Renzi vede Mattarella, al Senato ho i numeri per continuare

Pubblicato il 07 luglio 2016 da ansa

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente del Consiglio Matteo Renzi in occasione del prossimo Consiglio Europeo, Roma, 27 giugno 2016 ANSA/FRANCESCO AMMENDOLA UFFICIO STAMPA QUIRINALE

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente del Consiglio Matteo Renzi in occasione del prossimo Consiglio Europeo, Roma, 27 giugno 2016
ANSA/FRANCESCO AMMENDOLA UFFICIO STAMPA QUIRINALE

ROMA. – Le fibrillazioni di un manipolo di senatori ribelli di Ncd non si trasformeranno in una valanga capace di travolgere il governo. E’ questa la convinzione di Matteo Renzi e degli uomini che per lui stanno tenendo i rapporti con gli alleati, in vista del delicato voto sulla legge di riforma del bilancio degli enti locali, in programma la prossima settimana.

Una convinzione che sarebbe stata manifestata dal premier al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel corso di un incontro al Quirinale. Il colloquio ha avuto al centro il vertice Nato di Varsavia, che impegnerà il premier venerdì e sabato.

Ma sarebbe divenuto anche occasione per fare il punto sugli scenari dei prossimi mesi, a partire dal referendum costituzionale, vero spartiacque della legislatura. Renzi è determinato, non si stancano di ripetere i parlamentari a lui vicini, a non lasciare spazio a nessun gioco di palazzo: se il referendum verrà bocciato, il governo si dimetterà e lui, da segretario del Pd, non potrà che dirsi convinto che debba trarre le conseguenze anche il Parlamento e non ci siano alternative al voto.

Per il ruolo istituzionale che gli è assegnato dalla Costituzione, però, il capo dello Stato, spiegano fonti parlamentari, non potrebbe che cercare in ogni caso di garantire la stabilità politica – soprattutto se il referendum si svolgerà durante la sessione di bilancio – e il prosieguo della legislatura, magari con un governo di scopo.

Una diversità ‘strutturale’ di vedute che, riferiscono le stesse fonti, sarebbe stata all’origine di un incontro a tratti teso. Ma le fonti ufficiali smentiscono categoricamente: il colloquio è stato come sempre cordiale e disteso, assicurano.

Nei corridoi parlamentari, ancor più dopo le fibrillazioni degli alfaniani, si continua a speculare su possibili governi ‘di emergenza’, da mettere in campo in caso di caduta di Renzi. Ma dal Quirinale fanno sapere che Mattarella non intende andare dietro a “ricostruzioni fantasiose” sulle posizioni che assumerebbe in caso di crisi.

Nessuno metta in dubbio il suo ruolo super partes, è il messaggio. Il capo dello Stato, viene assicurato, non ha pronti piani A, né B o C e non ha alcuna intenzione di anticipare decisioni su quanto potrebbe accadere tra alcuni mesi.

Certo, si ragiona in ambienti parlamentari della maggioranza, andare a votare con l’Italicum alla Camera e il Consultellum al Senato, in caso di bocciatura del referendum, potrebbe diventare un problema perché non ci sarebbe equilibrio tra i due rami del Parlamento.

Dunque, si osserva negli stessi ambienti, se nei fatti emergesse una maggioranza in grado di uniformare le due leggi, non potrebbe il capo dello Stato non tenerne conto.

Legittime, osservano di rimando i renziani, le richieste di cambiare la legge elettorale (come chiede tutta la minoranza e anche un pezzo rilevante di maggioranza Pd) ma un tentativo del genere si scontrerebbe con la mancanza dei numeri in Parlamento per modifiche concordate (nel Pd, Franceschini chiede ad esempio il premio alla coalizione ma la sinistra Dem vuole il collegio alla francese).

