Quel Contismo da preservare

Pubblicato il 08 luglio 2016 da Emilio Buttaro

Antonio Conte con il giornalista Emilio Buttaro

Il suo nome non potrà essere accostato a quello di Ferruccio Valcareggi o di Enzo Bearzot e neppure ai più “contemporanei” Marcello Lippi o Cesare Prandelli, insomma quelli che la Germania l’hanno schiacciata per mezzo secolo. Antonio Conte questo tipo di impresa l’ha soltanto accarezzata insieme a tutti gli italiani che nelle ultime tre settimane hanno vissuto l’Europeo con un ritrovato senso di patriottismo. E’ proprio questa la vera impresa del tecnico pugliese: aver fatto rinascere l’amore per i colori azzurri e aver riavvicinato la Nazionale alla gente anche grazie a quella nuova filosofia chiamata Contismo. L’ex allenatore di Bari e Juventus ha preso in mano la causa tricolore dopo il Mondiale brasiliano portandola tra le prime otto d’Europa e ad un passo dalla semifinale. Ha cercato di trasformare la squadra in un club ed è riuscito ad andarci molto vicino, costruendo in un mese e mezzo un gruppo vero, compatto, con una precisa idea di gioco e un carattere a sua immagine e somiglianza. Nel preparare l’Europeo ha capito che sul piano della tecnica e della qualità non avrebbe potuto giocarsela alla pari con le più forti e allora sotto con la squadra fisica, tutto cuore, concentrazione e organizzazione. Così, una buona riserva del Southampton diventa uno dei migliori della spedizione francese, un folletto come Giaccherini è insostituibile ed un centrocampista di nome Sturaro da esordiente in azzurro, si trasforma quasi nella carta vincente contro i Panzer. Già, perchè il Contismo è proprio questo: la vittoria dell’organizzazione contro tutto e tutti, a prescindere dal risultato. In Francia e non solo lo hanno capito in tanti al punto che Conte è diventato anche un fenomeno di comunicazione, la sua esultanza contro la Spagna ha fatto il giro di tutte le principali testate giornalistiche europee, divenendo così un personaggio trasversale e non più soltanto l’ex allenatore della Juventus. Prima di inciampare a undici metri dalla semifinale ha saputo dribblare diversi ostacoli: dagli infortuni illustri anche preraduno allo scetticismo generale per un gruppo con poca qualità, dai numerosi antipatizzanti personali a un tabellone malefico. Forse con lui ancora in panchina, l’Italia avrebbe davvero potuto costruire qualcosa di grande in vista di Russia 2018 ma la vita è fatta anche di scelte e le scelte vanno rispettate. Anche se il suo nome non sarà accanto a quello di illustri predecessori che hanno fatto piangere i tedeschi, il Contismo rimarrà un fenomeno da ricordare e da raccontare. Non è dato sapere se sarà un addio o un arrivederci quello tra Conte e i colori azzurri ma sicuramente la nuova Nazionale di Ventura dovrà ripartire proprio da quel carattere per provare ad aprire un nuovo ciclo vincente.

emiliobuttaro
Emilio Buttaro

Classe 1967 ha iniziato a svolgere attività giornalistica all'età di sedici anni. Nell'85 ha vinto il concorso nazionale "Vota lo speaker" indetto dalla FIPAV (Federazione Italiana Pallavolo) e l'anno dopo è stato il più giovane cronista accreditato al Festival di Sanremo. Laureato in scienze politiche, si occupa anche della conduzione di eventi sempre con uno stile giornalistico. Ha collaborato e collabora con varie testate nazionali tra cui: Il Messaggero, La Stampa (redazione sportiva), Radio 24 - Il Sole 24 Ore, Radio Tv Capodistria, SBS emittente radiotelevisiva continentale australiana, Agenzia di Stampa Italpress




Ultimi articoli


22 maggio 2017

Juve, come te nessuno mai



02 maggio 2017

Inzaghi re di Roma



20 febbraio 2017

Riapre Zemanlandia



08 febbraio 2017

Il festival del gol



30 gennaio 2017

Juve normal, Inter dream!!!



16 gennaio 2017

Giochi riaperti



09 gennaio 2017

Anno nuovo, vita vecchia



19 dicembre 2016

Juve 100 punti in 12 mesi



13 dicembre 2016

L’anti-Juve si chiama Roma



29 novembre 2016

La rinascita di Candreva



21 novembre 2016

Insigne riconquista Napoli



31 ottobre 2016

La carica del Capitano



24 ottobre 2016

L’aeroplanino ora vola davvero



26 settembre 2016

Cuore Toro



19 settembre 2016

Vita da bomber



12 settembre 2016

Pupone no limits



29 agosto 2016

E’ sempre Napoli champagne



22 agosto 2016

Partita la caccia alla Juve



25 luglio 2016

Altafini, l’ex core ‘ngrato