di Fi è il primo ad esserne consapevole. Il ritorno a casa però rappresenta un segnale importante per il partito. L’imperativo per Berlusconi resta sempre quello del riposo assoluto senza nessuna possibilità per ora di tornare ai ritmi di lavoro di un tempo.

Le decisioni sono appaltate al direttorio composto dalla famiglia e dai fedelissimi che si occupano di gestire Fi e dettare la linea del capo. Non è sfuggita, in questo quadro, la ‘bacchettata’ di Pier Silvio Berlusconi al premier Matteo Renzi a cui chiede “un po’ meno televisione e più attenzione alla cose da fare”.

I miglioramenti quotidiani intanto consentono al’ex capo del governo di riprendere in mano i dossier ‘più caldi’, che vanno dalla riorganizzazione di Forza Italia alla linea politica in vista di appuntamenti importanti come il referendum di ottobre: “Il sistema congiunto della legge elettorale e della riforma costituzionale potrebbero portare a un governo dei Cinque Stelle”, mette in chiaro l’ex premier che parla di un “tripolarismo pericoloso”.

Che Berlusconi scalpiti per tornare sulla scena non è un mistero, anzi è proprio il Cavaliere a spaziare da temi più politici come le riforme a quelli legati ai suoi interessi come la vendita del Milan. Su una cosa Berlusconi è chiaro e cioè la volontà di tornare sulla scena pubblica per “dare il contributo al Paese”.

Un messaggio rivolto a quanti sia dentro Fi che all’interno del centrodestra ambiscono alla leadership. Sul tema l’ex premier è tranchat: “In Italia c’è una preoccupante carenza di leader. Spero di essere ancora utile agli italiani”.

Insomma, nonostante l’impegno non possa essere più quello di prima, il leader azzurro fa capire di non aver intenzione di farsi da parte, soprattutto pensando all’autunno quando l’esito del referendum potrebbe cambiare il corso della legislatura. Ed è proprio per puntellare la linea di Forza Italia che per giovedì sarebbe in programma ad Arcore una riunione con i due capigruppo Paolo Romani e Renato Brunetta.

Un incontro per fare il punto della situazione e mettere in chiaro che tutta Forza Italia è compatta non solo nel riconoscere la leadership di Berlusconi ma anche nel sostenere la campagna del no al referendum. Questa sera era in programma una riunione dei senatori di Forza Italia che poi si è deciso di rinviare a dopo l’incontro di Romani con il Cavaliere.

Domani invece di senatori azzurri prenderanno parte alla riunione con tutti i loro colleghi dell’area di centrodestra che è all’opposizione (Lega compresa) per discutere di iniziative comuni per la campagna referendaria. Un modo per riallacciare i fili del dialogo che, in particolare con il Carroccio, era ridotto ai minimi termini a causa delle tensioni legate alle elezioni amministrative.

(di Yasmin Inangiray/ANSA)

Ultima ora

21:38Prostituzione: deputato Sicilia,se regolamentata porta soldi

(ANSA) - PALERMO, 16 GEN - "In Sicilia le città, soprattutto quelle metropolitane, sono diventate luoghi dove la criminalità organizzata sfrutta la prostituzione. Non dà la misura della civiltà un Paese che si volta dall'altro lato rispetto a un fenomeno come la prostituzione che se regolamentato porterebbe gettito fiscale e garantirebbe anche verifiche sanitarie". Lo dice in deputato regionale dell'Udc, Vincenzo Figuccia, assessore per un mese nel governo Musumeci, prima delle dimissioni a causa di uno scontro con la maggioranza sugli elevati stipendi dei dipendenti dell'Assemblea siciliana. "Faccio appello al parlamento regionale affinché si intesti una battaglia per una legge nazionale sull'esercizio della prostituzione che riporti decoro nelle nostre città, togliendo dalle grinfie della malavita migliaia di persone - conclude - Paesi cattolici dell'Ue hanno fatto passi importanti per tutelare chi sceglie di prostituirsi. Non è ammissibile che alla criminalità si diano vantaggi incredibili per lucrare anche su questo".

