Torna l’incertezza nelle famiglie, pesano crisi e criminalità

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

famiglia-1

ROMA. – Torna l’incertezza delle famiglie che, rispetto a un anno fa, si sentono più insicure. Quasi un italiano su due (43%) segnala un senso di maggiore incertezza e prospettive poco rassicuranti in confronto a 12 mesi fa, sul piano personale ma anche riguardo all’economia italiana e internazionale. Emerge da un sondaggio Confesercenti-SWG.

Certo, sapere che ogni giorno vengono commessi in Italia quasi 8mila reati (7.700) e 6.300 rimangono impuniti non aiuta, come sottolinea il presidente di Confesercenti, Massimo Vivoli. Il crescere del sentimento di incertezza non dipende solo da una microcriminalità insidiosa, ma – per il 55% – è legato a doppio filo agli attuali scenari internazionali: l’aumento dei flussi di migranti (il 31%), gli attacchi terroristici (14%), fino alla Brexit (10%).

Più di tutti però gli italiani non si scrollano di dosso il fantasma della crisi: la ripresa economica che non decolla è il maggiore fattore d’incertezza per il 45% degli intervistati. Nel complesso, solo uno su 5 (21%) dice di sentirsi più sicuro dello scorso anno, mentre il 36% non rileva cambiamenti.

”E non dormono sonni tranquilli i colleghi negozianti: anche oggi in Italia 308 esercizi commerciali subiranno furti e rapine” sottolinea Vivoli che dal palco dell’assemblea annuale dell’associazione, chiede ”elevata priorità” per misure che possono ridurre il grado di insicurezza fisica dei cittadini, soprattutto nelle città. Un dato che più di altri spiega il dilagare di un senso di insicurezza, ”è la contrazione ampia, inattesa, diffusa, del reddito disponibile delle famiglie” negli anni della crisi, segnala un rapporto Cer-Eures per Confesercenti.

Dall’inizio della crisi ogni cittadino ha visto andare in fumo 2.100 euro di potere d’acquisto. E in due anni di ‘ripresa’ (2014-15) ha recuperato appena 180 euro. La preoccupazione per le famiglie è tangibile. Tra il 2007-2013 il potere d’acquisto dei nuclei familiari è crollato del 10,6%, una perdita superiore ai 118 miliardi di euro, oltre 2.100 euro a testa.

Nel biennio 2014-15, meno dell’1% della perdita subita è stata recuperata. Il crollo del reddito ha portato a tagli della spesa media familiare, 160 euro al mese in meno rispetto a prima della crisi, nonostante il piccolo recupero (+0,7%) del 2015. Oltre al giro di vite sul ‘superfluo’ e anche sui consumi ‘necessari’, è in leggera crescita (dal 5,8% del 2014 al 6,1% del 2015) il tasso di insolvenza delle famiglie.

Inesorabile poi l’aumento delle saracinesche abbassate nei centri storici: la Confesercenti stima oltre 650mila locali commerciali sfitti quest’anno. ”Il ripristino del senso di sicurezza per un imprenditore, è anche costituito dalle condizioni del credito. Oggi siamo di fronte a una vera emergenza” denuncia ancora Vivoli.

Dal 2011 al 2015, la stretta del rubinetto del credito è stata pari a 190 miliardi di prestiti in meno. ”E’ come se fossero stati sottratti 31.000 euro ad ognuna delle oltre 6 milioni di imprese in Italia”.

Il tutto in un Paese spezzato in due in quanto a reddito: Nord e Centro con reddito pro-capite medio di 19.000 euro da un lato, Sud con reddito pro capite medio di 12.000. ”Eppure – ricorda il presidente di Confesercenti – dal rilancio dell’economia del sud passa anche la crescita di tutto il Paese”.

(di Paola Barbetti/ANSA)

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora