Renzi apre sull’Italicum e prova a ricompattare la maggioranza

Pubblicato il 08 luglio 2016 da redazione

Renzi_Boschi

ROMA. – Il premier Matteo Renzi vola al vertice Nato con la consapevolezza di una maggioranza ricompattata dopo lo scoppio del ‘caso’ Alfano e il caos interno in Ap. Il rischio imboscata nel voto che si avrà la settimana prossima sulla legge sugli enti locali sembrerebbe scongiurato.

Ma restano altri, difficili, nodi, a partire dalla sfida referendaria che, spiega il capo del governo nella sua enews, “è decisiva per l’Italia”. Una sfida, rimarca Renzi confermando i tentativi di sminare il campo da ogni personalizzazione, che “se parliamo di contenuti” vedrà la vittoria del Si.

Prima di ottobre – o inizio novembre, questo il ‘range’ al momento per la data del referendum – Renzi dovrà però rispondere alla richiesta, sempre più trasversale, di modificare l’Italicum provando allo stesso tempo a spegnere i malumori, per nulla sopiti, tra i centristi.

Sul primo punto, sebbene Renzi non si esponga in prima persona e il ministro Maria Elena Boschi confermi che l’Italicum “funziona”, una mano tesa ad alleati e non arriva dal vicesegretario Pd Lorenzo Guerini. “Siamo aperti al confronto, ma solo su ipotesi concrete che abbiano una base solida a livello numerico”, spiega facendo intendere come una modifica che avesse un largo supporto parlamentare potrebbe davvero far breccia.

E anche chi, come il ministro Graziano Delrio, è un sincero fan dell’Italicum, ammette che “il Parlamento è sovrano e si vedrà. Il Vangelo è stato scritto da qualcun altro”.

Il modo per cambiare l’Italicum resta invece un rebus. Al momento l’unica modifica che vedrebbe parte del Pd, tutta la galassia centrista e (forse) anche Fi d’accordo, sarebbe il premio alla coalizione. Ma, avverte il presidente di Centro Democratico Bruno Tabacci, potrebbe non bastare perché, nel frattempo, una coalizione di centrosinistra “non c’è più”.

Di certo, invece, una modifica spegnerebbe buona parte dei bollori in Ap, dove un incontro tra Angelino Alfano e Renato Schifani è servito a separare la questione politica (con i dissidenti che restano convinti su un appoggio esterno già prima del referendum) dalla vicenda delle intercettazioni che coinvolgono il ministro.

Le distanze interne, insomma, restano ampie ma la sensazione è che, a Palazzo Madama, in Ap non ci saranno imboscate. Forse il tentativo non c’è mai stato e se c’è stato è naufragato per assenza di carburante, fanno notare fonti vicine ai vertici di Ncd ribadendo la saldezza del governo.

Ed è lo stesso Guerini, assicurando tenuta dell’alleanza di Ncd, a spiegare come Alfano “stia lavorando bene e non sia indagato”. Alfano che, probabilmente per mercoledì, starebbe pensando di intervenire in Aula e chiarire una volta per tutte, di fronte alle opposizioni, la sua posizione.

Se nel breve termine un collasso sotto la quota 161 al Senato appare scongiurato è in vista del referendum che, invece, le nubi cominciano ad addensarsi. Ed emerge, in queste ore, l’ipotesi di uno spacchettamento del quesito, promosso dai Radicali (che per la settimana prossima hanno in programma una mobilitazione straordinaria) e sostenuto tra l’altro da un membro del governo come Benedetto Della Vedova e dal centrista Maurizio Sacconi.

Sul tema, né Renzi né Boschi si pronunciano ma Stefano Ceccanti, costituzionalista tra gli ispiratori delle riforme renziane, bolla come “senza senso” l’ipotesi anche perché dalle Camere è stato votato un unico testo. La partita, quindi, resterebbe quella tra il Sì e il No.

Una partita che “non vinceremo evocando la paura”, sottolinea Renzi definendo però “forti e comprensibili” gli allarmi che, tra gli analisti europei, cominciano a filtrare sull’Italia della vittoria del No.

(Michele Esposito/Ansa)

Ultima ora

22:55Italiano ucciso durante rapina in Nuova Zelanda

(ANSA) - LA SPEZIA, 27 MAR - E' morto dopo tre giorni di agonia, dopo essere stato malmenato e ridotto in fin di vita al culmine di una rapina, avvenuta nel parcheggio di un club di Christchurch, in Nuova Zelanda. Pierclaudio Raviola, 65enne originario della Spezia, da oltre venti anni aveva scelto il Paese oceanico per rifarsi una vita. Ad ammazzarlo, secondo la polizia neozelandese, sarebbero state tre persone, già arrestate e accusate di omicidio: Deborah Jean Tihema, di 38 anni, Cyle Robert Jetson, di 20, e un sedicenne, dovranno comparire davanti alla Corte suprema il prossimo 12 aprile. Proprio a Christchurch, terza città del Paese, da anni Raviola lavorava come autista di scuolabus. Prima ancora aveva aperto un ristorante ad Auckland, chiuso poi qualche anno dopo per difficoltà finanziarie.

22:45Caso Juve-Ultrà: club su Twitter, ‘desecretate Pecoraro’

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - "Quello che sta avvenendo è estremamente sbagliato: riportare pezzi di intercettazione, momenti e frasi senza contestualizzarli è fuorviante. Si rischia di far passare per vere cose che non costituiscono fatti provati". L'avvocato Luigi Chiappero, legale della Juventus, interviene così a Jtv nello speciale JTalk dedicato ai presunti rapporti della società bianconera con ultrà ed esponenti della malavita organizzata finito anche sotto la lente della commissione parlamentare Antimafia. "#Desecretate Pecoraro" è l'hashtag twittato dal profilo ufficiale del club bianconero per lanciare la trasmissione. "Un conto sono i fatti, un conto le cose che si dicono al telefono - sostiene Chiappero -. Le intercettazioni sono un fatto delicato, di difficile interpretazione ed è importante contestualizzarle". Il riferimento è al procuratore federale Giuseppe Pecoraro, che sul caso ha deferito la Juve e il suo presidente, Andrea Agnelli, alla giustizia sportiva.