Allo stesso modo, spiegano le stesse fonti, non ci sarebbero i numeri per un governo alternativo. Dunque, non ci sarebbe altra strada che il voto. Se ne sarebbero resi conto, spiegano fonti Dem, anche i ‘ribelli’ di Ncd: resta la preoccupazione per i numeri del Senato, ma in serata – dopo una lunga giornata di riunioni tra Palazzo Madama e largo Chigi – l’area del dissenso viene circoscritta.

Il governo terrà, assicurano i renziani. Il “piano A”, sottolineano fonti vicine a Renzi, è comunque andare al referendum (magari con un rinvio rispetto alla data ipotizzata di ottobre) e vincerlo. E nella campagna referendaria proprio le fibrillazioni di questi giorni potrebbero trasformarsi, spiegano, in un’arma per la campagna elettorale di Renzi: la mia riforma – direbbe con più forza il premier – è l’antidoto agli ‘inciuci di palazzo’.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

20:57Migranti: sindaco Lampedusa, parole Kurz da naziskin

(ANSA) - LAMPEDUSA (AGRIGENTO), 20 LUG - "Una dichiarazione del genere me la sarei aspettata da un naziskin, non certo da un rappresentante delle istituzioni di un Paese della Comunità Europea. Evidentemente Kurz non sa neppure quanto è grande Lampedusa, e dimentica che nella nostra isola vivono seimila persone che si sentono europee". Così il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, commenta le parole del ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz sui migranti. "Dalle parole che ho letto - aggiunge il sindaco di Lampedusa - capisco che il ministro Kurz non sa come avvengono gli sbarchi, in quali condizioni vengono soccorsi i migranti che arrivano a Lampedusa, e non sa quanti sforzi compiono quest'isola e i suoi abitanti per l'accoglienza umanitaria".

20:54Calcio: Inter-Schalke, botta e risposta ironico su Twitter

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Botta e risposta su Twitter tra Inter e Schalke 04 che domani in Cina si sfideranno in amichevole. Il club nerazzurro dà appuntamento ai tedeschi: "Siete pronti come lo siamo noi per la Dragon city cup? Ci vediamo domani sera!". Pronta la risposta dello Schalke che, con ironia, ricorda le vittorie sulla squadra nerazzurra: "Certo! Non vediamo l'ora. Ci ricordiamo ancora bene di voi". E infatti i tedeschi sono stati un avversario ostico per l'Inter. Nel 1997 lo Schalke battè ai rigori in finale di Coppa Uefa la squadra allora allenata da Roy Hodgson. Poi, nel 2011, nell'andata dei quarti di Champions, fu un vero tracollo nerazzurro: ko per 5-2 a San Siro.

20:53Calcio: Spagna, convalidato l’arresto del presidente Villar

(ANSA) - MADRID, 20 LUG - Il giudice della Audiencia nacional di Madrid, Santiago Pedraz, ha convalidato l'arresto del presidente della Federcalcio spagnola (Rfef), Angel Maria Villar, e del figlio Gorka, accusati di corruzione e malversazione, disponendo il loro ingresso in carcere. I due Villar erano stati arrestati martedì, in un blitz ordinato dalla Procura anti-corruzione. Con loro erano finiti in manette il presidente e il segretario della federazione di Tenerife, Juan Padron, vicepresidente della Rfef, e Ramon Hernandez Baussou. I quattro arrestati sono stati interrogati oggi dal giudice, che poi ne ha convalidato l'arresto. Sono imputati per appropriazione indebita, truffa, falso, corruzione. Dopo l'arresto del suo presidente, la Rfef aveva rinviato sine die le riunioni previste questa settimana per fissare il calendario della Liga 2017/18. Il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, ha detto che la riunione si svolgerà domani e che il Governo spagnolo impedirà che i guai giudiziari di Villar influiscano sul campionato.

