Italia in ritardo sul web, frena la crisi dei media

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

news

ROMA. – Nel 2015 il 28% degli italiani non ha mai navigato sul web e gli accessi a banda ultralarga sono passati dal 3,8% della popolazione del 2014 ad appena il 5,4%. E’ l’immagine di un Paese in affanno nell’universo Internet scattata dall’Agcom nella Relazione annuale al Parlamento.

I ricavi del settore comunicazioni sono scesi dell’1% a 52,6 miliardi, con un calo dell’1,5% nelle tlc e dell’1,2% nei media, che vedono però una battuta d’arresto nel trend recessivo. Soffre l’editoria, mentre sul fronte tv Sky resta regina dei ricavi e con Mediaset e Rai occupa ancora il 90% del mercato. “L’accesso o il non accesso a Internet può essere il nuovo volto della diseguaglianza”, avverte la presidente della Camera Laura Boldrini puntando il dito sul ritardo cronico dell’Italia sul web.

Un’arretratezza sulla quale pesano “un minor livello di specializzazione e cultura digitale e l’invecchiamento della popolazione”, spiega il presidente dell’Autorità Angelo Marcello Cardani. Gli italiani continuano inoltre a preferire l’accesso dagli smartphone (75% contro il 53% degli accessi alla rete fissa) e gli abbonati all’ultra broadband sono solo il 5,4%.

Quanto all’entrata di Enel in questo mercato, attraverso il progetto Open Fiber e il possibile accordo con Metroweb, l’Agcom “seguirà” l’evoluzione, assicura Cardani, aggiungendo che “sarà rilevante la collaborazione con l’Autorità di settore, nonché la verifica dei possibili effetti concorrenziali nel caso di investimenti diretti della società nel settore tlc, anche in prospettiva della nuova analisi di mercato”.

All’attenzione dell’Autorità al fermento nel settore plaude il presidente di Telecom Giuseppe Recchi: “Benvenuta la competizione, ma le regole devono essere uguali per tutti”. Nella ‘torta’ delle tlc, calano ancora i ricavi da telefonia vocale (-8%), mentre crescono quelli da servizi dati (+3,6%, a 5,37 miliardi, che superano ormai i servizi voce.

Nella rete mobile la riduzione dei ricavi sembra invece essersi arrestata: la flessione è appena dello 0,6%. E frena dopo anni la recessione anche nel settore media: i ricavi 2015 scendono dell’1.2%, passando da 14,378 a 14,207 miliardi. Tv e radio occupano la fetta maggiore (8,501 miliardi, +0,8%), cresce Internet (1,708 miliardi, +5,2%), ma è in netto calo ancora l’editoria (3,998 miliardi, -7.5%).

A soffrire sono soprattutto i quotidiani (-6%): la crisi ormai “strutturale”, è la preoccupazione dell’Agcom, “si manifesta anche nella riduzione netta del numero di testate sul mercato” e “ha inevitabili riflessi sull’ampiezza e sulla qualità dei contenuti”.

Sul fronte tv, si conferma la struttura tripolare del mercato, con il 90% dei ricavi 2015 detenuto dai tre big, a podio invariato: Sky regina con una quota del 32,5% (-1%); Mediaset seconda con il 28,4% (+0,4%), tallonata da Rai con il 27,8% (+0,3%). Poi Discovery con il 2,3% (+0,3%) e il gruppo Cairo con l’1,5% (-0,2%). Rai e Mediaset monopolizzano gli ascolti, rispettivamente con il 37% e il 32% nel giorno medio.

Per il futuro della tv pubblica, Cardani ‘sogna’ un orizzonte europeo: “L’idea di Europa che vogliamo, senza muri ideologici e fisici, multiculturale e multirazziale, all’altezza delle sfide mondiali dovrebbe ben avere un comune denominatore dal punto di vista dell’offerta di servizio pubblico”.

L’Ebu lavora già a una Carta dei servizi pubblici europei, ricorda la presidente Rai Monica Maggioni, mentre il dg Antonio Campo Dall’Orto vede una doppia sfida, “continuare a raccontare gli eventi collettivi ma anche puntare su servizi sempre più personalizzati”.

Puntuale nella Relazione Agcom il richiamo alla par condicio. “E’ una legge vecchia”, che “non piace a nessuno, né a destra né a sinistra, eppure nessuno si assume la responsabilità politica di riformarla, salvo poi puntare il dito contro l’Autorità”, è la bacchettata di Cardani, più volte chiamato in causa anche durante l’ultima campagna elettorale.

La Boldrini, però, chiama Agcom e Vigilanza a un nuovo sforzo, in vista del referendum costituzionale, per garantire pari cittadinanza al sì e al no.

Ultima ora

12:59Tennis: Australian Open, Serena Williams ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Con un successo per 7-5 6-4 ai danni della ceca Barbora Strycova, Serena Williams si è qualificata per i quarti di finale degli Open d'Australia di tennis. La statunitense, che punta a tornare n.1 del mondo dopo l'eliminazione ieri della tedesca Angelique Kerber, incontrerà ora la britannica Johanna Konta - n.9 del tabellone - che si è sbarazzata per 6-1 6-4 della russa Elena Makarova. Avanza anche la croata Mirjana Lucic-Baroni - che torna nei quarti di finale di uno Slam dopo 18 anni - vincitrice sulla statunitense Jennifer Brady per 6-4 6-2. Approda ai quarti anche la ceca Karolina Pliskova, quinta favorita del tabellone, che ha eliminato con un doppio 6-3 l'australiana (nata in Russia) Daria Gavrilova.

12:55Turchia: stato d’emergenza, fermo polizia ridotto a 7 giorni

(ANSAmed) - ROMA, 23 GEN - Riduzione della durata massima del fermo di polizia da 30 a 7 giorni e creazione di una commissione per i ricorsi contro le purghe. Sono alcune delle misure introdotte in Turchia da 4 nuovi decreti dello stato d'emergenza, dichiarato dopo il fallito golpe del 15 luglio, pubblicati oggi sulla gazzetta ufficiale. La nuova "Commissione di indagine sulle procedure dello stato d'emergenza" avrà il compito di esaminare i ricorsi dei dipendenti pubblici epurati e di compagnie, ong e sindacati chiusi dalle autorità e sarà composta da 7 membri, 5 dei quali di nomina governativa e 2 indicati dal Csm turco (Hsyk) per la durata di 2 anni. Nei decreti sono inoltre previste altre 367 epurazioni e il reintegro di 124 persone allontanate in precedenza dalle pubbliche amministrazioni. Chiusi anche altri 2 canali tv. Le nuove purghe hanno colpito tra gli altri alcuni alti dirigenti del fondo statale che gestisce proprio le aziende commissariate dopo il golpe.

12:54Trump: in Slovenia pantofole ‘Casa Bianca’ in onore Melania

(ANSAmed) - LUBIANA, 23 GEN - Una fabbrica di Sevnica, la cittadina slovena dove e' nata Melania Trump, ha avviato la produzione di una linea di pantofole denominate 'Casa Bianca' in onore della nuova first lady americana, la prima di origini straniere in quasi due secoli. Come riferisce il settimanale di Lubiana 'Mladina', a creare per la fabbrica 'Kopitarna' l'elegante modello di pantofole nelle varianti color crema e viola e' stata la designer Maja Stamol. Uun loro esemplare con lustrini e pelliccia autentica e' stato inviato a Melania Trump a New York con l'auspicio che la first lady le indossi alla Casa Bianca. La nuova collezione di pantofole, si precisa, ha una produzione limitata e il prodotto non e' ancora in vendita nei negozi, anche se e' possibile ordinare le pantofole di Melania direttamente alla fabbrica. Venerdì scorso, in concomitanza con le cerimonie di insediamento del neopresidente Usa Donald Trump a Washington, festeggiamenti e una cena di gala si sono svolti anche a Sevnica, città d'origine di Melania.

