Renzi vede Mattarella, al Senato ho i numeri per continuare

Pubblicato il 07 luglio 2016 da ansa

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente del Consiglio Matteo Renzi in occasione del prossimo Consiglio Europeo, Roma, 27 giugno 2016 ANSA/FRANCESCO AMMENDOLA UFFICIO STAMPA QUIRINALE

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente del Consiglio Matteo Renzi in occasione del prossimo Consiglio Europeo, Roma, 27 giugno 2016
ANSA/FRANCESCO AMMENDOLA UFFICIO STAMPA QUIRINALE

ROMA. – Le fibrillazioni di un manipolo di senatori ribelli di Ncd non si trasformeranno in una valanga capace di travolgere il governo. E’ questa la convinzione di Matteo Renzi e degli uomini che per lui stanno tenendo i rapporti con gli alleati, in vista del delicato voto sulla legge di riforma del bilancio degli enti locali, in programma la prossima settimana.

Una convinzione che sarebbe stata manifestata dal premier al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel corso di un incontro al Quirinale. Il colloquio ha avuto al centro il vertice Nato di Varsavia, che impegnerà il premier venerdì e sabato.

Ma sarebbe divenuto anche occasione per fare il punto sugli scenari dei prossimi mesi, a partire dal referendum costituzionale, vero spartiacque della legislatura. Renzi è determinato, non si stancano di ripetere i parlamentari a lui vicini, a non lasciare spazio a nessun gioco di palazzo: se il referendum verrà bocciato, il governo si dimetterà e lui, da segretario del Pd, non potrà che dirsi convinto che debba trarre le conseguenze anche il Parlamento e non ci siano alternative al voto.

Per il ruolo istituzionale che gli è assegnato dalla Costituzione, però, il capo dello Stato, spiegano fonti parlamentari, non potrebbe che cercare in ogni caso di garantire la stabilità politica – soprattutto se il referendum si svolgerà durante la sessione di bilancio – e il prosieguo della legislatura, magari con un governo di scopo.

Una diversità ‘strutturale’ di vedute che, riferiscono le stesse fonti, sarebbe stata all’origine di un incontro a tratti teso. Ma le fonti ufficiali smentiscono categoricamente: il colloquio è stato come sempre cordiale e disteso, assicurano.

Nei corridoi parlamentari, ancor più dopo le fibrillazioni degli alfaniani, si continua a speculare su possibili governi ‘di emergenza’, da mettere in campo in caso di caduta di Renzi. Ma dal Quirinale fanno sapere che Mattarella non intende andare dietro a “ricostruzioni fantasiose” sulle posizioni che assumerebbe in caso di crisi.

Nessuno metta in dubbio il suo ruolo super partes, è il messaggio. Il capo dello Stato, viene assicurato, non ha pronti piani A, né B o C e non ha alcuna intenzione di anticipare decisioni su quanto potrebbe accadere tra alcuni mesi.

Certo, si ragiona in ambienti parlamentari della maggioranza, andare a votare con l’Italicum alla Camera e il Consultellum al Senato, in caso di bocciatura del referendum, potrebbe diventare un problema perché non ci sarebbe equilibrio tra i due rami del Parlamento.

Dunque, si osserva negli stessi ambienti, se nei fatti emergesse una maggioranza in grado di uniformare le due leggi, non potrebbe il capo dello Stato non tenerne conto.

Legittime, osservano di rimando i renziani, le richieste di cambiare la legge elettorale (come chiede tutta la minoranza e anche un pezzo rilevante di maggioranza Pd) ma un tentativo del genere si scontrerebbe con la mancanza dei numeri in Parlamento per modifiche concordate (nel Pd, Franceschini chiede ad esempio il premio alla coalizione ma la sinistra Dem vuole il collegio alla francese).

Allo stesso modo, spiegano le stesse fonti, non ci sarebbero i numeri per un governo alternativo. Dunque, non ci sarebbe altra strada che il voto. Se ne sarebbero resi conto, spiegano fonti Dem, anche i ‘ribelli’ di Ncd: resta la preoccupazione per i numeri del Senato, ma in serata – dopo una lunga giornata di riunioni tra Palazzo Madama e largo Chigi – l’area del dissenso viene circoscritta.

Il governo terrà, assicurano i renziani. Il “piano A”, sottolineano fonti vicine a Renzi, è comunque andare al referendum (magari con un rinvio rispetto alla data ipotizzata di ottobre) e vincerlo. E nella campagna referendaria proprio le fibrillazioni di questi giorni potrebbero trasformarsi, spiegano, in un’arma per la campagna elettorale di Renzi: la mia riforma – direbbe con più forza il premier – è l’antidoto agli ‘inciuci di palazzo’.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

20:31Terremoto: Vigili fuoco salvano bimbo e mamma da macerie

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Un bambino e la sua mamma rimasti sepolti sotto le macerie di una abitazione crollata per le nuove scosse di terremoto a Castiglione Messer Raimondo in provincia di Teramo, sono stati estratti vivi dai vigili del fuoco. Entrambi sono in ipotermia. I vigili del fuoco segnalano che ci sono difficoltà per l'elitrasporto e per questo il soccorso e il trasporto in ospedale procedono via terra.