20:51Usa: O. J. Simpson, ‘ho scontato la mia condanna’

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - "Nulla di tutto questo sarebbe successo se avessi avuto miglior buon senso". Lo afferma O. J. Simpson, l'ex star del football, nel corso dell'udienza davanti alla commissione che deve decidere se concedergli la libertà condizionale. "Sono a un punto della mia vita in cui vorrei trascorrere la maggior parte del tempo con i miei figli e i miei amici. Non mi sono mai lamentato per nove anni, ho scontato la mia condanna". Simpson sta scontando una condanna a a 33 anni di carcere per rapina a mano armata e sequestro di persona. In passato e' stato prosciolto dall'accusa di omicidio della sua ex moglie Nicole e dell'amico Ronald Goldman nel 1994 a Los Angeles, in un processo che ha spaccato l'America tenendo milioni di telespettatori incollati alla tv. E l'udienza per la sua liberta' condizionale segue lo stesso copione: e' trasmessa in diretta da tutte le principali emittenti televisive.

20:46Albanese ucciso a Terni, connazionale resta in carcere

(ANSA) - BARI, 20 LUG - Resta in carcere il 60enne albanese Kujtim Beli, accusato dell'omicidio del connazionale Demir Hyseni, di 49 anni, ucciso due giorni fa a Terni a colpi di pistola. Il gip del Tribunale di Bari Annachiara Mastrorilli ha convalidato il fermo dell'uomo, eseguito ieri dai Carabinieri nel porto di Bari, dove il 60enne si stava imbarcando per tornare in Albania. Il giudice ha emesso contestuale ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di omicidio volontario dichiarandosi poi incompetente per territorio e trasmettendo gli atti alla magistratura di Terni, titolare delle indagini sul delitto. (ANSA).

20:40Calcio: moviola in campo, test per arbitri di A

(ANSA) - VIAREGGIO (LUCCA), 20 LUG - Nello stadio dei Pini, a Viareggio, sarà sperimentata la 'moviola in campo' domani e sabato, a partire dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. L'iniziativa è stata organizzata dalla Lega di Serie A, insieme alla società del Viareggio 2014, che milita in Serie D. Gli arbitri di Serie A potranno quindi sperimentare le modalità di applicazione di questo strumento altamente innovativo durante un torneo quadrangolare dimostrativo che vedrà impegnate le formazioni giovanili (Juniores e Allievi) del Viareggio 2014, del Seravezza, del Real Forte Querceta e del Camaiore. Gli arbitri e gli assistenti coinvolti nella due giorni saranno Guida, Abisso, Gavillucci, Pasqua, Marrazzo, Del Giovane, Manganelli, Gori, Valeri, Mariani, Tasso e Liberti. Poi, domenica, nello stadio di Forte dei Marmi, alle 18, altro test nel corso dell'amichevole Real Forte Querceta-Empoli.

20:38Calcio: Crotone, Stoian in campo 80 giorni

(ANSA) - CROTONE, 20 LUG - Ottanta giorni dopo il malore che ne aveva causato il ricovero d'urgenza in ospedale, Adrian Stoian, attaccante romeno del Crotone, è tornato ad allenarsi con i compagni. Il giocatore si è messo al lavoro nel ritiro di Moccone di Spezzano della Sila (Cosenza), per recuperare la forma ed essere al più presto pronto per tornare in campo. Dopo aver sostenuto le visite mediche di rito, Stoian, infatti, ha raggiunto oggi i compagni di squadra in ritiro ed è sceso in campo insieme al viceallenatore, Emanuele Cacicia, per sostenere il primo allenamento della nuova stagione. Stoian, nei primi giorni, seguirà un programma di lavoro personalizzato e successivamente si aggregherà al gruppo. Il giocatore era stato portato in ospedale a Crotone il 30 aprile, dopo la partita casalinga contro il Milan, ed era rimasto ricoverato fino a maggio, assistendo ai match del Crotone dalle finestre dell'ospedale, che sorge accanto allo stadio Ezio Scida.

Archivio Ultima ora