21 mesi a Messi e al padre per frode fiscale. Ma non andranno in prigione

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

messi

MADRID. – La notizia è piombata come un secchio d’acqua gelida sulle vacanze in famiglia alle Bahamas di Leo Messi: un giudice di Barcellona lo ha condannato con il padre Jorge a 21 mesi di carcere, per avere defraudato per 4,1 milioni di euro il fisco spagnolo fra il 2007 e il 2009.

Il cinque volte Pallone d’Oro e migliore giocatore del mondo dovrebbe però evitare la prigione. In Spagna le condanne sotto i 24 mesi sono sospese, soprattutto se come per i Messi non ci sono precedenti penali. La sospensione però deve essere confermata dal giudice.

Condannati anche a una multa di 4 milioni, i Messi possono fare ricorso contro la sentenza – come probabilmente faranno – davanti alla Corte suprema. Per l’accusa Leo e il padre, che gestisce i suoi beni, hanno nascosto al fisco spagnolo i diritti d’immagine del 2007/09, usando un giro di operazioni in società paravento e paradisi fiscali.

Da tempo i Messi però hanno sistemato le pendenze con il fisco, pagando 5 milioni di euro. La sentenza ha provocato un mare di polemiche di senso opposto. “Messi condannato a 21 mesi di carcere per frode fiscale, ma non andrà in prigione. Adesso tutti gli evasori fiscali del mondo andranno in Spagna”, ha attaccato l’ex-stella del calcio inglese Gary Lineker (tre anni nel Barcellona a fine anni ’80).

I tifosi del Barca e l’indipendentismo catalano nei social sono invece insorti contro una ‘persecuzione’ contro Messi, il club blaugrana e la Catalogna, puntando il dito contro Madrid e l’odiato Real. La Procura inizialmente si era opposta al rinvio a giudizio di Leo, ritenendo non fosse al corrente delle operazioni gestite dal padre.

“Io gioco al calcio. Se mio papà mi dice di firmare, mi fido”, ha detto Messi ai giudici. L’avvocatura dello stato, ora guidata dall’ex-dirigente del Real Madrid, Marta Silva de Lapueta, figlia di un ex-ministro del dittatore Franco, si era opposta e aveva imposto il processo.

Il giurista Xavier Canal ha detto a La Vanguardia che quella dell’avvocatura dello stato è stata una “strana ostinazione” contro Messi. “Sorprende che si sia andati al processo quando l’imputato aveva regolarizzato la sua situazione con il fisco. In questi casi di solito si arriva a un accordo” come è successo per altri calciatori.

Il Barcellona ha dichiarato “pieno appoggio” a Leo, spiegando in una nota di essere “d’accordo con la Procura nel ritenere che il giocatore, che ha regolarizzato con il fisco, non è in alcun caso penalmente responsabile per i fatti”, di cui è accusato.

Nei siti catalani molti fanno un parallelo con il processo contro l’Infanta Cristina, accusata di avare aiutato il marito Inaki Urdangarin a dirottare milioni di euro di fondi pubblici da una Fondazione. La sorella di re Felipe VI ha detto di avere firmato ‘per amore’ fidandosi ciecamente del marito. Procura e avvocatura dello stato hanno fatto di tutto per evitare il suo rinvio a giudizio, imposto poi da un sindacato anti-corruzione. La sentenza è attesa a breve. La ‘giurisprudenza Messi’ si applicherà anche a lei, si chiede, dubitandone, il popolo blaugrana?

(di Francesco Cerri/ANSA)

Ultima ora

01:02Senato respinge revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON 27 LUG - Il Senato degli Stati Uniti ha bocciato il testo presentato dai repubblicani per la semplice revoca della maggior parte della riforma sanitaria detta Obamacare senza prevedere un testo che la sostituisca. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto con 45 voti favorevoli e 55 voti contrari. Il senato ha già dato il via libera alla discussione su un nuovo testo da mettere a punto per sostituire la riforma sanitaria di Obama, visto che quello già elaborato non è andato avanti per le divisioni dei repubblicani.

00:29Tunisia: passa la legge contro la violenza sulle donne

(ANSAmed) - TUNISI, 26 LUG - Voto storico a Tunisi. Dopo un iter parlamentare accidentato e ostacolato da rinvii che avevano fatto temere un fallimento, il parlamento tunisino ha approvato all'unanimità con 146 voti a favore la legge organica contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. Quarantatrè articoli divisi in 5 capitoli per fornire misure efficaci per lottare contro ogni forma di violenza o sopruso basato sul genere. Il testo ha l'obiettivo di garantire alla donna il rispetto della dignità e assicurare l'uguaglianza tra i sessi, garantita dalla Costituzione, attraverso un approccio globale basato sulla prevenzione, la punizione dei colpevoli e la protezione delle vittime. La legge punta inoltre ad eliminare ogni forma di disuguaglianza tra i sessi anche sul lavoro.