12:50Compie 33 anni disperso umbro a hotel Rigopiano

(ANSA) - TERNI, 23 GEN - Compie oggi 33 anni Alessandro Riccetti, il ternano disperso per la slavina che ha distrutto l'hotel Rigopiano, dove lavorava come receptionist. Di lui non si hanno più notizie da mercoledì, quando ha avuto gli ultimi contatti con la madre. "La preghiera è l'unica cosa da fare. Vi abbraccio" scrive oggi su Facebook Antonella Maria, la madre di Alessandro. La famiglia di Riccetti sta seguendo i soccorsi in Abruzzo e quella che doveva essere una giornata di festa per il compleanno è invece di attesa e di angoscia. La mamma e il fratello del receptionist laureato in Lingue sono in attesa di notizie da Pescara, dove vengono seguiti passo passo dalla prefettura e da una psicologa. "Tutto questo è inumano..." è il pensiero di una zia del giovane. Alla preghiera chiede di affidarsi anche Isabella, un'amica del trentatreenne alla quale aveva inviato un selfie scattato al Rigopiano poco prima che la struttura venisse travolta. La ragazza dal Brasile sta seguendo con apprensione la vicenda.

12:31Golf: Pga Tour,super Molinari 12/o,dopo rimonta 80 posizioni

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Francesco Molinari, con una super prestazione recupera 80 posizioni in due giri, e si classifica 12° con 275 colpi (69 73 66 67, -13) nel Career Builder Challenge (PGA Tour) vinto con 268 (65 65 71 67, -20) da Hudson Swafford. Nel torneo disputando a La Quinta in California Swafford ha avuto ragione con tre birdie nelle ultime quattro buche del canadese Adam Hadwin (269, -19), autore di un 59 (-13) nel terzo turno, e di Bud Cauley e di Brian Harman, terzi con 270 (-18). Molinari è stato affiancato da Patrick Reed, mentre Phil Mickelson è terminato 21° con 277 (-11). Il primo titolo ha fruttato a Swafford, 30enne di Lakeland (Florida) un assegno di 1.044.000, dollari su un montepremi di 5.800.000 dollari, e la partecipazione al Masters. (ANSA).

12:25Molestie su studentessa 14 anni, misura cautelare per prof

(ANSA) - NAPOLI, 23 GEN - Avrebbe rivolto ingiurie, minacce e molestie per più di un anno a una studentessa oggi quindicenne che, alla fine, ha manifestato anche istinti suicidi: è quanto viene contestato a un professore di italiano di 55 anni, ancora in servizio nella stessa scuola media del Napoletano, nei confronti del quale il gip del Tribunale di Napoli Nord ha emesso un divieto di avvicinamento, a non meno di mille metri, ai luoghi frequentati dalla giovane. La ragazza sarebbe stata vittima delle presunte attenzioni morbose del suo prof da marzo/aprile 2015, quando frequentava la terza media, fino all'ottobre del 2016, quando ha iniziato a frequentare il primo anno di liceo. Campanello d'allarme, per la famiglia, sono stati i gravi disturbi psicologici che la giovane, all'epoca dei fatti 14enne, ha iniziato a manifestare: non usciva più di casa, piangeva continuamente, si feriva le braccia con una lametta e, infine, ha anche manifestato l'intenzione di uccidersi.

12:22Basket: Nba, Golden State vola, Denver male ma Gallinari ok

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Soltanto quattro partite e molto clamore nella notte americana dell'Nba. Se era quasi scontata la vittoria dei Golden State Warriors, che sono andati a vincere in casa del'Orlando per 118-98, consolidando il primato in classifica nella Western Conference, non lo era per nulla invece la catastrofica serata dei Los Angeles Lakers affondati dai Dallas Mavericks con il punteggio di 122-73. Mai nella loro storia i Lakers avevano preso ben 49 punti da una formazione rivale. Serata negativa anche per i Denver Nuggets di Danilo Gallinari, battuti 111-108 dal Minnesota Timberwolves. Tuttavia si registra una buona prestazione d del giocatore italiano che è stato in campo 35 minuti, ed ha messo a segno 14 punti, 6 rimbalzi e 4 assist. Risultato a sorpresa anche nel quarto match in programma che vedeva di fronte i Toronto Raptors e i Phoenix Suns, con questi ultimi vincitori per 115-103. Toronto resta comunque secondo nella classifica dell'Eastern Conference, alle spalle dei Cleveland Cavaliers.

Archivio Ultima ora