21:08Calcio: Verdi dice no, Napoli vira su Deulofeu e Lucas

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Deulofeu, Lucas, Politano, Inglese. Ricomincia da capo il mercato del Napoli dopo il no di Simone Verdi che ha spiazzato il club azzurro. L'ipotesi tenuta in caldo in questi giorni è quella di Gerard Deulofeu, chiuso al Barcellona, che già conosce la serie A grazie ai sei mesi giocati al Milan. Deulofeu si può strappare ai catalani per circa 18 milioni di euro. Poi c'è Lucas Moura, 25 anni, brasiliano, esterno destro che può giocare anche a sinistra. Più complicata la trattativa con il Sassuolo che ha già detto diverse volte no al Napoli e all'Inter per la cessione di Matteo Politano in questa sessione di mercato. Ma il Napoli potrebbe anche tornare su Roberto Inglese, centravanti in prestito al Chievo. Il no di Verdi ha scatenato una bufera social con tanto di insulti dei tifosi partenopei sui profili del calciatore del Bologna e repliche a distanza dei tifosi emiliani, molti anche a sfondo razzista nei confronti de napoletani.

21:08Calcio: Fiorentina, giovedì test coi dilettanti del Grassina

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - La Fiorentina prosegue la preparazione della trasferta di domenica contro la Samp. Una partita importante per testare le ambizioni europee dei viola e allungare ulteriormente la striscia positiva che dura in campionato da otto partite, due vittorie e sei pareggi di cui due consecutivi al Franchi con Milan e Inter. Raggiungendo contro i blucerchiati il nono risultato utile di fila consecutive, la Fiorentina eguaglierebbe un primato centrato l'ultima volta nel febbraio 2012. Pioli dovrà provarci però senza due pedine importanti quali il capitano David Astori e il centrocampista Jordan Veretout, fermi per squalifica. Il tecnico dei viola sta valutando il modo migliore per sostituirli e non a caso ha fissato per giovedì una partitella a porte chiuse con i dilettanti del Grassina: servirà a testare le varie possibili soluzioni. Sul fronte mercato, in Francia accostano la Fiorentina ad Aguilar del Montpellier, ma si tratta solo di rumors. La società viola è ancora a caccia di una squadra per Sanchez.

21:03Doping: Nado Italia, un anno di stop a Lucioni

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - La prima sezione del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia ha squalificato per un anno il difensore del Benevento, Fabio Lucioni, e per 4 anni il medico del club sannita, Walter Giorgione, per l'utilizzo non consentito della sostanza Colostebol, accogliendo integralmente le richieste della Procura antidoping di Nado Italia. Entrambi i tesserati hanno annunciato ricorso.

20:40Baby gang: Minniti, individuati responsabili ultimi atti

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Possiamo dire di essere sulla buona strada o di aver già individuato i responsabili delle violenze inaccettabili di questi giorni a Napoli. Questo grazie all'aumento dell'efficienza dei mezzi di contrasto, in particolare la videosorveglianza" ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, al termine del vertice con le forze dell'ordine che si è tenuto in prefettura a Napoli. "Non dico che le baby gang siano terroristi, ma usano metodiche di carattere terroristico: quella di colpire perché si è casualmente in un posto. Abbiamo un'assimilazione di metodiche tipiche di altre attività criminali. C'è una violenza nichilista che non ha alcun rispetto per il valore della vita, ed è ancora più drammatico se impatta con dei giovanissimi" ha aggiunto il ministro.

20:30Tobagi: giudice Salvini, omicidio si poteva evitare

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Nella vicenda Tobagi ci sono state certamente delle leggerezze e delle inadempienze. Prima dell'omicidio i carabinieri avevano avuto dei segnali precisi del fatto che Tobagi fosse diventato di nuovo un obiettivo" di un gruppo terroristico che stava nascendo. Se queste informative fossero state valutate con attenzione si sarebbe potuto evitare quello che è successo". Lo ha detto Guido Salvini, giudice milanese, a margine di un incontro all'Associazione lombarda dei giornalisti (Alg) sull'omicidio del giornalista del Corriere della Sera Walter Tobagi, ucciso dal gruppo terroristico XXVIII marzo, il 28 maggio 1980. A sostegno della sua tesi ("i vertici della Procura di Milano e dei carabinieri sapevano che Tobagi era tornato nel mirino dei terroristi, ma sottovalutarono le informative ricevute"), il giudice Salvini ha riferito di due testimonianze raccolte: quella dell'ex generale dell'Arma Nicolò Bozzo ("una persona affidabile e perbene") e dell'ex capitano dei carabinieri Roberto Arlati.

20:25Incidente in ditta: 2 operai morti, altri due gravissimi

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Sono morti due dei 4 operai che questo pomeriggio sono rimasti intossicati da esalazioni tossiche durante le operazioni di pulizia di un forno all'interno di una ditta di materiali ferrosi in via Rho, a Milano. All'arrivo del 118 le loro condizioni erano già disperate, sono morti poco dopo il trasporto in arresto cardiaco all'ospedale di Monza e al Sacco di Milano. Gravissimi gli altri due dipendenti.

Archivio Ultima ora