20:29Terremoto: Curcio, stiamo lavorando al limite del proibitivo

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "C'è la difficoltà di operare, tutto è reso più difficile dalla viabilità complicata dalla neve". Lo ha detto il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio nella sede Dicomac a Rieti. "Stiamo lavorando al limite del proibitivo" ha osservato aggiungendo che "diverse zone non sono state raggiunte, abbiamo contatti ma molte zone sono isolate. Il tutto reso più difficile dalla viabilità". Il Capo della Protezione civile ha quindi chiesto di evitare spostamenti: "Chi si deve muovere lo faccia dopo essersi informato. Non si deve forzare ciò che non è forzabile". E chi può - ha aggiunto - vada in strutture alberghiere. "Noi abbiamo riaperto tutte le possibilità di assistenza alla popolazione che avevamo ristretto. Regioni e sindaci hanno attivato percorsi di ricovero" ha detto. Curcio ha quindi confermato che non risultano decessi. Sull'uomo che sarebbe stato travolto dalla slavina a Campotosto "sono in corso verifiche".

20:27Maltempo: mille senza luce in piccoli centri del Nuorese

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - A seguito delle abbondanti nevicate di questa notte nelle province di Nuoro e dell' Ogliastra il servizio elettrico ha subito diverse interruzioni per gran parte ripristinate dopo l'intervento dei tecnici e degli operai di e-distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce le reti di media e bassa tensione, coadiuvati dalle imprese appaltatrici. Si tratta complessivamente di un migliaio di utenze nei paesi di montagna. Le operazioni di riattivazione sono ostacolate dall'impraticabilità di alcuni tratti della rete stradale per la presenza di neve e ghiaccio. Le squadre, supportate da mezzi speciali, stanno intervenendo per riparare i guasti causati principalmente dalla formazione di manicotti di ghiaccio intorno ai conduttori e dalla caduta di alberi ad alto fusto situati al di fuori della fascia di rispetto. E-distribuzione comunica che il servizio nella quasi totalità dei casi verrà ripristinato entro la giornata odierna e ripreso totalmente non prima del pomeriggio di domani.(ANSA).

20:25Calcio: Dramé, del Palermo non so nulla

(ANSA) - BERGAMO, 18 GEN - "Il Palermo? Non ne so niente". L'esterno sinistro dell'Atalanta Boukary Dramé smentisce di essere al centro di ipotetiche manovre di calciomercato: "Lo dice la gente, io non leggo nemmeno i giornali - precisa il senegalese -. Non ho avuto notizie in tal senso, anche perché voglio rimanere qui". Dramé è alle prese con un persistente fastidio al ginocchio destro, che fatica a sgonfiarsi: "È un infortunio un po' strano, sto lavorando per recuperare. Certamente non ci sarò con la la Sampdoria". Una parola sul mercato, argomento d'attualità: "Non mi stupisco che Gagliardini abbia subito iniziato benissimo all'Inter, sapevamo quant'è forte e mi fa piacere che lo stia dimostrando".

20:16Gambia: truppe Senegal in movimento verso il confine

(ANSA) - DAKAR, 18 GEN - Truppe senegalesi si stanno spostando verso il confine con il Gambia, affermano testimoni, mentre salgono le pressioni per convincere il presidente Yahia Jammeh, che ha perso le elezioni del dicembre scorso, a lasciare il potere al vincitore Adama Barrow, che attualmente si trova proprio in Senegal. Il passaggio di consegne è previsto per domani, ma Jammeh - che si rifiuta di accettare l'esito del voto - ieri ha proclamato uno stato d'emergenza di 90 giorni. L'Ecowas, l'Organizzazione degli Stati dell'Africa occidentale, ha minacciato di ricorrere all'uso della forza per rimuovere Jameeh, se necessario.

20:16Maltempo: Puglia, in piena fiumi Fortore e Lato

(ANSA) - BARI, 18 GEN - Precipitazioni temporalesche sono in atto in Puglia dove sono in piena il fiume Fortore e i principali corsi d'acqua della zona settentrionale. E' in piena anche il fiume Lato, nel Tarantino. La Protezione civile pugliese ha emesso: un'allerta arancione per rischio idraulico sulla zona del Basso Fortore; un'allerta gialla per rischio idraulico sulla zona del Tavoliere per i Bacini del Lato e Lenne; allerta gialla per rischio idrogeologico sulle restanti zone di allerta per la giornata di domani. Resta in vigore l'Avviso di condizioni meteorologiche avverse pubblicato ieri dal Dipartimento nazionale della Protezione Civile, per il quale è stata emessa una preallerta per rischio meteo su tutta la Puglia. (ANSA).

20:10Furto in villa Agnelli, patteggiano tre kosovari

(ANSA) - IVREA (TORINO), 18 GEN - Hanno patteggiato gli autori del furto nella villa di Allegra Agnelli, avvenuto a Fiano (Torino) la notte di Pasqua del 2015. I kosovari Sedat Kurda, 50 anni, e Femi Makolli, 48, entrambi residenti a Milano, hanno patteggiato rispettivamente 4 anni e 4 mesi e 4 anni e 5 mesi di carcere. Il complice Flijorim Redzepi, 41 anni, domiciliato a Cinisello Balsamo, ha invece patteggiato una penna di 3 anni e 2 mesi di reclusione. Redzepi era stato scarcerato, tempo fa, per decorrenza dei termini. Ai tre non sono state concesse le attenuanti generiche dal momento che non hanno collaborato per il recupero dei gioielli rubati nella villa di Fiano. La banda era specializzata in furti in abitazioni di pregio. Una decina i colpi contestati ai kosovari dalla procura di Ivrea che ha coordinato le indagini.

Archivio Ultima ora