Italia in ritardo sul web, frena la crisi dei media

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

news

ROMA. – Nel 2015 il 28% degli italiani non ha mai navigato sul web e gli accessi a banda ultralarga sono passati dal 3,8% della popolazione del 2014 ad appena il 5,4%. E’ l’immagine di un Paese in affanno nell’universo Internet scattata dall’Agcom nella Relazione annuale al Parlamento.

I ricavi del settore comunicazioni sono scesi dell’1% a 52,6 miliardi, con un calo dell’1,5% nelle tlc e dell’1,2% nei media, che vedono però una battuta d’arresto nel trend recessivo. Soffre l’editoria, mentre sul fronte tv Sky resta regina dei ricavi e con Mediaset e Rai occupa ancora il 90% del mercato. “L’accesso o il non accesso a Internet può essere il nuovo volto della diseguaglianza”, avverte la presidente della Camera Laura Boldrini puntando il dito sul ritardo cronico dell’Italia sul web.

Un’arretratezza sulla quale pesano “un minor livello di specializzazione e cultura digitale e l’invecchiamento della popolazione”, spiega il presidente dell’Autorità Angelo Marcello Cardani. Gli italiani continuano inoltre a preferire l’accesso dagli smartphone (75% contro il 53% degli accessi alla rete fissa) e gli abbonati all’ultra broadband sono solo il 5,4%.

Quanto all’entrata di Enel in questo mercato, attraverso il progetto Open Fiber e il possibile accordo con Metroweb, l’Agcom “seguirà” l’evoluzione, assicura Cardani, aggiungendo che “sarà rilevante la collaborazione con l’Autorità di settore, nonché la verifica dei possibili effetti concorrenziali nel caso di investimenti diretti della società nel settore tlc, anche in prospettiva della nuova analisi di mercato”.

All’attenzione dell’Autorità al fermento nel settore plaude il presidente di Telecom Giuseppe Recchi: “Benvenuta la competizione, ma le regole devono essere uguali per tutti”. Nella ‘torta’ delle tlc, calano ancora i ricavi da telefonia vocale (-8%), mentre crescono quelli da servizi dati (+3,6%, a 5,37 miliardi, che superano ormai i servizi voce.

Nella rete mobile la riduzione dei ricavi sembra invece essersi arrestata: la flessione è appena dello 0,6%. E frena dopo anni la recessione anche nel settore media: i ricavi 2015 scendono dell’1.2%, passando da 14,378 a 14,207 miliardi. Tv e radio occupano la fetta maggiore (8,501 miliardi, +0,8%), cresce Internet (1,708 miliardi, +5,2%), ma è in netto calo ancora l’editoria (3,998 miliardi, -7.5%).

A soffrire sono soprattutto i quotidiani (-6%): la crisi ormai “strutturale”, è la preoccupazione dell’Agcom, “si manifesta anche nella riduzione netta del numero di testate sul mercato” e “ha inevitabili riflessi sull’ampiezza e sulla qualità dei contenuti”.

Sul fronte tv, si conferma la struttura tripolare del mercato, con il 90% dei ricavi 2015 detenuto dai tre big, a podio invariato: Sky regina con una quota del 32,5% (-1%); Mediaset seconda con il 28,4% (+0,4%), tallonata da Rai con il 27,8% (+0,3%). Poi Discovery con il 2,3% (+0,3%) e il gruppo Cairo con l’1,5% (-0,2%). Rai e Mediaset monopolizzano gli ascolti, rispettivamente con il 37% e il 32% nel giorno medio.

Per il futuro della tv pubblica, Cardani ‘sogna’ un orizzonte europeo: “L’idea di Europa che vogliamo, senza muri ideologici e fisici, multiculturale e multirazziale, all’altezza delle sfide mondiali dovrebbe ben avere un comune denominatore dal punto di vista dell’offerta di servizio pubblico”.

L’Ebu lavora già a una Carta dei servizi pubblici europei, ricorda la presidente Rai Monica Maggioni, mentre il dg Antonio Campo Dall’Orto vede una doppia sfida, “continuare a raccontare gli eventi collettivi ma anche puntare su servizi sempre più personalizzati”.

Puntuale nella Relazione Agcom il richiamo alla par condicio. “E’ una legge vecchia”, che “non piace a nessuno, né a destra né a sinistra, eppure nessuno si assume la responsabilità politica di riformarla, salvo poi puntare il dito contro l’Autorità”, è la bacchettata di Cardani, più volte chiamato in causa anche durante l’ultima campagna elettorale.

