Renzi apre sull’Italicum e prova a ricompattare la maggioranza

Pubblicato il 08 luglio 2016 da redazione

Renzi_Boschi

ROMA. – Il premier Matteo Renzi vola al vertice Nato con la consapevolezza di una maggioranza ricompattata dopo lo scoppio del ‘caso’ Alfano e il caos interno in Ap. Il rischio imboscata nel voto che si avrà la settimana prossima sulla legge sugli enti locali sembrerebbe scongiurato.

Ma restano altri, difficili, nodi, a partire dalla sfida referendaria che, spiega il capo del governo nella sua enews, “è decisiva per l’Italia”. Una sfida, rimarca Renzi confermando i tentativi di sminare il campo da ogni personalizzazione, che “se parliamo di contenuti” vedrà la vittoria del Si.

Prima di ottobre – o inizio novembre, questo il ‘range’ al momento per la data del referendum – Renzi dovrà però rispondere alla richiesta, sempre più trasversale, di modificare l’Italicum provando allo stesso tempo a spegnere i malumori, per nulla sopiti, tra i centristi.

Sul primo punto, sebbene Renzi non si esponga in prima persona e il ministro Maria Elena Boschi confermi che l’Italicum “funziona”, una mano tesa ad alleati e non arriva dal vicesegretario Pd Lorenzo Guerini. “Siamo aperti al confronto, ma solo su ipotesi concrete che abbiano una base solida a livello numerico”, spiega facendo intendere come una modifica che avesse un largo supporto parlamentare potrebbe davvero far breccia.

E anche chi, come il ministro Graziano Delrio, è un sincero fan dell’Italicum, ammette che “il Parlamento è sovrano e si vedrà. Il Vangelo è stato scritto da qualcun altro”.

Il modo per cambiare l’Italicum resta invece un rebus. Al momento l’unica modifica che vedrebbe parte del Pd, tutta la galassia centrista e (forse) anche Fi d’accordo, sarebbe il premio alla coalizione. Ma, avverte il presidente di Centro Democratico Bruno Tabacci, potrebbe non bastare perché, nel frattempo, una coalizione di centrosinistra “non c’è più”.

Di certo, invece, una modifica spegnerebbe buona parte dei bollori in Ap, dove un incontro tra Angelino Alfano e Renato Schifani è servito a separare la questione politica (con i dissidenti che restano convinti su un appoggio esterno già prima del referendum) dalla vicenda delle intercettazioni che coinvolgono il ministro.

Le distanze interne, insomma, restano ampie ma la sensazione è che, a Palazzo Madama, in Ap non ci saranno imboscate. Forse il tentativo non c’è mai stato e se c’è stato è naufragato per assenza di carburante, fanno notare fonti vicine ai vertici di Ncd ribadendo la saldezza del governo.

Ed è lo stesso Guerini, assicurando tenuta dell’alleanza di Ncd, a spiegare come Alfano “stia lavorando bene e non sia indagato”. Alfano che, probabilmente per mercoledì, starebbe pensando di intervenire in Aula e chiarire una volta per tutte, di fronte alle opposizioni, la sua posizione.

Se nel breve termine un collasso sotto la quota 161 al Senato appare scongiurato è in vista del referendum che, invece, le nubi cominciano ad addensarsi. Ed emerge, in queste ore, l’ipotesi di uno spacchettamento del quesito, promosso dai Radicali (che per la settimana prossima hanno in programma una mobilitazione straordinaria) e sostenuto tra l’altro da un membro del governo come Benedetto Della Vedova e dal centrista Maurizio Sacconi.

Sul tema, né Renzi né Boschi si pronunciano ma Stefano Ceccanti, costituzionalista tra gli ispiratori delle riforme renziane, bolla come “senza senso” l’ipotesi anche perché dalle Camere è stato votato un unico testo. La partita, quindi, resterebbe quella tra il Sì e il No.

Una partita che “non vinceremo evocando la paura”, sottolinea Renzi definendo però “forti e comprensibili” gli allarmi che, tra gli analisti europei, cominciano a filtrare sull’Italia della vittoria del No.

(Michele Esposito/Ansa)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora