Mafia: dopo gli arresti si discute sul modello Expo

Pubblicato il 07 luglio 2016 da ansa

Mafia ed Expo

Mafia ed Expo

MILANO. – Nessuna responsabilità penale né per Fiera Milano né per Expo ma la partecipazione, messa in luce da un’inchiesta della Dda di Milano, di un consorzio di cooperative risultato legato ad una organizzazione mafiosa ha sollevato una serie di polemiche e dubbi sull’efficacia dei controlli messi in piedi in quello che è stato definito il “Modello Expo”. Un protocollo di legalità preso anche dall’Ocse come esempio di buone pratiche.

Secondo l’inchiesta, che ha portato all’arresto di 11 persone, le cooperative del consorzio Dominus Scarl erano intestate a prestanome di Giuseppe Nastasi legato, per gli inquirenti, alla famiglia mafiosa degli Accardo di Partanna. Cooperative che, eludendo i controlli, hanno curato in subappalto da Nolostand alcuni allestimenti tra cui i padiglioni della Francia e del Qatar.

“Non ci sono responsabilità penali in capo a ente fiera o ad Expo”, ha subito chiarito il procuratore aggiunto Ilda Boccassini. “Qua non c’è il tema che Expo non ha controllato, è Nolostand (società di Fiera Milano ora commissariata, ndr) che non ha controllato e questa non è un’indagine su Fiera Milano ma sul consorzio di Nastasi che si è infiltrato in Fiera” ha aggiunto Paolo Storari.

Ma la precisazione non è bastata a disinnescare le polemiche. “Penso che questa indagine sia utile per fare luce su zone d’ombra che evidentemente non erano ancora state verificate nella gestione di Expo” ha commentato il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, che intende sentire anche i vertici della Fiera.

“In alcuni settori erano stati allentati i controlli, oggi oggetto dell’inchiesta della procura di Milano”, ha tuonato la presidente dell’Antimafia Rosy Bindi, ricordando che la commissione aveva “lanciato un’allerta su alcuni contratti, appalti e concessioni operati da Expo 2015 Spa”.

Non è che il sistema di controlli sia da buttare, anzi. “Gli anticorpi hanno funzionato, ma le infiltrazioni criminali ci sono comunque state dove si sono allargate le maglie”.

Che c’erano maglie da stringere lo aveva detto, anzi scritto nella sua sesta relazione anche il comitato antimafia del Comune preoccupato da possibili infiltrazioni della criminalità organizzata nei Padiglioni. “Lo abbiamo detto e scritto e non in modo annacquato”, ha spiegato il presidente del comitato Nando Dalla Chiesa.

Lì era più facile entrare per le mafie perché il sistema di controlli (che hanno portato a estromettere circa 80 imprese da Expo) previsti dal protocollo per la legalità sottoscritto da Expo, per i padiglioni non era obbligatorio. Dovevano essere i singoli Paesi a sottoscriverlo.

Secondo Dalla Chiesa, “è possibile che saltino fuori altri casi, ma comunque li abbiamo arginati. Le mafie sono riuscite sicuramente a fare meno di quanto volevano fare grazie ai controlli”. “E’ un bene proseguire su questa strada e dimostrare così la capacità del sistema Italia di contrastare il malaffare” ha detto il sindaco Beppe Sala. “La battaglia per la legalità – ha concluso – non deve fermarsi mai”.

(di Bianca Maria Manfredi/ANSA)

Ultima ora

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

22:16Calcio: Spalletti a cena con Pallotta, il contratto nel menù

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il presidente della Roma James Pallota si trova in questo momento a cena col tecnico toscano Luciano Spalletti, appena rientrato nella capitale dopo due giorni in Toscana. All'incontro, in un ristorante non distante dall'albergo che ospita Pallotta, è presente anche il dg Mauro Baldissoni. I due si erano già incontrati a Trigoria prima della partita col Sassuolo, ma non avevano approfondito i discorsi sul futuro e sul rinnovo del contratto dell'allenatore.

Archivio Ultima ora