Nelle Marche 3.500 profughi, tra disagio e tensioni

Pubblicato il 07 luglio 2016 da ansa

marche

ANCONA. – Le Marche scoprono dopo l’omicidio a sfondo razziale di Fermo che in anni di pesante crisi economica, incertezza del futuro e disagio sociale crescente il volto di una regione modello per capacità di integrazione è in parte cambiato.

La maggioranza dei cittadini ha assorbito senza ostilità, anzi spesso con generosità, la sistemazione di 3.500 profughi provenienti dagli sbarchi. Ma piccoli segnali di malessere e rifiuto, certo non paragonabili con l’assurda aggressione contestata all’omicida di Emmanuel, l’ultrà Amedeo Mancini, c’erano già stati.

Ripetute manifestazioni di residenti contro l’ipotesi di realizzare un centro di prima accoglienza a Camerano (Ancona), scritte xenofobe contro il possibile arrivo a Castelplanio di un certo numero di richiedenti asilo tracciate da ignoti nella villetta di un privato che si era dichiarato pronto a ospitarli.

Le cronache registrano poi presidi e proteste davanti all’Hotel House di Porto Recanati, un condominio multietnico di 2 mila appartamenti, in gran parte abitato da immigrati nordafricani, spesso anche al centro di operazioni di polizia contro spaccio e traffici illegali.

E, per finire, la strana scia di ordigni artigianali fatti esplodere davanti al Duomo e a tre chiese di Fermo, mai rivendicati: raid che forse hanno a che fare con il notevole sforzo di accoglienza prodotto dalla Diocesi e dalla Caritas in Veritate di don Vinicio Albanesi, che avevano dato un tetto anche ad Emmanuel e alla compagna Chynery; o forse no.

Ma le Marche, con il Comune di Pesaro a fare da apripista, e altri a seguire, sono state anche la prima regione a siglare protocolli di collaborazione fra Comuni, Prefetture e associazioni di volontariato per garantire ai richiedenti asilo la possibilità di svolgere volontariato nel settore della manutenzione del verde pubblico e in altri campi utili.

Il numero più consistente di migranti da sbarchi ospitati nella regione è ad Ancona, con 988 persone. Seguono la provincia di Macerata, con 813 migranti, da quella di Pesaro Urbino, con 743, e Ascoli Piceno, con 503 profughi. Fermo ha la quota più piccola, 453 migranti, compresi i 124 accolti nel seminario vescovile, che aveva aperto le porte anche a Emmanuel e Chynery.

”In genere si tratta di percentuali legate all’indice demografico locale – spiega De Biagi – e, nel complesso, le Marche ospitano il 2,65% degli sbarcati in Italia: due o tre migranti ogni 100 abitanti”.

Numeri modesti. Ma forse, come osserva don Albanesi, “qui ci sono paesi immobili da centinaia di anni”, che non hanno mai visto forestieri, mentre i migranti spesso ”restano senza risposte per uno, a volte anche 2 anni. Occorre regolare le loro posizioni da un lato e tranquillizzare la gente del posto dall’altro”.

Ultima ora

19:18Tennis: Atp Shenzhen, Giannessi fuori al primo turno

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Alessandro Giannessi subito eliminato nello Shenzhen Open, torneo Atp 250 con montepremi di 666.960 dollari in corso sui campi in cemento della città cinese: al primo turno il 27enne mancino della Spezia, numero 131 del mondo, ha ceduto al francese Jeremy Chardy, numero 86, con il punteggio di 7-6, 6-4, in un'ora e 53 minuti di gioco. In tabellone c'è poi Paolo Lorenzi, numero 39 e quarta testa di serie del torneo, che farà il suo esordio al secondo turno contro uno fra il brasiliano Rogerio Dutra Silva, numero 74 e suo compagno abituale in doppio, e il qualificato cinese Zhizhen Zhang, numero 495.

18:48Accoltella giudici: card. Bassetti, vicinanza ai feriti

(ANSA) - PERUGIA, 25 SET - Raggiunto dalla notizia dell'accoltellamento dei due giudici del tribunale di Perugia, il cardinale Gualtiero Bassetti, a Roma per presiedere il Consiglio permanente della Cei, esprime la sua "vicinanza umana e spirituale a questi due servitori dello Stato, colpiti nell'adempimento del loro dovere, e alle loro famiglie, augurando agli stessi una pronta guarigione". Nel contempo, il porporato "condanna fermamente il grave gesto, perché non c'è alcun motivo al mondo che giustifichi un uomo a compiere un atto estremo come quello di attentare alla vita del suo prossimo. Sono profondamente scosso da quanto è accaduto oggi nella mia città e mi affiora alla mente il triste episodio - conclude l'arcivescovo - di quanto è successo alcuni anni fa a due dipendenti della Regione Umbria uccise nel loro ufficio da un uomo che poi si è tolto la vita". (ANSA).

18:41Anziana morta in casa di riposo, si indaga per omicidio

(ANSA) - COMO, 25 SET - Una donna di 91 anni è stata trovata morta ieri in tarda serata in una casa di riposo a Como. La Procura di Como ha aperto un fascicolo per omicidio a carico di ignoti, ma mantiene il più stretto riserbo sulle indagini. L'unica certezza è che le condizioni in cui si trovata la donna, ha fatto subito escludere sia la morte naturale sia il suicidio. La novantenne era nel suo letto e ad accorgersi che era morta è stata una dipendente della casa di riposo, che ha lanciato l'allarme.

18:35Calcio: Tavecchio, inevitabile ridurre il numero di squadre

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "All'inizio del 2018 apriremo un tavolo per trovare una soluzione ragionevole per la riduzione del numero di squadre nelle tre serie del calcio professionistico nell'arco di 3-4 anni: è inevitabile ridurre le dimensioni dei campionati". Dai microfoni Rai del Gr Parlamento, il presidente della Figc Carlo Tavecchio rilancia un suo vecchio cavallo di battaglia, quello della riduzione del numero di squadre nei campionati, a partire dalla Serie A, che vorrebbe riportare a 18 squadre. "Si potrebbe passare dalle attuali 102 formazioni totali - dice ancora Tavecchio riferendosi ai campionati professionistici in generale - ad una settantina: è una riforma da fare".

18:30Femminicidio: Grasso, subito ok a ddl per orfani

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Spero che si approvi al più presto il progetto di legge a sostegno degli orfani di femminicidio". E' questo l'auspicio che esprime il presidente del Senato Pietro Grasso intervenendo a "La vita in diretta". Il disegno di legge è attualmente all'esame della commissione Giustizia di Palazzo Madama.

18:29Calcio: Sarri, Feyenoord forte e pericoloso

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - Tra la Champions League e il campionato i giocatori del Napoli "potrebbero inconsciamente puntare sul campionato, e questo potrebbe essere anche legittimo visto che il Napoli non vince lo scudetto da trent'anni". Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della seconda giornata di Champions League contro il Feyenoord. "E' illogico farlo a questo punto della stagione - ha aggiunto - è un rischio che c'è e cerchiamo di combatterlo. Domani cerchiamo di arrivare a una prestazione e a un risultato, vediamo se riusciamo ad avere lo stesso livello di determinazione in coppa come in campionato, c'è da combattere con l'inconscio ma bisogna provarci". Sul Feyenoord, Sarri ha spiegato che "è una squadra forte, che lo scorso anno è arrivata davanti all'Ajax e ha un'intelaiatura con calciatori esperti e giovani di ottimo livello. Quando attaccano sono pericolosi, spero che il San Paolo ci aiuti, per noi dopo il ko in Ucraina questa è una partita non voglio dire decisiva, ma importante".

18:25Di Pietro, voto per Mdp-art.1, porto mia bandiera a Bersani

(ANSA) - CAMPOBASSO, 25 SET - "Certamente voterò per Mdp e mi porterò la bandiera". Lo dice Antonio Di Pietro in un'intervista a Telemolise. "Ho cominciato a fare politica nell'Ulivo e quindi resto con l'Ulivo e con Bersani: entrambi lavoriamo per ricostruire il nuovo Ulivo", aggiunge.

Archivio Ultima ora