22:45Calcio: Ventura, gli stage stanno dando i loro frutti

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "La dimostrazione del beneficio degli stage è che alcuni ragazzi che vi hanno partecipato, oggi sono qui. Non ci sono variazioni di programma e non ce ne saranno". Lo ha assicurato Gian Piero Ventura nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda, ad Amsterdam. "I nostri giovani stanno dimostrando di valere - ha aggiunto il ct azzurro - Ce ne sono tanti di bravi e che hanno potenzialità: dobbiamo solo dargli tempo e a quel punto avremo fatto un grande passo per il futuro. Ci sono segnali da un'infinità di giovani e ci sono quindi i presupposti per fare qualcosa di importante: sarà poi il campo, ovviamente, a dire l'ultima parola. Ma questo concetto di fiducia l'ho espresso già tante volte. Vedo entusiasmo ed umiltà: due condizioni fondamentali". Quanto alla gara di domani, il tecnico la vede coma una "occasione per verificare cosa dobbiamo ancora fare e cosa invece abbiamo fatto".

22:08Calcio: Tavecchio, pronto ad andare all’Antimafia

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Per quanto riguarda le problematiche in collegamento con la Commissione, io andrò se convocato: noi siamo rispettosi delle istituzioni". Lo ha detto Carlo Tavecchio, presidente della Figc, ad una domanda dopo le dichiarazioni del dg Michele Uva e la risposta della presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi. "Siamo in sintonia con quello che l'Antimafia ha già deliberato - ha aggiunto Tavecchio al termine del Consiglio federale svoltosi oggi a Coverciano - La forza di un presidente federale è di non conoscere la porta di accesso della Procura federale: se mi chiedete come si fa ad andare dal procuratore, non vi so accompagnare. Quindi, quando la questione riguarda la Procura, il presidente federale è uno spettatore come voi". Poi, sulla scelta di Alessandro Costacurta come presidente del Comitato organizzatore locale degli Europei Under 21 del 2019: "Una bella notizia. È stato un calciatore di prestigio e di stile. Ha doti invidiabili di comunicazione e inoltre conosce l'attività gestionale".

21:50Pd: Emiliano, rischio è consegnare Paese a governo M5s-Lega

(ANSA) - BARI, 27 MAR - "Noi stiamo rischiando, ed è una delle ragioni fondamentali di questa mozione, di consegnare l'Italia a una maggioranza di populismi anomala, che potrebbe perfino obbligare il movimento cinquestelle e la destra salviniana a collaborare per il governo del Paese". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia e candidato alla segreteria Pd, Michele Emiliano, presentando la sua mozione a Bari. "Questa mozione - ha aggiunto - è l'unico strumento di governo dell'Italia. E' l'unica che può provare a far vincere al Pd le prossime elezioni. L'unica che dialoga con rispetto di tutti i mondi, esclusa la destra, di riferimento del fronte progressista". Emiliano ha aggiunto che "probabilmente a febbraio dell'anno prossimo andremo a elezioni, e in quella occasione non ci sono i pacchi delle tessere, non puoi chiamare i romeni a votare alle primarie, lì vanno a votare gli italiani". "E a febbraio dell'anno prossimo dobbiamo presentare un Pd capace di essere vicino agli italiani, capace di risolvere i problemi".

21:31De Luca: niente scuse alla ‘signora dei 5 Stelle’

(ANSA) - SANTA MARIA A VICO (CASERTA), 27 MAR - Niente scuse alla "signora dei Cinque Stelle" Valeria Ciarambino, anzi, i grillini "vadano al diavolo": al contrario, rilancia il governatore della Campania Vincenzo De Luca, che oggi, durante un incontro tenuto alla Scuola Giovanni XXIII di Santa Maria a Vico (Caserta), è tornato sulla polemica scoppiata venerdì durante la seduta del Consiglio Regionale quando aveva definito "chiattona" la capogruppo M5s in consiglio regionale Ciarambino.

21:28Calcio: caso Barzagli, Ventura “sorpreso a 360 gradi”

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Sono rimasto molto stupito, a 360 gradi". Così il ct degli azzurri, Gian Piero Ventura, commenta il caso Barzagli e la polemica seguente alla vigilia di Olanda-Italia. "Il giocatore è venuto, ha disputato una partita importante e poi mi ha chiesto se poteva andare via in anticipo per problemi con la moglie - ha aggiunto Ventura -. Una cosa anomala ma abbiamo deciso di andargli incontro. Quello che è successo dopo non lo so. Ho visto la foto mi ha stupito, ma Andrea mi ha chiamato, ha chiarito. Altrimenti sarei rimasto deluso". Sorpresa, e un po' di rabbia, per le critiche ricevute da Sacchi sul gioco degli azzurri nella gara con l'Albania: "Ho provato delusione e curiosità dopo aver letto le critiche. Delusione perchè ho sempre apprezzato Arrigo, curiosità perchè mi sembra che abbia fatto un po' di confusione. Ho rivisto alcune partite dell'Italia a inizio di Usa '94: con l'Irlanda il primo tiro è arrivato al 70'. Altro era il gioco del Milan. A volte magari serve un un pizzico di riflessione in più".

Archivio Ultima ora