00:27Calcio: Champions League, Nizza-Ajax 1-1

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Mario Balotelli a segno, ma il Nizza non riesce ad imporsi sull'Ajax che dalla Costa Azzurra porta via un prezioso 1-1 nell'andata di una delle gare del terzo turno preliminare di Champions League. Al vantaggio rossonero al 32' grazie all'attaccante italiano, infatti, i Lancieri hanno risposto al 4' della ripresa con van de Beek. Mercoledì prossimo la gara di ritorno che varrà l'accesso ai playoff. Tra gli altri risultati delle gare di oggi, da segnalare lo 0-0 fra gli scozzesi del Celtic e i norvegesi del Rosenborg e il 3-1 degli ucraini della Dynamo Kiev sugli svizzeri dello Young Boys.

00:03Sci: Italia Team, operata l’azzurra Marsaglia

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Francesca Marsaglia è stata operata presso la clinica La Madonnina, a Milano, per una sindrome pubico-inguinale che le impediva di allenarsi con regolarità. Lo rende noto la Federsci precisando che l'operazione è stata effettuata dal dottor Gianpiero Campanelli, sotto la supervisione della Commissione medica della Fisi. La 27enne sciatrice azzurra dovrà ora osservare una decina di giorni di riposo assoluto e ricominciare gradualmente la preparazione: l'obiettivo, conclude la Fisi, è quello di presentarsi regolarmente alla partenza del viaggio sudamericano con destinazione Ushuaia (Argentina), ad inizio settembre.

23:28Calcio: 1-0 al Lille di Bielsa, il “Bortolotti” all’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Atalanta di Gian Piero Gasperini ha vinto la ventitreesima edizione del trofeo "Achille e Cesare Bortolotti", intitolato alla memoria dei due presidenti scomparsi, battendo per 1-0 il Lille di Marcelo Bielsa davanti a poco meno di diecimila spettatori. A segno nel primo tempo Cristante (14') che controlla e di esterno destro piazza sotto la traversa l'assist con scavetto di Gomez. Nella ripresa, Gollini salva il risultato parando a Benzia un rigore concesso per un contatto fra Palomino e Ponce. Per i nerazzurri una prova discreta in attesa delle altre sgambate internazionali: quella con il Borussia Dortmund del primo agosto ad Altach (19.30) e quella a Valencia l'11 dello stesso mese. Da giovedì, intanto, squadra a San Gallo per la seconda fase della preparazione.

23:24Calcio: Marotta, offerta a Lotito per Keita Baldé

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Abbiamo parlato con Lotito per Keita Baldé. Abbiamo fatto la nostra proposta, ora sta a lui valutarla". L'ad della Juventus Beppe Marotta esce allo scoperto e annuncia di voler acquistare l'esterno della Lazio. Non nega neppure una trattativa per Matuidi: "È un'ipotesi. Stiamo valutando alcune situazioni, non nascondiamo che cerchiamo un centrocampista d'esperienza". Poi, su Schick chiarisce: "Mi spiace che sia andata così e che non si sia arrivati alla conclusione per impedimenti oggettivi. È un talento emergente, ma per il momento è un'operazione chiusa". Quindi, esclude la cessione di Dybala, nonostante piaccia al Barcellona: "Abbiamo rifiutato tante offerte. Quando un giocatore è contento di rimanere alla Juve, ci resta finché vuole". Infine, sulla possibilità di affidare la maglia n.10 al neoarrivato Bernardeschi: "È una maglia pesante nella storia della Juventus e del calcio in generale, valuteremo. È anche una forma di protezione per non esporlo a troppe responsabilità. Bisogna essere molto cauti".

23:00Calcio: Tavecchio, col Var ci aspettiamo meno polemiche

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Con il Var ci aspettiamo molte meno polemiche. Sono stato fra i primi a chiederlo ai tempi di Blatter e sono felice che quest'anno entri in vigore. All'inizio bisognerà abituarsi, ma è una novità sicuramente positiva. Garantirà maggiore sicurezza nelle analisi degli arbitri". Il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, parla dell'introduzione del Var.

Archivio Ultima ora