La Boldrini, però, chiama Agcom e Vigilanza a un nuovo sforzo, in vista del referendum costituzionale, per garantire pari cittadinanza al sì e al no.

Ultima ora

21:07Turchia: 1.284 arresti in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 22 MAG - Sono 1.284 le persone arrestate nell'ultima settimana in Turchia in operazioni antiterrorismo. Lo rende noto un bollettino del ministero degli Interni di Ankara. La maggior parte dei sospetti (966) è accusata di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. In manette sono finiti anche 222 presunti militanti del Pkk curdo, 72 affiliati all'Isis e 24 persone legate a gruppi illegali di estrema sinistra. Secondo il ministero, inoltre, dall'inizio dell'anno sono stati sventati 228 potenziali attacchi terroristici, quasi tutti (226) attribuiti al Pkk.

20:58Calcio: Empoli in ritiro in Sicilia, studia sfida salvezza

(ANSA) - FIRENZE, 22 MAG - Empoli in ritiro in Sicilia in vista della decisiva ultima sfida del campionato, in programma domenica sera a Palermo. Da domani la squadra sarà in ritiro presso il Centro Sportivo Torre del Grifo, nel Comune di Mascalucia, in provincia di Catania. La squadra si sposterà poi sabato a Palermo in vista della gara di domenica al 'Barbera' contro i rosanero , già retrocessi. L'Empoli si gioca la salvezza col Crotone che invece giocherà in casa con la Lazio. In caso di successo la formazione di Martusciello resterà in Serie A. Anche questa settimana i calciatori rimarranno in silenzio stampa.

20:57Operativo il meccanismo dell’anticipo pensionistico

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "Firmati i decreti anticipo pensionistico, operativo meccanismo di anticipo pensione per decine di migliaia di persone". Lo annuncia su twitter il premier Paolo Gentiloni.

20:54Mercoledì Gentiloni incontra Trump a Roma

(ANSA) - ROMA, 22 MAY - Il premier Paolo Gentiloni, a quanto si apprende da fonti diplomatiche, incontrerà mercoledì a Villa Taverna (residenza dell'ambasciatore americano a Roma) il presidente degli Usa Donald Trump in visita nella capitale. Un incontro, spiegano le stesse fonti, in preparazione del G7 che comincerà venerdì a Taormina.

20:46L.elettorale: Di Maio, massima apertura

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "Noi abbiamo una posizione di massima apertura partendo dalla legge uscita dalla Consulta". Lo afferma il vice presidente della Camera ed esponente M5S Luigi Di Maio rispondendo ad una domanda sulla legge elettorale nel corso di un convegno al Centro Studi Americani.

20:42Trump:a Roma 3 cerchi sicurezza, itinerari scelti al momento

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Itinerari scelti al momento, tre "cerchi" di sicurezza concentrici per proteggere il presidente, un'articolata rete di telecamere per riprendere ogni istante degli spostamenti, tiratori scelti sui palazzi, una 'green zone' in centro in cui non saranno consentite manifestazioni a rischio, bonifiche e chiusure al traffico. Roma si blinda per la visita di circa 24 ore del presidente americano Donald Trump che atterrerà domani sera nella Capitale. L'imponente piano di sicurezza, contenuto in un'ordinanza del questore Guido Marino di circa 70 pagine, prevede quattro itinerari prescelti per ciascuno degli spostamenti di Trump. Il "posto di comando avanzato" deciderà all'ultimo momento quello da utilizzare sulla base delle istruzioni fornite direttamente dal questore. Ci saranno "tre cerchi concentrici di sicurezza" per proteggerlo secondo un modello denominato "ball to ball".

20:39Veterinario ucciso, legale Andreucci,’non era e non è in sè’

(ANSA) - ANCONA, 22 MAG - "Valerio Andreucci non è tuttora in grado di fare un discorso lineare, non riesce a focalizzare i fotogrammi della vicenda, è in uno stato confusionale, a mio avviso in continuità con le sue condizioni psicologiche di ieri mattina, tanto che non riconosce come sue nemmeno le dichiarazioni apparse oggi sulla stampa e che riferiscono di un tentativo di rapina che avrebbe raccontato di aver subito insieme al medico". Così l'avvocato Alessandro Angelozzi, che ha incontrato nel carcere di Montacuto di Ancona il 23enne ascolano accusato dell'omicidio del veterinario Olindo Pinciaroli.

Archivio Ultima ora