La polizia uccide un altro nero, proteste in Louisiana

Pubblicato il 06 luglio 2016 da ansa

People hold hands and raise them up in the air at a vigil outside the Triple S convenience store in Baton Rouge, La., Wednesday, July 6, 2016. (ANSA/AP Photo/Gerald Herbert)

People hold hands and raise them up in the air at a vigil outside the Triple S convenience store in Baton Rouge, La., Wednesday, July 6, 2016. (ANSA/AP Photo/Gerald Herbert)

NEW YORK. – Nuova bufera sulla polizia Usa: ancora una volta un agente ha sparato a bruciapelo contro un afroamericano, uccidendolo. Questa volta l’episodio è accaduto a Baton Rouge, in Louisiana, dove il 37enne Alton Sterling è morto colpito dai proiettili di un poliziotto che lo aveva fermato.

A poche ore dall’accaduto circa 200 persone sono scese in strada in città per protestare contro i metodi duri delle forze dell’ordine nei confronti dei cittadini di colore, ma le manifestazioni di rabbia e dolore si sono moltiplicate e sono andate avanti per tutta la notte.

In particolare dopo la diffusione di un video diventato virale sul web nel quale si vedono immagini durissime, con due agenti che affrontano l’uomo e lo trascinano a terra. Ad un certo punto uno di loro urla “ha una pistola” e l’altro punta l’arma di ordinanza contro l’uomo immobilizzato facendo fuoco a distanza ravvicinata. Un video definito “inquietante” dal governatore della Louisiana John Bel Edwards.

“Il Dipartimento di Giustizia aprirà un’inchiesta sull’uccisione di Sterling”, ha annunciato, assicurando che l’indagine, gestita dalla divisione diritti civili con l’aiuto dell’Fbi e dell’ufficio del procuratore della Louisiana, verrà gestita in maniera “imparziale, esauriente e professionale”.

La mossa è arrivata poco dopo la richiesta da parte della comunità afroamericana della Louisiana delle dimissioni del capo della polizia e di un’indagine federale sul caso. Il governatore Edwards ha poi affermato di comprendere la rabbia dei manifestanti, ma ha lanciato un appello alla calma.

Secondo quanto riportato dai media statunitensi, la polizia sarebbe stata chiamata perché l’uomo, un venditore ambulante, stava minacciando un passante con una pistola, ma la dinamica per ora non è chiara. Il capo della polizia di Baton Rouge Carl Dabadie, da parte sua, ha definito l’episodio una “orribile tragedia”, affermando che i due agenti coinvolti, di nome Blane Salamoni e Howie Lago II, sono stati messi in congedo amministrativo in attesa dell’inchiesta.

Intanto familiari, amici e sostenitori di Sterling hanno espresso il loro dolore in diretta tv. In particolare il figlio del 37enne è scoppiato in lacrime davanti alle telecamere, mentre la madre del ragazzo ha detto che gli agenti hanno “strappato un padre ai loro figli”.

“Vedi tuo figlio soffrire e non c’è nulla che puoi fare per impedirlo”, ha concluso la donna. “Non meritava questo, è una cosa orribile”, ha aggiunto la zia della vittima, Sandra Sterling.

Nel 2015 sono state 1.152 le persone uccise dalla polizia, il 30% delle quali erano afroamericani. Alcuni degli episodi accaduti negli ultimi anni, dal caso di Trayvon Martin in Florida a quello di Freddie Gray a Baltimora, sino alla morte di Eric Garner a Staten Island, hanno scatenato un’ondata di proteste a livello nazionale contro i metodi troppo violenti usati dagli agenti.

(di Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

Archivio Ultima ora